Namiki Emperor Vermilion

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Rogozin » mercoledì 16 gennaio 2013, 15:23

Immagine
"La grande onda di Kanagawa" tratto da "38 vedute del Monte Fuji"

Con un misto di soggezione, timore reverenziale e soddisfazione mi accingo a mettere su "carta digitale" una chiacchierata sulla Namiki Emperor size, nella sua versione nota al mondo come "vermilion", nome ispirato, intuitivamente, alla sua colorazione rosso vermiglio.

Immagine

Sarà una chiacchierata un po' particolare, perchè per la prima volta parlo di una penna che va un pochino contro uno dei miei personalissimi principi di "stilografico", ovvero che la penna, qualsiasi essa sia, è in prima ed ultima analisi uno strumento di scrittura e deve essere valutata segnatamente come tale. Questa Namiki, pur essendo "penna" nella declinazione più classica del concetto, è anche qualcosa di più, ma andiamo con ordine.

Lo strumento è pregiato a partire dai materiali. Senza stare a menzionare l'enorme pennino (del quale dico più avanti) in oro 18k ed il corpo di ebanite, cosa rende preziosa, particolarissima e di sicuro impatto visivo questa penna è la lacca urushi utilizzata per ricoprire e rendere lucido e splendente (almeno all'inizio, poi tende ad attenuarsi) il fusto della penna. Non mi soffermerò su cosa sia la lacca urushi, avendone già fatto un piccolo approfondimento qua, nella premessa alla recensione della Platinum Izumo ( Urushi: storia, utilizzi e peculiarità). Quello che invece forse è opportuno dire è che tale procedimento produttivo necessita di tre mesi per far venire alla luce uno solo di questi oggetti, la cui caratteristica principale sta proprio nella certosina e maniacale (ma soprattutto umana) manodopera artistica richiesta. Imperfezioni e sbavature sono assolutamente bandite da questa penna che, sia nel colore che nella qualità intrinseca dell'oggetto ricalca a livello più che paradigmatico lo spirito nipponico, del quale la Namiki (una controllata di Platin...ehm, Pilot - grazie della correzione Alexander) è eccellente rappresentante.
In altre parole, un orgoglio nazionale.


Aspetto e feeling generale.

Immagine

Paradossalmente, quest'immagine, senza didascalie nè le troppe parole che sto usando, sarebbe da sola sufficiente ed esaustiva per parlare della Namikona. Linee ogivali più che classiche, nessuna interruzione visiva nel corpo o nel cappuccio, una discretissima clip.
Immagine

Basta così. In altre parole, un haiku che scrive, un riassunto di penna.

Eccetto per il fatto che è gigantesca. Questo forse non l'avevo ancora detto...

Questa penna riassume e amalgama, in un'ossimorica e paradossale magia, umiltà e voglia di emergere, di farsi distinguere.
A fronte infatti di quelle linee che ho descritto come sostanzialmente essenziali fanno da contraltare le dimensioni gigantesche, al limite del caricaturale, di questo piccola opera d'arte. Tuttavia il peso non è eccessivo (cioè, non è eccessivo per una penna enorme, ma sarà sicuramente molto maggiore delle più comuni "oversize") essendo il corpo, come dicevo prima, in ebanite.

Dimensioni e comparazioni.


In tutta la mia vita non ho mai visto una penna simile. Non so quanto sia grande, a confronto, una Delta Roma Imperiale, sarei curioso di vederle l'una di fianco all'altra :) . Invece vi dovrete accontentare della comparazione con la pur notevole 149 e con la già menzionata Izumo.

Immagine
Immagine
Immagine

Come vedete, non è una penna da utilizzo quotidiano. E qui arriviamo a spiegare meglio quello che volevo dire prima, cioè che questa qua è allo stesso tempo Penna come strumento, qualcosa di più e qualcosa di meno.
E' Penna (con la maiuscola) in senso proprio, sia perchè le sue linee ricalcano l'idea stessa di Penna così come radicata nel nostro inconscio immaginifco, sia perchè le sue qualità di scrittura sono eccellenti (su questo, più avanti).
E' anche qualcosa di più perchè, come dicevo prima, oltre ad essere uno strumento è anche un simbolo del Giappone nonchè di tutto ciò che, nella sua semplice umiltà concettuale, si avvicina al perfetto.
Ma è allo stesso tempo qualcosa di meno, dato che per quanto riguarda me, uso quotidiano significa anche portabilità. Questa è tutto fuorchè una penna portatile. O portabile. Non esistono tasche o portapenne che possano contenerla. Io sono spesso in giro, le dimensioni della Emperor sono tali da escluderne, per lo meno per quanto riguarda me, un uso frequente. Questo senza dubbio limita un po' la sua essenza strumentale di penna, spostando l'asse verso il "simbolo" e verso il concetto di monumento.

Immagine
La Namiki colta nell'atto di cercare di infilarsi nel bellissimo portapenne Delta, al quale era strata attratta per via del colore.

