Aiuto Aurora 88

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » venerdì 29 giugno 2018, 20:18

Ciao a tutti,
In un mercatino ho preso per 30 euro la penna aurora 88 che vedete in foto. Avevo verificato il movimento del pistone (perfetto) e, per eliminare l'inchiostro ho lasciato a bagno il gruppo di scrittura pennino e alimentatore e la prima parte del fusto in acqua demineralizzata un paio di giorni. L'inchiostro è venuto via, ma essendo in parte ebanite ha iniziato a puzzare. Ergo ho preso anche dell'alcool denaturato ed ho immerso il gruppo scrittura per alcuni minuti col pennino fuori e la prima parte trasparente del Busto. Mi è venuta la malsana idea di passare l'alcool anche sul fusto col risultato orribile di vedere quella venatura bianca. Era in celluloide ed ho creato un danno? Era riparata ed ho messo in evidenza l'intervento che ha subito? Cosa posso fare ora? Grazie in anticipo!
Allegati
15302961786318553779595996138935.jpg
15302962412182921726479395473049.jpg

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9679
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 29 giugno 2018, 20:25

Purtroppo c'è poco da fare, prova con pasta Iosso, dove è maggiormente resistente il bianco , senza scavare solchi, passa delicatamente della carta abrasiva da 1200 e poi ripassi la Iosso.
Spero che così risolvi, auguri.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » venerdì 29 giugno 2018, 20:27

Grazie, ma sii pure brutale, voglio imparare. Cosa ho sbagliato e cos'è quel bianco secondo te?

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 728
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Siberia » venerdì 29 giugno 2018, 20:56

L'alcol non si usa mai né per celluloidi né per altre plastiche. È una delle prime cose che ho imparato frequentando il forum, ormai anni fa. Sbagliando si impara! Pazienza. Spiegazioni scientifiche però non saprei darle...
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9679
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 29 giugno 2018, 20:58

Stilo80 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 20:27
Grazie, ma sii pure brutale, voglio imparare. Cosa ho sbagliato e cos'è quel bianco secondo te?
E' la reazione della celluloide con l'alcool, lo stesso guaio si ha con l'alcool sulla plastica.
Per fare un esperimento, prova ad immergere un vecchio pezzo di plastica lucido in un bicchierino con dell' l'alcool vedi che succede, diventa opaco e si sbianca asciugandosi.
Sull'ebanite non conosco l'effetto, non ho mai provato ne proverò mai ad immergerla nell'alcool.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

gionni
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 343
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2017, 16:32
La mia penna preferita: Aurora 88K
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da gionni » venerdì 29 giugno 2018, 21:38

Aggiungo, anche per esperienza, che il puntale e il fondello dell'Aurora 88, essendo in ebanite, diventano di un brutto color marroncino se lasciati a lungo in acqua (è lo zolfo che affiora); occorre allora pulire la superficie con vari metodi, uno dei quali - l'ho provato e funziona - consiste nell'usare il Fornet e poi levigare con un panno energicamente.
Penso anch'io che la reazione della cellulosa all'alcool sia irreversibile e ti toccherà tenere quella striatura bianche. Ti rifarai con la prossima 88, visto che se ne trovano a basso prezzo (anche se spesso col pistoncino rotto).
Ciao. Gionni

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » venerdì 6 luglio 2018, 11:29

Grazie delle risposte prossima volta chiederò un parere prima di agire

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1056
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da PeppePipes » venerdì 6 luglio 2018, 13:04

Come ha suggerito Max, l'unica cosa da fare è levigare la superficie con della carta abrasiva; secondo me l'alterazione potrebbe avere interessato solo la parte superficiale quindi ci sono buone speranze di recuperare la penna. Si può usare all'inizio anche una carta di grana un pelo più aggressiva, come la 800 per poi rifinire con grane più sottili come la 1000, per poi passare, prima della lucidatura ad una 1200/1500.
Per evitare di fare alterare l'ebanite immergendola in acqua (peggio se calda), la si può cospargere generosamente di grasso al silicone o di vaselina.
L'alcool non danneggia l'ebanite, ma il suo utilizzo non da alcun vantaggio: per pulirla ci sono prodotti ben più efficaci.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » venerdì 6 luglio 2018, 13:13

per pulirla ci sono prodotti ben più efficaci.
Ad esempio?
Grazie del post!

