La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
Rispondi
Avatar utente
greciacret
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 225
Iscritto il: mercoledì 10 aprile 2019, 23:34
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da greciacret »

Segnalo questo interessante articolo di Natale Seremia, che trascrivo di seguito, anche se non condivido l'ultima frase secondo cui la fine dell'età d'oro della penna fu dovuta all'affermarsi della macchina da scrivere.
Non so neppure - occorrerebbe consultare dati statistici - se la progressiva diffusione di questo strumento si sia accompagnata ad un calo delle vendite vendite, visto che per tutto il '900 c'è stato un progressivo incremento della scolarizzazione delle persone, circostanza che dovrebbe avere mantenuto, se non incrementato, il mercato degli strumenti di scrittura a mano.
Per la stilografica, ben sappiamo, che la crisi inizia con l'invenzione delle penna a sfera, ma un inizio di crisi delle penne da scrivere in generale (ma c'è davvero un calo delle vendite?) è un fatto ben più recente, dovuto alla diffusione di pc, tablet, smartphone, e, di conseguenza, di nuove forme di comunicazione tramite email e messaggistica digitale varia, che - a molte persone - stanno facendo perdere l'uso della scrittura a mano. La versione originale dell'articolo è consultabile a questo link: http://nataleseremia.com/2019/09/03/la- ... ogrammata/


E’ la fine degli anni Venti dello scorso secolo quando un’artista e designer ungherese, naturalizzato americano, László Moholy-Nagy (Bácsborsód, 20 luglio 1895 – Chicago, 24 novembre 1946) teorizzò la distinzione tra obsolescenza naturale ed obsolescenza pianificata (o programmata come si definisce più spesso oggi). László Moholy-Nagy sosteneva che la prima faceva parte dell’evoluzione tecnologica “normale” degli oggetti ideati dall’uomo: dall’aratro trainato dai buoi al trattore, dalle navi di legno ai piroscafi d’acciaio, dai moschetti ai fucili a retrocarica e così via. L’obsolescenza pianificata era invece il superamento degli oggetti non perché scavalcati da una sostanziale evoluzione tecnologica ma a favore di altri più belli o alla moda.

Con grande intuizione l’artista ungherese sostenne che questa tendenza avrebbe dominato il ventesimo secolo. Uno dei primi casi di obsolescenza programmata riguardò le penne. Un giovane imprenditore ventottenne Kenneth Parker, approfittando dell’assenza del padre, convinse nel 1923 il Consiglio d’Amministrazione dell’azienda di famiglia ad investire massicciamente su una lussuosa penna Duofold. Dieci anni dopo nel pieno della recessione stanziò ulteriori fondi per un’altra penna di classe alta, la Vacumatic.

La vera svolta avvenne però dopo la morte del padre, divenuto titolare dell’azienda Kenneth decise di cavalcare l’onda dell’obsolescenza programmata per fare quello che ogni bravo capitalista americano desidera più di ogni cosa: una montagna di soldi.

Così nel 1941 mise sul mercato quella che comunemente viene considerata la più meravigliosa e superflua penna della storia: la Parker 51, chiamata così perché venne messa in commercio nel 51° anniversario della fondazione della Parker Pen Company. Il cappuccio poteva essere placcato in oro o in cromo, la clip era dorata ed a forma di freccia. Il corpo della penna era panciuto con colorazioni evocative e fuori dal comune: blu cedro, verde nassau, cacao, prugna etc.

Sulla punta colorata in “nero d’India” si innestava un pennino da calligrafia che terminava con una pallina d’oro che dispensava l’inchiostro. Per la prima volta nella storia della penna l’inchiostro non si asciugava dopo qualche secondo per evaporazione ma penetrando nelle fibre della carta si asciugava istantaneamente per assorbimento.

La meravigliosa Parker 51 aveva però un tallone d’Achille proprio nella pallina d’oro del pennino. L’oro infatti è un materiale malleabile che con la pressione tende a deformarsi per ovviare a questo inconveniente, dopo tre anni, nel 1944, la Parker brevettò una speciale lega al rutenio per proteggere efficacemente la pallina d’oro. Il rutenio, numero atomico 44 è un metallo bianco e duro, si presenta in quattro forme cristalline diverse e non si opacizza a temperature ordinarie. Piccole quantità di rutenio possono aumentare la durezza del platino e del palladio nonché rendere il titanio più resistente alla corrosione. Il rutenio può essere impiegato come rivestimento sia per elettrodeposizione sia per decomposizione termica, ma torniamo alla nostra penna.

Se si esclude per il design fortemente innovativo la Parker 51 non faceva niente di così rivoluzionario rispetto alle altre penne in commercio. L’aggressiva campagna pubblicitaria messa in campo dall’azienda convinse però i consumatori che la Parker 51 fosse il “top” dell’atto dello scrivere.

In poco tempo questa penna divenne un vero e proprio status symbol. Capitani d’industria, manager, politici non potevano farne più a meno, firmavano contratti, ricevute della carta di credito e perfino i punti delle partite a golf soltanto con la loro Parker 51. McArthur ed Eisenhower firmarono con le loro rispettive Parker 51 gli armistizi che misero fino alla guerra nei teatri del Pacifico e dell’Europa.

Le vendite della Parker 51 passarono dai 444.000 pezzi del 1944 ai 2,1 milioni di pezzi del 1947, non malaccio se si pensa che uno di questi oggetti poteva costare dai 100 ai 400 dollari di oggi. La 51 fu in commercio in vari modelli fino al 1972 e fu di sicuro la penna più venduta del suo tempo con un fatturato complessivo di 400 milioni di dollari (diversi miliardi di dollari attuali).

