differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
subottini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 167
Iscritto il: sabato 12 marzo 2016, 11:35
La mia penna preferita: Pelikan M 400
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da subottini » sabato 28 gennaio 2017, 11:55

Ciao ragazzi, ogni tanto vengo colto da dei dubbi amletici che solo tramite il forum riesco a risolvere. L ´inchiostro di una cartuccia Aurora - ad esempio - e´identico come qualita´a quello contenuto nel calamaio della srtessa Casa?
Non so se ho le traveggole, ma ho la sensazione che la stessa penna Aurora, caricata con una cartuccia di Aurora nero, scriva leggermente peggio rispetto a quando la carico con il converter e l ´inchiostro Aurora nero, ma quello del calamaio. Non dovrebbe aver senso, ma ho l ´impressione che l ínchiostro delle cartucce sia di qualita ´inferiore. Mi sbaglio, vero?

Avatar utente
scossa
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1328
Iscritto il: venerdì 5 agosto 2011, 17:45
La mia penna preferita: Omas A. VESPUCCI
Il mio inchiostro preferito: Montblanc Toffee Brown
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 066
Arte Italiana FP.IT M: 071
Fp.it ℵ: 060
Fp.it Vera: 016
Località: Verona provincia
Sesso:
Contatta:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da scossa » sabato 28 gennaio 2017, 12:48

subottini ha scritto:... Mi sbaglio, vero?
Secondo me ti sbagli. Sono più propenso a pensare che la differenza sia imputabile alla "fisica del contenitore" più che alla "chimica dell'inchiostro", cioè alla differenza tra il converter e la cartuccia: materiale, conduttività termica ed altre caratteristiche che qualcuno più esperto di me saprà illustrarti.

Per toglierti il dubbio, aspira con una siringa l'inchiostro di una cartuccia e versalo nel converter ...
Cordialità.

Marco
___
Se devi scegliere tra avere ragione ed essere gentile, scegli di essere gentile ed avrai sempre ragione.

Avatar utente
Contax1961
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1558
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2014, 15:24
La mia penna preferita: Pelikan M140
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Contax1961 » sabato 28 gennaio 2017, 12:59

subottini ha scritto:Ciao ragazzi, ogni tanto vengo colto da dei dubbi amletici che solo tramite il forum riesco a risolvere. L ´inchiostro di una cartuccia Aurora - ad esempio - e´identico come qualita´a quello contenuto nel calamaio della srtessa Casa?
Non so se ho le traveggole, ma ho la sensazione che la stessa penna Aurora, caricata con una cartuccia di Aurora nero, scriva leggermente peggio rispetto a quando la carico con il converter e l ´inchiostro Aurora nero, ma quello del calamaio. Non dovrebbe aver senso, ma ho l ´impressione che l ínchiostro delle cartucce sia di qualita ´inferiore. Mi sbaglio, vero?
Ciao, considera che a volte ci sono in ballo diversi fattori, lo stesso immagazinamento incide alla lunga sul prodotto, nel senso se le cartucce sono state tenute in ambeinte diverso possono avere subito delle variazioni. Che siano diversi tendo a escluderlo, non avrebbe molto senso produrre due linee quasi identiche di prodotto. :wave:
Riccardo

subottini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 167
Iscritto il: sabato 12 marzo 2016, 11:35
La mia penna preferita: Pelikan M 400
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da subottini » sabato 28 gennaio 2017, 20:37

Ringrazio per le risposte come sempre competenti e precise, che mi hanno convinto che mi sbagliavo.

