Una brutta scoperta

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
Avatar utente
Crononauta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 473
Iscritto il: martedì 8 gennaio 2013, 16:16
La mia penna preferita: Aurora 98 millerighe oro
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Blu-Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 079
Località: Ravenna
Sesso:
Contatta:

Una brutta scoperta

Messaggio da Crononauta » lunedì 15 aprile 2019, 9:49

Sabato ero in giro per Firenze. Non per il penshow, dove non sono riuscito a passare; in ogni caso, trovandomi in centro, ho colto l'occasione per passare in un famoso negozio di stilografiche (beh non so se si può fare il nome sul forum...) a comprare i converter per la Hastil Ferrari e per la Sheaffer Targa. Volevo anche un po' di Parker, ma li avevano finiti, sarà per un'altra volta, o li ordinerò online, pazienza.

La brutta notizia è arrivata quando sono andato a montare il converter sulla "Ferrari": in pratica "ciottola" nello spillo di aggancio, cosa che dovrebbe essere impossibile perché mi ero accertato che mi dessero il converter adatto. E certamente mi hanno dato quello giusto, come ho verificato dalle specifiche.

Allora inizio ad analizzare la situazione, e mi accorgo che la cartuccia che avevo trovato già innestata sulla penna (e che avevo "riciclato" riempiendola con una siringa) in realtà non è una cartuccia Aurora, ma una "standard Pelikan". Il risultato è che, controllando lo spillo di alimentazione con la lente 30x, si vede che intorno ad esso ci doveva essere una specie di cilindretto di plastica a dare lo spessore "Aurora", che ha l'imbocco più largo del Pelikan.
In pratica, illo tempore, mio papà ha forzato una cartuccia Pelikan dentro l'innesto, rompendolo. Per sua fortuna, ha rotto solo la parte esterna, e non lo spillo centrale dell'alimentatore, per cui in qualche modo la penna va ancora e, anzi, ora sembra accettare lo standard Pelikan! Dico "sembra" perché non fa tenuta perfetta, occorre mettere dentro il fusto la "cartuccia di scorta" in modo che tenga spinta la cartuccia nell'alimentatore, così che faccia tenuta.

Però è una brutta scoperta... una penna che credevo in buone condizioni è invece semidistrutta :cry:

Tra l'altro, questo dovrebbe anche far riflettere su quello che ho poi trovato qui: http://forum.penciclopedia.it/viewtopic.php?t=5971
Non credo esistano due standard... forse semplicemente è un caso come il mio!
Massimo Bacilieri
Omas Extra 620, Pelikan M250, Aleph n.79, Aurora... troppe

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11316
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Una brutta scoperta

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 15 aprile 2019, 16:02

Crononauta ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 9:49


Tra l'altro, questo dovrebbe anche far riflettere su quello che ho poi trovato qui: http://forum.penciclopedia.it/viewtopic.php?t=5971
Non credo esistano due standard... forse semplicemente è un caso come il mio!
Vedendo l'anno del messaggio direi che hai proprio ragione.
Comunque ci sono due attacchi per l'Hastil il così detto tric-trac più largo e quello dello standard Parker, che e' più recente.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

davide451
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 25 novembre 2017, 18:24
La mia penna preferita: Parker 75
Il mio inchiostro preferito: Parker blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Una brutta scoperta

Messaggio da davide451 » lunedì 15 aprile 2019, 16:43

Spero di non dire una stupidaggine, ma a me pare via sia anche la Hastil con l'attacco Pelikan, o almeno io l'ho. Si distingue facilmente da quello Parker non solo perché più sottile ma anche perché tagliato ad angolo retto mentre il tipo Parker ha un taglio obliquo. Tra l'altro mi pare che anche nel poderoso wiki se ne faccia menzione. Se servisse posterò volentieri le foto. Ciao e perdonate se ho detto assurdità. Davide

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1628
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Una brutta scoperta

Messaggio da rolex hunter » lunedì 15 aprile 2019, 18:03

Massimo
Ho il sospetto che sulla tua Hastil si sia rotto il "labbro" che èra messo lì per forare la cartuccia, posizionato attorno all'innesto dell'alimentatore;

Ricordavo che almeno un paio di volte se ne era discusso, con foto anche dettagliate;
Vai a guardare queste due discussioni:

http://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=8&t=16828

e soprattutto questo

http://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=8&t=16828

Nella prima foto, l'attacco (in realtà rotto) come dovresti vederlo tu; nell'intervento (undicesimo....) di Riccardo (Ricart), le foto di come invece è l'innesto quando è tutto a posto.

