Parker Quink

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Avatar utente
ASTROLUX
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 333
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da ASTROLUX » sabato 30 giugno 2018, 19:31

Domande elementari:

Il Parker Quink è permanente ?
Non ferrogallico ?

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1001
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da Pettirosso » sabato 30 giugno 2018, 19:45

Direi risposta negativa ad entrambe le domande: è un normalissimo inchiostro stilografico, come Pelikan, Aurora, Visconti, ecc.
L'unica cosa che potrei aggiungere sul blu è che c'è anche il "lavabile": in questo senso si potrebbe parlare anche di un blu "permanente" (contrapposto a "lavabile"), ma non perché abbia le caratteristiche di un vero inchiostro permanente.
Ci vuoi inchiostrare la Optima?

Avatar utente
ASTROLUX
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 333
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da ASTROLUX » sabato 30 giugno 2018, 20:33

Pettirosso ha scritto:
sabato 30 giugno 2018, 19:45
Direi risposta negativa ad entrambe le domande: è un normalissimo inchiostro stilografico, come Pelikan, Aurora, Visconti, ecc.
L'unica cosa che potrei aggiungere sul blu è che c'è anche il "lavabile": in questo senso si potrebbe parlare anche di un blu "permanente" (contrapposto a "lavabile"), ma non perché abbia le caratteristiche di un vero inchiostro permanente.
Ci vuoi inchiostrare la Optima?
No uso il Waterman Serenity blue.
Ho pensato che non ho ancora inchiostri per firmare documenti.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1001
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da Pettirosso » sabato 30 giugno 2018, 20:51

Allora lascia perdere il Parker, quello appena vede l'acqua fugge (sia il blu che il nero).
O vai sui ferrogallici (i più economici sono i 2 della R&K, li ho provati entrambi e te ne posso parlare bene), o su quelli giapponesi ai nanopigmenti (Sailor e Platinum), o su quelli espressamente per documenti con relativa certificazione (della stessa R&K, o Montblanc, o De Atramentis, o Diamine, o altri), o sulla serie bulletproof della Noodler's, o ancora (costano poco ma ti assicuro che vanno bene e sono indelebili, anche se forse non hanno la certificazione, li ho provati) sui 2 della Koh-I-Noor.
Oramai c'è solo più l'imbarazzo della scelta, a seconda del colore che preferisci.
Ciao!

Avatar utente
ASTROLUX
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 333
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da ASTROLUX » sabato 30 giugno 2018, 21:06

Pettirosso ha scritto:
sabato 30 giugno 2018, 20:51
Allora lascia perdere il Parker, quello appena vede l'acqua fugge (sia il blu che il nero).
O vai sui ferrogallici (i più economici sono i 2 della R&K, li ho provati entrambi e te ne posso parlare bene), o su quelli giapponesi ai nanopigmenti (Sailor e Platinum), o su quelli espressamente per documenti con relativa certificazione (della stessa R&K, o Montblanc, o De Atramentis, o Diamine, o altri), o sulla serie bulletproof della Noodler's, o ancora (costano poco ma ti assicuro che vanno bene e sono indelebili, anche se forse non hanno la certificazione, li ho provati) sui 2 della Koh-I-Noor.
Oramai c'è solo più l'imbarazzo della scelta, a seconda del colore che preferisci.
Ciao!
Grazie. :thumbup:

Avatar utente
SirVaco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 190
Iscritto il: martedì 28 novembre 2017, 12:03
La mia penna preferita: Montegrappa Fortuna Palladio
Il mio inchiostro preferito: Prima li devo provare tutti...
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da SirVaco » lunedì 2 luglio 2018, 14:59

Io lo uso il Parker Quink nella versione blue-black e ti posso confermare che è tutt'altro che permanente, ne resistente all'acqua...

Molto interessante l'elenco fatto da Pettirosso, anche io sto pensando ad un inchiostro permanente, però ho un po' di remora sull'aggressività
"Lo dirà il tempo cosa siamo, saremo quel che meritiamo...ma se c'è un sogno per sognare, ci sarà un ballo da ballare"

Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 602
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da sciumbasci » lunedì 2 luglio 2018, 15:12

SirVaco ha scritto:
lunedì 2 luglio 2018, 14:59
però ho un po' di remora sull'aggressività
Io ho il ESSRI Registrar's Ink caricato sulla Hero 616 Jumbo da... sempre e non ho mai riscontrato problemi!

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1001
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da Pettirosso » lunedì 2 luglio 2018, 19:08

sciumbasci ha scritto:
lunedì 2 luglio 2018, 15:12
SirVaco ha scritto:
lunedì 2 luglio 2018, 14:59
però ho un po' di remora sull'aggressività
Io ho il ESSRI Registrar's Ink caricato sulla Hero 616 Jumbo da... sempre e non ho mai riscontrato problemi!
Concordo, anche secondo me non bisogna creare falsi allarmismi, questa è anche la mia esperienza.
L'importante, credo, è non lasciare SECCARE l'inchiostro all'interno usando la penna troppo saltuariamente (cosa che vale per tutti gli inchiostri, ma particolarmente per questi).
Poi, qualche leggero fenomeno di corrosione della doratura di un pennino in acciaio da parte di un ferrogallico è capitato anche a me, ma nulla di più.
Per quanto ho capito, l'unico modo per inchiodare definitivamente una stilografica è riempirla di inchiostro di china e lasciarvelo seccare.

