Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
ClaireClaire
Converter
Converter
Messaggi: 4
Iscritto il: sabato 31 marzo 2018, 15:18
La mia penna preferita: Parker Duofold
Il mio inchiostro preferito: Herbin Poussière de lune
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da ClaireClaire » domenica 1 aprile 2018, 0:18

Ciao a tutti,
da un po' di tempo si è insinuato dentro di me il desiderio di provare il noto Noodler's baystate blue. Perché? Semplice, tutte le recensioni che ho letto lo definiscono unico, non comparabile con nessun altro inchiostro in commercio. Un colore che letteralmente schizza dalla pagina attirando l'attenzione. Tanto brillante e saturo da non poter essere apprezzato dallo schermo del computer, ma solo dal vivo. Inizialmente la difficoltà sembrava essere l'acquisto, ma ora anche questo scoglio è superato perché ho trovato dove comprarlo on line. Avrei persino una penna molto economica (Jinhao 992) da dedicargli in esclusiva, ma c'è qualcosa che mi frena.
Tutti sembrano concordi nell'affermare che si tratta di un inchiostro di non facile gestione, perché macchia in modo indelebile qualsiasi cosa. Ora, tra le poche consapevolezze che ho acquisito di me stessa, c'è la certezza di essere maldestra e pasticciona.
Non sono dotata di nessuna manualità, è un fatto. Per cui chiedo a chi lo possiede, è davvero così impegnativo? Se dovesse macchiare un tavolo, il lavandino, le mani come si riesce a pulirlo? Quando intingete la penna nel calamaio poi come fate a eliminarne l'alone di colore senza che rimangano residui? E' davvero così problematico nella gestione?

Grazie!

Ciao

Chira

Fiocchetti
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 136
Iscritto il: domenica 17 agosto 2014, 22:19
La mia penna preferita: Molte, forse troppe
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Salsomaggiore Terme
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da Fiocchetti » domenica 1 aprile 2018, 1:20

Uso questo inchiostro da molti anni.
Non capisco perchè sia nata la vulgata che si tratti di un inchiostro pestifero.
Carico con lui penne economiche ma anche sacerdotali vintage: mai avuto un problema.
Amo la tonalità blu e non ho ancora trovato nulla che si avvicini al cromatismo che regala il Baystate.
Sulla carta esplode, quasi acceca.
Fantastico.
E' del tutto resistente all'acqua ma non regge alla esposizione alla luce del sole, si cancella nel giro di qualche mese.
Non è vero che intacca la penna, la pelle od altre materie con cui venga in contatto: sporcandomi le mani, ho dovuto lottare molto di più con l'Aurora blu che con il Baystate.
Certamente se si usa con penne delicate, occorre ogni tanto una buona pulizia. Una soluzione di acqua ed ammoniaca (poca) non fa male e risolve tutti i problemi.
Per me è un ottimo inchiostro.

Avatar utente
XFer
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 842
Iscritto il: giovedì 22 maggio 2014, 21:35
La mia penna preferita: Pilot Custom 845
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Borealis Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da XFer » domenica 1 aprile 2018, 1:24

Grazie della testimonianza!
Anche io sono sempre stato attratto da questo inchiostro, ma preoccupato da quel che si legge in giro ho rimandato la prova...!

Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1061
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da Orlandoemme » domenica 1 aprile 2018, 8:57

Per macchiare, macchia, ma si pulisce.
Richiede solo un po’ di accortezza come peraltro altri inchiostri come quello citato dall’esimio collega !
Ma è così bello che Parigi val bene una macchia!
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

ClaireClaire
Converter
Converter
Messaggi: 4
Iscritto il: sabato 31 marzo 2018, 15:18
La mia penna preferita: Parker Duofold
Il mio inchiostro preferito: Herbin Poussière de lune
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da ClaireClaire » domenica 1 aprile 2018, 9:53

Grazie. A questo punto credo che sia proprio giunto il momento di togliermi lo sfizio e procedere all'acquisto.
Evviva!!!

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 869
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da HoodedNib » domenica 1 aprile 2018, 10:26

Perche'? Perche' finiro' a comprare anche questo inchiostro... che gia' ho piu' inchiostri che penne :D

LucaC
Levetta
Levetta
Messaggi: 633
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da LucaC » domenica 1 aprile 2018, 10:54

Io amo questo inchiostro ma devo ammettere che le finestrelle delle penne rimangono macchiate e non si ripuliscono più completamente. Così come le sezioni delle penne. Bisogna dedicargli una penna e succeda quel che deve succedere.

Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1061
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da Orlandoemme » domenica 1 aprile 2018, 11:48

Anche io ho una penna dedicata, una reform.
Sinceramente non lo metterei mai in una penna vintage !
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

paki
Levetta
Levetta
Messaggi: 519
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2014, 16:15
La mia penna preferita: Pelikan M805 Stresemann
Il mio inchiostro preferito: Diamine 150th Blue Velvet
Misura preferita del pennino: Italico
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da paki » domenica 1 aprile 2018, 12:09

Beh è certamente meno problematico di come viene dipinto, ma non è un inchiostro da usare con spensieratezza.
È bellissimo per certi aspetti e veramente pessimo per altri.
Diluito con una parte di acqua e tre di inchiostro migliora molto e la saturazione rimane quasi inalterata.
Pasquale
Immagine
Immagine

Aineias
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 133
Iscritto il: lunedì 12 agosto 2013, 8:55
La mia penna preferita: OMAS Extra Lucens L.E. 159/331
Il mio inchiostro preferito: attualmente -> Visconti blu
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da Aineias » domenica 1 aprile 2018, 12:41