Non credo ci siano Hastil con attacco "differente" da quello Aurora; ci sono Hastil con il foracartucce sano, e (sigh) Hastil con il foracartucce rotto e in cui si può incastrare (alla meno peggio) una cartuccia Pelikan.

Io ne ho dei due tipi 8-)
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
Crononauta
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 473
Iscritto il: martedì 8 gennaio 2013, 16:16
La mia penna preferita: Aurora 98 millerighe oro
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Blu-Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 079
Località: Ravenna
Sesso:
Contatta:

Una brutta scoperta

Messaggio da Crononauta » lunedì 15 aprile 2019, 23:34

Esatto, è la stessa conclusione cui sono giunto io: si è rotto il collarino "fora cartuccia", lasciando lo stelo dell'alimentatore "nudo".
Infatti trovai nella penna incastrata una cartuccia tipo Pelikan, mentre il suo converter ci "balla", segno che qualcosa non va.
Di fatto, anche io ero giunto alla soluzione tampone della "seconda cartuccia" per tenere premuta quella piena d'inchiostro ed evitare perdite, mi suonava strano perché non è propriamente una cosa ordinaria; pensavo tuttavia fosse solo una questione di cartuccia malamente adattata, non che avesse proprio distrutto il collarino.

...ora mi domando se sia riparabile o se mi toccherà tirare avanti finché dura col metodo delle "due cartucce" (Pelikan, a questo punto) e poi amen. Peccato, il resto della penna è in condizioni magnifiche e la penna è stupenda, mi dispiacerebbe non riuscire ad avercela a posto :cry:
Massimo Bacilieri
Omas Extra 620, Pelikan M250, Aleph n.79, Aurora... troppe

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1181
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Una brutta scoperta

Messaggio da francoiacc » martedì 16 aprile 2019, 7:13

Non so se è riparabile e ne dubito, tuttavia si possono trovare le sezioni di ricambio per Hastil, ricordo di averle viste su eBay tempo fa. :wave:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1628
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Una brutta scoperta

Messaggio da rolex hunter » martedì 16 aprile 2019, 10:58

Dunque, io ho fatto una "cosa" per riportare qualche hastil "invalida" all'onor del mondo (veramente il "protocollo" consente di utilizzare DUE varianti della procedura, leggermente differenti); teoricamente è un intervento un po' bastardo e difficilmente "completamente" reversibile ma tanto, perso per perso....

Allora, prendi una cartuccia (vuota) attacco Pelikan e, per rendere le cose più facili, cercane una che già in partenza abbia un fissaggio piuttosto "stretto"
OPPURE
Trova (se riesci) un converter "aerometrico" con lo stesso tipo di attacco Pelikan, anch'esso preferibilmente "stretto" all'imbocco, che entri nel corpo penna hastil (quelli cinesi, con copertura in alluminio, spesso e volentieri ci vanno).

Se hai scelto la cartuccia:
Taglia il fondo (la parte piatta, opposta all'imboccatura) e incollaci sopra la parte terminale di un gommino, trasformando la cartuccia in una sorta di converter aerometrico (senza il tubicino, ma comunque funziona).

Verifica che ci sia aspirazione (ecco perchè è bene che il montaggio sia, nativamente, piuttosto "stretto")

A questo punto, converter o cartuccia, lo piazzi sull'innesto cartuccia e lo fissi con mastice al silicone (dovrai distribuirlo con uno stuzzicadenti, all'inizio), fino ad "annegare" la base della cartuccia o del converter.

Una volta indurito il mastice (12 ore, per sicurezza), il fatto di aver annegato l'imboccatura nel silicone ti darà abbastanza tenuta da poter aspirare l'inchiostro, e ti garantirà contro fuoriuscite e trafilamenti.
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Rispondi