Elenco inchiostri cancellabili

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
ghostrider
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: venerdì 29 aprile 2011, 16:04
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Andria

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da ghostrider » giovedì 22 settembre 2011, 18:19

Non so se questo post possa interessare anche agli altri. Quando scrivo con la mia stilografica utilizzo prevalentemente il Pelikan 4001Royal Blue che è cancellabile con il Pelikan Super Pirat; tale caratteristica, anche se non permette la scrittura di documenti ufficiali, è molto comoda perché mi permette di correggere rapidamente gli errori durante la scrittura in bella copia degli appunti universitari.

Sarebbe bello se in questo topic facessimo un elenco di tutti gli inchiostri cancellabili delle varie marche, in modo da poter scegliere il migliore inchiostro e/o la migliore tonalità di colore.

Domenico

Inizio io:
- Pelikan 4001 Royale Blue

Avatar utente
Daniele
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 2215
Iscritto il: giovedì 18 agosto 2011, 9:47
La mia penna preferita: Quelle del Forum!
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 000
Arte Italiana FP.IT M: 000
Fp.it ℵ: 000
Fp.it 霊気: 000
Fp.it Vera: 000
Località: Roma
Sesso:

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Daniele » giovedì 22 settembre 2011, 20:04

La maggior parte degli inchiostri Royal Blue delle varie marche sono cancellabili in quanto concepiti per l'uso scolastico.
Daniele

Memento Audere Semper
(Gabriele D'Annunzio)

ghostrider
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: venerdì 29 aprile 2011, 16:04
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Andria

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da ghostrider » giovedì 22 settembre 2011, 20:17

Dany1974 ha scritto:La maggior parte degli inchiostri Royal Blue delle varie marche sono cancellabili in quanto concepiti per l'uso scolastico.
Si, però poiché Aziende non li chiamano Royal Blu, volevo fare una raccola dei nomi precisi che ogni Casa affibia.

Domenico

Avatar utente
Daniele
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 2215
Iscritto il: giovedì 18 agosto 2011, 9:47
La mia penna preferita: Quelle del Forum!
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 000
Arte Italiana FP.IT M: 000
Fp.it ℵ: 000
Fp.it 霊気: 000
Fp.it Vera: 000
Località: Roma
Sesso:

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Daniele » giovedì 22 settembre 2011, 20:21

ghostrider ha scritto:
Dany1974 ha scritto:La maggior parte degli inchiostri Royal Blue delle varie marche sono cancellabili in quanto concepiti per l'uso scolastico.
Si, però poiché Aziende non li chiamano Royal Blu, volevo fare una raccola dei nomi precisi che ogni Casa affibia.

Domenico
Ok Domenico. ed elenco sia:

Aurora Blue,
Boss Blue,
Campo Marzio Blu,
Caran d'Ache Blue,
Cartier Blue,
Conway Stewart Navy Blue,
Delta Blue,
Dupont Royal Blue,
Faber Castell Blue,
G. Gnocci Blue,
J. Herbin Bleu Myosotis,
Lamy Blue,
MontBlanc Blue,
Montegrappa Blue,
Pelikan 4001 Royal Blue,
Platignum Blue,
Reform Blue,
Rotring Royal/Paris Blue,
Rubinato Blue,
Senator Blue,
Sheaffer Skrip Blue,
Stipula Blu della Robbia,
Visconti Lapis Blue,
Waterman Florida Blue.
Daniele

Memento Audere Semper
(Gabriele D'Annunzio)

ghostrider
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: venerdì 29 aprile 2011, 16:04
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Andria

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da ghostrider » sabato 24 settembre 2011, 12:45

Grazie mille Daniele :D

Avatar utente
Alexander
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2606
Iscritto il: sabato 19 novembre 2011, 12:24
La mia penna preferita: Sailor 1911 Standard Black HT
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Catania

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Alexander » giovedì 19 aprile 2012, 1:20

Ho trovato oggi, per puro caso, il Super Pirat in una cartoleria.
Dato il costo irrisorio ho voluto acquistarlo, sia per provarlo, sia per avere un utile strumento di correzione degli errori in caso di necessità.
Con il Parker Quink ho notato però che, una volta passato il Super Pirat sulla carta, non è più possibile scriverci sopra.
Vi risulta che questo comportamento sia una caratteristica del solo parker (magari perché è un inchiostro molto economico) oppure è proprio il Pirat a fare terra bruciata dove passa, come Attila?
"Ho dei gusti semplicissimi: mi accontento sempre del meglio"
O. Wilde

Avatar utente
Alexander
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2606
Iscritto il: sabato 19 novembre 2011, 12:24
La mia penna preferita: Sailor 1911 Standard Black HT
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Catania

Re: Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Alexander » giovedì 19 aprile 2012, 1:27

Mi rispondo da solo:

http://blog.shopwritersbloc.com/fountai ... cator.html

Non è più possibile scrivere su quella zona di carta interessata dal suo passaggio.. ecco perché al lato opposto ha una punta blu: perché con essa si può scrivere indelebilmente anche sulle zone colpite dall'ira funesta del Pirat!
"Ho dei gusti semplicissimi: mi accontento sempre del meglio"
O. Wilde

Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 746
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Mightyspank » lunedì 12 marzo 2018, 13:21

