Pagina 5 di 5

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 9:59
da Bons
Mightyspank ha scritto:
sabato 14 aprile 2018, 23:35
Su questo non sono d'accordo. Viviamo in un paese dove la cultura scientifica è considerata del tutto trascurabile nella vita quotidiana. La matematica, la fisica, la chimica e così via sono materie spesso male insegnate e altrettanto mal digerite dagli alunni, svilite dai media e ignorate nelle conversazioni.
Così come è considerato scorretto usare anglicismi o scrivere in cattivo italiano nel forum, sarebbe per me opportuno introdurre alcuni concetti scientifici minimali da utilizzare fra di noi.
Per esempio una penna non "pesa" 40 g, ma ha una massa di 40 g, per essere precisi pesa circa 392 N.
È corretto parlare di portata e non di flusso, sottolineare l'importanza del concetto di fluido e di viscosità.
Si, vabbè, e al fruttivendolo al mercato chiedo 19,62N di mele. :crazy:
;)

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 10:04
da Bons
MaPe ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 2:47
No, direi proprio di no. Se riesci a scrivere con una penna che "pesa" 392[N] il tuo avambraccio è paragonabile a quello di Hulk :wtf: :lol:
Chissà se tra le edizioni speciali raccapriccianti non esista qualcosa del genere. :lol:

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 10:58
da Mightyspank
MaPe ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 2:47
No, direi proprio di no. Se riesci a scrivere con una penna che "pesa" 392[N] il tuo avambraccio è paragonabile a quello di Hulk :wtf: :lol:
Pietà: la mucca mi ha mangiato una "m" davanti alla N.
Più che altro dovrei trovare un fabbricante che mi produca una penna da 40 kg! Però! La cosa si fa interessante :lol:
La voglio in materia interstellare superdensa :D
Buona domenica a tutti

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 14:01
da MaPe
Mightyspank ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 10:58
MaPe ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 2:47
No, direi proprio di no. Se riesci a scrivere con una penna che "pesa" 392[N] il tuo avambraccio è paragonabile a quello di Hulk
Pietà: la mucca mi ha mangiato una "m" davanti alla N.
Più che altro dovrei trovare un fabbricante che mi produca una penna da 40 kg! Però! La cosa si fa interessante :lol:
La voglio in materia interstellare superdensa :D
Buona domenica a tutti
Se ti fai fare il pennino in oro 21K dalla Sailor non oso immaginare le dimensioni del portafoglio da portare in Giappone...in pratica occupa la stiva dell'aereo :wtf:
:lol:

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 15:21
da ooti
shinken ha scritto:
sabato 14 aprile 2018, 23:52
Una cosa che mi lascia un po' perplesso è la mancanza di dati numerici sugli inchiostri.
Ora è abbastanza difficile che uno nella sua bella casina si ritrovi un colorimetro un viscosimetro, si metta magari a vedere qual' è il residuo facendo evaporare l' acqua di tot inchiostro, stabilire quanta parte grassa c'è e altre misure che ora non mi vengono in mente.
Ma possibile che nessun appassionato si sia messo a fare qualche misura e l'abbia pubblicata?
Per esempio nessun chimico usa la stilografica ed è un po' curioso?
..........................
il chimico potrebbe essere la figura ideale, ma dove lo troviamo un chimico, tra quelli attivi nel forum, che, oltre alla passione per le stilografiche e la curiosità di cui sopra, abbia anche: attrezzature (disponibili per uso privato), un buon numero di campioni diversi per Marca, Varietà, Tinta, Stagionatura..Ecc), il tempo e la voglia di farlo, e tutto quello che non viene in mente a me ma che sicuramente c'è?
shinken ha scritto:
sabato 14 aprile 2018, 23:52
.....le recensioni che ho letto riportavano dati che potrebbero essere abbastanza soggettivi,nessun numero al di fuori di un prezzo....calamaio.
Verissimo, nelle prove di scrittura per il confronto dei colori, ho constatato (l'ultima volta con gli arancioni), che uno stesso colore (più di uno in realtà), rappresentato in una prima foto era completamente diverso nella sucessiva dello stesso utente. Non c'è stato verso, nemmeno uniformando (con Photoshop) dominanti di colore, luminosità, contrasto ecc, di ottenere qualche cosa di confrontabile, combaciando un colore, altri, presenti in entrambe le foto, si allontanavano.
Occorrerebbero dei parametri di ripresa standardizzati, complicati da applicare data la varietà di apparecchiature utilizzate, a meno che qualcuno degli esperti presenti nella sezione fotografica: Link, non sia in grado di suggerirne.

