Visconti Van Gogh - prima serie

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze

Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Rogozin »

Immagine

In questi giorni, quando possibile, sto stress-testando la Homo Sapiens (bronze) di recentissima acquisizione. Nel frattempo vedo di buttare giù due righe su una penna che ormai mi accompagna da un bel po' di tempo e sulla quale credo di poter dire qualche parola che sia plausibile: la Van Gogh di Visconti, la prima linea di produzione che credo risalga al 1999.

Qualche considerazione preliminare.
Come sapete, nel tempo si sono avvicendate varie versioni e credo che questo evolversi abbia rispecchiato una diversa scelta di collocazione all'interno del mercato.
Attualmente la Van Gogh è la penna, insieme alla Rembrandt, entry level di Visconti: bei colori e sicuro impatto visivo ne fanno un ottimo articolo da regalo (a sottolineare questo, la particolarissima confezione) riuscendo a rimanere contenuti nei costi grazie al pennino in acciaio e ai materiali.
Le prime Van Gogh credo avessero un'altro tipo di collocazione: dimensioni generose, pennino in oro e resina, a quanto mi sembra di aver percepito, più pregiata (ma è soggettivo, immagino).

La colonna sonora-visiva per questa recensione: Vincent, di Don McLean (che non smette mai di commuovermi), dedicata a Van Gogh. Da sentire assolutamente :)


http://www.youtube.com/watch?v=dipFMJckZOM
Detto questo, parliamo della penna in oggetto.

Immagine

La mia è definita "vaniglia" per la colorazione lattiginosa dalle sfumature che vanno dal bianco al marroncino chiaro passando per il rosa. In alcuni tratti la penna è addirittura trasparente. Dal punto di vista estetico insomma, nulla da eccepire.
Le dimensioni, come dicevo, sono estremamente generose. La MB 149 è più lunga forse di un paio di mm mentre dovrebbe avere la stessa lunghezza di una Homo Sapiens.

Immagine

Al tatto risulta gradevolmente liscia, sembra di (complici le trasparenze e la consistenza della resina utilizzata) star maneggiando una penna di vetro.
Il peso, non indifferente, è ben distribuito e la penna non risulta sbilanciata (nemmeno scrivendo col cappuccio attaccato, cosa che tra l'altro non faccio mai).

Sulla "meccanica" della penna. Il sistema di caricamento è un converter come da immagine:

Immagine

Non so come ci sarebbe stato un pistone, forse avrebbe interrotto il pattern dei motivi.

Il sistema di chiusura è particolare, forse lo stadio embrionale di quello che poi si è evoluto nel sistema "a baionetta". In pratica nel cappuccio (e corrispondentemente sulla penna) ci sono tre "tacche", cosicchè per chiudere occorre infilare la penna e ruotare di pochi gradi in senso orario in modo da far scattare queste tacche e assicurare la penna per evitare distacchi accidentali. Particolare, non so quanto sia più sicuro di un normale sistema ad avvitamento.
Dall'immagine si può notare (non molto bene) la circonferenza che, in prossimità del sistema di chiusura, si "sagoma" a formare quelle tacche:

Immagine

Molto più complicato a spiegarsi che a farsi, mi rendo conto di essermi spiegato come un licaone potrebbe spiegare i numeri primi.

Degno di menzione anche il tappo, molto grande ma soprattutto con un particolarissimo sistema di clip.

Immagine

Ruotando in una direzione o nell'altra la vitina che si vede, la clip (che in questa penna è quella vecchia, prima del "ponte Visconti") si allenta/irrigidisce a seconda della bisogna, in modo da adattarsi ad ogni tipo di tessuto o tasca. Ho trovato l'idea geniale, la realizzazione forse un po' scomoda. Non sempre si ha a disposizione un aggeggino qualsiasi per ruotare tale vitina e con le unghie non mi è mai riuscito. Più che altro mi sarebbe dispiaciuto "spanare" o graffiare il sistema. Tale meccanismo è stato poi abbandonato in funzione di un sistema che prevede ora molti meno pezzi (addirittura mi pare uno solo contro i cinque di cui era fatto il precedente).

Il pennino è in oro, come dicevo sopra, 14k, bicolore con una bella fantasia simil-floreale. L'esemplare che possiedo ha il pennino fine.

Immagine

Immagine

Sulla scrittura, come di prassi, rimando al commento vergato su carta:

Immagine

In definitiva è un'ottima penna, la si può trovare usata a poco o new old stock a un prezzo comunque inferiore alle attuali Van Gogh, penne che condividono probabilmente solo il nome ma che ho provato per troppo poco tempo per potermici esprimere compiutamente. La ricomprerei? Sicuramente si.

Starry, starry night.
Paint your palette blue and grey,
Look out on a summer's day,
With eyes that know the darkness in my soul.
Shadows on the hills,
Sketch the trees and the daffodils,
Catch the breeze and the winter chills,
In colors on the snowy linen land...

