The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1265
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da A Casirati » domenica 28 febbraio 2016, 10:16

The Unique Pen - 1930s.jpg
The "Unique" Pen, 1930
The Unique Pen Co. Ltd. fu uno dei tanti produttori britannici di stilografiche che conobbero il loro momento migliore fra gli anni Venti e Trenta del secolo XX.
Le notizie storiche che sono riuscito a reperire sono molto scarse; sarò perciò grato ai forumisti che potranno eventualmente confermarle o arricchirle.
Sembra probabile che questa azienda si sia inserita nel mercato commercializzando penne fabbricate da terzi, ma che molto presto, dalla sede londinese nello Strand, abbia lanciato una propria linea, arrivando a presentare, alla British Empire Exhibition del 1924, ben 60 modelli diversi di stilografiche di buona qualità in ebanite, a prezzi volutamente bassi.
Strand 1930.jpg
Lo Strand negli anni '30
Negli anni Trenta la produzione si spostò gradualmente su modelli in celluloide, anche molto colorati, e vennero introdotti i pennini in acciaio.
Gli impianti produttivi erano situati nello storico borgo di Merton, nella capitale del Regno Unito.
Merton.jpg
Il crest del borgo storico di Merton
Merton.jpg (12.15 KiB) Visto 1712 volte
Nel 1933 la sede di rappresentanza fu trasferita al 34 di Maiden Lane, sempre a Londra, nella City of Westminster. Oggi lo stesso edificio ospita uno dei migliori ristoranti della capitale.
34 Maiden Lane, London, Rules restaurant.jpg
Il "Rules", uno dei migliori ristoranti di Londra, al 34 di Maiden Lane
34 Maiden Lane, London, Rules restaurant.jpg (147.62 KiB) Visto 1712 volte
The Unique Pen Co. Ltd. produsse anche per la concorrenza: fra i suoi clienti si annoverarono nomi come Eversharp e Kingswood, a conferma della buona qualità della produzione.
L’attività continuò con successo fino alla seconda guerra mondiale, quando per esigenze belliche il catalogo fu ristretto a cinque soli modelli. L’impresa chiuse i battenti nel 1958.
The Unique Pen - closed.jpg
Ho acquistato la penna che vedete attirato dalla curiosità per il marchio, senza dubbio poco conosciuto, non solo in Italia ma anche all’estero. Amo particolarmente le stilografiche britanniche degli anni ‘30, soprattutto se nere, perciò la penna mi è piaciuta a prima vista, anche grazie alla sua bella clip in perfetto stile art deco, molto rappresentativa del periodo storico nel corso del quale la stilografica fu commercializzata.
Cappuccio e fusto sembrano in celluloide, mentre la sezione e l’alimentatore sono in ebanite.
Il cappuccio si chiude in tre quarti di giro.
Come sempre faccio con le penne d’epoca, ho preferito solo un risanamento conservativo, per mantenere intatti immagine storica e fascino, a mio parere indissolubilmente legati al suo vissuto.
Secondo le scelte produttive tipiche di quegli anni, tendenti a rendere più pratico e confortevole l’uso della penna (che spesso veniva infilata nel taschino), questa stilografica non è grande quando chiusa, ma si allunga notevolmente con il cappuccio calzato, mantenendo un’ottima bilanciatura.
The Unique Pen - open.jpg
Ecco le caratteristiche principali:
- Peso complessivo: 14 gr
- Lunghezza chiusa: 121 mm
- Lunghezza con il cappuccio calzato: 150 mm
- Lunghezza aperta:110 mm
- Lunghezza del cappuccio: 54 mm
- Lunghezza della parte esposta del pennino: 17 mm
- Lunghezza della sezione: 14 mm
- Diametro del fusto: 11 mm
- Diametro medio della sezione: 9 mm
- Diametro del cappuccio: 13 mm

Si tratta, lo si capisce al volo, di un prodotto di qualità. Confortevole nella scrittura e piacevole al tatto, può agevolmente diventare un’ottima compagna giornaliera, anche in ufficio. Il pratico sistema di caricamento a levetta laterale garantisce un uso protratto nel tempo senza particolari fastidi.

La scrittura si rivela subito pronta, con un bel flusso ma precisa, senza salti o false partenze. Nonostante l’alimentatore sia completamente liscio, senza alette per il trattenimento dell’inchiostro, due selle longitudinali, coperte dal pennino, svolgo egregiamente la loro funzione, impedendo qualunque perdita d’inchiostro ed assicurando un flusso costante. La penna non soffre di mancanze d’inchiostro, neppure parzialmente, anche se tenuta a lungo in posizione verticale. Il pennino in oro 14k, di belle proporzioni e che secondo l’abitudine del marchio era un semplice ma ottimo “Warranted 14-C–535 made in England” prodotto da terzi, è morbido, anche se non flessibile, e molto piacevole da usare, come quasi tutti i pennini inglesi coevi.
The Unique Pen - nib.jpg
The Unique Pen - nib - side.jpg
The Unique Pen - nib - bottom.jpg
In conclusione, mi sembra si possa dire tranquillamente che si tratta di una stilografica d’ottimo livello, che non teme confronti con penne di case molto più conosciute e che può regalare tante soddisfazioni.
Una tipica penna inglese degli anni Trenta che, come le sue connazionali coeve, è sempre in grado di donare al suo possessore un’affascinante sensazione di continuità storica e di riportarlo, seppur per brevi istanti, ad un periodo non poi così remoto (anche se oggi, per molti versi, sembra davvero lontanissimo). Bastano un foglio di buona carta da lettere, un’atmosfera tranquilla ed un po’ di musica swing prima maniera…
swing-time.jpg
Ultima modifica di A Casirati il domenica 28 febbraio 2016, 10:35, modificato 3 volte in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1265
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobietà ed eleganza anni '30

