La migliore penna economica per cominciare.

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!

La migliore penna economica per cominciare.

Lamy Safari - Nexx - ABC
141
46%
Pelikan Grand Prix
5
2%
Pelikan Griffix
3
1%
Reform 1745
11
4%
Pilot 78G - Kakuno
49
16%
Pilot Middle Range
18
6%
Jinhao X-450/X-750
8
3%
Kaweco Sport
23
8%
Schneider Base
2
1%
Schneider ID
1
0%
Online Vision
1
0%
Platinum Preppy - Plaisir
16
5%
Hero 616
4
1%
Altro (Specificare nell'argomento)
23
8%
 
Voti totali: 305

Avatar utente
TheodoreT
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 52
Iscritto il: domenica 18 giugno 2017, 22:22
La mia penna preferita: Waterman 52
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da TheodoreT » giovedì 22 giugno 2017, 23:28

MaPe ha scritto:
TheodoreT ha scritto:Sono l'unico a cui non piace il Safari? Il tratto e' secco e il pennino e' uno dei piu' rigidi che abbia mai provato, inoltre almeno nel mio c'era il baby's bottom. Unica cosa positiva sono i pennini intercambiabili. Qualcuno che ha un Safari mi riesce a confermare i fatti oppure si trattava di un caso isolato?

Direi che per iniziare sia meglio un Pilot Metropoitan o un custom 74, oppure una penna qualsiasi della Diplomat che a parere mio fanno i pennini workhorse migliori che ci siano.
Le mie Safari ed Al-star (aggiungo anche la Studio 065) hanno un flusso medio, i pennini sono rigidi ma nessuno soffre di baby's bottom. Può piacere o meno come estetica, qualcuno può trovare la sezione "ergonomica" scomoda, ma per gusto personale ritengo che siano ottime penne per incominciare.
La Metropolitan, come la Kakuno, la Plumix, la 78g, la Penmanship (direi anche la Lucina se si riesce a prendere ad un buon prezzo) sono ottime penne, ma anche i loro pennini sono rigidi.
La Custom 74 (come la 91) sono già penne con il pennino in oro, quindi direi di un livello superiore (tra cambio Euro/Yen, costi di spedizione ed eventuiale dogana con lo stesso prezzo di una 74 o 91 si prendono tranquillamente 4 Safari, almeno un converter ed un altro pennino di scorta, su per giù :think: Se poi le Pilot si prendono in Europa credo che tra le 8 e le 10 Safari si riescano tranquillamente a prendere).
Pare allora che sia stato sfortunato, perche' il mio aveva un baby's bottom enorme, puo' darsi anche che la versione Politecnico di Milano che ho comprato io non sia fatto come i Safari normali.

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1344
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da MaPe » giovedì 22 giugno 2017, 23:41

TheodoreT ha scritto: Pare allora che sia stato sfortunato, perche' il mio aveva un baby's bottom enorme, puo' darsi anche che la versione Politecnico di Milano che ho comprato io non sia fatto come i Safari normali.
Sei stato sfortunato :thumbup:
Le Safari sono standard, possono cambiare colore, ma le specifiche tecniche sono immutate da moltissimi anni (anzi, forse non sono mai cambiate, ma non ci metto la mano sul fuoco). Per il pennino sai di che "morte devi morire": 4-5€ dall' F fino al 1.9mm e circa 8€ per l'EF
Massimo

kircher
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da kircher » domenica 25 giugno 2017, 18:47

MaPe ha scritto:
TheodoreT ha scritto: Pare allora che sia stato sfortunato, perche' il mio aveva un baby's bottom enorme, puo' darsi anche che la versione Politecnico di Milano che ho comprato io non sia fatto come i Safari normali.
Sei stato sfortunato :thumbup:
Le Safari sono standard, possono cambiare colore, ma le specifiche tecniche sono immutate da moltissimi anni (anzi, forse non sono mai cambiate, ma non ci metto la mano sul fuoco). Per il pennino sai di che "morte devi morire": 4-5€ dall' F fino al 1.9mm e circa 8€ per l'EF
No, TheodoreT, non sei l'unico a non amare i pennini Lamy in acciaio.

