Riscoperta di una Aurora Kona

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Avatar utente
Tiberio G
Levetta
Levetta
Messaggi: 565
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2012, 23:01
La mia penna preferita: Parker Duofold Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Sei-Boku blu-nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 015
Arte Italiana FP.IT M: 087
Fp.it ℵ: 116
Fp.it 霊気: 105
Località: Milano
Sesso: Uomo
Contatta:

Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Tiberio G » mercoledì 18 gennaio 2012, 14:43

Un buongiorno a tutti gli appassionati,
sono un nuovo utente del forum nonché un appassionato di stilografiche, ma ho ancora moltissimo da imparare giacché utilizzo le stilografiche non da molti anni (una Columbus d'argento per la vita quotidiana mentre custodisco gelosamente una Montblanc dedicata a Chopin)
Mi appresto dunque ad entrare nel vivo della discussione proponendo di raccogliere qualche dettaglio circa una Aurora Kona che ho rinvenuto tra i cimeli di mio padre, sarei molto grato di ricevere maggiori informazioni da voi esperti sulla qualità, l'anno di produzione, e in particolare sul sistema di caricamento.
Sono fornite due cartucce ma anche un converter ( che funziona per pressione) cosa è meglio utilizzare (durata vs praticità).
Vi ringrazio in anticipo e colgo l'occasione per porgere
distinti saluti.

Tiberio Galbiati
Tiberio

rembrandt54
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da rembrandt54 » mercoledì 18 gennaio 2012, 19:44

Tiberio G ha scritto:Un buongiorno a tutti gli appassionati,
sono un nuovo utente del forum nonché un appassionato di stilografiche, ma ho ancora moltissimo da imparare giacché utilizzo le stilografiche non da molti anni (una Columbus d'argento per la vita quotidiana mentre custodisco gelosamente una Montblanc dedicata a Chopin)
Mi appresto dunque ad entrare nel vivo della discussione proponendo di raccogliere qualche dettaglio circa una Aurora Kona che ho rinvenuto tra i cimeli di mio padre, sarei molto grato di ricevere maggiori informazioni da voi esperti sulla qualità, l'anno di produzione, e in particolare sul sistema di caricamento.
Sono fornite due cartucce ma anche un converter ( che funziona per pressione) cosa è meglio utilizzare (durata vs praticità).
Vi ringrazio in anticipo e colgo l'occasione per porgere
distinti saluti.

Tiberio Galbiati
Ciao Tiberio e benvenuto tra noi !!
La penna che hai è nata negli anni Ottanta, quando Giorgetto Giugiaro disegna la Kona, dalla caratteristica forma simile ad una colonna dorica.

Per quanto riguarda il caricamento, se tieni molto alla praticità ti conviene usare le cartucce ;
Il converter contiene più inchiostro, ma devi avere a disposizione una boccetta per ricaricarlo.

Avatar utente
sanpei
Honoris Causa
Honoris Causa
Messaggi: 1285
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2009, 18:10
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 006
Località: Torino
Sesso: Non Specificato
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da sanpei » mercoledì 18 gennaio 2012, 22:27

Ciao benvenuto,
Aurora Kona bruttissima, infatti successo commerciale molto limitato,
per contro monta il miglior pennino Aurora mai prodotto, scrive benissimo ed è super scorrevole,
+ sostanza che forma una volta tanto.
Enjoy!
http://www.zona900.it
Facciamo cose, incontriamo persone.

Zona900-Facebook https://www.facebook.com/Zona900-601300 ... /timeline/

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9543
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da piccardi » giovedì 19 gennaio 2012, 0:40

Devo dire che come penna non è poi tanto peggio di molte cose che si vedono oggi, anche se lo stile della Hastil (che è più vecchia) mi piace di più. Non mi pare una delle migliori creazioni di Giugiaro...

Riguardo la tua domanda ti ha già risposto Stefano, da parte mia posso solo aggiungere che se trovi il converter troppo piccolo per la quantità di inchiostro contenuto, una soluzione un più scomoda è riempire le cartucce esaurite con una siringa. Ha però lo svantaggio che a forza di toglierle e metterle si usurano.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Tiberio G
Levetta
Levetta
Messaggi: 565
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2012, 23:01
La mia penna preferita: Parker Duofold Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Sei-Boku blu-nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 015
Arte Italiana FP.IT M: 087
Fp.it ℵ: 116
Fp.it 霊気: 105
Località: Milano
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Tiberio G » giovedì 19 gennaio 2012, 14:47

Grazie per le risposte,
già adesso devo riempire le cartucce della Columbus con siringa e boccetta perciò forse sarà più comodo il converter nonostante possa essere meno capiente.

Sono contento che abbia un buon pennino perché è la caratteristica che conta di più per una buona scrittura ma, d'altra parte dovrò stare attento a non danneggiarlo!

