Inchiostri Gnocchi

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Max1966
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 291
Iscritto il: sabato 7 dicembre 2013, 13:17
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Inchiostro Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Lugano
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da Max1966 » martedì 1 dicembre 2015, 22:39

Ah dimenticavo devo avere ancora in ufficio un paio di flaconi da litro della Gnocchi se non ricordo male dovrebbero essere Nero, Blu e Rosso, se noi li ho buttati via.
Domani controllo.
«Un uomo ha il diritto di stabilire in quale momento la sua vita cessa d'essere utile»
M. Yourcenar
Massimo

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4758
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da vikingo60 » mercoledì 2 dicembre 2015, 0:23

Certamente che interesserebbe.
Quanto alla Vetrerie Foresta fornisce flaconi in vetro per vari prodotti, medicinali compresi, tutti molto belli.
Mi piacerebbe ritrovare qualche inchiostro simile a quello Gnocchi, se non proprio quello stesso della stessa gloriosa Ditta.
A quei tempi. 20 anni fa circa, mi fu detto, ma non so se è vero, che alla morte del fondatore, Alberto, i figli per disaccordi vari non vollero continuare l'attività dell'azienda.
Alessandro

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 990
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da analogico » mercoledì 2 dicembre 2015, 0:40

Purtroppo non sono rari i casi di aziende e marchi che spariscono per dissidi familiari tra gli eredi del capostipite.
Scavando nei ricordi mi viene in mente una boccetta di un inchiostro, sempre presente sulla scrivania di mio padre, che non ne sono certo, ma mi pare si chiamasse Plinio o qualcosa di simile.
(Alessandro, non ho ben capito se saresti interessato all'inchiostro Gnocchi tipo quello che ho ritrovato io, nel caso non avrei problemi a comprarlo per te e spedirtelo).
Antonio

"L'unico uomo felice è il collezionista."
( J.W. Goethe )

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4758
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da vikingo60 » mercoledì 2 dicembre 2015, 8:01

Ti ringrazio molto, ma per motivi di lavoro sono contento ad usare solo il colore nero, che non credo si trovi più. Da scolaro usavo invece il blu e il blu/viola.
Alessandro

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3240
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da Phormula » mercoledì 2 dicembre 2015, 8:19

Le Vetrerie Foresta forniscono anche i calamai Diamine.

Temo che una formulazione di inchiostro degli anni '70 o antecedente sia difficilmente commerciabile su larga scala oggi.
Ricordo di avere in un manuale alcune formulazioni di inchiostri e non credo si potrebbero permettere sul mercato con le regole odierne, se non in piccole quantità, che possono essere commercializzate in deroga. Nel frattempo le normative si sono fatte molto severe, certi conservanti o coloranti che potrebbero essere inalati o finire sulle dita e quindi essere assorbiti dalla pelle, oggi non sono più ammessi per questo uso.
L'unica eccezione è appunto una produzione artigianale in piccolissime quantità.

Sarei curioso di sapere se il marchio Gnocchi è sparito con la chiusura della fabbrica di via Giambellino o se qualcuno lo ha rilevato e lo utilizza per una piccola produzione.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Max1966
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 291
Iscritto il: sabato 7 dicembre 2013, 13:17
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Inchiostro Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Lugano
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da Max1966 » mercoledì 2 dicembre 2015, 22:22

Mi sto informando sia dalla V.I.F. che da Alessi Inchiostri, vediamo cosa mi dicono.
La Gnocchi ha cominciato ad andare male (faceva fatica a pagarci e non solo noi) alcuni anni prima della chiusura, poi la grossa evoluzione nella cancelleria a negli inchiostri ha peggiorato le cose. Nastri, tamponi, timbri, inchiostri sono progressivamente spariti dagli uffici. Le commesse ministeriali sono diminuite anch'esse, erano i fornitori dello stato per timbri ed inchiostri, soprattutto quelli usati durante le votazioni, questo cambiamento e la non capacità-volontà di adattarsi al mercato hanno mandato,l'azienda in crisi.
La V.I.F. è una piccola vetreria, di nicchia, un mio piccolo cliente, si tratta sia la vetreria farmaceutica e anche qualche articolo di cosmetica. I calamai derivano da flaconi della cosmetica sostanzialmente a parte le grosse case che si fanno fare produzioni con stampi propri.
Cerco in campionario i vecchissimi calamai con il tappo,in vetro smeriglio, non quelli trasparenti ma in vetro ambrato, spero di non averli buttati.

