Columbus 55

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Rispondi
aferrarini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 12:28
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da aferrarini »

Buongiorno, ho di recente acquistato una bella Columbus 55 blu striato. La penna era in ottime condizioni, esteticamente ho dato giusto una lucidata con la pasta losso e basta. Funzionalmente però la penna ha qualche problemino. Il pennino è un po' consumato e ha un po' un "piede" con qualche spigoletto di troppo (visibile con la lente) che ho arrotondato appena appena redendo la scrittura molto più piacevole. Anzi direi che ora scrive molto bene (quando scrive).

Purtroppo però il pennino tende un po' a seccare, fermandosi completamente, dopo una mezza paginetta scritta. Un movimento secco di polso fa ripartire la penna ma è un po' scocciante e comunque richiede un intervento. Noto questa cosa più con il J.Herbin Perle Noire che non con il parker quink blue. Mi fa un po' strano perché pur essendo un po' più secco del parker anche l'Herbin generalmente è molto scorrevole e su una penna vintage con condotto in ebanite mi aspettavo maggiore regolarità. Il pennino aderisce bene al conduttore ma per non sbagliare ho scaldato conduttore e pennino con il calore (phon) e li ho premuti assieme, una procedura che ho già eseguito con altre penne vintage con successo ma che qui apparentemente non ha fatto differenza, forse c'è qualcosa nel condotto che impedisce il flusso. Magari potrei far uscire pennino e conduttore dalla sezione e cercare di pulire il conduttore. Avete suggerimenti in merito? Come potrei procedere?

La penna però ha mostrato un altro problema: dopo qualche carica-scarica ieri mi sono trovato le dita sporche di inchiostro che usciva dalla sede della levetta. Seguendo le indicazioni sul wiki ho separato con attenzione la sezione dal fusto scaldando piano piano il punto di congiunzione con il phon, altrimenti non ne voleva sapere di uscire, e ho estratto sezione e sacchetto. Il sacchetto apparentemente non è bucato ma era appena abboccato sul conduttore, apparentemente senza essere stato incollato allo stesso, nonostante siano presenti dei residui, vicino al punto in cui il conduttore entra nella sezione, probabilmente appartenenti ad un precedente incollaggio. Probabilmente quindi la fuoriuscita di inchiostro era dovuta a questo, il sacchetto era veramente li li per staccarsi. Ho notato inoltre che il sacchetto è schiacciato al centro con una aderenza su un lato che non si stacca. Non ho molta esperienza in merito ma non credo sia una cosa normale, giusto?? Estraendo la barra ho notato che oltre ad essere un po' arrugginita aveva 2 pieghe che forse si notano ancora un po' ma che ho abbastanza raddrizzato. Forse erano le pieghe innaturali a schiacciare il gommino in questo modo. Mi conviene cambiare anche la barra? Forse era dovuto ad una barra di dimensioni non corrette? Ho guardato i rivenditori di pezzi di ricambio, ne ho visti alcuni in UK, in Italia non c'è nessuno? A chi potrei chiedere? So che ci sono dei riparatori in Italia ma non vorrei scocciare per un gommino ed una barra.

Buona domenica
IMG_20200524_153522.jpg

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1239
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da nello56 »

partendo dal fondo: il sacchetto, essendo improntato ti conviene cambiarlo. Se al tatto ti pare ancora abbastanza elastico, potresti
infilarci una punta da trapano e provare a scaldare l'impronta con un fon, senza esagerare.
Se sei fortunato, potrebbe perdere la memoria dell'impronta. Sicuramente, per avere quell'impronta, qualcosa non era montato correttamente poiché la pressione della levetta di caricamento dovrebbe avvenire sulla J-bar, e di conseguenza la compressione del sacchetto non dovrebbe essere così circoscritta. Per il corretto posizionamento puoi riferirti a questo link:
https://www.fountainpen.it/Smontare_e_r ... e_di_fondo

Se riesci a recuperare il sacchetto, puoi anche provare a carteggiare per la J-bar con carta vetro a grana fine e successivamente a passarla con un lievissimo strato di grasso al silicone/olio (ma solo un velo da asciugare bene con un tovagliolino). In tale modo puoi provare a rimontare il tutto. Poi, puoi decidere se mantenerla così oppure se ordinare i pezzi di ricambio. ;)

Riguardo al problema dell'inchiostro l'ho avuto anch'io con un Herbin (Eclat de Saphir) e si è mitigato dopo il lavaggio del pennino/alimentatore con acqua saponata ( per aumentarne la bagnabilità). Cambiando inchiostro (Diamine) non si è ripresentato il problema.