Immagine


Andrea

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Rogozin »

Ho cercato di incorporare il filmato che ho linkato, con risultati imbarazzanti. Se qualcuno che riesce può modificare, mi farebbe un favore :)

nicolino
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 322
Iscritto il: mercoledì 24 novembre 2010, 15:36

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da nicolino »

bellissimo il brano musicale, veramente. Complimenti per la presentazione della penna.
cordiali saluti
Stefano

nicola
Levetta
Levetta
Messaggi: 606
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 12:06
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 117
Arte Italiana FP.IT M: 065
Fp.it ℵ: 077
Fp.it 霊気: 031
Località: Imperia
Sesso:

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da nicola »

Bella recensione e bella penna.
Complimenti.

Senza dubbio la Van Gogh di oggi trova una diversa collocazione nel mercato.
C'è da dire che mi è piaciuta molto l'idea, messa in atto con la nuova serie della Van Gogh, di abbinare una colorazione della penna ad un quadro e di venderla ad un prezzo accessibile a molti, trovo che questo abbia contribuito moltissimo a trasformarla ancora di più di quanto non fosse in un oggetto da collezionisti.

Tornando alla tua penna, decisamente bella, elegante e quanto pare anche ben funzionante. ;)


Saluti
Nicola

Avatar utente
Daniele
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 2217
Iscritto il: giovedì 18 agosto 2011, 9:47
La mia penna preferita: Quelle del Forum!
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 000
Arte Italiana FP.IT M: 000
Fp.it ℵ: 000
Fp.it 霊気: 000
Fp.it Vera: 000
Località: Roma
Sesso:

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Daniele »

Rogozin ha scritto:Ho cercato di incorporare il filmato che ho linkato, con risultati imbarazzanti. Se qualcuno che riesce può modificare, mi farebbe un favore :)
Non preoccuparti Andrea. Era un problema di codice HTML del forum.
Ora è sistemato e dovrebbe essere più semplice per tutti integrare i video di youtube, basta scrivere SOLO il codice del video tra i tag youtube.
Daniele

Memento Audere Semper
(Gabriele D'Annunzio)

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4773
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da vikingo60 »

Complimenti per la bellissima recensione,molto chiara e dettagliata.
Mi viene da pensare che le Visconti di quel periodo andassero molto bene,senza problemi particolari.Notevole,anche se un pò laboriosa,l'idea della clip regolabile.In effetti con le clip di oggi,su molti modelli di penne,si rischia di rovinare gli abiti se la clip stringe troppo (quando non salta la clip stessa!),o di perdere la penna,se la clip "prende" poco.
Cordiali saluti
Alessandro

fusco23
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 47
Iscritto il: sabato 30 luglio 2011, 20:10
La mia penna preferita: VIsconti ragtime 1° edizione
Il mio inchiostro preferito: Dupont Bleu royal
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 013
Fp.it ℵ: 036
Fp.it 霊気: 121
Fp.it Vera: 023
Località: Ravenna
Sesso:

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da fusco23 »

Complimenti Andrea, per l'ennesima recensione ben fatta.Strano che una Visconti scriva.............senza nessun problema...

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Rogozin »

nicolino ha scritto:bellissimo il brano musicale, veramente. Complimenti per la presentazione della penna.
cordiali saluti
Grazie Dany della modifica.Secondo me la canzone centra parecchio lo spirito tormentato di Van Gogh. Non per niente l'autore di quel video è egli stesso affetto da non so quale psicopatologia e insegna arte presso un istituto per persone psicologicamente instabili, nelle varie declinazioni.
Senza dubbio la Van Gogh di oggi trova una diversa collocazione nel mercato.
C'è da dire che mi è piaciuta molto l'idea, messa in atto con la nuova serie della Van Gogh, di abbinare una colorazione della penna ad un quadro e di venderla ad un prezzo accessibile a molti, trovo che questo abbia contribuito moltissimo a trasformarla ancora di più di quanto non fosse in un oggetto da collezionisti.
Si, infatti secondo me la nuova collezione Van Gogh assume un valore particolare nel momento in cui si possiedono tutte (bella l'idea di far uscire il cofanetto intero subito, e i singoli pezzi dilazionati nel tempo, a sottolinearne proprio il valore peculiare della penna a metà strada fra strumento da scrittura e oggetto da esposizione). Poi l'acciaio non è che faccia schifo eh, anzi con quello si va sempre sul sicuro. Ovvio, è meno pregiato.
Insomma, prodotti diversi (anche semplicemente a tenerli in mano... la nuova VG è estremamente leggera, troppo per le mie preferenze).
Complimenti per la bellissima recensione,molto chiara e dettagliata.
Mi viene da pensare che le Visconti di quel periodo andassero molto bene,senza problemi particolari.Notevole,anche se un pò laboriosa,l'idea della clip regolabile.In effetti con le clip di oggi,su molti modelli di penne,si rischia di rovinare gli abiti se la clip stringe troppo (quando non salta la clip stessa!),o di perdere la penna,se la clip "prende" poco.
Cordiali saluti
Grazie Alessandro. In effetti sulla carta l'idea della clip è molto "ganza", si scontra però con la non immediatezza di utilizzo (o meglio, per essere immediata lo sarebbe pure, solo che alla fine risulta scomoda, perlomeno a me). In effetti la Montegrappa extra è un'autentica rovina tasche (poco aiuta la ruzzolina, la clip è dura da morire) mentre clip più "mollacchione" tendono a perdere elasticità. Il tentativo con la VG di allora era proprio quello di lasciare all'utente finale il tipo di elasticità che preferiva.
Oggi stesso, in serata vado a ritirare due camicie fatte fare su misura apposta con tasca anteriore "a prova di clip aggressiva" :)
Complimenti Andrea, per l'ennesima recensione ben fatta.Strano che una Visconti scriva.............senza nessun problema...
Grazie.
Hehe fusco, per ora devo essere stato fortunato, complice magari il fatto che la maggior parte delle Visconti che ho le ho comprate da collezionisti che le hanno tenute bene/sistemate prima di me. Di nuove ne ho prese poche, ma finora in tutta onestà non posso lamentarmi :) Che dire, mi auguro di non dovermi ricredere.

Avatar utente
FilippoP
Levetta
Levetta
Messaggi: 750
Iscritto il: domenica 20 febbraio 2011, 18:31
La mia penna preferita: Omas Lucens
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Black
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 049
Località: Bologna
Sesso:

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da FilippoP »

Grazie dell'interessante recensione!
Filippo
Filippo

Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Simone »

Grazie della recensione, oramai il tuo stile è un topos del forum!

Vorrei chiederti un favore: se possiedi una Visconti rembrandt, ne fasti una recensione? So benissimo che c'è già quella di Vikingo, ma è proprio questo che mi interessa: avere due pareri della stessa penna.

Grazie!
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Rogozin »

Ciao :) Grazie della fiducia, purtroppo tocchi un tasto dolente: avevo una Rembrandt blu, regalata un paio d'anni fa da un'ex. L'ho persa. Come l'ex. Riguardo quest'ultima nessun danno, la penna invece un po' mi manca. Che devo farci, sono un inguaribile romanticone.

cassullo

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da cassullo »

fusco23 ha scritto:Complimenti Andrea, per l'ennesima recensione ben fatta.Strano che una Visconti scriva.............senza nessun problema...
Che splendido sarcasmo......... :mrgreen:
Di sicuro io non le compro più !

Avatar utente
Alexander
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2605
Iscritto il: sabato 19 novembre 2011, 12:24
La mia penna preferita: Sailor 1911 Standard Black HT
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Catania

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Alexander »

Rogozin ha scritto:Ciao :) Grazie della fiducia, purtroppo tocchi un tasto dolente: avevo una Rembrandt blu, regalata un paio d'anni fa da un'ex. L'ho persa. Come l'ex. Riguardo quest'ultima nessun danno, la penna invece un po' mi manca. Che devo farci, sono un inguaribile romanticone.
Ahahaha troppo forte!! Complimentoni per la recensione e per la penna!!
"Ho dei gusti semplicissimi: mi accontento sempre del meglio"
O. Wilde

Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Simone »

Rogozin ha scritto:Ciao :) Grazie della fiducia, purtroppo tocchi un tasto dolente: avevo una Rembrandt blu, regalata un paio d'anni fa da un'ex. L'ho persa. Come l'ex. Riguardo quest'ultima nessun danno, la penna invece un po' mi manca. Che devo farci, sono un inguaribile romanticone.

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

Mi ero anche scordato che l'avevi persa, però avevo anche pensato l'avessi ricomprata.
Una curiosità: la VG per te è realmente usabile in qualsiasi situazione? Nel senso di ogni giorno? Oppure Sto arrivando! Di prestigioso e delicato o intimorisce o ...o....o... Penso che ci siamo capiti :D
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Simone
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1362
Iscritto il: sabato 28 gennaio 2012, 13:46
La mia penna preferita: Pelikan M200 (per ora...;))
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Poussiere de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna

Re: Visconti Van Gogh - prima serie

Messaggio da Simone »

cassullo ha scritto:
fusco23 ha scritto:Complimenti Andrea, per l'ennesima recensione ben fatta.Strano che una Visconti scriva.............senza nessun problema...
Che splendido sarcasmo......... :mrgreen:
Di sicuro io non le compro più !
Mi dispiace che una casa produttrice vi abbia deluso così tanto! Penso che dovreste inviare la penna in assistenza, se ha dato dei problemi: è come se io avessi disprezzato la mia M200 e la Pelikan solo perché mi è arrivata con il pennino F con i rebbi disallineati! Mi è bastata la sostituzione dA parte del rivenditore del pennino con un M, per mia scelta, e adesso è LA penna, quella definitiva, per tutti i giorni, da battaglia/rappresentanza!
Che tu sei qui,
che la vita esiste e l’identità,
Che il potente spettacolo continui,
e che tu puoi contribuire con un verso.

W.W.

Rispondi

Torna a “Recensioni”