FP.it 2022 - Duchessa 1935: presentazione

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2169
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Gender:

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da A Casirati »

Esme ha scritto: lunedì 2 maggio 2022, 22:37 Domanda idiota nata lì per lì: Auretta 32 perché la sezione era di 32mm, a sottolineare il restyling della sezione rispetto alla prima serie?
Tutt'altro che idiota, direi: è un'ipotesi ragionevole. Grazie.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"
Golia
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 157
Iscritto il: domenica 22 novembre 2020, 23:11
Misura preferita del pennino: Fine
Gender:

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Golia »

Auretta seconda serie "lusso"

Caratteristiche visive: corpo e cappuccio in metallo lucido; scritta auretta lungo la sezione longitudinalmente.

Alimentazione: a cartuccia, non ha manicotto interno in acciaio può contenere due cartucce (vedi foglio istruzioni). Inoltre una delle due in mio possesso ha ancora il campanello sul fondo del corpo della penna che segala presenza di una sola cartuccia.
Pennino: in acciaio.

Dimensioni:
- lunghezza chiusa: 136 mm
- lunghezza aperta: 123 mm
- lunghezza aperta con il cappuccio calzato: 145 mm
- diametro massimo del fusto: 10,8 mm
- diametro massimo del cappuccio: 12,7 mm
- peso (scarica senza cartuccia): 17 gr.
Allegati
tempImageAsr4VV.gif
tempImageRW4rW4.gif
tempImagearzYC6.gif
tempImagedd4K0Y.gif
tempImagejGlUcC.gif
tempImageSrHtHN.gif
tempImageddU2Uj.gif
tempImage49PYeg.gif
Ultima modifica di Golia il venerdì 13 maggio 2022, 18:34, modificato 1 volta in totale.
BP
Avatar utente
Esme
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1279
Iscritto il: lunedì 31 maggio 2021, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: Herbin Poussièr de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Varese

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Esme »

Golia ha scritto: venerdì 13 maggio 2022, 17:52 Auretta terza serie "lusso"
Direi seconda serie, però.
"È tutta colpa di Esme" [Bons]
Golia
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 157
Iscritto il: domenica 22 novembre 2020, 23:11
Misura preferita del pennino: Fine
Gender:

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Golia »

Esme ha scritto: venerdì 13 maggio 2022, 18:33
Golia ha scritto: venerdì 13 maggio 2022, 17:52 Auretta terza serie "lusso"
Direi seconda serie, però.
corretto e grazie.
BP
Avatar utente
Esme
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1279
Iscritto il: lunedì 31 maggio 2021, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: Herbin Poussièr de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Varese

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Esme »

La recente discussione che ha interessato la Hastil mi ha portato a riguardare il materiale su Aurora che avevo scaricato: ci sono documenti interessanti anche per l’Auretta.
La fonte è internetculturale.it, i documenti provengono quasi tutti dall’archivio Aurora Due, hanno licenza pubblica ma in bassa risoluzione, sufficiente però per trarne informazioni.

Il primo documento è parte di un catalogo Aurora che viene datato 1971. Già in precedenza, però, ci si era confrontati sull’attendibilità di queste datazioni, e visto che non viene riportata una scansione che attesti la data direi di prenderla con il beneficio del dubbio.

L’immagine di apertura presenta una Auretta quadrifoglio. Questo nome, usato sulle pubblicità, nel catalogo non compare e le altre foto mostrano penne senza questo logo, una cosa che rafforza l’idea che si tratti di un’unica seconda serie con diverse varianti (o una serie 2.5!).

La descrizione menziona la famosa infrangibilità, specificando che cappuccio e serbatoio sono realizzati con il noto polimero Makrolon (policarbonato). Curiosamente non viene nominata la sezione, e considerando che spesso è l’unica parte degradata c’è da chiedersi se non fosse realizzata in materiale differente.
Il pennino è in lega cromo-cobalto, molto resistente alla corrosione, con punta in iridio.
Monta cartucce colorcart (su questo punto i pareri dei possessori sono discordi, ma il catalogo così dice).
La versione base era prodotta in ben sette colori: nero, grigio, celeste, rosso, salmone (arancio), verde e turchese.
Quella venduta in parure con la pennasfera 03 invece è proposta in nero, grigio, verde, bleu e turchese.

La “chicca” è la versione “Fregi d’oro”, con clip e veretta dorate a spessore.
Mi è capitato di vederne qualcuna e avevo il dubbio che fossero interventi di personalizzazione. Guardando la differenza di prezzo e considerando che si tratta di una penna scolastica, immagino che non ne circolino molte.
Questa versione era prodotta nei cinque colori di quella in parure: nero, grigio, verde, bleu e turchese.

Auretta seconda serie - catalogo 1971
Auretta seconda serie - catalogo 1971

Il secondo documento, invece, è tratto da un catalogo genericamente datato 1969-1979.
Considerando che sullo stesso catalogo compare la Hastil e viene citato il suo inserimento nella collezione MoMa, avvenuto nel 1972 (fonte: numerazione oggetto MoMa), il catalogo è per forza di cose successivo al 1972.

