la mia Vera

Presentazione e caratteristiche della Fp.it Vera e delle iniziative ad essa collegate.
Rispondi
Godowsky1930
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: domenica 25 settembre 2016, 17:52
La mia penna preferita: Dupont linea 1
Il mio inchiostro preferito: Rohrer
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it Vera: 005
Località: Milano
Sesso:

la mia Vera

Messaggio da Godowsky1930 » lunedì 6 novembre 2017, 19:21

La mia Vera rossa con finiture in rodio , pennino fine, n.05 è arrivata oggi. Bella, leggera in mano , ben bilanciata , mi ricorda la Conklin Duragraph e qualcosa della Duofold prima serie. D'altronde si ispira alle flat top di un'altra epoca. Scrive benissimo senza false partenze e incertezze , mi ricorda la Parker 75 come scrittura. Il pennio fine è un fine corposo un fine -medio. Ringrazio chi ha seguito il controllo di qualità; dovrebbe ssere assunto da più di una nota casablasonata che fabbbricano penne accattivanti , qualche volta belle , altre volte di cattivo gusto , ma spesso con problemi di scrittura , comunque non all'altezza del prezzo. Umberto

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2123
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

la mia Vera

Messaggio da alfredop » lunedì 6 novembre 2017, 19:26

Godowsky1930 ha scritto:
lunedì 6 novembre 2017, 19:21
La mia Vera rossa con finiture in rodio , pennino fine, n.05 è arrivata oggi. Bella, leggera in mano , ben bilanciata , mi ricorda la Conklin Duragraph e qualcosa della Duofold prima serie. D'altronde si ispira alle flat top di un'altra epoca. Scrive benissimo senza false partenze e incertezze , mi ricorda la Parker 75 come scrittura. Il pennio fine è un fine corposo un fine -medio. Ringrazio chi ha seguito il controllo di qualità; dovrebbe ssere assunto da più di una nota casablasonata che fabbbricano penne accattivanti , qualche volta belle , altre volte di cattivo gusto , ma spesso con problemi di scrittura , comunque non all'altezza del prezzo. Umberto
Insomma prende il meglio di penne del passato che hanno fatto la storia della stilografica. Concordo.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Rispondi