Tiberio
Tiberio

Avatar utente
Andrea C
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1020
Iscritto il: martedì 15 novembre 2011, 17:49
La mia penna preferita: Aurora Kona
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Fidenza
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Andrea C » giovedì 19 gennaio 2012, 16:19

A mio avviso è invece una penna molto bellina!... Oltre ad evere un pennino eccezionale.
I gusti son gusti...!!.. :D
Io trovo che le stilo sottili dell'Aurora degli anni '70/'80 siano belle e scrivano in modo fantastico.
La più bruttina è proprio la Hastil, anche se è la capostipite e stà al Moma...
Esistono versioni non "basic" della Magellano e della Marco Polo che sono davvero belle.
Io ho tre Marco Polo, di cui una in argento massiccio, ed una Magellano blu screziata con finiture placcate oro, che sono davvero carine !!!
E scrivono tutte da 10 e lode...!
Vorrei averla io la tua Kona !
_______________________________________________________ Andrea

Avatar utente
FilippoP
Levetta
Levetta
Messaggi: 748
Iscritto il: domenica 20 febbraio 2011, 18:31
La mia penna preferita: Chilton
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Black
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 049
Località: Bologna
Sesso: Uomo

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da FilippoP » venerdì 20 gennaio 2012, 13:57

rembrandt54 ha scritto: Giorgetto Giugiaro disegna la Kona, dalla caratteristica forma simile ad una colonna dorica.
Ciao,
guardando le foto dell'Aurora Kona, che non conoscevo, mi è subito venuta in mente la Lamy Persona, che però è posteriore... A voi non sembra che quest'ultima possa essere stata quantomeno "ispirata" dalla prima?

Grazie
Filippo
Filippo

Avatar utente
Andrea C
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1020
Iscritto il: martedì 15 novembre 2011, 17:49
La mia penna preferita: Aurora Kona
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Fidenza
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Andrea C » lunedì 2 aprile 2012, 22:25

MI sono tolto lo sfizio... e ho comprato una KONA !!!!!!!!!.............
STUPENDA
_______________________________________________________ Andrea

filippo
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 18 aprile 2012, 13:12
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da filippo » domenica 6 maggio 2012, 12:41

Beh, secondo me come puro oggetto di design la Hastil è proprio un altro pianeta, direi che è uno dei 5-6 disegni che hanno fatto la storia della stilografica; anche la costruzione, apparentemente minimalista, è molto sofisticata (clip a scomparsa, corpo apparentemente cilindrico ma in realtà tronco-conico...), e l'ergonomia è più che discreta, nonostante il corpo sottile, grazie anche alla impugnatura in gomma rigata. E' stata copiata da diversi produttori, e venduta dalla stessa Mont Blanc col proprio marchio (chissà quanto costava...).

La Kona, sotto questo profilo, mi pare un passo indietro; molto bello il pennino, però, dalla particolarissima forma.

Per le cartucce, non vedo - ecologia o voglia di usare inchiostri particolari a parte - perchè ricorrere alla siringa: dovrebbe esservi piena compatibilità con le cartucce ed i converter Parker.

Ciao

Filippo

Avatar utente
Tiberio G
Levetta
Levetta
Messaggi: 565
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2012, 23:01
La mia penna preferita: Parker Duofold Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Sei-Boku blu-nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 015
Arte Italiana FP.IT M: 087
Fp.it ℵ: 116
Fp.it 霊気: 105
Località: Milano
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Tiberio G » domenica 6 maggio 2012, 19:04

filippo ha scritto:Beh, secondo me come puro oggetto di design la Hastil è proprio un altro pianeta, direi che è uno dei 5-6 disegni che hanno fatto la storia della stilografica; anche la costruzione, apparentemente minimalista, è molto sofisticata (clip a scomparsa, corpo apparentemente cilindrico ma in realtà tronco-conico...), e l'ergonomia è più che discreta, nonostante il corpo sottile, grazie anche alla impugnatura in gomma rigata. E' stata copiata da diversi produttori, e venduta dalla stessa Mont Blanc col proprio marchio (chissà quanto costava...).

La Kona, sotto questo profilo, mi pare un passo indietro; molto bello il pennino, però, dalla particolarissima forma.

Per le cartucce, non vedo - ecologia o voglia di usare inchiostri particolari a parte - perchè ricorrere alla siringa: dovrebbe esservi piena compatibilità con le cartucce ed i converter Parker.

Ciao

Filippo
Ciao Filippo,
per quanto riguarda l'estetica personalmente preferisco la Kona, l'acciaio mi pare poco classico, preferisco lo stile dorico con inserti in oro.
Per le cartucce devo dire che quando ho scritto il post non avevo mai usato un converter che non fosse a vite ed ero preoccupato per la sua quantità massima di inchiostro che può contenere.
Ricaricare le cartucce con siringa è una bella operazione:
1)risparmi sul converter
2)risparmi sulle cartucce
3)puoi usare tutti gli inchiostri che vuoi comprandoti le boccette (e anche sulla scrivania hanno il loro fascino)
4)non devi pulire il pennino ogni volta che lo immergi nell'inchiostro per caricare il converter.