Poi lentamente, per una sorta di legge del contrappasso, anche la Parker 51 ed i nuovi modelli dal design innovativo che seguirono, subirono una forte contrazione nelle vendite. L’avvento della macchina da scrivere sancirà la fine dell’età d’oro della penna.
Avatar utente
Bons
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 769
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Solo una? Impossibile...
Il mio inchiostro preferito: Solo uno? E tutti gli altri?
Località: Monti degli abeti rossi

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da Bons »

Be', si, ricordo che alle elementari andavamo tutti con la macchina da scrivere nella cartella.
Il mio maestro ne aveva una da taschino con clip dorata.

:crazy:

La chiusura, rispetto a tutto il resto, mi sembra l'opinione più concreta e condivisibile di tutto l'articolo.

🙈🙉🙊
Angelo

"The horror! The horror!"
Kurtz

Joseph Conrad, Heart of Darkness
Avatar utente
A Casirati
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1652
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da A Casirati »

Oltretutto, non fu la penna più venduta del suo tempo, primato che spetta alla Parker 45, la produzione della quale si sovrappose a quella della 51.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"
Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2855
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da alfredop »

Scusate ma l’articolo sulla Parker 51 dice un mare di cose inesatte, in particolare sul pennino.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)
Avatar utente
lucawm
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 889
Iscritto il: sabato 17 marzo 2018, 19:49
La mia penna preferita: Waterman "Ideal" No.3
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bari
Sesso:
Contatta:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da lucawm »

"Sulla punta colorata in “nero d’India” si innestava un pennino da calligrafia che terminava con una pallina d’oro che dispensava l’inchiostro."
Ma si parla ancora della Parker 51 in questa frase? :crazy: :lol:
A parte la punta d'oro (vabbè...) la carenatura "inzuppata" (per tingerla, sia chiaro...) nell'inchiostro di China non l'avevo ancora sentita..
villager
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 69
Iscritto il: venerdì 26 febbraio 2021, 20:54
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da villager »

Non so fino a che punto si possa parlare di obsolescenza programmata per la Parker 51 (e in generale per la maggior parte delle penne vintage), nel senso che dubito sia stato definito a priori un ciclo di vita per queste penne. Credo invece che più semplicemente sia stata dismessa, probabilmente, perché le vendite non erano più particolarmente entusiasmanti dopo più di 30 anni all'attivo (e sarebbe strano il contrario).
Che poi sia un ottimo strumento di scrittura ancora oggi, chiaramente non ci piove.
Avatar utente
greciacret
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 225
Iscritto il: mercoledì 10 aprile 2019, 23:34
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da greciacret »

Ho trascritto di pari passo l'articolo.
Non sono un esperto, visto che è relativamente da poco che mi interesso di stilografiche.
Prendo nota con piacere delle critiche che fate perché, per me, sono motivo di apprendimento :thumbup:
Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 12527
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da piccardi »

Mi sa che ha costruito l'articolo su qualche pubblicità, e comunque una stilografica non ha praticamente mai avuto una punta coc una "pallina d'oro"... Diciamo che sul piano tecnico dice parecchie c... ose errate.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758
Avatar utente
edo68
Artista
Artista
Messaggi: 320
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da edo68 »

Bons ha scritto: domenica 28 febbraio 2021, 13:31 Be', si, ricordo che alle elementari andavamo tutti con la macchina da scrivere nella cartella.
Ecco perché la mia cartella era così pesante :mrgreen:

Sulla punta colorata in “nero d’India” si innestava un pennino da calligrafia che terminava con una pallina d’oro che dispensava l’inchiostro. Per la prima volta nella storia della penna l’inchiostro non si asciugava dopo qualche secondo per evaporazione ma penetrando nelle fibre della carta si asciugava istantaneamente per assorbimento.


Questa parte sembra una traduzione farlocca del traduttore di Google

Buona serata

Edo
Avatar utente
Automedonte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1574
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2020, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 88 big
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da Automedonte »

edo68 ha scritto: lunedì 1 marzo 2021, 0:15
Bons ha scritto: domenica 28 febbraio 2021, 13:31 Be', si, ricordo che alle elementari andavamo tutti con la macchina da scrivere nella cartella.
Ecco perché la mia cartella era così pesante :mrgreen:

Sulla punta colorata in “nero d’India” si innestava un pennino da calligrafia che terminava con una pallina d’oro che dispensava l’inchiostro. Per la prima volta nella storia della penna l’inchiostro non si asciugava dopo qualche secondo per evaporazione ma penetrando nelle fibre della carta si asciugava istantaneamente per assorbimento.


Questa parte sembra una traduzione farlocca del traduttore di Google

Buona serata

Edo
A me sembra più che altro lo stralcio, scimmiottato, di un articolo di Brera o Gervaso che dovevano per forza utilizzare termini fantasiosi inventando definizioni forse poetiche ma poco esatte. Il voler essere ironici e/o poetici a tutti i costi a volte crea degli obbrobri.
Cesare Augusto
Avatar utente
manuberk
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 25
Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2014, 13:22
La mia penna preferita: Pelikan 100
Il mio inchiostro preferito: Herbin Perle Noir
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Firenze
Sesso:

La Parker 51 e l’obsolescenza programmata

Messaggio da manuberk »

Non so chi sia Natale Seremia, ma l'articolo che ha scritto è praticamente copiato dal "Cucchiaino scomparso" di Sam Kean, edito da Adelphi. :?
Rispondi

Torna a “Storia e Produttori”