Inchiostri pigmentati

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Rispondi
Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 743
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Inchiostri pigmentati

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 21 marzo 2018, 9:19

Nella mia ricerca delle curiosita' e degli inchiostri indelebili o giu' di li ho letto dell'esistenza di inchiostri pigmentati per stilografiche.
So dell'esistenza del Carbon black della Platinum e del nano-ink nero della Sailor, ma non so se ce ne sono altri e se esistono in altri colori.

La seconda domanda e' correlata a come funzionano le stilografiche, non e' un inchiostro che si puo' usare in ogni penna, ma in generale in quale penne e' meglio usare un inchiostro pigmentato?

Avatar utente
ClaBluReale
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 187
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Stub
Località: Campagna veneta
Sesso:

Inchiostri pigmentati

Messaggio da ClaBluReale » domenica 25 marzo 2018, 22:15

Oltre ai nano-ink, Kiwa-Guro e Sei-Boku, la Sailor ha anche una linea di inchiostri pigmentati colorati, li chiama Storia. Se cerchi su Google "Sailor Storia" li trovi sicuramente. Oltre a immagini di Sailor Moon ovviamente..

Comunque a me sembrano dei bellissimi colori, a parte Spotlight Yellow che è illeggibile.

Riguardo le penne, non vedo perché questi Storia non li si possa usare in ogni penna moderna. Non ho mai letto né sentito motivi per cui questi inchiostri debbano per forza andare in certe penne e non in altre.
Per le penne vintage non mi azzerderei.. :!:
Riguardo il pennino, dato che gli inchiostri pigmentati sono più densi del normale, forse non sono adatti a dei pennini EF, ma io qui aspetterei una conferma da veterani di tali inchiostri.

Ayaros
Converter
Converter
Messaggi: 3
Iscritto il: sabato 28 aprile 2018, 12:51
La mia penna preferita: Aurora Style
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Tsuki-Yo
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Roma
Sesso:

Inchiostri pigmentati

Messaggio da Ayaros » domenica 29 aprile 2018, 9:07

Dal quel che ho letto in diversi post di forum stranieri ci sono alcune accortezze da avere con gli inchiostri pigmentati.

In primo luogo una differenza fondamentale da tenere a mente. I pigmentati non sono inchiostri composti da solo liquido ma hanno delle particelle solide in sospensione che danno o contribuiscono al colore dell'inchiostro. La differenza è sostanziale. Da una parte solo chimica, dall'altra micro (o nano) particelle solide sono mischiate al liquido lubrificante.

Prima deduzione, non tutti gli inchiostri pigmentati sono uguali. La dimensione delle particelle in sospensione può fare la differenza. Infatti il pigmento visto al microscopio è come se fosse composto da miliardi di piccoli sassolini che urtano pareti dei serbatoi, pennini e feeder. Quindi affidarsi a marche che padroneggiano la tecnologia e assicurano qualità ai prodotti è un primo requisito. I pigmenti devono essere di qualità e composti da nano-particelle.

Se un inchiostro pigmentato asciuga all'interno di una penna le particelle di pigmento (i sassolini) non evaporano ma restano attaccati in interstizi, pareti, feeder e risultano particolarmente ostici da eliminare. Se questo non rappresenta un problema per molte penne moderne che sono concepite per essere smontate completamente e facilmente, se pensiamo a penne vintage o con una progettazione particolarmente "chiusa", questo si può tradurre in un incubo per l'appassionato.

Io uso il nero Platinum Carbon Ink. E' veramente nero come il carbone. Il cosiddetto inchiostro legale che resta vibrante e nero corvino anche dopo 100 anni. Sembra molto "grasso" quindi ottimamente lubrificato. E' un piacere usarlo. Ma non mi sognerei mai di utilizzarlo su una Shaeffer Crest per esempio. Si tratta di una penna "moderna" (anni 80) ma ha una progettazione molto chiusa con pennino integrato al corpo scrivente che non si può pulire facilmente come un Noodler's Ahab (per farvi capire il paragone).

Quindi io uso questo principio: mai usarlo con penne a stantuffo o comunque con quelle penne che non consentono di accedere facilmente al serbatoio, mai con penne che richiedono un esperto per smontare il gruppo scrivente.

Per il resto si può utilizzare e da un piacere immenso perché è il nero più nero che si possa trovare. Ovviamente dovete avere piccole accortezze tipo... ricorda con precisione quale penna ce l'ha in pancia e non lasciare che questo secchi. Alla fine del suo utilizzo, prima di passare ad altro inchiostro, lavare bene pennino, feeder, serbatoio. Il minimo di manutenzione che qualunque appassionato di penne è in grado di fare.

Avatar utente
Giotto
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 257
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Prima dovrei provarle... TUTTE
Il mio inchiostro preferito: I neri, i verdi, i marroni ...
Fp.it Vera: 103
Località: Varese
Sesso:

Inchiostri pigmentati

Messaggio da Giotto » lunedì 30 aprile 2018, 15:35

ClaBluReale ha scritto:
domenica 25 marzo 2018, 22:15
Riguardo il pennino, dato che gli inchiostri pigmentati sono più densi del normale, forse non sono adatti a dei pennini EF, ma io qui aspetterei una conferma da veterani di tali inchiostri.
Non so quanto un solo caso faccia testo ma da poco più di un mese ho caricato la Platinum Carbon Pen (EF) con il Platinum Carbon Ink e, nonostante la usi saltuariamente, fino ad ora sembra tutto a posto. ;)

Rispondi