Pergamene del '200 e del '300

La storia della grafia quotidiana dagli esempi di quaderni e scritti del passato
Rispondi
Avatar utente
lucaparte
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 248
Iscritto il: lunedì 25 marzo 2019, 9:11
La mia penna preferita: quella che non ho ancora perso
Località: Venezia
Sesso:

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da lucaparte » mercoledì 5 giugno 2019, 17:29

Questi sono alcuni particolari dei documenti dell'Archivio di Stato di Mantova che ho analizzato in un lavoro, che allego, presentato dalla Società di Studi Storici di Correggio presentato presso il Palazzo dei Principi nel 2009, atti (coi documenti di cui sopra e altri) pubblicati nel 2010 a cura di detta Società di Studi Storici: in che stile sono? Cosa dite della scrittura, del supporto? Bella la pergamena con le cuciture!
CIMG1545.JPG
CIMG1315.JPG
Luca

fifty years after

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11411
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 5 giugno 2019, 18:15

Ciao Luca, scrittura molto interessante. :thumbup:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 997
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da courthand » giovedì 6 giugno 2019, 18:13

Caro Luca,

rispondere alla tua domanda richiede delle competenze che travalicano le mie conoscenze: anch'io sono un dilettante che per mestiere fa tutt'altra cosa.

Potrei avanzare l'ipotesi che si tratti di scritture corsive in cui si notano degli elementi ereditati dalla Minuscola Carolina, ma potrebbe essere una grossa castroneria. Certo è che nella redazione di atti legali presso notai del luogo non veniva usata una scrittura formale e che spesso si catalogano queste forme calligrafiche come "scritture bastarde"che si evolvono nel tempo assorbendo elementi dal tipo di scrittura formale in auge al momento: in effetti alcuni elementi presenti nella prima pergamena non si ritrovano nella seconda, redatta circa ottant'anni dopo.

Per quanto riguarda il tuo elaborato devo dire di averlo letto attentamente e di essere rimasto colpito: ad un certo punto hanno cominciato ad emergere dalla parola scritta immagini di personaggi, di famiglie e dei loro affari, di vite vissute centinaia di anni fa ma tramandateci nella loro quotidianità da atti notarili. Lo stesso effetto che mi fa il trovare qualche nota di margine in cui un oscuro monaco si lamenta del crampo dello scrittore o del freddo che fa nello scriptorium. Mi emoziona. E non è poco.
Bene qui latuit bene vixit

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8915
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da Irishtales » giovedì 6 giugno 2019, 18:47

Grazie anche da parte mia per avere condiviso le interessanti immagini, molto suggestive.
Ho provveduto a spostare l'argomento nella Sezione più idonea.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

DavideSGT
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 112
Iscritto il: lunedì 4 aprile 2016, 11:50
Il mio inchiostro preferito: Waterman Bleu Mystère
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da DavideSGT » giovedì 6 giugno 2019, 19:09

mi accodo ai ringraziamenti di chi mi ha preceduto rivolti a Luca.
La scrittura, la storia e le storie, si intrecciano e noi posteri percepiamo, quasi vivendoli, i fatti.

Leggerò con piacere il tuo scritto e quanto mi emozionano M. Bloch in bibliografia e Dag Norberg in nota :thumbup:
"...quando Larsonneau tirò fuori dalla tasca dove teneva la bomboniera, due oggetti meravigliosi: una penna d'argento, che poteva allungarsi per mezzo di una vite, ed un calamaio d'acciaio ed ebano, fine e delicato come un gioiello..."
Immagine

Avatar utente
lucaparte
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 248
Iscritto il: lunedì 25 marzo 2019, 9:11
La mia penna preferita: quella che non ho ancora perso
Località: Venezia
Sesso:

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da lucaparte » venerdì 7 giugno 2019, 8:53

Grazie a tutti voi (anche per il riposizionamento nel giusto settore). Come scrive Alessandro, è davvero un'emozione saper leggere cosa c'è dietro le carte, specie quelle che per secoli sono state scritte a mano, da notai ciascuno con le sua scrittura, da preti con annotazioni su monotoni libri parrocchiali: le carte cantano davvero. Quanto alle pergamene in questione, effettivamente non sono cancelleresche, quindi lo stile è diverso per ciascun autore, e sono scritte per un piccolo signore tardofeudale e i suoi vassalli. Sullo stile bastardo, nella mia esperienza, il peggiore e spesso quasi illeggibile (parlo di notai nel contesto medio padano, sopratutto, e di parroci, ma anche di documenti veneziani, gonzagheschi ed estensi), è proprio del '500: forse si erano persi riferimenti stilistici? Quello del '200 è semplicissimo, in confronto. Ancora grazie e scusate se vi ho sottoposto (quasi 'costretto' però!) letture un po' particolari
Luca
Luca

fifty years after

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 997
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

Pergamene del '200 e del '300

Messaggio da courthand » sabato 8 giugno 2019, 18:25

Macché costretto, é stato un vero piacere!
Bene qui latuit bene vixit

Rispondi