Per intenderci alcuni calamai erano fatti così, rispetto alla foto in miniatura
image.jpeg
«Un uomo ha il diritto di stabilire in quale momento la sua vita cessa d'essere utile»
M. Yourcenar
Massimo

netosaf
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 423
Iscritto il: giovedì 31 dicembre 2015, 9:04
La mia penna preferita: Omas extra lucens
Il mio inchiostro preferito: tutti i blue
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 054
Località: Pistoia
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da netosaf » lunedì 4 gennaio 2016, 11:31

Mi inserisco per parlare brevemente dell'inchiostro Gnocchi violetto che ho da tantissimi anni e che ogni tanto uso con piacere.
All'epoca in cui lo acquistai non pensai di prendere anche altri colori anche perché mi ricordo che era considerato il migliore nel viola.
Ma ormai si parla di oltre 25 anni fa ....
Comunque per quanto mi possa render conto non sembra essere evaporato più di tanto.
Inserisco una foto perché anche la confezione è particolarmente vintage
IMG_9824gnocchiweb.JPG

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4758
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da vikingo60 » lunedì 4 gennaio 2016, 15:01

Decisamente molto bella : è in vetro?
Alessandro

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 990
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da analogico » lunedì 4 gennaio 2016, 16:46

Il mese scorso sono riuscito a trovare l'ultima boccettina di viola Gnocchi in vendita presso il negozio di cui avevo dato conto in questa stessa discussione.
Non ho mai amato il colore viola in generale, di questo inchiostro in particolare mi ha sorpreso invece la tenuta all'acqua.
Ho scritto su un pezzettino di carta anche molto assorbente, l'ho messo in un bicchiere d'acqua per lungo tempo, poi l'ho tirato fuori e ci ho passato più volte il dito sopra, l'acqua non ha assunto neanche la minima sfumatura di colore, e le scritte sono integre, segno che l'inchiostro ha tenuto bene.
Non male per un inchiostro che, a quanto pare, ha diversi lustri sul groppone.
Allegati
CRW_0810.JPG
CRW_0812.JPG
CRW_0813.JPG
CRW_0814.JPG
Antonio

"L'unico uomo felice è il collezionista."
( J.W. Goethe )

gianka03
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 258
Iscritto il: domenica 27 settembre 2015, 17:29
La mia penna preferita: Aurora 88 big
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Venezia
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da gianka03 » domenica 10 gennaio 2016, 18:19

Buonasera a tutti gli amici del forum,
a proposito di inchiostro della ditta Gnocchi, qualcuno mi sa dare info riguardo questa boccettina di inchiostro che ho ritrovato nel fondo di un cassetto ?
Grazie
Allegati
20160110_181137.jpg
inchiostro gnocchi azzurro nero

Max1966
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 291
Iscritto il: sabato 7 dicembre 2013, 13:17
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Inchiostro Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Lugano
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da Max1966 » martedì 9 febbraio 2016, 21:30

Riprendo l'argomento.
Le informazioni che ho ricevuto sono le seguenti.
Il marchio Gnocchi non è stato rilevato da nessuno, un peccato perché da quello che ho saputo Giovanni Gnocchi iniziò la produzione di inchiostri a Milano nel 1876.
La data del fallimento risale al 2002 ma l'azienda chiuse molti anni prima.
Il vecchio fornitore dei calamai in vetro la V.I.F. mi ha confermato quanto sopra e gentilmente mi ha detto che forse ha ancora qualche calamaio a magazzino e che se li trova me li manda.
Il dipendente della Giovanni Gnocchi che ha aperto la Alessi Inchiostri, mi conferma anche lui che il marchio non esiste più ma che lui produce alcuni inchiostri stilografici su formulazioni Gnocchi.
«Un uomo ha il diritto di stabilire in quale momento la sua vita cessa d'essere utile»
M. Yourcenar
Massimo

Avatar utente
DerAlte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1132
Iscritto il: sabato 24 ottobre 2015, 22:17
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Catania
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da DerAlte » martedì 9 febbraio 2016, 21:41

Peccato, ho caricato una Sheaffer con inchiostro color seppia che, oltre ad essere un bel colore, ha il vantaggio di essere indelebile.
Aprendo la boccetta, però si sprigiona un odore che non ho mai sentito con nessun altro inchiostro, ed in misura minore si percepisce scrivendo.
Oltre ad essere caratteristico, non riesco a descriverlo con altri odori conosciuti.
Per inciso non è un odore sgradevole, anzi..
Nicolò
Ultima modifica di DerAlte il mercoledì 10 febbraio 2016, 0:30, modificato 2 volte in totale.
Immagine

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 990
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da analogico » martedì 9 febbraio 2016, 23:27

Ciao Nicoló , quell'odore era tipico degli inchiostri che utilizzavo tanti anni fa, nella mia memoria olfattiva é strettamente legato alla mia scuola elementare.
Non so da quale componente oggi non piú utilizzato veniva dato, ma a me piace moltissimo.
Stando alle notizie che ci porta Max , gli inchiostri Gnocchi che ho trovato potrebbero avere intorno ai 20 anni e anche piú, in tal caso devo dire che hanno retto alla grande, probabilmente erano davvero prodotti di alta qualitá.
Antonio

"L'unico uomo felice è il collezionista."
( J.W. Goethe )

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3240
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Re: Inchiostri Gnocchi

Messaggio da Phormula » mercoledì 10 febbraio 2016, 7:13

Probabilmente fenolo, canfora o formalina.
Erano conservanti molto usati in passato su molti prodotti.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Rispondi