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1056
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da PeppePipes » sabato 7 luglio 2018, 16:37

Stilo80 ha scritto:
venerdì 6 luglio 2018, 13:13
per pulirla ci sono prodotti ben più efficaci.
Ad esempio?
Grazie del post!
Il Fornet (e similari) per lo zolfo affiorante, la varechina* per l'inchiostro.

*Lunghi (ma davvero lunghi) periodi d'immersione concomitanti con concentrazioni particolarmente alte possono provocare in alcuni tipi di ebanite un qualcosa di simile ad una corrosione superficiale (ma molto superficiale).
Problemi più teorici che pratici perché soluzioni intorno al 20 - 30% in acqua per periodi anche superiori ad un'ora d'immersione non hanno alcun effetto negativo oltre ad avere anche poco senso perché la soluzione la sua azione la esercita in un tempo di gran lunga minore, specie aiutandosi con scovolini e simili.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » sabato 7 luglio 2018, 16:44

Grazie mille.
Le sostanze che hai indicato per pulire la penna mi chiedo se possono funzionare anche con le venature che mi ha dato l'alcool. Non ho idea di che roba sia, sembrano fratture messe in evidenza dall'alcool. Secondo voi è zolfo affiorante? Ho un po' di timore ad usare carta abrasiva essendo la prima volta :roll:. Grazie mille.

Avatar utente
PeppePipes
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1056
Iscritto il: sabato 12 ottobre 2013, 21:29
La mia penna preferita: Conklin Endura sapphire Sr
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Ku-Jaku
Misura preferita del pennino: Obliquo
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da PeppePipes » domenica 8 luglio 2018, 16:37

Stilo80 ha scritto:
sabato 7 luglio 2018, 16:44
Grazie mille.
Le sostanze che hai indicato per pulire la penna mi chiedo se possono funzionare anche con le venature che mi ha dato l'alcool. Non ho idea di che roba sia, sembrano fratture messe in evidenza dall'alcool. Secondo voi è zolfo affiorante? Ho un po' di timore ad usare carta abrasiva essendo la prima volta :roll:. Grazie mille.
Non avere nessuna remora: le gradazioni indicate si usano tranquillamente anche per togliere i graffi dai "vetri" in plastica degli orologi.
Immagino che le striature bianche siano oggetto dell'alterazione della celluloide, che l'alcol parzialmente scioglie ma anche altera.
Usa la carta abrasiva bagnata e se vuoi renderla ulteriormente più "gentile" passaci del sapone solido da panni.
L'importante è non concentrare troppo l'azione sulla sola zona alterata ma "sfumarla" allargando la parte trattata.
La curiosità è madre dell'interesse. Una vita senza interessi è una vita in stato comatoso.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da Stilo80 » domenica 8 luglio 2018, 23:24

Gentilissimo. Proverò al rientro dalle ferie armato di calma e delle dritte. Grazie!

andytwohands
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 86
Iscritto il: venerdì 17 marzo 2017, 22:03

Aiuto Aurora 88

Messaggio da andytwohands » sabato 14 luglio 2018, 10:10

scusate se mi intrometto... intanto complimenti per l'acquisto, l'aurora88 è in cima alla mia lista di penne desiderate e a 30€ secondo me hai fatto un grande affaare.

Detto questo, anche io i primi tempi ho immerso penne plastiche (ultima, una parker51) nell'alcol, mai avuto quei disastri. Forse dipende dal tipo di plastica, ma secondo il mio modesto e inesperto parere, quel danno potrebbe essere causato da qualche riparazione precedente?

Avatar utente
orsobruno
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 33
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2016, 10:30
La mia penna preferita: Aurora 88Big,PelikanM800,MB149
Il mio inchiostro preferito: gamma del nero, viola, marrone
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Aiuto Aurora 88

Messaggio da orsobruno » sabato 14 luglio 2018, 17:33

Informo, per chi non lo sapesse, che sul noto sito di vendita per corrispondenza si può comprare con una cifra intorno ai 10 €, una confezione di sei fogli abrasivi, usabili asciutti o umidi, di gradazione 3000, 5000, 7000. Con quest'ultima veramente si lucida a specchio la superficie, ovviamente precedentemente trattata in modi progressivo con carte abrasive partendo da gradazioni più basse: sperimentato di persona.
In bocca al lupo per l'esito dell'intervento di ripristino.

Rispondi