Dollar Stationery Ink Black

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da sciumbasci » giovedì 14 novembre 2019, 11:21

Non è un segreto: sono un "dollarista".
La mia prima penna - dopo la Pilot V-Pen - è stata una Dollar 717i demo con accenti bordeaux.
Ne sono seguite tante, dopo quella. Dalle 717 Qalam alle SP-10, e devo dire che, nonostante il loro prezzo esiguo, mi hanno sempre soddisfatto. 

Mi sono sempre chiesto, però, come fossero i loro inchiostri.
In rete si trovano pochissime informazioni a riguardo, come se si trattasse di un prodotto scarso o che non merita attenzione: la Dollar fa la 717 e basta. Non è così, ed il mio spirito hipster ha avuto la meglio su di me un paio di settimane fa, complice anche l'essere rimasto ad un livello pericolosamente basso dell'unico inchiostro che mi accompagna da Marzo 2019: il Waterman Noire.

Partiamo dal Waterman: sono un uomo semplice, mi basta un buon inchiostro ed una penna affidabile, senza pretese.
Il Waterman è, a mio avviso, l'inchiostro paragone; tutti i parametri di misura di un inchiostro che non sia ferrogallico li confronto col Waterman ed è normale arrivare a due conclusioni: o è simile, e quindi va bene, oppure non gli assomiglia per niente e quindi non va bene.
Il Parker Quink, ad esempio, vecchia formulazione c.d. Grigio topo, era simile, ancorché molto "secco" e con minore resistenza all'acqua. Aveva però un grande pregio: si lavava via dalla penna che era un piacere.

L'Hero Carbon Black, invece, non mi piaceva affatto; troppo diverso da quello a cui sono abituato, il tratto si spandeva su carta da fotocopie, spiumava e sbavava anche da secco. E poi non era un bel nero profondo, ma un nero opaco.
Ne avevo tessuto le lodi troppo presto in un altro post, per poi tornare sui miei passi dopo averne utilizzato l'equivalente di un paio di cartucce Lamy.
Da allora cerco di esprimere un parare solo dopo averne fatto abbondante uso.

Tanto premesso, è ora di parlare del Dollar Black!
L'inchiostro si presenta nella sua piccola scatolina dalla grafica semplice: non riporta molte informazioni a parte la dicitura Made in Pakistan ed i soliti consigli come lavare la penna settimanalmente e non lasciare la penna senza cappuccio per troppo tempo.

Immagine

La boccetta, invece, è larga e bassa, di forma ovale e che non può  essere inclinata. Immagino sia studiata per essere lasciata sul banco di scuola. Nulla di eccitante, siamo lontani dalle forme utilitarie di Waterman o Sheaffer. Però è di plastica "infrangibile, a prova di perdita", recita la réclame sulla scatolina.

Immagine

Comunque, quel che importa ai fini della recensione è il contenuto della boccetta. L'inchiostro di per sé, appena aperto, ti avvampa con un odore molto forte, non sono sicuro di essere in grado di descriverlo a dovere. Forse è fenolo, forse no.
Al mio naso sa di intruglio chimico.
La superficie del liquido si presenta "schiumosa", con numerose bollicine che ne ricoprono la superficie.

Immagine

Caricato sia nella Dollar Qalam demo che nella Hero 616 Doctor e lasciato riposare un giorno non lascia aloni né si aggrappa alle pareti del sacchetto o del fusto. 
Un buon segno.
Ma su carta da quattro lire, come si comporta?

Immagine

Immagine

Scriverci è un piacere, se non si presta attenzione al tanfo - in senso positivo, dopo un po' ti ci abitui e diventa pure un odore dolciastro del tutto gradevole - che promana dallo scritto: la penna fila via che è un piacere, forse anche troppo per i miei gusti, anche quelle notoriamente meno scorrevoli come le penne utilizzate per la prova.
L'effetto WOW è assicurato, non sono andati certo al risparmio sui surfattanti, il Waterman in confronto sembra acqua. 

Il colore, nero, per molti non è niente di che. Per me che sono pignolo di inchiostro nero, è esattamente quello che mi aspettavo, un bel nero profondo e brillante, degno sostituto del Waterman o del Pelikan 4001.

Ombreggiature zero. È tutto nero.

Trapassa la carta? Accidenti se lo fa... Ho provato a far cadere una goccia di inchiostro sul foglio e potete vedere da voi il risultato.

Ho fatto lo stesso con il Waterman, così tanto per. Non si vede molto bene, ma il primo non si separa nelle componenti base, mentre il secondo si vede che è formato da una forte componente arancione.

Resiste all'acqua?
E vista la vocazione fortemente scolastica, passerà la prova evidenziatore?
L'umile Dollar non delude, la prova di resistenza è stata fatta imbevendon un cotton fioc nell'acqua e passandolo sopra allo scritto: sbava appena, mentre non fa una piega sotto i colpi dell'evidenziatore!

Un inchiostro ingiustamente snobbato dai più, ma che merita il suo posto al sole. Le virtù che dimostra, almeno inizialmente, sono rimarchevoli. Due settimane però non sono abbastanza per valutare un inchiostro come si deve, se intoppa o non intoppa, se ha una shelf-life accettabile o diventa una porcheria impolmonita come le vernici dopo poco tempo.

