Ferrogallico ?

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Avatar utente
ASTROLUX
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 790
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ASTROLUX » martedì 15 maggio 2018, 13:29

Ho visto che alcuni inchiostri sono definiti ferrogallici, ma nel wiki ho trovato ben poco, che caratteristiche hanno ? Sono utilizzabili nelle penne stilografiche o sono solo per intinzione ?
Grazie a quanti vorranno darmi lumi.

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 933
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da HoodedNib » martedì 15 maggio 2018, 13:48

Sono fatti per essere usati con penne stilografiche, sono indelebili, esposti all'aria tendono a scurirsi e quindi a diventare indelebili. Sono usabii tranquillamente dentro le stilografiche per gli usi comuni, se dimenticati dentro la stessa possono (ma ormai e' abbastanza raro visto come sono fatti) corrodere i pennini d'acciaio perche' acidi. Richiedono una pulizia un po' piu' approfondita (ma nemmeno tanto) rispetto agli altri, sopratutto se non te ne sei dimenticato per mesi dentro una penna.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 243
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Ferrogallico ?

Messaggio da Rodelinda » martedì 15 maggio 2018, 14:59

Ti sei mai chiesto di cosa fosse composto l'inchiostro iperresistente dei manoscritti medioevali, che è ancora perfetto a distanza di secoli, e addirittura può essere recuperato con laser e raggi X quando una pergamena viene abrasa o bruciata?
Il segreto di questa resistenza è appunto l'inchiostro ferrogallico, così chiamato perché è prodotto a partire da limatura di ferro e una grande quantità di tannini estratti dalle noci di galla che si formano sulle querce. A contatto con l'aria questo inchiostro ha una reazione chimica di ossidazione, che lo rende praticamente indelebile e resistente ad acqua, sole, persino combustione.
Il problema è che è aggressivo con il materiale ferroso, quindi può corrodere i pennini in acciaio. È preferibile usarlo su pennini in oro.

Avatar utente
ASTROLUX
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 790
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ASTROLUX » martedì 15 maggio 2018, 21:01

Grazie per le spiegazioni, è un tipo di inchiostro molto interessante. :thumbup:

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9645
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da maxpop 55 » martedì 15 maggio 2018, 21:15

Rodelinda ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 14:59
Ti sei mai chiesto di cosa fosse composto l'inchiostro iperresistente dei manoscritti medioevali, che è ancora perfetto a distanza di secoli, e addirittura può essere recuperato con laser e raggi X quando una pergamena viene abrasa o bruciata?
Il segreto di questa resistenza è appunto l'inchiostro ferrogallico, così chiamato perché è prodotto a partire da limatura di ferro e una grande quantità di tannini estratti dalle noci di galla che si formano sulle querce. A contatto con l'aria questo inchiostro ha una reazione chimica di ossidazione, che lo rende praticamente indelebile e resistente ad acqua, sole, persino combustione.
Il problema è che è aggressivo con il materiale ferroso, quindi può corrodere i pennini in acciaio. È preferibile usarlo su pennini in oro.
Dimmi la verità caricheresti la tua adorata Hastil con dell'inchiostro ferrogallico?
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 243
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Ferrogallico ?

Messaggio da Rodelinda » martedì 15 maggio 2018, 22:21

maxpop 55 ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 21:15
Rodelinda ha scritto:
martedì 15 maggio 2018, 14:59
Ti sei mai chiesto di cosa fosse composto l'inchiostro iperresistente dei manoscritti medioevali, che è ancora perfetto a distanza di secoli, e addirittura può essere recuperato con laser e raggi X quando una pergamena viene abrasa o bruciata?
Il segreto di questa resistenza è appunto l'inchiostro ferrogallico, così chiamato perché è prodotto a partire da limatura di ferro e una grande quantità di tannini estratti dalle noci di galla che si formano sulle querce. A contatto con l'aria questo inchiostro ha una reazione chimica di ossidazione, che lo rende praticamente indelebile e resistente ad acqua, sole, persino combustione.
Il problema è che è aggressivo con il materiale ferroso, quindi può corrodere i pennini in acciaio. È preferibile usarlo su pennini in oro.
Dimmi la verità caricheresti la tua adorata Hastil con dell'inchiostro ferrogallico?
Dipende... Se è uno di provata affidabilità, tipo il R&R sali sì (l'ho caricata anche con l'inchiostro borgogna profumato alla rosa, per dire, e non si è danneggiata). Il fatto però è che i ferrogallici perfettamente neri o perfettamente blu non esistono, quindi io non riesco a immaginare una occasione in cui potrebbe servirmi un inchiostro assolutamente indelebile che non sia blu o nero. Più che altro, della combo Hastil-ferrogallico non mi preoccupa tanto il pennino che è d'oro 18 kt, ma la plastica dell'impugnatura che tutti sappiamo essere il punto debole di questa penna.

