Aiuto su Aurora... 98?

Tecniche e consigli per l'uso, la manutenzione e la riparazione delle penne stilografiche.
Avatar utente
giobatta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 gennaio 2014, 14:30
La mia penna preferita: Visconti Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Visconti Turchese
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 118
Località: Genova
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da giobatta » venerdì 28 marzo 2014, 21:56

Comprata per pochi euro su ebay.
Esteticamente è molto bella, non mi è chiarissimo se possa montare cartuccia/converter (se si quali?) o è una 98? senza il pezzo con lo stantuffo... (magari sto dicendo fregnacce)
Insomma datemi una mano a capire come farla scrivere senza doverla intingere nella boccetta (cosa che ho fatto e scrive dignitosamente). :mrgreen:

Perdonate le foto indegne.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
ImmagineImmagine



Grazie :D
Guido

muristenes
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 950
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 22:42
La mia penna preferita: Pelikan M215
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Topaz
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cagliari

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da muristenes » venerdì 28 marzo 2014, 22:11

Ciao Guido, sembra anche a me un'Aurora 98 (a cartucce) ;)

viewtopic.php?f=47&t=7005
viewtopic.php?f=8&t=6654

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9797
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 28 marzo 2014, 22:26

E' a cartucce, purtroppo con l 'innesto rotto.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
giobatta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 gennaio 2014, 14:30
La mia penna preferita: Visconti Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Visconti Turchese
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 118
Località: Genova
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da giobatta » venerdì 28 marzo 2014, 22:31

maxpop 55 ha scritto:E' a cartucce, purtroppo con l 'innesto rotto.
Perfetto :cry:
Dunque inutilizzabile?

Grazie muristenes per i link!

muristenes
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 950
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 22:42
La mia penna preferita: Pelikan M215
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Topaz
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cagliari

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da muristenes » venerdì 28 marzo 2014, 22:37

maxpop 55 ha scritto:E' a cartucce, purtroppo con l 'innesto rotto.
A me ovviamente questo dettaglio era sfuggito :think: Beata ignoranza!

giobatta ha scritto:Grazie muristenes per i link!
Figurati!

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9797
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 28 marzo 2014, 23:32

Ti metto due foto della stessa penna però placcata oro.
Puoi vedere la parte che a te è rotta.
Allegati
005 copia.jpg
005 copia.jpg (329.06 KiB) Visto 1751 volte
003.JPG
003.JPG (285.68 KiB) Visto 1751 volte
002.JPG
002.JPG (298.66 KiB) Visto 1751 volte
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
giobatta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 gennaio 2014, 14:30
La mia penna preferita: Visconti Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Visconti Turchese
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 118
Località: Genova
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da giobatta » venerdì 28 marzo 2014, 23:44

Grazie max! è decisamente un elemento necessario...
La penna era piena di inchiostro "rappreso". Probabilmente era rimasta ferma per anni e provando a togliere la cartuccia hanno forzato ed è venuto via tutto...

Ho provato a inserire un converter lamy e ci sta. Un po' stretto ma entra e sembra arrivare a toccare l'imboccatura del condotto verso l'alimentatore. Sarebbe da capire se esiste un modo per sigillare l'insieme a tenuta.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9797
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da maxpop 55 » sabato 29 marzo 2014, 0:20

Prova caricandola con acqua così se non perde è oK, altrimenti se perde non sporchi niente.
Bisogna vedere se l'inchiostro, o l'acqua arriva al pennino e per quanto tempo scrive, potrebbe avere dei problemi non entrando aria a sufficienza.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Geofisico
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 456
Iscritto il: venerdì 7 febbraio 2014, 13:36
La mia penna preferita: Tibaldi Lusso 60
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Piacenza

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da Geofisico » sabato 29 marzo 2014, 8:16

...Ciao. Confermo il messaggio di maxpop 55.
Purtroppo la tua penna ha l'innesto rotto. Caricamento a cartuccia.
Pier

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1041
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da Pettirosso » sabato 29 marzo 2014, 8:16

Ne ho un paio anch'io: erano quelle (se ricordo bene) che proponevano carissime (uno sproposito) come "Archivi Storici" (cioè rifatte in epoca recente con pezzi originali dell'epoca), e poi si trovavano (e si trovano) su Ebay per poche decine di Euro.
Montano le attuali cartucce Aurora Kink Size (o Lamy o Parker o Monteverde con attacco Parker: ecco perché ho dei dubbi sul fatto che siano tutti pezzi originali anni '50: in allora l'attacco era diverso): quindi un converter Lamy va benissimo (e costa meno dei converter originali Aurora).
Se la tua ha l'innesto rotto puoi provare, appunto, a "incastrare" un converter Lamy: se funziona o.k., altrimenti consiglierei di mettere il tutto in un cassetto (al più protestando con il venditore, se te la aveva dichiarata funzionante).
Non credo sinceramente meriti di più: e te lo dice un appassionato di stilografiche Aurora.
Sono le uniche Aurora che possiedo di cui non sono soddisfatto: una è un innaffiatoio, l'altra un po' meno, ma in entrambe il flusso di inchiostro è incostante, qualunque tipo usi.
Su una il cappuccio era troppo largo e si sfilava; fortunatamente sull'altra era troppo stretto (sono identiche dorate), ed almeno questo problema l'ho risolto incrociandole.
Maxpop 55, se hai qualche correzione sulla serie fammela; io non so altro.
La tua come va?
Buon week-end a tutti!