Per me ha tutte le caratteristiche in regola per prendere il posto del Waterman, anche se non sono ancora riuscito a vederne il comportamento nel lungo periodo. La Dollar produce anche il blu (lavabile), rosso e verde (lavabile) che non mancherò di provare in futuro. 

Avatar utente
StePen
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 320
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da StePen » giovedì 14 novembre 2019, 12:10

Grazie per l'accorata disamina, con tanto di prova scritta.
:clap:

Avatar utente
donangelito
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 178
Iscritto il: sabato 19 settembre 2015, 21:01
La mia penna preferita: TWSBI Eco
Il mio inchiostro preferito: Sailor Kiwa Guro
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 108
Fp.it Vera: 019
Località: San Luis Potosí (México)
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da donangelito » giovedì 14 novembre 2019, 19:04

Grazie mille per la bella recensione!

Avatar utente
Gargaros
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 419
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da Gargaros » sabato 16 novembre 2019, 20:22

Buona recenzion, anche se non mi torna chiaro quel flusso/lubrificazione, che dividi in due e credevo indicassero una cosa sola (cioè che la fluidità, intesa come acquosità, fosse di per sé indice di lubrificazione).

A proposito, il cottonfioc era solo inumidito o proprio zuppo?

Ho un paio di Dollar nel carrello su Ebay, potrei prenderle anche oggi, ma ho tema del tratto, che mi dicono sia troppo largo per i miei gusti. Comunque visti i prezzi senza dubbio prima o poi le prenderò, se non altro per allargare le mie conoscenze. E poi chissà, magari scopro che mi piacciono...

Avatar utente
lucawm
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 385
Iscritto il: sabato 17 marzo 2018, 19:49
La mia penna preferita: Waterman "Ideal" No.3
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bari
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da lucawm » sabato 16 novembre 2019, 20:31

L'inchiostro mi ha incuriosito...chissà
Che pennino ha la 717? Bel tratto!

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da sciumbasci » domenica 17 novembre 2019, 8:15

Gargaros ha scritto:
sabato 16 novembre 2019, 20:22
Buona recenzion, anche se non mi torna chiaro quel flusso/lubrificazione, che dividi in due e credevo indicassero una cosa sola (cioè che la fluidità, intesa come acquosità, fosse di per sé indice di lubrificazione).

A proposito, il cottonfioc era solo inumidito o proprio zuppo?
Con flusso intendo la fluidità, cioè quanto scorre bene l'inchiostro. Con lubrificazione intendo, invece, quanto fa scorrere bene il pennino sulla carta. Così, si possono avere inchiostri che lubrificano poco ma hanno buona fluidità, come il Rohrer & Klingner Scabiosa, e altri che hanno buona lubrificazione ma poca fluidità, come il Pelikan 4001.

Il cotton fioc l'ho messo sotto il getto dell'acqua del rubinetto e poi passato sul foglio.

Le Dollar io le prenderei: male che va se vedi che non fanno per te hai investito una cifra minima.
lucawm ha scritto:
sabato 16 novembre 2019, 20:31
L'inchiostro mi ha incuriosito...chissà
Che pennino ha la 717? Bel tratto!
Pennino Qalam... Obliquo sinistro. Penso che per quell'effetto, che i mancini come me ottengono se scrivono di fianco (sidewriter), i destri possono replicare usando un pennino Architetto.

Avatar utente
fab66
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1857
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2012, 19:27
La mia penna preferita: Doric che non ho regalato a 8
Il mio inchiostro preferito: pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cecina
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da fab66 » domenica 17 novembre 2019, 9:49

Grazie per le info...ho approfittato di un buono sconto su ebay e ne ho presi due (nero e blu) venditore della perfida Albione ma chissà da dove arriveranno :mrgreen:
Fabrizio

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da sciumbasci » domenica 17 novembre 2019, 13:02

fab66 ha scritto:
domenica 17 novembre 2019, 9:49
Grazie per le info...ho approfittato di un buono sconto su ebay e ne ho presi due (nero e blu) venditore della perfida Albione ma chissà da dove arriveranno :mrgreen:
Sarà lo stesso dal quale ho comprato io.
Incidentalmente, ho usato lo sconto anche io!!
Facci una recensione sul blu visto che ti arriva a breve :thumbup:

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da sciumbasci » sabato 7 dicembre 2019, 13:55

A distanza di più di due settimane posso dare un giudizio definitivo sull'inchiostro:

Non macchia e si lava via facilmente per essere un inchiostro resistente all'acqua.


È schizzinoso nei confronti delle carte più povere: non combina bene con l'agenda della Moleskine.

Rapporto qualità prezzo eccelso, ma il Waterman la spunta nonostante qualsivoglia mancanza di resistenza all'acqua, perché non trapassa la carta tipo Moleskine.

maicol69
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 164
Iscritto il: lunedì 17 febbraio 2014, 15:31
La mia penna preferita: PELIKAN 800
Il mio inchiostro preferito: pilot iroshizuku KON PEKI
Misura preferita del pennino: Medio
Località: BOLOGNA
Sesso:

Dollar Stationery Ink Black

Messaggio da maicol69 » mercoledì 11 dicembre 2019, 0:57

Bellissima e dettagliata recensione, che mi ha molto incuriosito
Puoi mandarmi gentilmente in Pm il link del sito dove compri di solito inchiostro e penne?
Grazie mille !!!
:wave:

Rispondi

Torna a “Recensioni Inchiostri”