....gli ho dedicato una Lamy Al-Star (Oceano blu) così me la godo e mi disinteresso del converter... :wave:

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1393
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da MaPe » domenica 1 aprile 2018, 18:33

ClaireClaire ha scritto:
domenica 1 aprile 2018, 0:18
Ciao a tutti,
da un po' di tempo si è insinuato dentro di me il desiderio di provare il noto Noodler's baystate blue. Perché? Semplice, tutte le recensioni che ho letto lo definiscono unico, non comparabile con nessun altro inchiostro in commercio. Un colore che letteralmente schizza dalla pagina attirando l'attenzione. Tanto brillante e saturo da non poter essere apprezzato dallo schermo del computer, ma solo dal vivo. Inizialmente la difficoltà sembrava essere l'acquisto, ma ora anche questo scoglio è superato perché ho trovato dove comprarlo on line. Avrei persino una penna molto economica (Jinhao 992) da dedicargli in esclusiva, ma c'è qualcosa che mi frena.
Tutti sembrano concordi nell'affermare che si tratta di un inchiostro di non facile gestione, perché macchia in modo indelebile qualsiasi cosa. Ora, tra le poche consapevolezze che ho acquisito di me stessa, c'è la certezza di essere maldestra e pasticciona.
Non sono dotata di nessuna manualità, è un fatto. Per cui chiedo a chi lo possiede, è davvero così impegnativo? Se dovesse macchiare un tavolo, il lavandino, le mani come si riesce a pulirlo? Quando intingete la penna nel calamaio poi come fate a eliminarne l'alone di colore senza che rimangano residui? E' davvero così problematico nella gestione?

Grazie!

Ciao

Chira
Se gli dedichi una penna cinese economica non ci sono problemi.
Massimo

musicamusica
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 243
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 14:52
La mia penna preferita: tante
Il mio inchiostro preferito: molti
Misura preferita del pennino: Flessibile
Contatta:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da musicamusica » domenica 1 aprile 2018, 20:45

Il noodler's baystate ha una tonalità davvero unica, e nonostante non sia un un campione di discrezione su pennino e alimentatore, non è nemmeno dei peggiori. COme ti hanno risposto basta una penna facile da sciacquare una volta utilizzato.
Il mio rammarico è più nella sua composizione, che tende ad aumentare il normale flusso della stilografica, e su penne particolarmente generose, diventa può diventare un vero e proprio annafifatoio.
Un appunto che sento di muovere a questo inchiostro è che occasionalmente manifesta un lieve effetto di capillarità ma su alcune carte particolarmente sensibili a questo fenomeno.
Resta comunque una fra le tinte mie preferite.

segnalo in proposito questa recensione: https://www.youtube.com/watch?v=OzskjsmGQtA

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 233
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da Stormwolfie » mercoledì 4 aprile 2018, 23:17

Inchiostro meraviglioso, il blu è quello della bandiera americana, brillante e luminoso. Io l’ho messo sulle mie sailor e non ho mai avuto problemi. Di certo eviterei di riempirci una penna a pistone trasparente. Ogni tanto va pulita la penna perché se usata poco lascia dei precipitati sottili.

LuMazzmarill
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 45
Iscritto il: lunedì 26 giugno 2017, 18:32

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da LuMazzmarill » lunedì 21 maggio 2018, 10:47

Riprendo questa discussione con la mia esperienza, sperando di poter essere utile.
Anch'io, come l'utente CLaireCLaire, sono un pasticcione. Ma non è il termine esatto, io sono proprio PERICOLOSO. Qualsiasi cosa mi si mette in mano rischia di distruggersi o di distruggere ciò su cui si posa.
Per cui, quando ho comprato il Baystate, già vedevo la stanza coperta di blu (a proposito di coperte, sul mio piumone c'è una meravigliosa macchia di Diamine Oxblood, sembra la stanza di un omicida).
Ad ogni modo, con le dovute accortezze (manco fosse un'operazione chirurgica: superficie piana, carta assorbente sotto e a portata di mano, maniche della camicia tirate su, per poi rendersi conto che la cosa migiore era operare in canottiera, penoso ed indecente striptease, ho tolto l'orologio dal polso e il telefono dal tavolo) sono riuscito a caricare la mia Loom con il converter Pelikan, macchiando solo (si fa per dire) le mie mani. E il gioco vale assoutamente la candela. La tonalità è incredibile, brucia gli occhi per quanto è luminoso. Su carta meno porosa spiuma leggermente, ma bisogna anche considerare il mio tratto cinghialesco e il fatto che la Loom fosse col pennino M (praticamente un annaffiatoio).
Vale la pena di buttarsi, consapevoli che effettivamente l'inchiostro non è di facilissima gestione, ma con un po' di accortezze...

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1192
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Noodler's baystate blue: bello ma impossibile?

Messaggio da rolex hunter » lunedì 21 maggio 2018, 12:40

Io gli ho dedicato una Hero 616, pennino fine (pur amando io i pennini larghi, con quel colore qualunque altra misura sarebbe eccessiva); quando lo carico il puntale rimane sporco ma tanto la penna è nera e chissenefrega.

Ho adottato il trucco dell'annacquamento (1 parte su 4), e mi trovo bene; se ne avrò tempo, voglio provare ad allungarlo con acqua ossigenata (ricordo di aver letto in merito "qualcosa" da "qualche parte" ma grazie alla mia memoria.... insomma ci provo a casa e vedo se migliora o peggiora).

Appena ne avrò una libera, riempirò una Preppy; il sistema "slip and seal" dovrebbe essere una mano santa per impedire l'asciugamento;
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Rispondi