Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Rispondi
Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da AinNithael » giovedì 17 maggio 2018, 20:20

Premessa. La mia ignoranza continua a essere enciclopedica :oops: Mi piacerebbe fare recensioni veramente utili al forum ma alcuni elementi mi mancano.
Ho caricato la mia TWSBI ECO con il La Reine Mauve appena arrivato. Il primo Noodler's in mio possesso. Inchiostro davvero strepitoso di cui mi sono subito innamorata, ma... qual è la ragione (e di conseguenza il termine per definirlo) dell'avere il suddetto inchiostro raddoppiato lo spessore di tratto di un pennino fine? Ora scrive come un medio. Il pennino è davvero un F, con la miscela Iroshizuku con cui era caricato prima il serbatoio della Eco, il tratto era davvero sottile.
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 216
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Lamy » giovedì 17 maggio 2018, 20:22

Spiumaggio o feathering, se vuoi essere più international :roll:
La logica sanziona le conquiste dell'intuizione. Essa è l'igiene che la matematica usa per rendere le sue idee sane e robuste.
- Morris Kline

Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da AinNithael » giovedì 17 maggio 2018, 20:32

Lamy ha scritto:
giovedì 17 maggio 2018, 20:22
Spiumaggio o feathering, se vuoi essere più international :roll:
Spiumaggio credevo fosse il diramarsi fra le fibre della carta a somiglianza di filamenti di piume. Il tratto della mia Eco è netto, solo più largo. Su carta Rhodia dove neppure la mia Waterman52 spiuma.
Pensavo che si intendesse quel ramificarsi palese qui

viewtopic.php?f=10&t=16115
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 939
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da HoodedNib » giovedì 17 maggio 2018, 21:10

Infatti spiumaggio o feathering e' quello che dici tu Enrica, l'assorbimento e l'allargamento per capillarita' dell'inchiostro sulla carta che quindi non allarga uniformemente il tratto.
Quanto a quel caso io direi che il tratto e' piu' "bagnato" o semplicemente che l'inchiostro fa il tratto piu' spesso. Tanto l'importante e' capirsi.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da AinNithael » giovedì 17 maggio 2018, 21:15

HoodedNib ha scritto:
giovedì 17 maggio 2018, 21:10
Infatti spiumaggio o feathering e' quello che dici tu Enrica, l'assorbimento e l'allargamento per capillarita' dell'inchiostro sulla carta che quindi non allarga uniformemente il tratto.
Quanto a quel caso io direi che il tratto e' piu' "bagnato" o semplicemente che l'inchiostro fa il tratto piu' spesso. Tanto l'importante e' capirsi.
Grazie. Chissà cosa rende il tratto più bagnato...
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7227
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Ottorino » venerdì 18 maggio 2018, 0:12

Stai sperimentando l'interazione tra inchiostro, pennino e carta.
Tre elementi, e prevedere non è agevole: solo la sperimentazione ti dice qualcosa.

Probabile che sia un inchiostro piu' tensioattivo e quindi "bagnando" di piu' le punte del pennino ha anche piu' voglia di incontrare la carta senza pero' darti spiumaggio.

L'altro, meno tensioattivo, è come se si nascondesse nel solco tra le due punte e quindi ti lascia un tratto più sottile.

Quello che ti da il tratto piu' largo tende a macchiarti di più il pennino nella parte superiore ?
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 626
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Syrok » venerdì 18 maggio 2018, 1:22

Ottorino ha scritto:
venerdì 18 maggio 2018, 0:12
Stai sperimentando l'interazione tra inchiostro, pennino e carta.
Tre elementi, e prevedere non è agevole: solo la sperimentazione ti dice qualcosa.

Probabile che sia un inchiostro piu' tensioattivo e quindi "bagnando" di piu' le punte del pennino ha anche piu' voglia di incontrare la carta senza pero' darti spiumaggio.

L'altro, meno tensioattivo, è come se si nascondesse nel solco tra le due punte e quindi ti lascia un tratto più sottile.

Quello che ti da il tratto piu' largo tende a macchiarti di più il pennino nella parte superiore ?
Cavolo Otorino questa è poesia pura complimenti
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1032
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Pettirosso » venerdì 18 maggio 2018, 9:07

Per usare una sola parola penso potresti dire che è un inchiostro "fluido", e ci si dovrebbe capire. La spiegazione tecnica è quella del grande Ottorino.
Complimenti per la scelta, veramente un gran bell'inchiostro! Ed anche resistente all'acqua.

Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da AinNithael » venerdì 18 maggio 2018, 16:15

Ottorino ha scritto:
venerdì 18 maggio 2018, 0:12
Stai sperimentando l'interazione tra inchiostro, pennino e carta.
Tre elementi, e prevedere non è agevole: solo la sperimentazione ti dice qualcosa.

Probabile che sia un inchiostro piu' tensioattivo e quindi "bagnando" di piu' le punte del pennino ha anche piu' voglia di incontrare la carta senza pero' darti spiumaggio.

L'altro, meno tensioattivo, è come se si nascondesse nel solco tra le due punte e quindi ti lascia un tratto più sottile.

Quello che ti da il tratto piu' largo tende a macchiarti di più il pennino nella parte superiore ?
Sì, proprio così. Grazie Ottorino!
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
AinNithael
Levetta
Levetta
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
Località: Torino

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da AinNithael » venerdì 18 maggio 2018, 16:18

Pettirosso ha scritto:
venerdì 18 maggio 2018, 9:07
Per usare una sola parola penso potresti dire che è un inchiostro "fluido", e ci si dovrebbe capire. La spiegazione tecnica è quella del grande Ottorino.
Complimenti per la scelta, veramente un gran bell'inchiostro! Ed anche resistente all'acqua.
Grazie Pettirosso. Sono contenta che la mia scelta sia approvata da un esperto.
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 236
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Stormwolfie » venerdì 18 maggio 2018, 17:38

Quello che ti da il tratto piu' largo tende a macchiarti di più il pennino nella parte superiore ?
[/quote]

Mi incuriosisce la motivazione: perchè si macchia il pennino nella parte superiore?
La fluidità dell'inchiostro riempie lo spazio tra i rebbi e l'alimentatore fuoriuscendo dal taglio?

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 939
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da HoodedNib » venerdì 18 maggio 2018, 18:12

Stormwolfie ha scritto:
venerdì 18 maggio 2018, 17:38
Quello che ti da il tratto piu' largo tende a macchiarti di più il pennino nella parte superiore ?
Mi incuriosisce la motivazione: perchè si macchia il pennino nella parte superiore?
La fluidità dell'inchiostro riempie lo spazio tra i rebbi e l'alimentatore fuoriuscendo dal taglio?
[/quote]

Questioni di tensione superficiale e quindi di capillarita', in pratica l'inchiostro sale per capillarita' e finisce fuori dal solco macchiando la penna.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 236
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Qual è il termine corretto? (Recensire inchiostri)

Messaggio da Stormwolfie » venerdì 18 maggio 2018, 19:57

Ma quante ne sapete :D :D :D :D :D

Rispondi