Kyte
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 193
Iscritto il: lunedì 21 dicembre 2015, 9:59
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: KWZ Green #5
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Brescia
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Kyte » giovedì 2 febbraio 2017, 9:12

subottini ha scritto:Ciao ragazzi, ogni tanto vengo colto da dei dubbi amletici che solo tramite il forum riesco a risolvere. L ´inchiostro di una cartuccia Aurora - ad esempio - e´identico come qualita´a quello contenuto nel calamaio della srtessa Casa?
Non so se ho le traveggole, ma ho la sensazione che la stessa penna Aurora, caricata con una cartuccia di Aurora nero, scriva leggermente peggio rispetto a quando la carico con il converter e l ´inchiostro Aurora nero, ma quello del calamaio. Non dovrebbe aver senso, ma ho l ´impressione che l ínchiostro delle cartucce sia di qualita ´inferiore. Mi sbaglio, vero?
non credo gli inchiostri siano diversi. tieni conto però che gli inchiostri non sono immutabili nel tempo, quindi il contenitore incide sulla durata della qualità dell'inchiostro.
poi c'è da considerare che il sistema pennino-alimentatore-converter/cartuccia/pistone/quelchelè cambia risultato a seconda appunto di cosa stai utilizzando. per farti un esempio con la mia Prera se uso le cartucce scrive bene, se uso il converter è troppo stitica (inchiostro identico).

Avatar utente
Lorenzo79
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 331
Iscritto il: mercoledì 16 novembre 2016, 14:00
La mia penna preferita: Aurora 88
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku tsuki-yo
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 010
Località: Cremona / Modena
Sesso:
Contatta:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Lorenzo79 » giovedì 2 febbraio 2017, 9:22

Sinceramente non sono un esperto in materia, ma credo che su una produzione di scala, qualche piccolo aggiustamento ci stia, ad esempio sulla densità dell'inchiostro, per meglio adattarlo alle caratteristiche della cartuccia, piuttosto che dell'uso con pistone/converter

Kyte
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 193
Iscritto il: lunedì 21 dicembre 2015, 9:59
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: KWZ Green #5
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Brescia
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Kyte » giovedì 2 febbraio 2017, 18:00

sì indubbiamente. anche tra boccetta e boccetta immagino ci siano delle minime variazioni di tono, densità ecc.
mi ricordo da ragazzo quando lavoravo da imbianchino, quando dovevamo fare degli esterni di grandi metrature si doveva calcolare bene il materiale necessario per evitare di fare un acquisto successivo di vernice perché tra un lotto e l'altro era facile avere sfumature di colore diverse; immagino che per gli inchiostri valga la stessa cosa ;)

grafomane
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 264
Iscritto il: martedì 16 maggio 2017, 10:55

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da grafomane » venerdì 26 maggio 2017, 10:47

C' anche da dire che le boccette di vetro non rilasciano nessuna sostanza nell'inchiostro. La plastica delle cartucce non saprei, ma magari sì, col tempo. Tra la produzione e la vendita possono passare anche parecchi anni.
Poi, come è stato scritto, ci sono da valutare le condizioni di conservazione e anche una certa variabilità del prodotto. Il Barolo mica viene uguale tutti gli anni :D

Avatar utente
Piuma
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 52
Iscritto il: lunedì 18 giugno 2018, 20:58
Misura preferita del pennino: Extra Fine

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Piuma » domenica 24 giugno 2018, 2:37

scossa ha scritto:
sabato 28 gennaio 2017, 12:48
subottini ha scritto:... Mi sbaglio, vero?
Secondo me ti sbagli. Sono più propenso a pensare che la differenza sia imputabile alla "fisica del contenitore" più che alla "chimica dell'inchiostro", cioè alla differenza tra il converter e la cartuccia: materiale, conduttività termica ed altre caratteristiche che qualcuno più esperto di me saprà illustrarti.

Per toglierti il dubbio, aspira con una siringa l'inchiostro di una cartuccia e versalo nel converter ...

Concordo pienamente sulla questione fisica del contenitore, ma anche del contenuto.
Mi spiego meglio...le differenze di “caratteristiche idrauliche” tra un converter ed una cartuccia seppur minime potrebbero esserci ed influenzare il flusso dell’inchiostro...così come la possibile differenza di densità tra un inchiostro in cartuccia oppure in calamaio.
Saranno differenze minime e forse anche apprezzabili.

