Pennino ad intinzione largo soft

Le origini della scrittura moderna: dalla piuma d'oca al pennino.
Rispondi
nilox
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 219
Iscritto il: martedì 2 febbraio 2021, 13:26
La mia penna preferita: Pilot 742 Falcon
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da nilox »

Buonasera
Cercavo un pennino ad intinzione flex o soft, per la scrittura cancelleresca, non riesco a trovare niente, eppure esistono stilografiche con questo tipo di pennino, come la Santini. Qualcuno sa indicarmi qualcosa e dove comprare.
Grazie
Iridium
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1622
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 5:52
La mia penna preferita: Pelikan M1000
Il mio inchiostro preferito: Kaweco Caramel Brown
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Palermo
Gender:

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da Iridium »

nilox ha scritto: giovedì 13 gennaio 2022, 19:49 Buonasera
Cercavo un pennino ad intinzione flex o soft, per la scrittura cancelleresca, non riesco a trovare niente, eppure esistono stilografiche con questo tipo di pennino, come la Santini. Qualcuno sa indicarmi qualcosa e dove comprare.
Grazie
Ciao, prova a googlare pennnini Brause, dovresti trovare qualcosa :wave:
Fabio

Il silenzio è d’oro (W. Shakespeare)
valhalla
Levetta
Levetta
Messaggi: 669
Iscritto il: lunedì 20 maggio 2019, 17:20
La mia penna preferita: penna Astoria (tour Eiffel)
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da valhalla »

nilox ha scritto: giovedì 13 gennaio 2022, 19:49 Cercavo un pennino ad intinzione flex o soft, per la scrittura cancelleresca, non riesco a trovare niente, eppure esistono stilografiche con questo tipo di pennino, come la Santini. Qualcuno sa indicarmi qualcosa e dove comprare.
Brause appena citata fa pennini di tutti i tipi, ma per la cancelleresca di norma si usa un pennino a punta tronca (ad esempio il brause n°180), non flessibile, che si usa invece ad esempio per il copperplate (per cui c'è un post di introduzione nella sezione sulla calligrafia viewtopic.php?f=32&t=5069 e che generalmente sono tutto fuorché larghi).

Edit per specificare meglio: non è che non si possa scrivere cancelleresca con un pennino flessibile, è che non è lo strumento standard per farlo, si hanno delle difficoltà in più e non si possono seguire i manuali che danno per scontato che si usi lo strumento canonico.

Se si cerca consapevolmente uno stile diverso, soprattutto conoscendo già lo stile di base, è una cosa più che legittima; se si sta usando una stilografica e si vuole usare quella che già si ha, senza fare ulteriori spese non indifferenti, anche, ma visto il costo dei pennini ad intinzione, secondo me val la pena prendere già quello giusto (e poi una manciatina anche degli altri, metti che si voglia sperimentare qualcosa di diverso :D )
Immagine
nilox
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 219
Iscritto il: martedì 2 febbraio 2021, 13:26
La mia penna preferita: Pilot 742 Falcon
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da nilox »

valhalla ha scritto: venerdì 14 gennaio 2022, 14:01
nilox ha scritto: giovedì 13 gennaio 2022, 19:49 Cercavo un pennino ad intinzione flex o soft, per la scrittura cancelleresca, non riesco a trovare niente, eppure esistono stilografiche con questo tipo di pennino, come la Santini. Qualcuno sa indicarmi qualcosa e dove comprare.
Brause appena citata fa pennini di tutti i tipi, ma per la cancelleresca di norma si usa un pennino a punta tronca (ad esempio il brause n°180), non flessibile, che si usa invece ad esempio per il copperplate (per cui c'è un post di introduzione nella sezione sulla calligrafia viewtopic.php?f=32&t=5069 e che generalmente sono tutto fuorché larghi).

Edit per specificare meglio: non è che non si possa scrivere cancelleresca con un pennino flessibile, è che non è lo strumento standard per farlo, si hanno delle difficoltà in più e non si possono seguire i manuali che danno per scontato che si usi lo strumento canonico.

Se si cerca consapevolmente uno stile diverso, soprattutto conoscendo già lo stile di base, è una cosa più che legittima; se si sta usando una stilografica e si vuole usare quella che già si ha, senza fare ulteriori spese non indifferenti, anche, ma visto il costo dei pennini ad intinzione, secondo me val la pena prendere già quello giusto (e poi una manciatina anche degli altri, metti che si voglia sperimentare qualcosa di diverso :D )
Hai intuito perfettamente cosa voglio fare.
Sperimentare uno stile personale, mi sento pronto per farlo e prima di comprare per esempio :la Santini, o una Stipula, che costano tanto, forse anche tropoo, sono alla ricerca di questi pennini.
nilox
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 219
Iscritto il: martedì 2 febbraio 2021, 13:26
La mia penna preferita: Pilot 742 Falcon
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da nilox »

