Pubblicità ingannevole?

Note storiche sulle penne stilografiche e sui loro produttori. Aneddoti e curiosità.
PenninoM
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 388
Iscritto il: domenica 7 aprile 2013, 21:30
La mia penna preferita: Non la posso avere? E' quella!
Il mio inchiostro preferito: Rohrer&Klingner Verdgris
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 057
Fp.it 霊気: 068
Località: Terni
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da PenninoM » giovedì 27 marzo 2014, 20:04

Irishtales ha scritto:In base a quale norma\definizione?
Il buon senso, al minimo devono essere decine di migliaia le penne prodotte perché si possano definire grandi quantitativi
Lorenzo
Immagine

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8776
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Irishtales » giovedì 27 marzo 2014, 20:15

Il buon senso è un fattore soggettivo: Il mio ad esempio dice che se si spaccia per vero un dato falso, si fa pubblicità ingannevole.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

PenninoM
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 388
Iscritto il: domenica 7 aprile 2013, 21:30
La mia penna preferita: Non la posso avere? E' quella!
Il mio inchiostro preferito: Rohrer&Klingner Verdgris
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 057
Fp.it 霊気: 068
Località: Terni
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da PenninoM » giovedì 27 marzo 2014, 20:53

Concordo, non si sta discutendo se sia o no una pubblicità ingannevole, chiunque non sia cieco e sordo lo capirebbe
Lorenzo
Immagine

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3036
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Phormula » martedì 1 aprile 2014, 16:51

Personalmente credo che al giorno d'oggi MB venda più roller e penne a sfera che stilografiche.

Fortunatamente ci sono ancora paesi in cui le penne stilografiche economiche (quelle sotto i 25 Euro) sono ancora molto diffuse e addirittura paesi come la Germania dove sono ancora richieste nelle scuole.
Questo permette ad aziende come Lamy, Schneider e Pelikan di prosperare. Basta fare due conti stile ascensore di Einstein. I tedeschi sono 80 milioni, quelli che frequentano la scuola dell'obbligo si possono stimare tra i 5 e i 10 milioni. Se anche uno su 5 compra una penna stilografica all'anno, vuol dire un mercato da almeno un milione di pezzi di penne scolastiche ogni anno.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8776
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Irishtales » martedì 1 aprile 2014, 17:02

Senza contare paesi emergenti come Cina e India, che da anni ormai hanno aziende attive anche sul mercato internazionale.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Orsobruno56
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 47
Iscritto il: giovedì 4 gennaio 2018, 8:18
La mia penna preferita: Pelikan M 900 Toledo
Il mio inchiostro preferito: Edelstein olivine
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cosenza
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Orsobruno56 » venerdì 2 febbraio 2018, 19:12

Buonasera. C'è un po' di verità in tutte le vostre posizioni. Se è vero, come è vero che Pelikan ha ripreso a produrre stilo di buona fattura e prezzo adeguato nel 1982 o giù di lì, lo ha fatto per inseguire M B. È incontestabile! A tenere aperta quella nicchia di mercato, appannaggio non di veri intenditori, ma del pubblico in genere, negli anni più critici rimase davvero solo M B, almeno con successo commerciale che vuol dire fare profitti, pagare gli operai e le maestranze, sopportare il fisco vorace..(si, vorace anche in Germania) e consentire a tecnici e operai specializzati di arrivare alla pensione, vivendo nel frattempo in modo onesto e decoroso. Non dubito poi che tra quegli operai, tecnici, stilisti ci siano stati in questi anni anche dei nostri connazionali.

Poi Aurora, Omas, è più recentemente altri produttori quali Delta, Monteverde, e in primis Visconti e Pelikan (con volumi produttivi non confrontabili) hanno imbroccato purtroppo un periodo critico. Ovvero la più grave crisi economica mondiale dal 1929! Ecco perché "uno su mille ce la fa" è in particolare c'è la fanno, pur con difficoltà i produttori giapponesi, tedeschi e ora cinesi. Non sarà un caso se Parker, Sheaffer, Waterman, diciamo, esistono ormai solo come marchio, non più come vere aziende. Omas non c'è più. Così Delta... Aurora è ancora miracolosamente viva, sia pur barcollante nonostante essa rappresenti per l'Italia una storica eccellenza!

Perciò a mio parere se la pubblicità scorretta ha garantito a M B la sopravvivenza, se le politiche commerciali di Pelikan non sempre trasparenti hanno permesso a quell'azienda tedesca di vivacchiare, dovremmo comprendere che si tratta di aziende commerciali, altrimenti destinate al fallimento o alla mera mercificazione cinese.

In sintesi "meno male che M B c'è" parafrasando una vecchia filastrocca politica !

Saluti a tutti e buona serata.