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da HoodedNib » domenica 24 giugno 2018, 9:00

Aggiungerei una cosa riguardante l'inchiostro in cartuccia, il fattore evaporazione. Le plastiche usate non sono usualmente del tutto impermeabili al vapore acqueo, prova ne e' il fatto che nelle cartucce con qualche anno sulle spalle il livello d'inchiostro e' sceso a cartuccia chiusa. Quindi per via della quantita' d'inchiostro presente in una boccetta e in una cartuccia una variazione di quantita' d'acqua presente si noterebbe di piu' in una cartuccia rispetto ad un calamaio pieno.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 191
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Rodelinda » domenica 24 giugno 2018, 22:58

Tempo fa io e Saphur abbiamo avuto uno scambio su questo argomento, in quanto ci siamo scambiati delle lettere scritte con gli stessi inchiostri - Campo Marzio Verde e Seppia - che io posseggo in cartuccia e lui in boccetta.
La differenza era abissale. Essendo evaporata parte della componente acquosa dalle cartucce, gli inchiostri in mio possesso erano nettamente più scuri rispetto ai suoi, tanto da sembrare addirittura due inchiostri diversi!

Avatar utente
Giotto
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 230
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Prima dovrei provarle... TUTTE
Il mio inchiostro preferito: I neri, i verdi, i marroni ...
Fp.it Vera: 103
Località: Varese
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Giotto » lunedì 25 giugno 2018, 0:33

Rodelinda ha scritto:
domenica 24 giugno 2018, 22:58
La differenza era abissale. Essendo evaporata parte della componente acquosa dalle cartucce, gli inchiostri in mio possesso erano nettamente più scuri rispetto ai suoi, tanto da sembrare addirittura due inchiostri diversi!
Si tenga presente che il colore dell'inchiostro potrebbe anche cambiare a seconda della penna utilizzata ... et voilà, non ci si raccapezza più. :)

Avatar utente
Piuma
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 52
Iscritto il: lunedì 18 giugno 2018, 20:58
Misura preferita del pennino: Extra Fine

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da Piuma » lunedì 25 giugno 2018, 0:59

Giotto ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 0:33
Rodelinda ha scritto:
domenica 24 giugno 2018, 22:58
La differenza era abissale. Essendo evaporata parte della componente acquosa dalle cartucce, gli inchiostri in mio possesso erano nettamente più scuri rispetto ai suoi, tanto da sembrare addirittura due inchiostri diversi!
Si tenga presente che il colore dell'inchiostro potrebbe anche cambiare a seconda della penna utilizzata ... et voilà, non ci si raccapezza più. :)

Il bello del mondo della “scrittura antica” è forse proprio questo...tutte queste variabili in gioco rendono il tutto più interessante :lol:

Avatar utente
HoodedNib
Levetta
Levetta
Messaggi: 636
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da HoodedNib » lunedì 25 giugno 2018, 10:21

Giotto ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 0:33
Rodelinda ha scritto:
domenica 24 giugno 2018, 22:58
La differenza era abissale. Essendo evaporata parte della componente acquosa dalle cartucce, gli inchiostri in mio possesso erano nettamente più scuri rispetto ai suoi, tanto da sembrare addirittura due inchiostri diversi!
Si tenga presente che il colore dell'inchiostro potrebbe anche cambiare a seconda della penna utilizzata ... et voilà, non ci si raccapezza più. :)
Qui piu' che cambiamento di colore credo si tratti di quanto colore ogni penna lascia scendere, in realta' il colore e' lo stesso solo che varia l'intensita' del tratto.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 147
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

differenza tra inchiostro delle cartucce e inchiostro del calamaio

Messaggio da ricart » lunedì 25 giugno 2018, 10:46

Cosa succede se uno lascia la boccetta aperta? L'acqua evapora e rimane il pigmento. L'inchiostro giorno dopo giorno assumerà tonalità diverse in base alle percnetuali. Per quanto riguarda le cartucce un po' vecchiotte basta bucarle e aggiungere acqua quanto basta. Come si fa nelle boccette ferme da qualche anno.

Mandi

Rispondi