La situazione mi ricorda un po' quella che ogni tanto noto nel forum sui rasoi, alcuni di qui sono iscritti anche la, dove le varie recensioni esprimono giudizi, a volte contrastanti, sui risultati ottenuti radendosi con un certo attrezzo, e che un moderatore valuta chiedendo conferma sul rispetto di tutti i parametri previsti per il tipo di prova.
Sembrerebbe un moderatore anche troppo pignolo, ma in effetti la cosa serve, per quanto possibile, a rendere il test il più oggettivo possibile.
Se non erro anche qui esiste la scheda per la prova inchiostri, forse ne andrebbero ampliati/incrementati i parametri......
.....tenendo presente che se diventa un lavoro, finisce il divertimento. ciao, sandro

PS. giunto in fondo al mio intervento, mi accorgo di essere talmente oti da non aver accennato a Fluido ne a Denso. Ora li ho nominati. ciao

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 17:16
da HoodedNib
ooti ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 15:21

Verissimo, nelle prove di scrittura per il confronto dei colori, ho constatato (l'ultima volta con gli arancioni), che uno stesso colore (più di uno in realtà), rappresentato in una prima foto era completamente diverso nella sucessiva dello stesso utente. Non c'è stato verso, nemmeno uniformando (con Photoshop) dominanti di colore, luminosità, contrasto ecc, di ottenere qualche cosa di confrontabile, combaciando un colore, altri, presenti in entrambe le foto, si allontanavano.
Occorrerebbero dei parametri di ripresa standardizzati, complicati da applicare data la varietà di apparecchiature utilizzate, a meno che qualcuno degli esperti presenti nella sezione fotografica: Link, non sia in grado di suggerirne.
Mi sono dilettato con la fotografia tempo fa e l'unico modo per ottenere sviluppi in formato elettronico abbastanza sovrapponibili e' fotografare dei bersagli colore o scala di grigi assieme al pezzo (o scansionarli nel caso si usi quello) e possibilmente avere schermo e stampante/scanner profilati colorimetricamente. Nel primo caso sai quali sono i bianchi e neri e imporli a photoshop, cosi' come i grigi o i vari colori sul bersaglio. Ma gia' solo avere un punto di bianco decente aiuta.

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 17:48
da shinken
Riprodurre un colore in una foto ė un po' diverso che misurare un colore.
Avere dei valori numerici sarebbe più sicuro.
Ovviamente si tratta di una cosa non semplice
Stesso per i valori di viscosità, peso specifico ecc.

Il contrario di "fluido" non è "denso"!

Inviato: domenica 15 aprile 2018, 18:28
da ooti
HoodedNib ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 17:16
...........l'unico modo per ottenere sviluppi in formato elettronico abbastanza sovrapponibili e' fotografare dei bersagli colore o scala di grigi assieme al pezzo........
shinken ha scritto:
domenica 15 aprile 2018, 17:48
Riprodurre un colore in una foto ė un po' diverso che misurare un colore. Avere dei valori numerici sarebbe più sicuro. Ovviamente si tratta di una cosa non semplice. Stesso per i valori di viscosità, peso specifico ecc.
Certo, in tutti i casi non sono metodi proponibili a utenti che utilizzano "mezzi di fortuna", anche se smartphone, ora molto sofisticati, per fotografare sporadicamente quello che capita e senza dover/voler pensare a temperatura di colore, luminosità e parametri vari. ciao, sandro