Avatar utente
StilTraditio
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 211
Iscritto il: lunedì 14 agosto 2017, 12:45
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Abruzzo
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da StilTraditio » lunedì 2 ottobre 2017, 21:01

Pilot V Pen (la prima in assoluto); poi Bic Easy Clic (verde per i giovanotti, viola o magenta per le fanciulle).

Avatar utente
Phormula
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2984
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Phormula » martedì 14 novembre 2017, 10:55

TheodoreT ha scritto:
giovedì 22 giugno 2017, 22:29
Sono l'unico a cui non piace il Safari? Il tratto e' secco e il pennino e' uno dei piu' rigidi che abbia mai provato, inoltre almeno nel mio c'era il baby's bottom. Unica cosa positiva sono i pennini intercambiabili. Qualcuno che ha un Safari mi riesce a confermare i fatti oppure si trattava di un caso isolato?
Io ho avuto o mi sono passate per le mani decine di Safari-Vista-Al Star e altre Lamy che condividono lo stesso pennino.
Non ho mai trovato un pennino che avesse problemi di scrittura.

Sulla rigidità del pennino e sul flusso medio-basso, concordo.
Secondo me è una caratteristica voluta, la Safari è una penna scolastica, destinata agli studenti della scuola dell'obbligo, che al 99% scriveranno in blu cancellabile. Non tutti hanno la delicatezza di una piuma nello sfiorare la carta e molto probabilmente la penna finisce dentro un astuccio che viene sballottato in uno zaino. Con questo "trattamento", la maggior parte delle penne da connosseurs allagherebbe il cappuccio.
Secondo me è un valido prodotto industriale, affinato nel corso degli anni e perfettamente adeguato a quella che è la clientela.

Ad ulteriore riprova di ciò, pennino rigido e flusso magro sono comuni anche a tante altre penne scolastiche.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Annag
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: venerdì 15 novembre 2013, 18:07
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Annag » venerdì 1 dicembre 2017, 13:30

Buongiorno,
Non ho provato tutte le penne nella lista,quindi posso solo fare riferimento a quelle di cui ho esperienza.
Ero combattuta tra Lamy Safari e Kaweco Sport, ma alla fine ho scelto la Safari per diversi motivi, anche se le ritengo entrambe ottime per iniziare.

Di Lamy Safari ne ho provate diverse, non ne ho mai trovata una che avesse dei problemi, né nella partenza che poi di scorrevolezza generale, mentre con la Kaweco ho trovato in un caso che il pennino (F) avesse qualche difficoltà alla partenza, ma qui entra in gioco anche la sfortuna.
Per quanto riguarda la rigidità del pennino che alcuni hanno segnalato, concordo, ma penso che sia una scelta del produttore, o così penserei io, visto che questa caratteristica può agevolare il passaggio da penna a sfera a stilografica.

La Lamy ha dalla sua anche la facilità di reperimento di pennini diversi, e soprattutto la facilità di cambiarli autonomamente. Per me questa all'inizio è stata una bella novità rispetto ad una penna a sfera e una delle caratteristiche che mi hanno fatto avvicinare al mondo stilografiche è stata quella di poter "mettere mano" ai diversi componenti, anche solo per smontare e rimontare, e impratichirsi senza fare grossi danni su una Lamy, secondo me, è il modo migliore per iniziare.

Infine, anche se forse per alcuni può essere irrilevante, le Lamy ormai si trovano con molta facilità anche in negozi non specializzati e sono prodotte in una quantità di colori per cui è più facile che ognuno possa sentire "sua" una penna anche considerando l'estetica.

C'è poi un'ultima cosa: le Kaweco Sport hanno una misura che per le mani più grandi, o quelle inesperte, può creare problemi nell'impugnatura.

Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da didons » martedì 26 dicembre 2017, 18:58

Ciao a tutti, la mia lista di prime penne per cominciare, magari da usare in ambito scolastico:

- Pilot Kakuno
- Sailor HighAce Neo
- Kaweco Perkeo
- Platinum Preppy

Godowsky1930
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 154
Iscritto il: domenica 25 settembre 2016, 17:52
La mia penna preferita: Dupont linea 1
Il mio inchiostro preferito: Rohrer
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it Vera: 005
Località: Milano
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Godowsky1930 » martedì 26 dicembre 2017, 20:37

Anch'io propenderei per le jinhao. Ce ne sono alcune con l'effetto "marmo" oppure col fusto rivestito di conchiglia che hanno un effetto insolito e che costano sotto i 20,00 euro. Il pennino e' quasi sempre medio. Sono certo copie di modelli noti. Da sconsigliare solo quelle con pennino flessibile sotto i 10,00 euro , ma con problemi di flusso. Umberto

davide451
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 44
Iscritto il: sabato 25 novembre 2017, 18:24
La mia penna preferita: Parker 75
Il mio inchiostro preferito: Parker blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Reggio Emilia
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da davide451 » martedì 26 dicembre 2017, 21:21

Ciao a tutti, ho votato con convinzione la Lamy, penna con moltissime doti e che, a quanto pare, piace a tutti. Personalmente debbo solo precisare che la impugnatura tringolare è per me troppo accentuata e dopo una sessione di scrittura appena lunga mi affatica la mano.
Delle altre posseggo la Kaweco, che trovo eccezionale e che ho sempre in tasca, ma per la verità, pur essendo certamente economica, non mi pare la penna con cui cominciare, una must have ma non la prima penna, forse per le misure, forse perché impone il cappuccio calzato, forse per la eccezionale atmosfera retrò ..., non so esattamente il perché ma non la consiglierei come prima penna.
Ho anche la Pilot 78G, acquistata con pennino F per i numerosi e concordi elogi che riscuoteva sul Forum. Io la trovo terribile, poverissima come corpo e con un pennino che, al contrario di quanto ho letto, non è per nulla scorrevole, lascia un filo di inchiostro appena leggibile e mi affatica tremendamente nell'uso.
Non conosco le altre. Ciao a tutti e ancora auguri. Davide

Avatar utente
didons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 120
Iscritto il: martedì 23 luglio 2013, 13:00
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da didons » giovedì 28 dicembre 2017, 13:30

Altre penne consigliatissime per iniziare, già state citate, sono le Sheaffer scolastiche come la Nononsense, davvero ottime per l'uso quotidiano.

CURSOR
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: sabato 27 gennaio 2018, 17:34
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Monza
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da CURSOR » sabato 3 febbraio 2018, 23:37

Io ho incominciare ho preso una Pelikan Primapenna rossa, ottima penna che ora non ho più purtroppo ! :cry: :roll:

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 230
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Stormwolfie » martedì 6 marzo 2018, 14:11

Io ne ho diverse economiche, stilo qui la mia classifica:
LAMY SAFARI e LAMY LX (piu' costosa circa 38-40 euro ma molto elegante nella versione rutenio con pennino nero EF)
Trovo l'impugnatura comoda con un raffinato design moderno ed ergonomico. Scrivono da dio con qualsiasi genere di inchiostro, anche con i ferrogallici più ostici.
KAWECO PERKEO: Molto carine senza clip al tappo. Ne ho una verde con tappo nero e pennino nero F che scrive benissimo. Se la lascio chiusa un mese riparte in men che non si dica. Costo sui 15 euro.
JINHAO992: Ne ho comprate sei per 13,14 euro. Tutte pennino F molto simile ai bock tedeschi e quindi ai Kaweco (forse sono proprio bock). Tutte con il converter e tutte scrivono molto fluide. Il pennino è un M nella pratica...
NOODLERS AHAB: Bellissima verde (20 euro circa) . La plastica puzza perchè è di composizione vegetale. Il caricamento del pistone interno a stantuffo carica tanto ink.Il pennino è mooooolto flex, per cui puo' adattarsi a scritture diverse, perfino con spessori adatti all'Italic.
PREPPY PLATINUM: Ho la 0.2 ma per scriverci è una dannazione, gratta troppo e si impasta spesso. Adatta a noticine sui bordi dei libri......
JINHAO 159: Tre pezzi di diversi colori 17,62 euro. Dei pennoni giganti e divertenti, pesano un botto e montano degli M lunghi e larghi molto performanti. Di contro dopo una pagina sei morto e devi fare stretching alla mano.
KAWECO SPORT: Mi dispiace ma non sono soddisfatto per il cappuccio che si perde ogni due per tre, troppo scomoda. Troppo corta. Non so quale sia la ragione di chi se la porta dietro per appunti volanti. Se per volante si intende veloce beh, mettetevi in tasca una vanishing e poi parliamo di velocità e praticità.Certo non è una entry level...al limite è meglio una lilliput almeno ha il tappo che si avvita.