Rispolvero questo vecchio argomento per avere un vostro consiglio sulle tinte più interessanti (umanamente reperibili) nel campo dei blu cancellabili, dato che vorrei acquistare una boccetta alternativa al Pelikan.
Eviterei quindi i blu violacei stile 4001.
Grazie!
Ultima modifica di Mightyspank il lunedì 12 marzo 2018, 14:00, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8798
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Irishtales » lunedì 12 marzo 2018, 13:38

Personalmente apprezzo molto il colore del Lamy blu cancellabile. Da non confondere con il blu-nero.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1073
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Orlandoemme » lunedì 12 marzo 2018, 15:03

Irishtales ha scritto:
lunedì 12 marzo 2018, 13:38
Personalmente apprezzo molto il colore del Lamy blu cancellabile. Da non confondere con il blu-nero.
Anche io.
Lo uso per l'agenda, dove tra spostamenti e annullamenti, il poter cancellare è un bel plus.
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1073
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Orlandoemme » lunedì 12 marzo 2018, 15:04

Daniele ha scritto:
giovedì 22 settembre 2011, 20:21
ghostrider ha scritto:
Si, però poiché Aziende non li chiamano Royal Blu, volevo fare una raccola dei nomi precisi che ogni Casa affibia.

Domenico
Ok Domenico. ed elenco sia:

Aurora Blue,
Boss Blue,
Campo Marzio Blu,
Caran d'Ache Blue,
Cartier Blue,
Conway Stewart Navy Blue,
Delta Blue,
Dupont Royal Blue,
Faber Castell Blue,
G. Gnocci Blue,
J. Herbin Bleu Myosotis,
Lamy Blue,
MontBlanc Blue,
Montegrappa Blue,
Pelikan 4001 Royal Blue,
Platignum Blue,
Reform Blue,
Rotring Royal/Paris Blue,
Rubinato Blue,
Senator Blue,
Sheaffer Skrip Blue,
Stipula Blu della Robbia,
Visconti Lapis Blue,
Waterman Florida Blue.
ecco... provocare Daniele sui blu ....
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 216
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Lamy » lunedì 12 marzo 2018, 16:30

Thread utilissimo dato che sto cercando inchiostri non cancellabili per gli esami! Vedo che sono tanti quelli da escludere...

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1032
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Pettirosso » lunedì 12 marzo 2018, 20:47

Io la metterei così:
Di norma gli inchiostri stilografici sono tutti cancellabili (è il loro pregio o il loro tallone d'Achille, a seconda dei punti di vista).
Poi, fra i cancellabili, ci sono quelli PIU' cancellabili e quelli MENO cancellabili (ovvero quelli che si dileguano appena vedono una goccia di acqua o un raggio di sole (per non parlare di solventi specifici), e quelli che comunque, almeno parzialmente, pur scolorandosi, un poco resistono).
Se ti serve qualcosa che duri nel tempo (partendo dal presupposto che comunque nulla è eterno) e sia inattaccabile da acqua, luce ed agenti chimici devi andare o sui ferrogallici o su quelli a nanopigmenti.
Poi la cosa è ancora più variegata: resistenza nel tempo, all'acqua, alla luce, agli agenti chimici non sono la stessa cosa, un inchiostro più avere solo una o più di queste caratteristiche.
La scelta è molto ampia; per esami universitari, senza spendere una fortuna e parlando di inchiostri qui facilmente reperibili, ti potrei consigliare dei semplici ferrogallici (ad esempio quelli della R&K, Salix e Scabiosa, che sono i più economici), con qualche precauzione in più per la penna.

Andre77
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: martedì 27 febbraio 2018, 15:39
La mia penna preferita: Aurora Ipsilon
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Aosta
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Andre77 » martedì 13 marzo 2018, 8:51

Pettirosso ha scritto:
lunedì 12 marzo 2018, 20:47
con qualche precauzione in più per la penna.
ciao Pettirosso, nel senso che il rischio è quello di rovinare l'alimentatore?
Grazie

andrea

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1032
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Elenco inchiostri cancellabili

Messaggio da Pettirosso » martedì 13 marzo 2018, 13:10

Più che l'alimentatore, il pennino: se è in acciaio tende a corrodersi, se è placcato la placcatura tende a venire via (PH molto acido). Gli unici sicuri sono quelli in oro.
L'alimentatore può tendere ad intasarsi, ma è già più raro.
Ti parlo comunque di un uso continuo prolungato per molti mesi, e poi i ferrogallici moderni sono già abbastanza sicuri. Il consiglio che viene dato è comunque quello di una maggiore frequenza nella pulizia della penna: accurato lavaggio completo (senza smontarla) ogni 2/3 ricariche, e stare attenti che l'inchiostro non secchi mai nella penna (mai lasciarla scarica senza averla prima lavata).
Io personalmente ho usato per anni il R&K Salix su una Papermate Dynasty: il pennino (placcato) ha perso parte della placcatura, ma a parte questo continua a scrivere benissimo e non si è mai intasata. Poi ho risolto caricandolo (lui e lo Scabiosa) su vecchie Parker economiche ma con pennino in oro: non ho più avuto problemi.
Gli inchiostri a nanopigmenti (oramai molto diffusi: Sailor, R&K, De Atramentis, ecc.) non hanno questo problema, hanno colori molto più vivaci ma sono anche decisamente più cari. Da varie recensioni lette non dovrebbero creare problemi particolari, ma non ho esperienza diretta.
Tieni presente che l'unico modo per distruggere quasi sicuramente una stilografica è caricarla con inchiostro di china: a tutto il resto, in qualche modo, c'è rimedio... :D

Rispondi