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da HoodedNib » lunedì 2 luglio 2018, 19:24

Pettirosso ha scritto:
lunedì 2 luglio 2018, 19:08
sciumbasci ha scritto:
lunedì 2 luglio 2018, 15:12

Io ho il ESSRI Registrar's Ink caricato sulla Hero 616 Jumbo da... sempre e non ho mai riscontrato problemi!
Concordo, anche secondo me non bisogna creare falsi allarmismi, questa è anche la mia esperienza.
L'importante, credo, è non lasciare SECCARE l'inchiostro all'interno usando la penna troppo saltuariamente (cosa che vale per tutti gli inchiostri, ma particolarmente per questi).
Poi, qualche leggero fenomeno di corrosione della doratura di un pennino in acciaio da parte di un ferrogallico è capitato anche a me, ma nulla di più.
Per quanto ho capito, l'unico modo per inchiodare definitivamente una stilografica è riempirla di inchiostro di china e lasciarvelo seccare.
E anche li ci sono prodotti con cui si puo' quantomeno provare a togliere l'inchiostro di china
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
SirVaco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 190
Iscritto il: martedì 28 novembre 2017, 12:03
La mia penna preferita: Montegrappa Fortuna Palladio
Il mio inchiostro preferito: Prima li devo provare tutti...
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da SirVaco » mercoledì 4 luglio 2018, 15:28

Grazie per il suggerimento, ho letto la recensione dell'inchiostro dal link del post! Devo provarlo!
"Lo dirà il tempo cosa siamo, saremo quel che meritiamo...ma se c'è un sogno per sognare, ci sarà un ballo da ballare"

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1344
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da MaPe » mercoledì 4 luglio 2018, 16:09

I Koh-I-Noor sono ottimi e costano poco, come i ferrogallici della Rohrer und Klingner, il ferrogallico della Diamine ed il ESSRI. Aggiungerei anche i due Inchiostri per documenti della Monteverde.
Massimo

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 4 luglio 2018, 16:26

MaPe ha scritto:
mercoledì 4 luglio 2018, 16:09
I Koh-I-Noor sono ottimi e costano poco, come i ferrogallici della Rohrer und Klingner, il ferrogallico della Diamine ed il ESSRI. Aggiungerei anche i due Inchiostri per documenti della Monteverde.
Aggiungerei alla lista di buoni e convenienti anche i ferrocallici della KWZ (che tralaltro sono un bel po').
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 4 luglio 2018, 16:28

Inoltre se dobbiamo guardare al prezzo contro quantita', sempre restando una buona/ottima qualita', ci sono i Noodler's Bulletproof (che comprendono anche i Baystate) che sono ottimamente indelebili con piu' di 100ml e ottimi prezzi (stiamo sulla quindicina di euro)
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 787
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da analogico » mercoledì 4 luglio 2018, 17:38

Parlo solo per mia esperienza personale, quindi lungi da ma l'idea di dare giudizi definitivi.
Ciò detto , sono giunto alla conclusione che, non essendo interessato a che i miei scritti vengano conservati a futura memoria , nè che resistano ad alluvioni ed inondazioni che si dovessero verificare nei secoli a venire, non dovendo per mia fortuna o sfortuna firmare tutti i giorni documenti impegnativi negli anni a venire per me, i miei eredi o terzi, considerato che ho già dato, ed un paio di penne ce le ho già rimesse, gli inchiostri indelebili, bullet proof , permanenti o come volete chiamarli, possono restare li dove sono.
Aggiungo che, al netto della loro caratteristica specifica, non ho trovato nulla di particolarmente soddisfacente nel loro utilizzo che me li facesse preferire agli inchiostri "normali".
Probabilmente lavando la penna ogni settimana si eviterebbero i problemi, ma per quanto mi riguarda aumenterebbero le rotture, anche se non delle penne, senza un reale vantaggio.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Parker Quink

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 4 luglio 2018, 21:02

analogico ha scritto:
mercoledì 4 luglio 2018, 17:38
Parlo solo per mia esperienza personale, quindi lungi da ma l'idea di dare giudizi definitivi.
Ciò detto , sono giunto alla conclusione che, non essendo interessato a che i miei scritti vengano conservati a futura memoria , nè che resistano ad alluvioni ed inondazioni che si dovessero verificare nei secoli a venire, non dovendo per mia fortuna o sfortuna firmare tutti i giorni documenti impegnativi negli anni a venire per me, i miei eredi o terzi, considerato che ho già dato, ed un paio di penne ce le ho già rimesse, gli inchiostri indelebili, bullet proof , permanenti o come volete chiamarli, possono restare li dove sono.
Aggiungo che, al netto della loro caratteristica specifica, non ho trovato nulla di particolarmente soddisfacente nel loro utilizzo che me li facesse preferire agli inchiostri "normali".
Probabilmente lavando la penna ogni settimana si eviterebbero i problemi, ma per quanto mi riguarda aumenterebbero le rotture, anche se non delle penne, senza un reale vantaggio.
Sempre restando il fatto che se non ti serve avere dell'inchiostro indelebile hai tutte le ragioni necessarie e sufficienti per non usarlo vorrei aggiungere circa alla manutenzione che in realta' non e' cosi' terribile almeno per quanto riguarda i Noodler's, ne ho caricato uno da mesi su una Aurora 88P e l'unica volta che ho dovuto lavare la penna e' stato quando ho dovuto riallineare il pennino che all'improvviso si mise a grattare, dovendolo estrarre allora ne approfittai per un lavaggio rapido generale (quindi il motivo non era l'inchiostro), ho una Platinum caricata a Carbon black da un mesetto scarso e non ha dato problemi anzi e' migliorata di tratto usando il "suo" inchiostro. Quindi si forse bisogna dargli un'occhio piu' degli altri inchiostri ma in realta' neanche tanto.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Rispondi