Nello

aferrarini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 12:28
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da aferrarini »

Grazie Nello, a questo punto mi sa che cambio sia sacchetto che j-bar. Dato che devo ordinare l'uno compero direttamente anche l'altra, tanto costa più la spedizione che i singoli pezzi. Per il pennino avevo già fatto un paio di lavaggi con acqua saponata. Effettivamente post lavaggio con il parker funzionava bene, ma appena ho sostituito con il j.herbin (senza lavaggio intermedio in acqua saponata) c'era di nuovo il problema che è persistito anche quando sono tornato al parker, quindi credo la prima volta avesse funzionato perché c'erano ancora un po' di tensioattivi quando ho caricato l'inchiostro. Una possibilità forse potrebbe essere di aggiungere una goccia di tensioattivo all'inchiostro ma credo farò un tentativo di smontare pennino e conduttore per pulirli meglio anche se chiaramente avrei preferito non metterci le mani.

Avatar utente
nello56
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1239
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 19:37
La mia penna preferita: quella rimessa insieme da me
Il mio inchiostro preferito: Diamine Violet o 4001 Nero
Misura preferita del pennino: Italico
Arte Italiana FP.IT M: 056
Fp.it ℵ: 056
Fp.it Vera: 056
Località: Torino
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da nello56 »

Sicuramente cambiare il tutto è la cosa migliore per non metterci più le mani
e concordo pienamente con la scelta :thumbup:

Riguardo al fatto di smontare pennino e alimentatore dalla sezione, ovvio che se puoi evitarlo….

Puoi provare ancora a metter i particolari a bagno e poi, nell'attesa di sacchetto e J-bar, potresti montare il vecchio sacchetto provvisoriamente
con dentro acqua ed un goccio di inchiostro (qualunque) e provare a scrivere per vedere come si comporta.
Se tutto funziona potrai provare con un inchiostro tipo Parker o Pelikan 4001. Se anche così funziona non avrai bisogno di smontare
il gruppo alimentatore/pennino/sezione, altrimenti sei sempre in tempo ;)

Comunque, l'idea di addizionare l'inchiostro con una goccia di detersivo per piatti era suggerita anche in un sito americano per i noti
problemi con i converter/alimentatori di moderne penne del Far East… per cui io non l'ho scartata a priori!
Buon lavoro!

Nello

aferrarini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 12:28
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da aferrarini »

Grazie dei consigli. Effettivamente potrei intanto mettere un po' a bagno la sezione e fare qualche prova con il sacchetto. Ho anche il sospetto che parte della colpa del flusso intermittente fosse del sacchetto che aveva una piega strana anche sull'imboccatura. Magari questa limitava l'accesso dell'inchiostro nel forellino dell'alimentatore. Se poi ha ancora problemi faccio sempre in tempo a smontare alimentatore e pennino in un secondo momento.

aferrarini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 12:28
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da aferrarini »

Alla fine ho dovuto smontare pennino e alimentatore dalla sezione. Operazione che ho eseguito usando la parte piatta di una punta da trapano per spingere l'alimentatore da dietro. Effettivamente l'alimentatore era sporco di una morchia molto dura che di sicuro non sarebbe venuta via solo lavando. Forse era della gommalacca cristallizzata. Ad ogni modo ho tolto lo sporco e rimontato il tutto. Nel frattempo sono arrivati anche gommino in silicone e j-bar nuova che ho provveduto ad installare. Non avendo talco puro ho usato della grafite pura per serrature. È la prima sostituzione di gommino che effettuo ma devo dire che è stata abbastanza semplice, alla fine le 2 cose più complicate e pericolose sono state rimuovere la sezione e smontare il gruppo scrittura. Ora la penna scrive molto bene. L'unica cosa è che se la tengo carica in orizzontale tende a saturare eccessivamente il conduttore, ma credo sia un "difetto" del gommino in silicone che non è impermeabile ai gas. Niente comunque che non si possa curare tenendo la penna in verticale in un portapenne da scrivania.
In allegato una foto della penna che anche se non un'ammiraglia di casa Columbus è sempre una gran bella penna nella sua semplicità.
IMG_20200605_125752.jpg

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 13012
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Columbus 55

Messaggio da maxpop 55 »

Concordo, è piccola ma bella. :clap: :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi

Torna a “Tecnica e riparazioni”