Una scrittura francese del 1925

La storia della grafia quotidiana dagli esempi di quaderni e scritti del passato
Rispondi
kircher
Levetta
Levetta
Messaggi: 733
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera
Sesso: Non Specificato

Una scrittura francese del 1925

Messaggio da kircher » martedì 14 giugno 2016, 7:30

Avere a che fare con gli archivi francesi è interassante per il persistere di scritture che derivano dalla "colata" sei-settecentesca. Quali siano però i modelli della scrittura che ho fotografato ieri non mi è chiarissimo (Francia, 1925)
IMG_20160613_111731899.jpg

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8484
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso: Uomo

Una scrittura francese del 1925

Messaggio da Irishtales » martedì 14 giugno 2016, 8:54

Grazie per averla pubblicata. Una domanda: la "colata" cos'è? :) Intendevi la Coulée?
La Coulée o Corsivo Francese ha in effetti conosciuto una grande fortuna per secoli, a partire dalla sua prima apparizione nel 1613, grazie all'opera di N. Gougenot. La sua diffusione avvenne però solo più tardi, a partire dal 1665, e da allora si è arricchita di almeno cinque derivazioni "specialistiche", in uso in ambienti diversi, come ad esempio la Coulée financiere.

Il suo successo in Francia assieme alla Ronde e alla Bâtarde, ha trovato ostacoli solo con la diffusione del Corsivo Inglese, del quale sembrano riscontrarsi forse alcuni elementi in questa grafia, a dire il vero abbastanza disordinata - notare l'inclinazione incostante, la forma volubile di alcune lettere, ad esempio le "t" - e quasi diritta.
Probabilmente, come già spiegato molto bene in un altro argomento da vivalapenna, anche in questo caso le molteplici influenze dovute all'ambiente in cui l'autore ha vissuto, hanno fatto in modo che si verificasse una contaminazione importante del modello di riferimento imparato a scuola. Che poi è ciò che accade di solito, oggi come allora.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

claudio54
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 48
Iscritto il: venerdì 28 aprile 2017, 12:50
La mia penna preferita: Waterman per ragioni affettive
Il mio inchiostro preferito: da definire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso: Uomo

Una scrittura francese del 1925

Messaggio da claudio54 » venerdì 12 maggio 2017, 16:24

somiglia molto alla mia normale grafia corsiva, le magliuscole sono uguali così come le "t" "b" "s" praticamente tutto, la mia è solo un po' "strascinata" tendo a non sollevare la penna dal foglio, specie se scrivo veloce nel qual caso "appiattisco" le "n" e "m" praticamente 'na schifezza :oops: però niente svolazzi
1925! non sono così vecchio, a me a scuola così l'hanno insegnata

Rispondi

Torna a “Evoluzione ed esempi di grafia quotidiana”