Timori e speranze: la Summit H. 55

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1368
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da A Casirati »

SDC17257.JPG
Anni Trenta: viene prodotta la prima pellicola in “Technicolor”. Negli Stati Uniti la “grande depressione” fa sentire nel modo più pesante i suoi effetti. In Italia viene fondato l’IRI, Istituto per la Ricostruzione Industriale, per la tutela ed il salvataggio delle imprese italiane. Carl Anderson scopre il primo positrone.
Carl Anderson
Carl Anderson
anderson_carl.jpg (23.63 KiB) Visto 704 volte
E.H. Armstrong brevetta il sistema di trasmissione radio a modulazione di frequenza. In Giappone viene fondata la Nissan. Aldo Palazzeschi pubblica il suo romanzo più famoso: “Sorelle Materassi”.
a1.jpg
Sul fatto che, almeno nel Regno Unito, fino a tutti gli anni Trenta vigesse la regola non scritta secondo la quale un uomo affidabile, soprattutto negli affari, avrebbe senza dubbio scelto una penna nera, vi possono essere pochi dubbi.
Lo testimonia anche il numero di stilografiche d’epoca di quel periodo, e di colore nero, attualmente disponibili, generalmente in numero superiore a quello delle concorrenti colorate. Nel caso di Summit, un catalogo della prima parte degli anni Trenta dimostra che ad alcuni modelli di stilografiche nere vennero addirittura riservati alcuni numeri specifici, come ad esempio H. 55, che vi presento oggi, H. 65, H. 75, H. 85 ed H. 100, anche se successivamente questi ultimi quattro modelli, forse con l’eccezione dell’ H. 85, vennero proposti anche in celluloide colorata.
SDC17259.JPG
La H. 55 venne commercializzata con due prezzi differenti: 5 scellini per la versione base, 5 scellini e 6 pence per la versione con clip. Le finiture di entrambe le varianti erano al nickel.
Dotata d'un pennino d’oro a 14 carati, spesso con la classica stampigliatura “warranted” circolare tipica della prima produzione Lang, questa stilografica era destinata ad un pubblico di fascia media, usualmente composto da impiegati, insegnanti e piccoli imprenditori.
Corpo e cappuccio erano in celluloide “unbreakable”, introdotta nel 1930, mentre corona del cappuccio ed estremità del fondello erano in ebanite, così come l’alimentatore e la sezione.
SDC17262.JPG
La prima versione della H. 55 era dotata di leva “Princess”, con estremità a disco recante la scritta “Curzons” in tipico carattere art deco. L’elegante cesellatura “barleycorn” conferiva maggior dignità estetica a cappuccio e corpo, con il tocco addizionale, usualmente molto apprezzato all’epoca, d'un riquadro liscio sul corpo, disponibile per l’incisione delle proprie iniziali od una dedica.
Molto confortevole la sezione, grazie all’ottima svasatura ed alla lunghezza, in grado d’assecondare le preferenze del proprietario. La lunghezza del corpo consentiva una scrittura comoda anche senza calzare il cappuccio, operazione che, in presenza della clip, tendeva a sbilanciare un po’ la penna verso il retro.
Il corpo riporta l’iscrizione incisa tipica dei modelli Summit della prima parte degli anni Trenta; disposta su tre livelli, recitava: “Summit – London unbreakable Liverpool – Curzons Ltd”. Il numero del modello è inciso sul fondello.
Il cappuccio, dotato di quattro fori d’aereazione in posizione simmetrica, si chiude in un giro completo.
SDC17264.JPG
SDC17267.JPG
Ma ecco le caratteristiche principali:
• Lunghezza chiusa: 133 mm
• Lunghezza aperta: 124 mm
• Lunghezza aperta con il cappuccio calzato: 173 mm
• Lunghezza della sezione: 16 mm
• Lunghezza del cappuccio: 58 mm
• Dimensioni complete del pennino: 6,2 x 21,7 mm
• Dimensioni dell’alimentatore: 4,5 x 40,5 mm
• Diametro del corpo: 11,2 mm
• Diametro del cappuccio: 13 mm
• Diametro medio della sezione: 8,5 mm
• Peso (scarica): 15 gr
SDC17260.JPG
La scrittura è piacevole e pronta, senza difetti di sorta, con un flusso generoso ma controllato. Il molleggio gradevole del pennino la rende una bella esperienza, che invita a proseguire nell’uso.
SDC17256.JPG
Quando questa stilografica fu prodotta il mondo si trovava ancora sull’orlo di una guerra: alle speranze di riuscire a scongiurarla mediante l’azione diplomatica si aggiungeva la consapevolezza, almeno da parte dei più avveduti, del fatto che la Germania nazista non si sarebbe fermata; erano tempi aperti alla speranza di un progresso tecnico e sociale galoppante, ma sui quali pendeva la spada di Damocle bellica. Di tutto questo è testimone silenziosa questa H. 55: semplice ed elegante, forte e seria; una buona compagna anche per i nostri tempi.
Ultima modifica di A Casirati il domenica 10 marzo 2019, 21:49, modificato 1 volta in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 13029
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da maxpop 55 »

Grande Alberto, bella ed appassionante recinsione per una bella penna. :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11880
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da piccardi »

Ciao Alberto,

un ennesimo scontato ringraziamento per l'ennesima bellissima (e per niente scontata) recensione, e grazie anche per averci mostrato un'altra bella penna della Curzons/Lang/Summit, le cui foto, come sempre, andranno ad arricchire il wiki.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1368
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da A Casirati »

Grazie ad entrambi, siete molto gentili.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

diegok54
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 109
Iscritto il: sabato 16 giugno 2018, 15:22
La mia penna preferita: Pelikan M205
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 blu-nero
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Segrate (MI)
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da diegok54 »

Quando vedo un post a firma A. Casirati, lo leggo subito e mai sono stato deluso.
Dico solo questo :clap:
Diego

Avatar utente
edo68
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 237
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da edo68 »

Grazie Alberto,
una gran bella penna, accompagnata come al solito da una recensione molto interessante.

Buona serata

Edo

Avatar utente
Stormwolfie
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1022
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da Stormwolfie »

Bellissima ed in linea perfetta con tutte le immagini...Complimenti!
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1368
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da A Casirati »

Grazie anche a voi, per le parole gentili d'apprezzamento.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Giotto
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 461
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Diventeranno tante
Il mio inchiostro preferito: Nero, blu, verde, marrone
Fp.it Vera: 103
Località: Provincia di Varese
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da Giotto »

Questa me l'ero persa!
Una curiosità: cosa conteneva, in origine, la scatolina recante la scritta "Herold"?

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1368
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Timori e speranze: la Summit H. 55

Messaggio da A Casirati »

Conteneva puntine da grammofono. E ci sono ancora, quasi tutte.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Rispondi

Torna a “Recensioni”