Iridium ha scritto: venerdì 14 gennaio 2022, 7:05
nilox ha scritto: giovedì 13 gennaio 2022, 19:49 Buonasera
Cercavo un pennino ad intinzione flex o soft, per la scrittura cancelleresca, non riesco a trovare niente, eppure esistono stilografiche con questo tipo di pennino, come la Santini. Qualcuno sa indicarmi qualcosa e dove comprare.
Grazie
Ciao, prova a googlare pennnini Brause, dovresti trovare qualcosa :wave:
Ciao Fabio
Volevo chiederti se sono flessibili quelli indicati da te.
Nelle caratteristiche si parla che sono adatti al gotico, italico etcetera, ma non dicono nulla sulla flessibilità.
Iridium
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1622
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 5:52
La mia penna preferita: Pelikan M1000
Il mio inchiostro preferito: Kaweco Caramel Brown
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Palermo
Gender:

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da Iridium »

ciao, non lo so onestamente, considera però, visto quanto hai scritto sopra e quanto detto da valhalla che se dovessi trovare un pennino specifico per la cancelleresca probabilmente sarebbe rigido, nel senso che probabilmente la Brause produce un pennino dedicato ad uno stile rispettando i "canoni tradizionali" di quello stile. Tu che vuoi creare qualcosa di diverso ma che sia ispirato a... allora probabilmente dovresti prendere un pennino non specifico per quello stile ma adattarne un altro.... Io non sono un esperto di pennini e men che meno di calligrafia :mrgreen:, semplicemente tempo addietro ho comprato un set di tre pennini Brause e sfogliando qualche catalogo on line ne ho visti tantissimi per cui quando hai chiesto mi è venuto spontaneo rispondere, sicuramente ci sono utenti più esperti di me che ti sapranno consigliare meglio. :wave:
Fabio

Il silenzio è d’oro (W. Shakespeare)
valhalla
Levetta
Levetta
Messaggi: 669
Iscritto il: lunedì 20 maggio 2019, 17:20
La mia penna preferita: penna Astoria (tour Eiffel)
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da valhalla »

nilox ha scritto: venerdì 14 gennaio 2022, 16:43 Hai intuito perfettamente cosa voglio fare.
Sperimentare uno stile personale, mi sento pronto per farlo e prima di comprare per esempio :la Santini, o una Stipula, che costano tanto, forse anche tropoo, sono alla ricerca di questi pennini.
Allora sì, consiglio di andare sul thread nella sezione calligrafia (e sul thread pinnato qui dentro) a leggere le caratteristiche di quei pennini per selezionarne qualcuno da provare.

L'unico rischio che vedo è che abituandosi alla flessibilità di un pennino ad intinzione poi valga ancora meno la pena di prendere delle stilografiche flex moderne, che a quanto ne so sono molto ma molto meno flex dei pennini
Immagine
nilox
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 219
Iscritto il: martedì 2 febbraio 2021, 13:26
La mia penna preferita: Pilot 742 Falcon
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da nilox »

valhalla ha scritto: venerdì 14 gennaio 2022, 17:14
nilox ha scritto: venerdì 14 gennaio 2022, 16:43 Hai intuito perfettamente cosa voglio fare.
Sperimentare uno stile personale, mi sento pronto per farlo e prima di comprare per esempio :la Santini, o una Stipula, che costano tanto, forse anche tropoo, sono alla ricerca di questi pennini.
Allora sì, consiglio di andare sul thread nella sezione calligrafia (e sul thread pinnato qui dentro) a leggere le caratteristiche di quei pennini per selezionarne qualcuno da provare.

L'unico rischio che vedo è che abituandosi alla flessibilità di un pennino ad intinzione poi valga ancora meno la pena di prendere delle stilografiche flex moderne, che a quanto ne so sono molto ma molto meno flex dei pennini
Non uso stilografiche flex moderne, solo vintage, o fate daun artigiano.
Cerco questi pennini come dicevo prima per sperimentare uno stile mio.
nilox
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 219
Iscritto il: martedì 2 febbraio 2021, 13:26
La mia penna preferita: Pilot 742 Falcon
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku

Pennino ad intinzione largo soft

Messaggio da nilox »

Ho fatto una ricerca, nel gruppo e anche su internet non riesco a trovare le specifiche che cerco.
Premetto che conosco abbastanza bene il mondo delle stilografiche e dei pennini ad intinzione.
Dei Brause conosco molti pennini,ho iniziato il corsivo inglese proprio con gli Steno della brause.
Poi sono passato agli hunt, gillot e molti altri.
Ho avuto anche buoni risultati con la cancelleresca, anche in questo stile ho usato diversi pennini, Speedball, tape, Mitchell, non ho usato gli bandzug della brause, per questo ho chiesto a Fabio maggiori informazioni.
Questa mia curiosità è nata qualche giorno fa provando la Santini con nib stub soft, per questo motivo pensavo esistessero nella versione ad intingimento.
Oltretutto, visto il costo di questi pennini, se vedessi con non funzionano a mio piacimento, ho spesso pochi euro.
Diverso sarebbe comprare una Santini o una stipula che hanno un costo alto.
Rispondi

Torna a “Pennini Calligrafici e Accessori”