Mabie Todd Swan No.2 "Safety Screw Cap" (due modelli)

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
lucawm
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 381
Iscritto il: sabato 17 marzo 2018, 19:49
La mia penna preferita: Waterman "Ideal" No.3
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bari
Sesso:

Mabie Todd Swan No.2 "Safety Screw Cap" (due modelli)

Messaggio da lucawm » giovedì 23 gennaio 2020, 19:16

Quelli che voglio mostrare oggi sono due modelli di MT Swan che hanno molte caratteristiche comuni. Due simpatiche pennette (è il caso di dirlo) gradevoli per molteplici caratteristiche.
Entrambe fanno capo al comune modello denominato "Safety Screw Cap" nella altrettanto ricorrente misura No.2 dei pennini, ma come si può leggere bene qui sul Wiki, a discapito del nome, di Safety non hanno quasi nulla.
Il modello è stato introdotto negli anni '10 come penna "Eyedropper" ma non rientrante e prodotto per lungo tempo fino all'entrata in commercio dei modelli con caricamento a leva laterale (Self-filler e Self-filling pen).
IMG_1587B.jpg
La prima che descrivo è questa in ebanite nera cesellata (BCHR) acquistata dal gentilissimo Sanpei.
Cesellatura e incisioni sono in discrete condizioni ma perfettamente leggibili.
Simpatico il cigno inciso e dipinto di bianco sulla sommità del cappuccio.
Made in England, ma come per molte penne Mabie Todd è equipaggiata con un pennino in oro 14Ct N.Y. No.2 di produzione americana molto flessibile, tratto di partenza extrafine ma estremamente scorrevole, complice il flusso abbondante che una qualsiasi vintage eyedropper può avere. Tuttavia ho buona ragione di credere che il pennino originale sia stato sostituito perchè sul fondello (difficilmente fotografabile) si riesce a leggere bene la scritta "M. BRD", che secondo le pubblicità dell'epoca corrispondeva ovviamente alla gradazione medio-broad che la Mabie Todd produceva. In questo momento è a riposo nella rotazione ma è stata carica fino alla fine delle festività natalizie e l'ho adoperata per scrivere alcuni biglietti di auguri.
fusto ebanite.jpg
no2 ebanite.JPG
cigno ebanite.JPG
scritte ebanite.jpg
pennino e alimentatore ebanite.jpg
Misure:
11,2cm da chiusa
8,6cm aperta no cappuccio
12,7cm aperta cappuccio calzato
5,6cm solo cappuccio
0,7cm diametro impugnatura
0,9cm diametro fusto
1,2cm diametro cappuccio

La seconda penna è sostanzialmente la gemella della prima descritta sopra, ma è interamente di produzione americana e porta scritto un bel Mabie Todd & Co. NEW YORK - Made in U.S.A sul fondello.
Si mostra con un rivestimento spoglio ma comunque elegante nella sua semplicità "gold filled" 9Ct ancora intatto e solo impercettibilmente graffiato in coda dove si calza il cappuccio (purtroppo si è obbligati a farlo, la penna è troppo corta).
Monta un pennino oro 14Ct N.Y. No.2 con grado di morbidezza tra il flessibile e semi flessibile con i rebbi tagliati in maniera asimmetrica*. Tratto di partenza fine scorrevole il giusto ma non burroso con un piacevole tratto molto, ma molto lontanamente leggerissimamente stub.
Mi sto trovando particolarmente bene con questa stilo e sono già alcune settimane che la adopero come penna principale a lezione in università. Sarà che il pennino è piacevole con il suo giusto feedback ed il peso aggiunto dal rivestimento, ne sono pienamente soddisfatto.
fusto gold.JPG
aperta gold.JPG
pennino e alimentatore gold.jpg
prova scrittura.jpg
Misure:
11,2cm da chiusa
8,2cm aperta no cappuccio
12,7cm aperta cappuccio calzato
5,4cm solo cappuccio
0,7cm diametro impugnatura
0,9cm diametro fusto
1,05cm diametro cappuccio

Pur essendo delle penne a contagocce devo dire che gli alimentatori, seppur primitivi, sono particolarmente affidabili e regolari nel loro funzionamento. I fusti di entrambe possono contenere poco meno di 3 ml di inchiostro e anche fine carica nessuna delle due ha gocciolato, dimostrando che la compensazione dell'aria è più che sufficiente; ciò mi ha reso ancor più tranquillo nel portarmele in giro per farne un uso normale. Sicuri, a prova di perdita sono anche i cappucci che possono contenere tutti gli eventuali "rigurgiti" all'interno dei robusti controcappucci ottimamente progettati dalla MT.

*per esperienza (di acquisto :lol: ) i pennini asimmetrici sono quasi sempre meno flessibili di quelli propriamente realizzati. Tendenzialmente sono dei semi flessibili o flessibili (medium flex), quasi mai full flex o più. Se qualcuno ne sa di più, che aggiunga il suo parere. :thumbup:

Saluti
Luca

Rispondi