Cordiali saluti.


Tiberio.
Tiberio

Avatar utente
Tiberio G
Levetta
Levetta
Messaggi: 565
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2012, 23:01
La mia penna preferita: Parker Duofold Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Sei-Boku blu-nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 015
Arte Italiana FP.IT M: 087
Fp.it ℵ: 116
Fp.it 霊気: 105
Località: Milano
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Tiberio G » domenica 6 maggio 2012, 19:20

filippo ha scritto: E' stata copiata da diversi produttori, e venduta dalla stessa Mont Blanc col proprio marchio (chissà quanto costava...).


Filippo
Eccola
http://www.fountainpen.de/old-70-80-slimline.htm
Allegati
1.jpg
1.jpg (31.59 KiB) Visto 1861 volte
Tiberio

Avatar utente
Andrea C
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1020
Iscritto il: martedì 15 novembre 2011, 17:49
La mia penna preferita: Aurora Kona
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Fidenza
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Andrea C » lunedì 7 maggio 2012, 9:47

Io ho sia una Hastil che una Kona... ma vi posso garantire che per quanto la Hastil sia molto carina, la Kona è un'altra cosa.
Già al tatto, il materiale che si senta fra le dita ti dà belle sensazioni...
_______________________________________________________ Andrea

Avatar utente
Tiberio G
Levetta
Levetta
Messaggi: 565
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2012, 23:01
La mia penna preferita: Parker Duofold Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Sei-Boku blu-nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 015
Arte Italiana FP.IT M: 087
Fp.it ℵ: 116
Fp.it 霊気: 105
Località: Milano
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da Tiberio G » martedì 15 maggio 2012, 18:20

Scusate se riapro il post ma vorrei sapere da voi se e dove posso trovare dei pennini di ricambio per l'Aurora Kona.
Grazie.

Tiberio
Tiberio

filippo
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 18 aprile 2012, 13:12
Sesso: Non Specificato

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da filippo » martedì 22 maggio 2012, 19:38

Tiberio,

per il pennino Kona, sarò banale ma hai provato a chiedere alla Aurora? Anni fa ebbi bisogno di un'informazione, e ottenni una risposta pronta e cortese.

Per quanto riguarda la siringa, temo di averti frainteso: volevo solo segnalarti una possibilità alternativa (tra l’altro mi pare che per Parker siano disponibili converter a stantuffo, decisamente più pratici di quelli a depressione), ma capisco i vantaggi della siringa. Ho anche io i cassetti pieni di siringhe, e spero che nessuno si faccia delle idee strane nel vederle…..

L'immagine che hai postato è quella di una MB "Slimline", che in effetti assomiglia parecchio alla Hastil; ma qualche anno prima (1973-1975) MB vendeva col proprio marchio proprio la Hastil fatta dalla Aurora. La si può vedere qui: http://www.fountainpen.de/old-70er-vip-pen.htm (abbiate pazienza, non ho ancora capito come allegare un’immagine ad un messaggio).

Quanto al confronto Hastil/Kona, non ho mai avuto nessuna delle due, e non faccio fatica a credere che la Kona scriva meglio; all'epoca costava un bel po' di più, tra l'altro. Dal punto di vista estetico, poi, è ovviamente questione di gusti.

Quella che volevo sottolineare è l’importanza del disegno della Hastil sotto il profilo storico: lo trovo uno dei migliori esempi di un periodo felice del design italiano, il frutto di una serie di scelte tecnico/estetiche molto meditate e rigorose, con un risultato di grande coerenza. In certo senso, il suo estremo minimalismo la avvicina a quell’illustre precedente, non per niente uscito dalla scuola del Bauhaus, che è la Parker 51; con in più una particolare enfasi nell’impiego – ostentato – di un materiale “tecnico” e “povero” come l’acciaio e la gomma, e di linee particolarmente essenziali. Il che la distingue da altri – pur apprezzabili ed innovativi – disegni del dopoguerra, come la Waterman CF o certe Sheaffer, che trovo decisamente più “barocche”.

Non è davvero un disegno “classico”, quindi, anzi è proprio volutamente innovativo; e in ciò è il frutto e la testimonianza di un’epoca, ne attesta in qualche modo i valori, le speranze, le idee. Il risultato concreto, naturalmente, può piacere o no; a me, all’epoca, piaceva moltissimo, oggi mi lascia più freddo. Sono cambiato io, sono cambiati i tempi…..

Scusate la lungaggine.

Filippo

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4718
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso: Uomo

Re: Riscoperta di una Aurora Kona

Messaggio da vikingo60 » martedì 22 maggio 2012, 22:48

E' proprio vero che non si finisce mai di imparare:ignoravo completamente che negli anni '70 la Montblanc si facesse produrre penne modello Hastil dalla Aurora da rivendere col proprio marchio.
E questo dimostra ancora una volta come sia utile lo scambio di idee sul Forum.
Grazie ancora,Filippo.
Alessandro

Rispondi

Torna a “Penne Stilografiche”