Polignano a Mare, 24-12-1943

La storia della grafia quotidiana dagli esempi di quaderni e scritti del passato
Rispondi
Nicodemo
Converter
Converter
Messaggi: 12
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 21:24

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Nicodemo » venerdì 10 febbraio 2017, 9:53

Sperando di incontrare il vostro interesse, vorrei condividere con voi una pagina, forse la più evocativa, di un quaderno delle elementari in mio possesso. Una copertina nera che custodisce spensierate giornate in campagna, analisi grammaticale, una tavola pitagorica ancora attorniata da fasci littori e la Luftwaffe che faceva paura, così tanta che la vigilia di Natale “deve nascere il Bambinello dalle tre alle quattro”. “Speriamo che […] porterà la pace”, aggiunge teneramente il mio piccolo concittadino.

In questo delicato scrigno di inchiostro Dante diventa un nome proprio femminile plurale, un dettato reca in calce “Edmondo de Amicissime” e tra gli esempi di nomi collettivi campeggia “squadrilia”.

La mano è dolce e allenata. Meno dolce è la mano dell’insegnante che sferza il foglio, intriso di sintassi e lessico dialettali.
Meravigliosi, neanche a dirlo.
Brano vigilia di Natale.jpg
PhotoScan (3).jpg
Dopo la lattura di questo piccolo tema mi perdo in un viaggio nello spazio e nel tempo. Piombo sulla vigilia di Natale del 1943 nella fredda Noci, a pochi chilometri dal mio attuale paese. Vedo mia nonna, al nono mese di gravidanza, stringersi nello scialle nero mentre "u chèpeguardjie" (trad. capo guardia) grida per le strade: "Stutuète i lusce!" (trad. spegnete le luci).
I viaggi, si sa, portano OT. Chiedo venia per la digressione. :)

Qui un esercizio che mi ha colpito per la forma e per la regolarità (ai miei occhi da neofita) del lemma "nome".
esercizio.jpg
Dulcis in fundo, fogli strappati preannunciano un salto in avanti di diversi anni. Uno zio (che porta il nome del padre del nostro piccolo autore) prepara in brutta copia una lettera al nipote per lenire la nostalgia di un soldato di leva. "Tanto la vita del soldato di oggi non è difficile come quella che abbiamo passato noi", il tenero tentativo dello scrivente di rendere la separazione meno dolorosa per sè e per il giovane soldato.
Lettera al fronte brutta copia.jpg
Grazie per l'attenzione e buona giornata a tutti. ;)

Avatar utente
blaustern
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1857
Iscritto il: domenica 16 giugno 2013, 20:55
La mia penna preferita: Pelikan M800 Burnt Orange
Il mio inchiostro preferito: Graf Faber Castell Cobalt Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 047
Località: Europa
Contatta:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da blaustern » venerdì 10 febbraio 2017, 10:33

La terza immagine mi ha fatto venire un tuffo al cuore!... sembra scritta da mia mamma :o
(proprio domani sono 32 anni che non c'è più...)
Geppina & Pelmingway

Avatar utente
Lele15120
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 195
Iscritto il: martedì 3 gennaio 2017, 11:25
La mia penna preferita: Sailor Procolor 500 Shikisai
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Puglia
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Lele15120 » venerdì 10 febbraio 2017, 10:39

Meravigliosi. Anche se ho 24 anni, sono sempre affascinato da queste cose.

Polignano, paese vicino noci... ora scopriamo di vivere a 10 km :o :mrgreen:

paki
Levetta
Levetta
Messaggi: 509
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2014, 16:15
La mia penna preferita: Pelikan M805 Stresemann
Il mio inchiostro preferito: Diamine 150th Blue Velvet
Misura preferita del pennino: Italico
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da paki » venerdì 10 febbraio 2017, 10:47

Grazie per la condivisione.
Il tema mi ha suscitato tenerezza. Dolcissimo il pensiero ai soldati, si evince come la guerra abbia stravolto la vita della gente. Anche mia nonna a volte ha raccontato della paura delle bombe, di luici spente o di candele messe nell'angolo più lontano dalle finestre, a loro volta coperte da panni per non far vedere la luce ai bombardieri.
Pasquale
Immagine
Immagine

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8735
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Irishtales » venerdì 10 febbraio 2017, 11:17

Grazie Nicodemo, davvero un bel contributo!
Interessante una particolarità della scrittura del piccolo alunno, che risulta inclinata a sinistra.
Un dettaglio non comune, di cui ricordo pochi esempi nei manuali e modelli di calligrafia (ricordo esempi simili sulla copertina di qualche Quaderno del Metodo Cobianchi, diffuso in altra area geografica), ma qui ci vorrebbe il supporto di Vivalapenna :)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Contax1961
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1558
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2014, 15:24
La mia penna preferita: Pelikan M140
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Contax1961 » venerdì 10 febbraio 2017, 11:29

Certo che guardando la bella scrittura di quel tempo, i contenuti e controntandola con quella di oggi...c'è da piangere!! è tanto se riescono a scrivere in stampatello senza un pc.. e non parlaimo dei contenuti...mio nipote si deve laureare a breve, ma quando leggo i suoi appunti mi sembra di essere in delle chat!! :(
Riccardo

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 582
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Silemar » venerdì 10 febbraio 2017, 12:16

Grazie Nicodemo.
Tanta emozione nel leggere queste pagine per il loro contenuto ma anche nel constatare quanto fosse più curata la grafia all'epoca. Spesso alcune persone (come mia madre) non riuscivano a studiare oltre la terza elementare eppure la loro scrittura era armoniosa e precisa.
Un documento toccante.

(Per Geppina: un abbraccio grande)
Laura

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 765
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Monet63 » venerdì 10 febbraio 2017, 12:23

Amo queste cose, grazie davvero.
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da ciro » venerdì 10 febbraio 2017, 16:09

Grazie infinite, di vero cuore.
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Alex65
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2016, 23:13
La mia penna preferita: Aurora 98 tempi del liceo
Il mio inchiostro preferito: Blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Bergamo
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da Alex65 » venerdì 10 febbraio 2017, 18:25

Bella memoria storica , grazie

Avatar utente
DerAlte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1132
Iscritto il: sabato 24 ottobre 2015, 22:17
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Catania
Sesso:

Polignano a Mare, 24-12-1943

Messaggio da DerAlte » venerdì 10 febbraio 2017, 23:38

grazie


.
Immagine

Rispondi