Auguri Pasquali

La storia della grafia quotidiana dagli esempi di quaderni e scritti del passato
Rispondi
Avatar utente
ricart
Levetta
Levetta
Messaggi: 585
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: Pelikan 120
Il mio inchiostro preferito: Ora: Waterman blu-nero
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: Porpetto (UD)
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da ricart »

Voglio farvi vedere come scrivevo quando ero in seconda elementare (si chiamava così) in questa letterina di auguri che ho trovato in una vecchia busta nella solita soffitta. Allora si usava il pennino con la cannuccia e si intingeva nel calamaio in vetro inserito in un'asola ricavata nel banco. Questo era biposto, fatto in legno e dipinto in nero. Il piano inclinato si sollevava per custodire i quaderni e il "sillabario". Quando qualche compagno più turbolento urtava il banco erano guai perché dal calamaio, senza tappo, usciva un'onda nera gigantesca che inondava tutto quaderni, libri e tutto quello che trovava nel percorso. Mi ricordo che assistevo meravigliato alla "magia" della maestra che, dopo aver riempito alla fontana un bottiglia, inseriva una polverina e l'acqua diventava nera. Questo della lettera è un bel nero che, dopo tutti questi anni, è ancora tale ma altre volte, dopo pochi giorni, virava sul marrone scuro.
202006291234_0001.jpg
202006291234_0002.jpg

Se ho mantenuto quelle promesse? In linea di massima direi di si, abbastanza.

inserisco anche la pagella, dello stesso periodo, per farvi vedere come scriveva la maestra quando compilava il documento.Anche lei usava il pennino, non mi ricordo che avesse una stlografica. Il papà firmava con la mia penna.
202006291235_0001.jpg
202006291235_0002.jpg
questa volta non mi sono preoccupato di violare la "privacy" :D

mandi
Riccardo

Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie (G.U.)

Avatar utente
codibugnolo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 8 maggio 2019, 14:15
La mia penna preferita: sailor 1911 large
Il mio inchiostro preferito: lo sto cercando
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (To)
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da codibugnolo »

Grazie Riccardo, qualche anno dopo, nel '62, c'ero anch'io, da noi passava il bidello a riempire i calamai....proprio un altro mondo.
Ah complimenti per la brillantissima pagella :thumbup:
γνῶθι σαυτόν, gnōthi sautón, conosci te stesso
giorgio

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 9087
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da Irishtales »

Bella pagella e bella grafia: più bella, direi, di quella della maestra!
Che tenero il biglietto di auguri, grazie di avercelo mostrato.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Silemar
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1201
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Jentle-Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da Silemar »

Quante cose sono cambiate in breve tempo. Forse anche troppo velocemente. Io facevo la seconda elementare dodici anni dopo e non c'era più traccia di quei calamai (almeno nella mia scuola). La letterina è deliziosa e molto devota. :)
Laura

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1978
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da rolex hunter »

ricart ha scritto: Mi ricordo che assistevo meravigliato alla "magia" della maestra che, dopo aver riempito alla fontana un bottiglia, inseriva una polverina e l'acqua diventava nera
Probabilmente usava una di queste "polverine"
IMG_20200202_105829.jpg
IMG_20200202_105723.jpg
IMG_20200202_105747.jpg
IMG_20200202_105659.jpg
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)
&...
I don't want to belong to any club that will accept people like me as a member (cit)

Avatar utente
AinNithael
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1299
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Auguri Pasquali

Messaggio da AinNithael »

Tutto molto bello, ma "siate sempre felici" ancor di più.
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
codibugnolo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 8 maggio 2019, 14:15
La mia penna preferita: sailor 1911 large
Il mio inchiostro preferito: lo sto cercando
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (To)
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da codibugnolo »

rolex hunter ha scritto:
lunedì 29 giugno 2020, 15:01

Probabilmente usava una di queste "polverine"
Non vedo l'iroshizuku fra quelli che proponi :lol:
γνῶθι σαυτόν, gnōthi sautón, conosci te stesso
giorgio

Dory
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 380
Iscritto il: lunedì 12 novembre 2018, 11:53
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Fiumicello (UD)
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da Dory »

Una testimonianza preziosa. Da memorie famigliari (papà) nella scuola nel nostro paese passava la bidella, ma dell'inchiostro in polvere non ha mai accennato.
Dovremmo avere tutti una vita vista mare.
Immagine

Avatar utente
balthazar
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 363
Iscritto il: giovedì 28 febbraio 2019, 19:20
Località: Foggia

Auguri Pasquali

Messaggio da balthazar »

Da memorie mie: le suore avevano in un armadietto chiuso a chiave una bottiglia in vetro verde che serviva a riempire i calamai dei banchi (stessa tipologia di quelli descritti da Ricart, in legno, in un sol pezzo, verniciati di nero). Rocordo però nitidamente la marca "Gnocchi" su delle altre bottiglie custodite da una bidella.

p.s. grazie per aver condiviso i ricordi :D

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 13108
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Auguri Pasquali

Messaggio da maxpop 55 »

ricart ha scritto:
lunedì 29 giugno 2020, 14:34
Voglio farvi vedere come scrivevo quando ero in seconda elementare (si chiamava così) in questa letterina di auguri che ho trovato in una vecchia busta nella solita soffitta. Allora si usava il pennino con la cannuccia e si intingeva nel calamaio in vetro inserito in un'asola ricavata nel banco. Questo era biposto, fatto in legno e dipinto in nero. Il piano inclinato si sollevava per custodire i quaderni e il "sillabario". Quando qualche compagno più turbolento urtava il banco erano guai perché dal calamaio, senza tappo, usciva un'onda nera gigantesca che inondava tutto quaderni, libri e tutto quello che trovava nel percorso. Mi ricordo che assistevo meravigliato alla "magia" della maestra che, dopo aver riempito alla fontana un bottiglia, inseriva una polverina e l'acqua diventava nera. Questo della lettera è un bel nero che, dopo tutti questi anni, è ancora tale ma altre volte, dopo pochi giorni, virava sul marrone scuro.

202006291234_0001.jpg
202006291234_0002.jpg


Se ho mantenuto quelle promesse? In linea di massima direi di si, abbastanza.

inserisco anche la pagella, dello stesso periodo, per farvi vedere come scriveva la maestra quando compilava il documento.Anche lei usava il pennino, non mi ricordo che avesse una stlografica. Il papà firmava con la mia penna.

202006291235_0001.jpg
202006291235_0002.jpg

questa volta non mi sono preoccupato di violare la "privacy" :D

mandi
Meravigliosi ricordi. :thumbup:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi

Torna a “Evoluzione ed esempi di grafia quotidiana”