Dalle entry level alle medium level il mio voto è for sailor and pilot:-)

Buone penne a tutti

subottini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 167
Iscritto il: sabato 12 marzo 2016, 11:35
La mia penna preferita: Pelikan M 400
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da subottini » martedì 6 marzo 2018, 14:55

Ciao a tutti. Io ho nel tempo maturato la convinzione che la penna stilografica "per iniziare" non debba mai essere troppo economica. Ho avuto diverse penne a prezzi molto bassi e ho avuto molte delusioni. Penne che grattavano, che non scrivevano del tutto, che perdevano inchiostro senza una causa particolare, che smettevano di scrivere così, dopo due settimane di utilizzo peraltro modesto. Attualmente utilizzo da un bel po' tre penne che considero non care ( nemmeno regalate, occorre dire, ma sono prezzi abbordabili) e che sono molto affidabili e a mio avviso adatte a chi vuole iniziare a maneggiare una stilografica ma senza impegnare troppo denaro, in attesa, magari, di capire se questo tipo di strumento fa per lui:

1) Lamy Aion che uso con inchiostro Aurora Blue ( la citazione degli inchiostri è solo statistica, poi ognuno sceglie quello che più gli piace), pennino EF ( diffido dei pennini F Lamy, per me il tratto è troppo generoso).
2) Delta Unica con pennino F , inchiostro Herbin Perle Noire ( purtroppo attualmente non credo sia tanto facile reperirla).
3) Pelikan M205 con pennino EF (stesso ragionamento adottato per le Lamy), che è anche a stantuffo, inchiostro Pelikan Edelstein Tanzanite (blu-nero).

Un saluto agli amici del Forum.

Claudio

Annibale
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 55
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2018, 16:07

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Annibale » martedì 6 marzo 2018, 16:06

Mi sono da poco avvicinato al mondo delle stilografiche, vi dico quali sono le mie sensazioni.

KAWECO SPORT EF: esteticamente, trovo la penna originale e con quel tocco vintage che non guasta. Quanto al pennino, mi piace la sensazione di scrittura che trovo più fluida delle TWSBI (altre penne che ho provato). Il vero punto a favore è la portabilità. La consiglio come entry level.

TWSBI ECO T EF: esteticamente la preferisco alla TWSBI Diamond 580, il pennino è un po' più rumoroso e meno "scorrevole" di quello della KAWECO ma molto preciso. Molto bella la trasparenza e la carica a stantuffo.

TWSBI DIAMOND 580 F: non è scattato il feeling giusto, esteticamente non mi dice nulla e il pennino mostra gli stessi downside di quelli della ECO (rapportato il tutto alla KAWECO).

Pelikan 100 Vintage: qui i prezzi aumentano un poco ma sempre in maniera ragionevole. Non è troppo difficile reperirle online ma la soddisfazione di averla in mano e assaporare il gusto di un pennino d'altri tempi è impareggiabile. Non so se può essere considerata una entry level ma di certo lo era ai suoi tempi.

Spero di essere stato utile.

Ciao

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 163
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

La migliore penna economica per cominciare.

Messaggio da Lamy » martedì 6 marzo 2018, 16:21

Confermo quanto detto da subottini sulla Lamy Aion, provata e scrivere decisamente bene e per quanto mi riguarda ha una ottima ergonomia. Snobbata ma non per questo di scarsa qualità è la Faber Castell Loom che praticamente scrive da sola da tanta che è la scorrevolezza del pennino. Ho anche provato le Lamy Safari e Al Star e funzionano bene. A breve farò 24 anni e mi sarà regalata una penna tra quelle basiche: Lamy Safari Se 2016, Al Star Ocean Blue, Linea, Cp1, Pilot Kakuno. Mi piace anche la Lamy LX Gold come penna entry level.

Rispondi