Immagine
La nostra eroina che, non contenta, cerca di cambiare portapenne, infilandosi in un più sobrio Montblanc Westside dal quale però ottiene un altrettanto netto rifiuto.

Sistema di caricamento.

Immagine

Il metodo di riempimento di questa Namiki si basa sul sistema eyedropper (è ovviamente fornita anche un pompetta) che permette di avere sempre a disposizione una quantità folle di inchiostro.

Arrivando al clou della chiacchierata, vediamo pennino e scrittura.
Sul primo c'è da dire che è un M 18kt gigantesco (comunque proporzionato al resto).E' molto particolare l'alimentatore, anch'esso rosso.

Immagine
Immagine

Sulla scrittura, come al solito rimando alle due paginette scritte di impressioni e comparazioni, con una premessa fondamentale. Devo ringraziare per avermi fatto apprezzare appieno questa penna il mitico Fabio Moricci anche detto "Il Pennaio", nibmeister e riparatore che ho la fortuna di avere a pochi minuti di camminata da casa mia e che ha gentilmente risolto i problemi della Namiki in pochissimo tempo (aveva un flusso ridicolo, frequenti interruzioni e non scriveva a pressione 0).

Se interessa leggere, come al solito consiglio la funzione di zoom.

Immagine
Immagine

Credo di aver detto quello che potevo dire, vi lascio con una nota di carattere gastronomico, cioè la dieta consigliata (per almeno un anno) a chiunque volesse comprare la namikona da nuova (tra l'altro le versioni nuove sono leggermente diverse, avendo due anellini dorati alla base del cappuccio ed il pennino decorato mi pare col monte Fuji; questa qui invece è molto più essenziale):
Immagine

Per tutti gli altri, si consiglia la pazienza di trovare l'occasione giusta nel mercato dell'usato.

Vi lascio con un haiku.

Il tetto si è bruciato:
ora
posso vedere la luna.
Masahide.

Avatar utente
Alexander
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2606
Iscritto il: sabato 19 novembre 2011, 12:24
La mia penna preferita: Sailor 1911 Standard Black HT
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Catania
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Alexander » mercoledì 16 gennaio 2013, 15:44

Un capolavoro di recensione, come sempre! Non ci racconti la storia di come ne sei entrato in possesso?
Di certo è una penna fuori dal comune. Una curiosità: hai scritto che la Namiki è controllata dalla Platinum.. io invece sapevo che è stata assorbita dalla Pilot..
"Ho dei gusti semplicissimi: mi accontento sempre del meglio"
O. Wilde

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Rogozin » mercoledì 16 gennaio 2013, 15:47

E infatti ho detto una bischerata, fa parte del gruppo Pilot come dici, le confondo sempre... grazie della correzione :)

La penna è entrata in mio possesso (o sono io entrato nel suo?) grazie alla mia liaison asiatica :D

Edit: ho corretto il testo nella parte che mi hai indicato... e grazie dell'apprezzamento 8-)

Avatar utente
Alexander
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2606
Iscritto il: sabato 19 novembre 2011, 12:24
La mia penna preferita: Sailor 1911 Standard Black HT
Il mio inchiostro preferito: Diamine Royal Blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Catania
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Alexander » mercoledì 16 gennaio 2013, 15:53

Non vedo l'ora di leggere anche la recensione della Platinum Maki-e che hai usato per i confronti :)
Si fanno recensioni su commissione? :D
"Ho dei gusti semplicissimi: mi accontento sempre del meglio"
O. Wilde

rembrandt54
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da rembrandt54 » mercoledì 16 gennaio 2013, 15:57

Andrea complimenti per le recensione e per la maxi penna !!!!
Toglimi una curiosità...ma su quel mezzo ettaro di pennino, non è che ti ci hanno fatto
pagare l'IMU ? :lol: :lol:

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7095
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Ottorino » mercoledì 16 gennaio 2013, 16:25

Il tetto si è bruciato:
ora
posso vedere la luna.
Mi suona familiare......(vedi il MottoSotto)
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
AeRoberto
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 1070
Iscritto il: domenica 8 luglio 2012, 10:54
La mia penna preferita: Parker Vacumatic
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku Asa-Gao
Misura preferita del pennino: Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 064
Arte Italiana FP.IT M: 009
Fp.it ℵ: 084
Fp.it 霊気: 084
Fp.it Vera: 084
Località: Tolosa
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da AeRoberto » mercoledì 16 gennaio 2013, 19:03

E' impressionante, non pensavo fosse così grande. Però è molto molto bella

canyon1
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: lunedì 22 ottobre 2012, 14:25
La mia penna preferita: l'ultima acquistata
Il mio inchiostro preferito: Iroshizuku take-sumi
Misura preferita del pennino: Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 055
Arte Italiana FP.IT M: 023
Fp.it ℵ: 023
Fp.it 霊気: 033
Località: salerno
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da canyon1 » mercoledì 16 gennaio 2013, 20:01

Andrea complimenti per la bellissima recensione .
Trovo la penna veramente bellissima , mi affascina molto il colore.
Michele

Avatar utente
FilippoP
Levetta
Levetta
Messaggi: 749
Iscritto il: domenica 20 febbraio 2011, 18:31
La mia penna preferita: Chilton
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Black
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 049
Località: Bologna
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da FilippoP » mercoledì 16 gennaio 2013, 22:05

Ciao Andrea,
tu ci mostri sempre delle penne spettacolari, complimenti per averla scovata!
Una domanda: eyedropper o plunger filler?