Qui compare l’Auretta terza serie, quella cilindrica. Il claim dice “Così bella, non l’avete mai vista”, il che fa supporre sia l’inizio della produzione.
La completa ristilizzazione viene presentata come la risposta ai nuovi gusti dei “giovani”, e viene sottolineato il prezzo “giusto”.

Anche la terza serie è realizzata in Makrolon, e anche in questo caso non viene nominata esplicitamente la sezione, ma solo cappuccio e serbatoio.
La lega del pennino non è più esplicitata (ne avranno scelta una più economica?), viene solo detto che la punta è in osmio iridio.
I colori in cui è proposta sono sei, non elencati ma desumibili dalla foto di apertura (quella già postata da Casiraghi, che evito di ripostare): nero, rosso e verde sono rimasti. Il color salmone da arancio è diventato rosa. Al posto di celeste e turchese c’è il blu, e al posto del grigio una specie di bistro.

Sullo stesso catalogo è presente anche l’Auretta Lusso, con cappuccio e serbatoio “tutto metallo” (di nuovo nulla è dato sapere della sezione). E’ la prima versione, con i "gradini" netti e non smussati, e non compare la versione nera.

Infine, nella sezione ricambi, sono presenti sia i pennini per l’Auretta carenata che quelli piatti per la nuova serie.

Auretta terza serie - catalogo post 1972
Auretta terza serie - catalogo post 1972
Auretta lusso (terza serie) - catalogo post 1972
Auretta lusso (terza serie) - catalogo post 1972
Auretta lusso (terza serie) - catalogo post 1972
Auretta lusso (terza serie) - catalogo post 1972
pennini Aurora - catalogo post 1972
pennini Aurora - catalogo post 1972

Ho un terzo documento, il magazine "Giro in Foto" n. 67, del maggio 2021, che non so che tipo di licenza abbia quindi non lo posto, ma che è reperibile in rete in pdf.
E’ pubblicato un articolo in cui si ricostruisce brevemente la storia di Aurora e c’è un’intervista a Cesare Verona.
Viene determinato il 1965 come anno di presentazione della Auretta e viene ricordata la campagna pubblicitaria di quell’autunno, che, comprendendo anche la televisione, ha portato alla grande diffusione di questa penna.
Viene anche detto che la stilografica è presentata in molti colori, quindi il riferimento alla presentazione e lancio in realtà è alla seconda serie, dimostrando ancora una volta che la prima serie del 1959 è misconosciuta ai più.
"È tutta colpa di Esme" [Bons]
Avatar utente
Esme
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1279
Iscritto il: lunedì 31 maggio 2021, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: Herbin Poussièr de Lune
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Varese

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Esme »

Aggiungo un piccolo riassunto per le date.

Auretta prima serie – 1959 – cugina della 2cart
Auretta seconda serie (nelle varie versioni) – 1965 – cugina della 98
Auretta terza serie – probabilmente post 1972 – cugina di secondo grado della Hastil
Auretta Lusso (terza serie) – probabilmente post 1972 – cugina di primo grado della Hastil
Auretta Club (quarta serie?) – anni 80? - cugina di secondo grado della Marco Polo?
Auretta Club tutto metallo (quarta serie?) - anni 80? - cugina di primo grado della Marco Polo?

Più ci si avvicina a noi nel tempo e più le cose diventano fumose, il che è piuttosto paradossale.
"È tutta colpa di Esme" [Bons]
Avatar utente
Mir70
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2021, 21:20
La mia penna preferita: Auretta
Il mio inchiostro preferito: Sailor Black Kiwaguro
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Settimo T.
Gender:

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Mir70 »

Documenti assolutamente interessanti Esme.
Si ha la conferma (almeno per me, che non ne ero così sicuro) che per la Auretta Lusso erano disponibili le due gradazioni di tratto : il fine ed il medio.
Mirko
Avatar utente
Mir70
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2021, 21:20
La mia penna preferita: Auretta
Il mio inchiostro preferito: Sailor Black Kiwaguro
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Settimo T.
Gender:

Aurora Auretta - lavoro di squadra

Messaggio da Mir70 »

Riallacciandomi al post precedente, mi ero accorto che una delle due Lusso che ho , presenta un tratto più fine rispetto all' altra, ma imputavo la cosa ai differenti inchiostri utilizzati. Però dalle foto macro, vi vede che il materiale di riporto sulle punte è lavorato diversamente.

PN.jpg

Noto inoltre che sulla sezione è stampigliato un numero (2 su una , e 3 sull'altra). La stampigliatura risulta anche sulle vostre penne ? Altri numeri oltre al 2 e 3 ? Può avere qualche riferimento alla gradazione del pennino, considerato che non è impressa sullo stesso ?

AS.jpg
Mirko
Rispondi

Torna a “Storia e Produttori”