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8797
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da Irishtales » mercoledì 16 maggio 2018, 8:29

C'è una distanza abissale fra ferrogallici antichi - ad esempio quelli dei trattati cinquecenteschi, da cui anche alcuni di noi hanno estrapolato ricette per produrli in casa - da usare ovviamente solo con pennini da intinzione, e i ferrogallici stilografici moderni, formulati proprio per essere utilizzati con le nostre beneamate penne. Questi ultimi, se si ha un minimo di cura in più nell'utilizzo, non arrecano danno alcuno a nessun tipo di pennino.
In mezzo ci sono stati, storicamente, i primi ferrogallici prodotti a livello industriale ad inizio del secolo scorso, che erano corrosivi e che tuttavia erano ancora inchiostri per pennini da intinzione, prodotti all'epoca in sottile lamina di metallo e placcati in oro per ovviare l'eccessiva aggressività di quei prodotti. Fino a qualche decennio fa anche alcuni inchiostri stilografici risultavano particolarmente aggressivi sui metalli, ma ormai le formulazioni sono tutte cambiate e, come dicevo, basta usare un po' di buon senso e anche con i ferrogallici moderni si può scrivere senza patemi.
Personalmente ho riscontrato qualche problema in più con gli inchisotri pigmentati, con microparticelle in sospensione, piuttosto che con i ferrogallici stilografici.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ClaBluReale » mercoledì 16 maggio 2018, 11:00

Ho letto e sentito che si consiglia di usare il ferrogallico con pennini in oro o almeno di fare molta attenzione ai pennini in acciaio.

Ho usato il Salix con pennino Lamy Z50 per due mesi, e il pennino ha dei residui che non sono venuti via con il semplice bagno di acqua e sapone. Colpa mia, avrei dovuto lavarlo una volta a settimana.

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 933
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 16 maggio 2018, 11:14

ClaBluReale ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 11:00
Ho letto e sentito che si consiglia di usare il ferrogallico con pennini in oro o almeno di fare molta attenzione ai pennini in acciaio.

Ho usato il Salix con pennino Lamy Z50 per due mesi, e il pennino ha dei residui che non sono venuti via con il semplice bagno di acqua e sapone. Colpa mia, avrei dovuto lavarlo una volta a settimana.
Eppero'... io ho una Wing Sung 3008 (quindi col pennino molto simile al Lamy Z50) caricato da un paio di mesi con il KWZ IG Turquoise, e usata saltuariamente (tipo una volta a settimana) e non ha macchie di sorta sul pennino ... quando decidero' di cambiare inchiostro nella penna vedro' se questo vale pure per il fusto trasparente (e' una demonstrator)
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8797
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da Irishtales » mercoledì 16 maggio 2018, 11:40

Il segreto penso sia usare le penne, non lasciarle inchiostrate per giorni e giorni senza scriverci. In condizioni del genere molti inchiostri possono dare problemi, non solo i ferrogallici, anzi come accennavo i problemi si possono avere a causa dei depositi di particelle in sospensione sia sul pennino sia sull'alimentatore.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1073
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da Orlandoemme » mercoledì 16 maggio 2018, 12:03

Personalmente uso il Salix da diversi anni e non ho mai riscontrato problemi.
Peraltro tenere una penna inutilizzata e carica per molto tempo è una pratica piuttosto sconsigliabile a presacindere dagli inchiostri.
Ci sono poi inchiostri non ferrogallici che per rimouverli dalle penne dopo un periodo di inutilizzo è dura, come ad esempio il diamine kelly green - bellissimo per inciso - ed il diamine blue black (non ricordo il nome esatto).
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ClaBluReale » mercoledì 16 maggio 2018, 17:01

