Quale penna per inchiostri ferrogallici?

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da didons » sabato 13 gennaio 2018, 11:05

Ciao a tutti!
Stamattina con Lu pensavamo di andarci a comprare un inchiostro ferrogallico e ci siamo interrogate su quale penna usare a tal proposito. Consigli? :)

Avatar utente
Goldpen
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 168
Iscritto il: mercoledì 18 aprile 2012, 18:53
La mia penna preferita: Goldpen Delta Mezzanotte
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Tsuky-yo
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 068
Località: Isernia
Sesso:
Contatta:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Goldpen » sabato 13 gennaio 2018, 11:43

Io sceglierei una Lamy.
Al momento ho una Al-star caricata con i Diamine Shimmering (con glitter) e non si blocca mai!

Saluti

Laura

Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da didons » sabato 13 gennaio 2018, 12:30

Bella idea, potrei metterli su una Safari Umbra che ho preso qualche tempo fa.
Grazie :)

riccardo92
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: sabato 28 ottobre 2017, 15:35
La mia penna preferita: pointed nib pen
Il mio inchiostro preferito: walnut
Località: forlì
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da riccardo92 » sabato 13 gennaio 2018, 14:00

ciao! :) ma l'inchiostro ferro gallico non corrode il pennino in metallo data la sua acidità? non sono un esperto di stilografiche ma questo tipo di inchiostro lo uso con i pennini da intenzione... per esempio: per rimuovere lo strato protettivo del pennino contro la ruggine che mette azienda produttrice lo tolgo con una boccetta di inchiostro ferro gallico con 5ml dentro, metto il pennino per metà dentro l'inchiostro, dopo 5 secondi lo tiro fuori e lo asciugo, e con una sola intenzione ill pennino è passato da color bronzo al classico acciaio rimuovendo perfettamente lo strato protettivo... con il tempo (circa una settimana di uno semi intensivo) l'inchiostro ferro gallico è riuscito a rovinare anche il mio nikko G che ha la placcatura cromata (quindi molto resistenti)!! ripeto, io non ci capisco nulla di stilografiche se non il funzionamento in modo molto basilare, ma per esperienza l'inchiostro ferro gallico corrode moltissimo i metalli, magari senti il consiglio di uno più esperto di me in stilo, e spero di esserti stato utile..!!! :) :)
PS: l'inchiostro di ivano ziggiotti è buono ma decisamente molto molto acido!!!! (come tutti i ferrogallici)

Avatar utente
Lele15120
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 202
Iscritto il: martedì 3 gennaio 2017, 11:25
La mia penna preferita: Sailor Procolor 500 Shikisai
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Puglia
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Lele15120 » sabato 13 gennaio 2018, 14:08

Io so che dipende anche dall'inchiostro ferrogallico. Per esempio ho sentito che il R&K salix non dà problemi al contrario dello scabiosa. Ancora non posso dare un parere di prima persona perché il salix è nel carrello ma devo ancora ordinarlo (accumulo più cose).
Emanuele
Immagine

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 849
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Monet63 » sabato 13 gennaio 2018, 14:10

L'idea di usare una Lamy è ottima. Perché:
- se è vero (come è vero) che i ferrogallici possono essere più aggressivi dei normali inchiostri nei confronti dei pennini di acciaio (ma quelli moderni sono molto più delicati di un tempo), è anche vero che un minimo di manutenzione ridimensiona molto il problema, e le Lamy Safari (e analoghe) hanno la possibilità di essere lavate molto a fondo, smontandole facilmente ai minimi termini;
- se qualcosa va male (leggi: oddiomio ho dimenticato la penna carica per due anni, e ora??) la tua tranquillità passa per un nuovo pennino (ammesso di averne bisogno), che si trova facilmente come ricambio a prezzi ragionevolissimi (5 euro), e si cambia più velocemente di un refill per penna a sfera.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da didons » sabato 13 gennaio 2018, 14:29

Che Lamy Safari sia allora :)
Grazie mille, caricherò la mia Umbra con un ferrogallico marrone (ne ho trovata una boccetta a poco prezzo) e vi farò sapere le mie impressioni nel tempo

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1019
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Pettirosso » sabato 13 gennaio 2018, 19:37

Beh, c'è ferrogallico e ferrogallico.
Quelli stilografici attualmente in commercio dovrebbero essere abbastanza "gentili" con le penne.
La mia personale esperienza si ferma ai due R&K.
L'unico problema che mi ha dato il Salix (ma parlo di anni di uso ininterrotto) è stata la parziale corrosione della placcatura del pennino (Papermate Dynasty): cosa da prevedersi (resistono bene solo i pennini in oro). Per il resto nulla, e la penna continua a scrivere benissimo.
Lo Scabiosa è un po' più capriccioso, ha qualche tendenza ad intasare la penna, ma nulla che non si possa risolvere con una accurata pulizia.
Quindi le Lamy Safari / Al Star sono l'ideale: il pennino non è placcato :D (e poi, al più, con pochi euro lo sostituisci).
A proposito: puoi/potete poi indicare la marca dell'economico ferrogallico marrone? Quasi quasi ci farei un pensierino...

Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 637
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da sciumbasci » sabato 13 gennaio 2018, 20:07

Ma una volta non erano sempre quasi tutti ferrogallici? La gente non si faceva tanti patemi d'animo e li usava.
Io personalmente uso solo ESSRI su tutte le (poche) penne che ho, basta solo lasciarlo senza mai pulire la penna

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7197
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Ottorino » sabato 13 gennaio 2018, 22:51

Nessuno ha mai usato un ferrogallico a lungo su una penna antica ?
Che so ?
una 51, una Balance, una Vacumatic, ;) ....
Non vedo parti contenenti metalli aggredibili a contatto con l'inchiostro
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
Mauro78
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 134
Iscritto il: giovedì 7 settembre 2017, 13:45
La mia penna preferita: Visconti Rembrandt
Il mio inchiostro preferito: blue/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Marche
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Mauro78 » sabato 13 gennaio 2018, 23:27

io ho usato il salix con una pelikan m215 e non ho avuto alcun problema. Nemmeno lasciando la pena inusata per qualche giorno. Non credo che gli inchiostri ferogallici, almeno quelli della R&K, diano problemi alle nostre penne.

Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da didons » domenica 14 gennaio 2018, 0:59

Per ora ho provato il ferrogallico su una Lamy e su una Jinhao X750, ma questi inchiostri -questo che ho usato prodotto secondo una ricetta medioevale da un negozio fiorentino- in effetti avrebbero molto più fascino usati su una vintage! Bisognerebbe provare e prima o poi conto di farlo. Domani scriverò una piccola recensione su questo marrone che ho provato con indicazioni della marca.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1019
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Pettirosso » domenica 14 gennaio 2018, 12:55

Ora che Ottorino me l'ha fatto tornare in mente (sapete com'è, con l'età, la memoria...): durante tutto il liceo io ho scritto con una Aurora 88 caricata con Pelikan blu/nero (bottiglia da 1 litro, la ricordo ancora, anche se purtroppo non l'ho più ritrovata). Mi pare proprio che in allora fosse sicuramente ferrogallico. Mi ha fedelmente accompagnato fino agli scritti della maturità, poi (prima degli orali) la guarnizione del pistone ha ceduto. Qualche anno fa l'ho fatta rimettere in ordine, ed ora (dopo oltre 40 anni) è di nuovo pronta a scrivere. Nessun danno riportato dal pennino (ovviamente, è in oro), né dall'alimentatore, né da altre parti.
Che poi la guarnizione abbia ceduto non è detto sia da imputarsi al ferrogallico: era un po' il tallone d'Achille delle 88. E teniamo conto che la poverina si è bevuta litri di inchiostro, è stata perennemente inchiostrata per anni e con una cura ed una manutenzione molto approssimative (non ricordo di averla mai neppure lavata una volta :oops: , o, se l'ho fatto, l'ho fatto così frettolosamente che ora non me ne ricordo più).

Avatar utente
Misso
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 48
Iscritto il: venerdì 31 gennaio 2014, 12:34
La mia penna preferita: MB 254 / Omas ExtraLucens
Il mio inchiostro preferito: Blu-Nero / Salix
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Parma

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da Misso » domenica 14 gennaio 2018, 13:51

A me lo Scabiosa ha ridotto così il pennino di una Pelikan Jazz...
Immagine

claudio54
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 129
Iscritto il: venerdì 28 aprile 2017, 12:50
La mia penna preferita: Waterman per ragioni affettive
Il mio inchiostro preferito: da definire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Quale penna per inchiostri ferrogallici?

Messaggio da claudio54 » martedì 16 gennaio 2018, 17:49

Goldpen ha scritto:
sabato 13 gennaio 2018, 11:43
Io sceglierei una Lamy.
Al momento ho una Al-star caricata con i Diamine Shimmering (con glitter) e non si blocca mai!
posso sapere la misura del pennino (a me piacciono ed ho solo EF)

Rispondi