Acquisizione Pelikan del 1996

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Rispondi
Koten90
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1976
Iscritto il: domenica 11 aprile 2021, 13:25
La mia penna preferita: Una per ogni utilizzo
Il mio inchiostro preferito: Noodler’s Eel X-Cactus
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Busto Arsizio
Gender:
Contatta:

Acquisizione Pelikan del 1996

Messaggio da Koten90 »

Discutendo qualche giorno fa nella mirabile recensione di una M600 da parte di ACasirati, è emerso che Pelikan nel 1996 fu acquisita da una holding malese e che, qualche anno dopo, la stessa holding decise di chiudere stabilimenti Pelikan tedeschi per trasferire la produzione in oriente.
Oltre alla terribile ondata di licenziamenti, mi pare che il gruppo abbia mantenuto (in linea di massima) i principi produttivi e le linee storiche dei modelli Pelikan.
In questo caso, diversamente da quanto successo a Omas con LVMH più o meno nello stesso periodo, mi pare che il lavoro della holding sia stato “rispettoso” e buono, magari salvando un’azienda che altrimenti avrebbe finito per andare in malora.

È possibile che abbiano mantenuto buona parte dei direttori di reparto, design, ecc e lavorato solo sulla parte finanziaria introducendo nuove idee di marketing (1 edizione limitata ogni 6 mesi, per esempio) e revisionando direttamente costi e bilanci?

Magari hanno delocalizzato solo la produzione della cancelleria spiccia e le Souverän sono rimaste in Germania?

Che ne pensate?
Alessio Pariani

La bellezza ha il grande potere di guarire l’anima.
sansenri
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2552
Iscritto il: mercoledì 27 gennaio 2016, 0:43
Fp.it Vera: 032
Gender:

Acquisizione Pelikan del 1996

Messaggio da sansenri »

Avatar utente
maylota
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1860
Iscritto il: venerdì 28 febbraio 2020, 12:01
La mia penna preferita: Quelle che scrivono bene
Il mio inchiostro preferito: Waterman Florida Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: 45°28′01″N 09°11′24″E
Gender:

Acquisizione Pelikan del 1996

Messaggio da maylota »

Più o meno in quel periodo Pelikan ha smesso di fare i pennini e li ha iniziati a prendere dall'esterno. Quindi almeno una parte di esperienza e/o macchinari è andata persa. Anche perchè quando poi ha ricominciato a farseli direttamente (in tutto o in parte) erano oggettivamente molto diversi da prima, come si vede chiaramente paragonando una penna attuale con una di allora.

A Pelikan è andata meglio di Omas certamente, ma c'è anche da dire che Omas nel 1996 era probabilmente ben più bollita di Pelikan e forse la tanto vituperata gestione francese l'ha aiutata a non morire prima (e a lasciarci il colossale ed infinito magazzino di materiali che continua a saltar fuori ovunque: di soldi ne deve aver assorbiti veramente tanti)
Venceremos.
Avatar utente
french82
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 414
Iscritto il: lunedì 4 febbraio 2013, 22:26
La mia penna preferita: Pilot Capless F
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Civitanova Marche

Acquisizione Pelikan del 1996

Messaggio da french82 »

Koten90 ha scritto: lunedì 28 novembre 2022, 7:25 Discutendo qualche giorno fa nella mirabile recensione di una M600 da parte di ACasirati, è emerso che Pelikan nel 1996 fu acquisita da una holding malese e che, qualche anno dopo, la stessa holding decise di chiudere stabilimenti Pelikan tedeschi per trasferire la produzione in oriente.
Oltre alla terribile ondata di licenziamenti, mi pare che il gruppo abbia mantenuto (in linea di massima) i principi produttivi e le linee storiche dei modelli Pelikan.
In questo caso, diversamente da quanto successo a Omas con LVMH più o meno nello stesso periodo, mi pare che il lavoro della holding sia stato “rispettoso” e buono, magari salvando un’azienda che altrimenti avrebbe finito per andare in malora.

È possibile che abbiano mantenuto buona parte dei direttori di reparto, design, ecc e lavorato solo sulla parte finanziaria introducendo nuove idee di marketing (1 edizione limitata ogni 6 mesi, per esempio) e revisionando direttamente costi e bilanci?

Magari hanno delocalizzato solo la produzione della cancelleria spiccia e le Souverän sono rimaste in Germania?

Che ne pensate?
sì è stata una gestione più " rispettosa", sicuramente molto conservativa ma in fin dei conti le ha permesso di sopravvivere. In più hanno acquisito Il produttore di carte Herlitz che in germania vende bene. Il settore scolastico/ufficio fa da traino, le Souveran sono il biglietto da visita ma non mandano certo avanti la baracca :D
Rispondi

Torna a “Problematiche di settore”