Grazie
Filippo

rembrandt54
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da rembrandt54 » mercoledì 16 gennaio 2013, 22:24

FilippoP ha scritto:Ciao Andrea,
tu ci mostri sempre delle penne spettacolari, complimenti per averla scovata!
Una domanda: eyedropper o plunger filler?

Grazie
Il cosiddetto eyedropper filler, come viene chiamato nel mondo anglosassone, è quello che da noi viene denominato spesso caricamento a caduta oppure, con una traduzione diretta, caricamento a contagocce
http://www.fountainpen.it/Caricamento#eyedropper_filler


Il caricamento a siringa rovesciata, detto anche plunger filler dai collezionisti anglosassoni.
http://www.fountainpen.it/Caricamento#plunger_filler

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Rogozin » mercoledì 16 gennaio 2013, 22:43

FilippoP ha scritto:Ciao Andrea,
tu ci mostri sempre delle penne spettacolari, complimenti per averla scovata!
Una domanda: eyedropper o plunger filler?

Grazie
Eyedropper. Se ci metti dentro dell'acqua te la puoi portare dietro per una scampagnata, a mo' di borraccia, da quanto liquido tiene :)

@Stefano: no, non ce lo pago, hanno capito che per me è un culto :D

Avatar utente
FilippoP
Levetta
Levetta
Messaggi: 749
Iscritto il: domenica 20 febbraio 2011, 18:31
La mia penna preferita: Chilton
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Black
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 049
Località: Bologna
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da FilippoP » mercoledì 16 gennaio 2013, 22:53

Non capisco, nella foto di vede il pistoncino tipico della siringa rovesciata :oops:
Filippo

Avatar utente
Rogozin
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 973
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 13:53
La mia penna preferita: Homo Sapiens
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Firenze
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Rogozin » mercoledì 16 gennaio 2013, 23:00

Si, in effetti ha un funzionamento particolare (come le grosse Danitrio eyedropper). In pratica tu sviti il gruppo pennino, estrai l'asta come vedi nella foto (movimento che apre una valvola), metti l'inchiostro e rimetti dentro l'asta. Non è assolutamente intuitivo nemmeno per me; rimettendo dentro l'asta avevo il terrore che spingesse fuori l'inchiostro, invece serve a gestire quella valvola. Come nel dettaglio non te lo so dire, diciamo che ti ho detto come funziona a livello di azioni meccaniche; dal punto di vista tecnico-fisico sicuramente c'è chi può spiegarlo molto meglio :)

Andrea1979
Levetta
Levetta
Messaggi: 655
Iscritto il: domenica 11 settembre 2011, 21:36
La mia penna preferita: Caran d'Ache Léman
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Berna / Lugano (CH)
Sesso: Uomo

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da Andrea1979 » mercoledì 16 gennaio 2013, 23:04

Magnifica recensione di una penna davvero notevole! Complimenti! Soldi sicuramente ben spesi, specialmente se il prezioso zio d'America ( :D ) è riuscito propiziare un prezzo inferiore ai 2000 e rotti euro di listino... (cosa credi, che dopo aver acquistato la minuscola Sailor non ci abbia fatto un pensierino pure io? Eh eh eh ).

Già che siamo, caro omonimo, mi puoi dire come ti regoli per la famosa "rotazione" (si spera non triennale) delle tue bellissime penne? Qualche foto dell'armadio in cui giacciono quelle messe a maggese? ;)

Saluti

A.

PS.
Qualcuno mi sa dire come si fa a modificare le impostazioni dell'Ipad affinché non sia necessario inserire ogni volta i dati d'accesso al forum (questo e altri)?? :evil: :evil:
Stilografiche: Lamy 2000 Stainless Steel, Lamy Imporium, Montblanc 149, Montblanc Starwalker Ultimate Carbon, Caran d'Ache Léman, Waterman Carène, Parker 75.

Avatar utente
bandana7170
Levetta
Levetta
Messaggi: 593
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2012, 21:25
La mia penna preferita: Aurora
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 099
Località: Torino
Sesso: Non Specificato

Namiki Emperor Vermilion

Messaggio da bandana7170 » mercoledì 16 gennaio 2013, 23:21

Complimenti Andrea recensione stupenda! !!
Toni

Rispondi