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9797
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da maxpop 55 » sabato 29 marzo 2014, 13:47

La mia completamente è originale anni 60', il problema dell'innesto è molto comune alle Aurora con cartucce proprietarie, anche la Hastil ne soffre, se provi un altra cartuccia ed è uno spessore leggermente inferiore si spacca l'innesto senza che neanche te ne accorgi, purtroppo l'ho pagato sulla mia pelle.
Per andare sul sicuro devi solo mettere cartucce o converter originali dell'epoca.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
giobatta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 gennaio 2014, 14:30
La mia penna preferita: Visconti Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Visconti Turchese
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 118
Località: Genova
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da giobatta » domenica 11 maggio 2014, 1:44

Aggiornamento.

Mi sono divertito a giocare al piccolo pennaio pazzo...
Sono venuto a capo del fatto che si può svitare la sezione dal supporto cartuccia, che di fatto è un tubo con due filettature, da una parte per l'impugnatura (con pennino e feed) dall'altra per il corpo.
Smontando il tutto si toglie l'alimentatore e si riesce a lavorare con calma senza paura di rovinare la punta dell'alimentatore.
Ho trovato che il converter Lamy rosso (quello con le guide) ha praticamente l'esatto diametro interno del lato in cui c'era il supporto per la cartuccia.
Provando a inserire il solo converter già si ottiene una discreta resistenza e l'acqua viene aspirata senza problemi.

Sono passato dunque ad una soluzione "definitiva" applicando del super attak power-flex gel (una formulazione per gomma che non cristallizza come l'originale), applicato un velo sui bordi del foro che porta all'alimentatore, un velo sul converter e un velo sulle pareti.
Ho poi sigillato ulteriormente applicandone un po intorno al punto di congiunzione tra la filettatura per il corpo e il converter.

Dal converter ho tolto le due guide in plastica (dei tondini in rilievo dal corpo del converter che si serrano sulla sezione delle safari p.es) perchè andavano a "impigliarsi" nella filettatura del corpo.

Lavato il tutto caricato di acqua e verificata la tenuta, ho caricato con aurora black.
Avevo qualche problemino di skip causato da un "baby bottom" sui rebbi del pennino. Ho abraso leggermente e la penna si è messa a scrivere molto bene. Su questo comunque devo migliorare un po', magari provare anche una grana più fine.

Il risultato comunque è stato da una penna inservibile ad una che scrive in modo dignitoso.
DSC_0818.JPG
DSC_0818.JPG (600.8 KiB) Visto 1489 volte
Guido
"Frustra fit per plura quod fieri potest per pauciora"
"È inutile fare con più ciò che si può fare con meno"- Rasoio di Occam

Dogana: iva, dazi e spese. Come calcolarli

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7265
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da Ottorino » domenica 11 maggio 2014, 11:20

Buono e intelligente recupero !!

Se anche l'attack gel dovesse fessurarsi, potresti provare con colla artiglio e simili, molto piu' elastica.
Ed eventualmente rimuovibile e riapplicabile.

Anche se tu dovessi rincollarla una volta all'anno sarebbe comunque un buon successo.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
giobatta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 gennaio 2014, 14:30
La mia penna preferita: Visconti Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Visconti Turchese
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 118
Località: Genova
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da giobatta » domenica 11 maggio 2014, 15:25

Ottorino ha scritto:Buono e intelligente recupero !!

Se anche l'attack gel dovesse fessurarsi, potresti provare con colla artiglio e simili, molto piu' elastica.
Ed eventualmente rimuovibile e riapplicabile.

Anche se tu dovessi rincollarla una volta all'anno sarebbe comunque un buon successo.
Grazie per il complimento e grazie per il suggerimento per la colla artiglio, la terrò presente per il futuro.
L'attak che ho usato non è la classica formulazione ma è il "power-flex". E' resistente all'acqua, indicato in particolare per gomma, pelle, legno e materiali porosi in genere. E' dotato di una certa flessibilità in modo da non spaccarsi sotto sollecitazione meccanica.
L'avevo usato per incollare una guarnizione sul tetto della macchina che si era rotta, dopo un annetto e mezzo è ancora li quindi sono abbastanza fiducioso sulla tenuta del tutto. Tra l'altro anche senza colla sembrava già discretamente a tenuta quindi la speranza è che resti così senza particolari interventi.
Forse un filo di lubrificante al silicone potrebbe non fargli male.

Aggiungo una nota, il converter Lamy deve essere necessariamente il rosso, ha la punta piatta che si adatta perfettamente al cilindro che porta all'alimentatore. Il converter nero ha una forma completamente diversa (con una punta tipo cartuccia) che lo rende inservibile allo scopo.

Comunque la penna in se scrive più che onestamente, niente false partenze ne skip, flusso discretamente abbondante ma costante.

Tutto il gruppo scrittura ha subito anche un bel lavaggio approfondito tra ristagno in acqua e ultrasuoni.
Il pennino oltre al problema del baby bottom aveva i rebbi leggermente disallineati e riportati in linea con azione manuale.
Guido
"Frustra fit per plura quod fieri potest per pauciora"
"È inutile fare con più ciò che si può fare con meno"- Rasoio di Occam

Dogana: iva, dazi e spese. Come calcolarli

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9797
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Aiuto su Aurora... 98?

Messaggio da maxpop 55 » domenica 11 maggio 2014, 17:57

:clap: :thumbup: Ottimo lavoro ed ottima intuizione.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi