La mia prima stilografica

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Rispondi
Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

La mia prima stilografica

Messaggio da Skintinka » venerdì 9 novembre 2018, 6:34

Buongiorno a tutti, ieri mi è arrivata la mia prima stilografica una faber castell loom spessore della punta B. Dopo aver installato la cartuccia in dotazione inizio a scrivere e noto che il tratto lasciato dalla punta da un effetto acquarello. È normale oppure ho sbagliato qualcosa?
Grazie a tutti per l'attenzione.
Sono appena iscritto e felice di averlo fatto a presto a tutti e buona scrittura
Allegati
P_20181108_234750_vHDR_On.jpg

Avatar utente
francoiacc
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 470
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

La mia prima stilografica

Messaggio da francoiacc » venerdì 9 novembre 2018, 7:30

Ciao innanzitutto come da regolamento dovresti prima passare dalla sezione presentazioni.
Riguardo alla tua domanda, hai preso una Faber Castell con pennino Broad, che da buona tedesca rilascia un tratto davvero largo e ricco di inchiostro. Il fenomeno che tu vedi si chiama spiumaggio, problema che si presenta particolarmente con tratti generosi come quello che hai tu. Non stai facendo nulla di sbagliato, la penna funziona benissimo. Per risolvere devi solo usare carte migliori, cosa del resto sempre raccomandata per le stilografiche, qualcosa di meno assorbente e più spesso, carte tipo la Rhodia da 80 gr/mq. Ovviamente con penne dal tratto fine lo spiumaggio sarebbe meno presente su carte più dozzinali, ma avresti comunque un po' un effetto pennarello. :wave:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

hobbit
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 54
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

La mia prima stilografica

Messaggio da hobbit » venerdì 9 novembre 2018, 8:24

Ciao. Anch’io come te ho poca esperienza, comunque prendere una penna anche ben recensita senza provarla è un salto nel buio.
Un pennino B è veramente spesso, personalmente faccio già fatica con gli M.
La cosa più semplice è provare a cambiare inchiostro e cercare quello che ti restituisce un miglior feedback in abbinamento alla penna e alla carta che usi di solito.
Se non dovessi riuscire ad adattarti, valuta la Lamy che con pochi euro permette di cambiare il pennino sulla stessa penna.

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

La mia prima stilografica

Messaggio da Stilo80 » venerdì 9 novembre 2018, 8:48

Se hai fatto dei lavaggi alla penna e non si è asciugata bene nella sezione scrittura potresti avere un effetto annacquato con tonalità meno sature di colore. Ci sono capitato anch'io quando ho tentato di recensire l'inchiostro Lamy blu.
Il pennino broad è l'ideale per gli amanti dello shading ovvero la variazione di sfumature che puoi ottenere solo con le stilografiche. Questo perché rilascia un tratto più largo, logicamente con più inchiostro che, se incline allo shading di dà delle piacevoli variazioni di colore.
La penna che hai acquistato gode di buona fama, i pennini broad sono largamente usati in America (usano anche BB e BBB figurati) semplicemente costringe a scrivere più largo e non è adatto a chi preferisce una grafia piccola.
Congratulazioni per l'acquisto ora corri a presentarti nella sezione dedicata alle presentazioni se non l'hai già fatto ;)
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

La mia prima stilografica

Messaggio da Skintinka » venerdì 9 novembre 2018, 13:50

Grazie a tutti per gli ottimi consigli...ne farò buon uso in futuro...ora corro a presentarmi...

Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 271
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

La mia prima stilografica

Messaggio da Rodelinda » venerdì 9 novembre 2018, 14:53

Ciao! Innanzitutto, prima ti presenti meglio è: è sempre un buon modo di fare conoscenza.
Secondariamente, condivido il parere di chi mi ha preceduto: un pennino B (cioè broad) forse non è proprio l'ideale per iniziare, essendo ancora più largo e abbondante dell'M, ma quello che conta è come ti trovi tu!, e se ti trovi bene, questo è quello che conta.
L'effetto che noti si chiama "spiumaggio"; ed è dovuto all'abbondanza nel flusso di inchiostro che si espande, impregnando le fibre tritate e amalgamate grossolanamente delle carte più economiche, nonché ovviamente alla maggior quantità di inchiostro che viene distribuita con un broad. Per quanto mi riguarda, questa tipologia di pennino - così come gli M - è quella più adatta per apprezzare le sfumature e le variazioni di tratto, che sono ciò che impreziosisce la scrittura con questo strumento fantastico che è la stilografica.
Detto questo, la Faber Castell Loom è un'ottima penna, sia per iniziare sia per chi è già abituato, anche se - forse - il corpo interamente in metallo richiede un po' di sforzo per chi è abituato alle biro in plastica, per l'ovvia differenza di peso.
Ti auguro piacevole permanenza tra noi!

Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 14
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

La mia prima stilografica

Messaggio da Skintinka » venerdì 9 novembre 2018, 15:28

Grazie anche a te Rodelinda per i buoni consigli

Rispondi