HoodedNib ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 11:14
Eppero'... io ho una Wing Sung 3008 (quindi col pennino molto simile al Lamy Z50) caricato da un paio di mesi con il KWZ IG Turquoise, e usata saltuariamente (tipo una volta a settimana) e non ha macchie di sorta sul pennino ... quando decidero' di cambiare inchiostro nella penna vedro' se questo vale pure per il fusto trasparente (e' una demonstrator)
La penna in questo è proprio la Wing Sung 3008.
Il pennino stock delle 3008 mi faceva pena, quindi ho messo il Lamy Z50. E dire che la penna mi sono premurata di usarla tutti i giorni, anche solo per scriverci la spesa.
Per me, niente più penne a pistone la cui impugnatura o pennino non si possono svitare. Niente più impugnatura e fusto pezzo unico con alimentatore che si incastra solo in un verso e non si può togliere svitando. Non ho proprio più pazienza per certe cose.
WS 3008 Salix 01.png
WS 3008 Salix 03.png

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ClaBluReale » mercoledì 16 maggio 2018, 17:03

Orlandoemme ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 12:03
Ci sono poi inchiostri non ferrogallici che per rimouverli dalle penne dopo un periodo di inutilizzo è dura, come ad esempio il diamine kelly green - bellissimo per inciso - ed il diamine blue black (non ricordo il nome esatto).
Strano, col Kelly Green non ho avuto problemi. Ce l'ho da un anno, ho quasi sempre una penna inchiostrata con Kelly. E' praticamente acqua verde, si lava via con niente.

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 933
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 16 maggio 2018, 18:07

ClaBluReale ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 17:01
HoodedNib ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 11:14
Eppero'... io ho una Wing Sung 3008 (quindi col pennino molto simile al Lamy Z50) caricato da un paio di mesi con il KWZ IG Turquoise, e usata saltuariamente (tipo una volta a settimana) e non ha macchie di sorta sul pennino ... quando decidero' di cambiare inchiostro nella penna vedro' se questo vale pure per il fusto trasparente (e' una demonstrator)
La penna in questo è proprio la Wing Sung 3008.
Il pennino stock delle 3008 mi faceva pena, quindi ho messo il Lamy Z50. E dire che la penna mi sono premurata di usarla tutti i giorni, anche solo per scriverci la spesa.
Per me, niente più penne a pistone la cui impugnatura o pennino non si possono svitare. Niente più impugnatura e fusto pezzo unico con alimentatore che si incastra solo in un verso e non si può togliere svitando. Non ho proprio più pazienza per certe cose.
WS 3008 Salix 01.png
WS 3008 Salix 03.png
Beh se riesci a sganciare il pennino e la sezione dal loro alloggiamento di una 3008 non credo tu abbia grosse difficolta' a pulire il tutto (a meno di casi gravi). Il problema, semmai, e' che non tutte le Wing Sung 3008 vogliono saperne di smontarsi del tutto. E in teoria dovrebbero essere smontabili del tutto a mo di TWSBI (che copiano palesemente)
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Ferrogallico ?

Messaggio da ClaBluReale » mercoledì 16 maggio 2018, 18:15

HoodedNib ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 18:07
Beh se riesci a sganciare il pennino e la sezione dal loro alloggiamento di una 3008 non credo tu abbia grosse difficolta' a pulire il tutto (a meno di casi gravi). Il problema, semmai, e' che non tutte le Wing Sung 3008 vogliono saperne di smontarsi del tutto. E in teoria dovrebbero essere smontabili del tutto a mo di TWSBI (che copiano palesemente)
Non sai che calvario per staccare questo alimentatore senza far danni all'impugnatura! Bagno caldo e poi freddo, lasciato asciugare completamente, altro bagno freddo. Guarda. Mai più.
E come hai detto tu per fortuna che questo alimentatore è venuto via. Ho 4 WS 3008, e due riesco a smontarle, ma le altre due non ne vogliono proprio sapere.
E per via di quella bolla d'aria nella plastica dell'alimentatore, l'inchiostro si raccoglie all'interno e non c'è verso di lavarlo via. In sintesi ho speso €2,50 a penna per non usare il pennino di fabbrica e contaminare una bottiglia d'inchiostro quando mi sono accorta del problema dell'alimentatore.
Io queste penne qualche mese fa le consigliavo, ora proprio no.

Rispondi