Giovanni :clap:

Avatar utente
Ironnib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 426
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2014, 23:56
Misura preferita del pennino: Fine

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Ironnib » mercoledì 14 marzo 2018, 13:03

Ingannevole nel senso stretto del termine non direi, piuttosto cialtrona.
E' un marchio che vive in quanto tale, non tanto come sostanza, e funziona appunto per i più superficiali che si bevono tutto quello che trovano basta che abbia un marchio blasonato, a prescindere dall'effettiva qualità.
MB ha attuato un markting formidabile e si è "guadagnata" titoli sproporzionati alla qualità effettiva: per primi hanno avuto l'ieda e l'iniziativa a si son "presi" il posto buono.
Vale per MB come per molti altri marchi in ambiti del tutto diversi: basta l'etichetta, la fama, e tutto vale come oro colato scavalcando critiche e verifiche (anche le più elementari).

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Musicus » mercoledì 14 marzo 2018, 19:00

Era un pò che la cercavo, la più spudorata bufala della Waterman d'antan... :mrgreen:
Siccome è gigantesca (cm.24x38 :o ) ed è già disponibile sul Wiki, l'ho ricomposta alla meno peggio perchè non dovrebbe proprio mancare in questo argomento...
WATERMAN - 5x. 1927-12-25 -L'Illustrazione Italiana Anno LIV- n.52, pagVI.jpg
WATERMAN - 5x. 1927-12-25. L'Illustrazione Italiana -
Anno LIV, n.52 pagVI

I ben informati affermano che il grande trasvolatore avesse con sè soltanto una matita... 8-)

:lol:

Giorgio

kircher
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 853
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da kircher » giovedì 15 marzo 2018, 10:19

Caro Giorgio, per verificare la plausibilità di questa "attestazione sponantea", dopo aver sperimentato la tenuta della Waterman 42 sugli sci, non ti resta che portarne una con te in un aereo senza cabina pressurizzata, tanto per vedere l'effetto che fa.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Musicus » giovedì 15 marzo 2018, 11:24

kircher ha scritto:
giovedì 15 marzo 2018, 10:19
Caro Giorgio, per verificare la plausibilità di questa "attestazione sponantea", dopo aver sperimentato la tenuta della Waterman 42 sugli sci, non ti resta che portarne una con te in un aereo senza cabina pressurizzata, tanto per vedere l'effetto che fa.
Ottimo suggerimento, Federico! :thumbup:
L'ho già fatto con una Pelikan100, ma mi riprometto di documentare passo passo (si dirà così anche per aria?!? :lol: ) a bordo dell'ultraleggero di un amico la trasvolata del....Lago Maggiore, se ti accontenti! :geek:
Basta che poi tu non mi chieda di replicare anche quest'altra mia Ad...
1928-08-Parker-Duofold.jpg
Ma se mi fornissi tu la Duofold, ci potrei anche provare!!!
:mrgreen:

Un caro saluto! ;)

Giorgio

Musashi
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 42
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 15:55
La mia penna preferita: Waterman Edson Green
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Sapphiro
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cagliari e Milano
Sesso:

Pubblicità ingannevole?

Messaggio da Musashi » domenica 10 giugno 2018, 0:45

É abbastanza comune che si cerchi di riallacciare uno strumento che in quel momento è vissuto come un'innovazione a imprese della tecnologia dell'epoca. Rolex fece di tutto, per dimostrare che il primo Oyster non temeva l'acqua, assoldando sottomarini, nuotatrici celebri e mettendo in giro anche qualche leggenda su orologi ripescati dopo giorni che funzionavano ancora. Ma il esempio più classico è l'aggancio all'epopea spaziale americana, sfruttato dalla Omega che ancora ha, adorato dai collezionisti, il Moonwatch (indossato da Buzz Aldrin nella passeggata sul suolo lunare), e dalla Bulova, che aveva lanciato nel 1962 l'elettromeccanico a diapason Accutron (antenato dei quarzi, approssimando molto), utilizzato dai moduli lunari e dai piloti degli aerei X 15, che adottò proprio come slogan "L'orologio dell!era spaziale". In tutti questi casi il marketing, su una base vera, è la magnificazione del dato, a volte tirando le cose un po' per i capelli.
Così fa anche Mont Blanc a proposito della nota querelle sulla reale data di nascita della 149: e gli esperti sono in grado di smentire sonoramente, ma gli acquirenti non sono interessati per lo più all'opinione degli esperti, ma al marchio ed alla 'storia narrata' che comprano con esso, vera o aggiustata o semifalsa che sia (così come è ad es. abbastanza ricostruita la ascendenza di Moleskine, eppure l'appeal rimane). Cosicché anche alle case produttrici interessa più il numero del pubblico che il sapere degli esperti, e il modo per agganciare il pubblico è associare al marchio messaggi emozionali (ad es.: sa sempre, se usi Mont blanc sei di successo).
Il limite alla menzogna per ottenere un appeal evocativo è la pubblicità ingannevole, e talvolta si tratta di inganni su origine, provenienza e qualità del prodotto che hanno anche rilevanza penale. Quanto al profilo giuridico, però, mio avviso la bufala di MB sulla 'data di nascita' del modello 149 non incide affatto su caratteristiche rilevanti dell'ottimo prodotto, e perciò nemmeno interessa il Garante nè altre autorità per pubblicità ingannevole: l'inganno rilevante sulla data di fabbricazione riguarda il singolo pezzo (far apparire nuovi pezzi vecchi) e non la storia del modello.

Rispondi