Messaggio da A Casirati » domenica 28 febbraio 2016, 10:24

Ed ecco una prova di scrittura.
Uso questa stilografica in ufficio, intensamente, da giorni: nessun difetto... :)
The Unique Pen - test.jpg
The Unique Pen - engraving.jpg
Ultima modifica di A Casirati il domenica 28 febbraio 2016, 14:49, modificato 1 volta in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da ciro » domenica 28 febbraio 2016, 10:36

Hai proprio ragione: una sobrietà ed eleganza disarmanti!

Complimenti per la penna e la recensione. ;)
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11585
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da maxpop 55 » domenica 28 febbraio 2016, 13:11

Complimenti una bella recensione per una bella penna. :clap: :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8949
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da Irishtales » domenica 28 febbraio 2016, 14:06

Complimenti per l'ennesima superba e dettagliatissima recensione :clap:
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Cex71
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 449
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da Cex71 » domenica 28 febbraio 2016, 16:40

Complimenti vivissimi! Leggo sempre con molto piacere le tue recensioni, e guardo con ammirazione le tue penne inglesi datate e piene di fascino... qualcuna inizio anche a comprarla (per ora swan), per curiosità le acquisti sulla baia?
Buona domenica
Cesare

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2233
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da G P M P » domenica 28 febbraio 2016, 17:06

Cex71 ha scritto:... per curiosità le acquisti sulla baia?
Domanda da "Consigli ed Esperienze per gli Acquisti", per favore non forziamo il Regolamento.
Giovanni Paolo

Avatar utente
stanzarichi
Levetta
Levetta
Messaggi: 599
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2015, 10:04
La mia penna preferita: Montblanc 149 F
Località: Modena
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da stanzarichi » domenica 28 febbraio 2016, 19:58

Adoro l'eleganza e la sobrietà delle penne nere con finiture dorate. Bellissima penna e bellissima recensione :thumbup:
Riccardo

Cex71
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 449
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da Cex71 » domenica 28 febbraio 2016, 23:21

Mi scuso per la richiesta, che in effetti era da consigli per gli acquisti...
Cesare

Avatar utente
ebrownolf
Levetta
Levetta
Messaggi: 505
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 0:00
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Rohner & Klingner Verdgris
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Avellino
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da ebrownolf » lunedì 29 febbraio 2016, 9:44

Complimenti! Bellissima penna e ottima recensione, davvero molto interessante.
Emanuele

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1265
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da A Casirati » lunedì 29 febbraio 2016, 13:31

Grazie a tutti per le parole gentili. :wave:
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11585
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 29 febbraio 2016, 13:42

Le meritavi :wave: :wave: :wave:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

asso580
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 68
Iscritto il: sabato 24 gennaio 2015, 17:32
La mia penna preferita: Pelikan M400 Tortuose Brown
Il mio inchiostro preferito: Waterman Florida blue
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 047
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da asso580 » giovedì 3 marzo 2016, 21:35

Mi piace per la sobrietà.
Posso chiederti cosa intendi per "restauro conservativo"?
Un saluto
Stefano

Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1265
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da A Casirati » venerdì 4 marzo 2016, 8:24

asso580 ha scritto:Mi piace per la sobrietà.
Posso chiederti cosa intendi per "restauro conservativo"?
Un saluto
Stefano
Ciao, Stefano, grazie per la domanda.
Per restauro conservativo intendo una revisione ed una pulizia della penna, in modo da assicurarne un buon funzionamento, senza la ricostruzione di parti (ove possibile) né il ripristino di dorature o finiture, in modo tale da non alterarne l'aspetto, che, a mio parere, deve rappresentarne anche la storia, contribuendone al fascino. :wave:
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

asso580
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 68
Iscritto il: sabato 24 gennaio 2015, 17:32
La mia penna preferita: Pelikan M400 Tortuose Brown
Il mio inchiostro preferito: Waterman Florida blue
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 047
Sesso:

Re: The "Unique" Pen: sobrietà ed eleganza anni '30

Messaggio da asso580 » sabato 5 marzo 2016, 13:53

:thumbup:
Non mi fido ancora di mettere le mani sulle penne che acquisto ma ..... prima o poi ....
Stefano

Rispondi