Da dove incominciamo?

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 17:34

Buon pomeriggio a tutti, sono nuovo su questo Forum e già mi sono presentato nell'apposita sezione..... Vi scrivo perché vorrei delle dritte e chiarimenti da voi esperti.
Sono un appassionato della cultura orientale, precisamente di quella Giapponese con cui mi sono avvicinata tramite gli orologi Seiko che non abbandono da anni ma non disdegno nemmeno le auto infatti sono un felice possessore di una Suzuki, e spero in futuro anche di qualche penna Made in JP.
Leggendovi ho scoperto che sono 2 i marchi Giapponesi leader : PILOT E SAILOR.
Per iniziare ho ordinato un "giocattolo" ovvero la Pilot Kakuno, come procedere?
Devo ammettere che sono affascinato dalle penne con il design futuristico, come la Pilot Capless, Pilot Demonstrator.... Ma guardandomi intorno mi affascina molto il marchio Twsbi.


Attendo vostre comparazioni con altri marchi.
Grazi a tutti in anticipo

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1249
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da Pettirosso » domenica 17 marzo 2019, 18:36

Ciao, benvenuto fra noi!
Direi che in Giappone dovresti considerare, fra le Case storiche, anche Platinum, accanto a Sailor e Pilot (attenzione: non "Platignum", che è inglese, ma "Platinum").
Personalmente non ho la Kakuno, ma le recensioni che ho letto sono praticamente unanimemente positive, per cui direi che è un ottimo inizio.
Con TWSBI ci spostiamo a Taiwan, dove troviamo anche Laban: già un altro mondo. Io lo considero (non so se a torto o a ragione) un po' una via di mezzo fra Giappone e Cina, stilograficamente parlando.
Possiedi già qualche stilografica europea, per azzardare eventuali paragoni con le sorrelle giapponesi?

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 19:40

Grazie per il suggerimento.
Sono completamente a digiuno sulle stilografiche, tra università e lavoro ho sempre usato le Parker jotter.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1249
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da Pettirosso » domenica 17 marzo 2019, 19:47

Suppongo sfera/roller (esiste anche la versione stilografica).
Allora, se hai ordinato una Kakuno con pennino F, preparati ad un tratto di scrittura MOLTO, MOLTO più fine...
Va bene, quando ti arriverà facci sapere le tue impressioni di scrittura.
Buona serata! :wave:

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 19:57

Da ignorante in materia solo dopo l'ordine ho notato che ho preso il modello EF quindi sarà drastico il passaggio...... Per quanto riguarda la Parker da me utilizzata è a sfera.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1249
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da Pettirosso » domenica 17 marzo 2019, 20:53

Come si suol dire, cosa fatta capo ha.
Le giapponesi, poi, hanno anche un flusso d'inchiostro molto controllato, per cui aspettiamoci un tratto 0,3 mm molto asciutto (non so esattamente, ma penso che il tratto di una sfera Parker Jotter sia intorno a 0,8).
I tratti giapponesi F ed EF da noi sono utilizzati per la scrittura di formule matematiche, o per appunti su piccoli taccuini (in cui, fra l'altro, sovente la carta non è di eccelsa qualità, e quindi tende ad allargare il tratto); da loro, dato il diverso tipo di scrittura, probabilmente sono l'ideale (purtroppo non conosco né il giapponese né il cinese, quindi la mia è una pura supposizione).
Comunque hai fatto una cosa saggia ad iniziare da un modello economico: se proprio non ti ci troverai, potrai accantonarlo e, rimanendo il Giappone, passare ad un M, se non ad un B.

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 21:12

Grazie ancora per le dritte. Mi sembra di capire che il pennino ha misure che vanno dalla A alla EF? Tutti i marchi adottano queste misure? Anche le penne a sfera possono considerarsi da collezione? Lo dico da appassionsto di orologi dato che continua ad esserci una diatriba tra quarzi e meccanici......

hobbit
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 264
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

Da dove incominciamo?

Messaggio da hobbit » domenica 17 marzo 2019, 22:27

Sarò monotono, per iniziare Platinum Preppy e se non ti scoccia l'aspetto da penna usa e getta, può anche essere la penna definitiva.
Io per lavoro scrivo (con la stilo) tutti i giorni, ogni tanto provo a cambiare per romperle la monotonia ma poi torno alla Preppy.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1249
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da Pettirosso » domenica 17 marzo 2019, 22:42

Uhm, la questione dei pennini è molto più complessa, la trovi riassunta qui: https://www.fountainpen.it/Pennino
Il pennino "A" è una cosa a parte, è quello montato su penne destinate al mercato scolastico per i bambini che iniziano ad usare la stilografica, prevalentemente in Germania (ed infatti si trova sulle produzioni di base di Pelikan, Lamy, Schneider e forse Online, che sono appunto Ditte tedesche: è l'abbreviazione di Anfänger). Questo non vuol dire che non scriva bene, anzi, è il più più facile da utilizzare! :D (volendo azzardare, potrebbe vagamente essere un KM).
Tutte le Case, a livello mondiale, adottano la classificazione che trovi sul link, MA, come imparerai con l'esperienza, vi sono sostanziali variazioni di tratto fra una Casa e l'altra, ed anche fra diversi modelli della stessa Casa. Insomma, è tutto meno che una regola matematica.
Tieni presente che in una stilografica il risultato finale (lo spessore del tratto) è dato dalla misura del pennino, dalla quantità di inchiostro erogato dalla penna, dal tipo dell'inchiostro stesso e dal tipo di carta utilizzata: centinaia di possibili combinazioni, con differenze, a volte quasi irrilevanti, ma altre anche sostanziali.
Una regola empirica (per tornare in Giappone) vuole che il tratto di una giapponese sia di una misura inferiore al corrispondente europeo: ad esempio, se io mi trovo bene con un F europeo debbo acquistare un M giapponese. Ma anche in Europa, per fare un esempio, il tratto di Aurora è più sottile del tratto Pelikan o Lamy.
Quanto all'aspetto collezionistico, certamente anche le penne a sfera o roller o gel liquido possono formarne oggetto, ma, secondo me, non è proprio come nel campo degli orologi la distinzione fra meccanico e al quarzo. Qui se la giocano un affascinante e complesso meccanismo (per questo anche più costoso) con un banale circuito elettronico da pochi soldi, che però garantisce una precisione decisamente superiore. Nel campo della scrittura sì, forse la stilografica si può equiparare all'orologio meccanico, ma vi sono anche altre differenze legate all'utilizzo: tendenzialmente, se mi appassiono, userò la stilografica per scrivere a lungo (affatica molto di meno la mano), o cose mie personali che voglio conservare, o cose che io reputo importanti; userò la sfera per appunti veloci, per la "lista della spesa", per i moduli a ricalco, ecc. Poi, certo, non è una regola fissa, dipende dalle abitudini personali.
Buona serata e... Buona lettura! :wave:
Ultima modifica di Pettirosso il domenica 17 marzo 2019, 22:45, modificato 2 volte in totale.

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 22:42

La proverò sicuramente

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » domenica 17 marzo 2019, 22:46

Pettirosso ha scritto:
domenica 17 marzo 2019, 22:42
Uhm, la questione dei pennini è molto più complessa, la trovi riassunta qui: https://www.fountainpen.it/Pennino
Il pennino "A" è una cosa a parte, è quello montato su penne destinate al mercato scolastico per i bambini che iniziano ad usare la stilografica, prevalentemente in Germania (ed infatti si trova sulle produzioni di base di Lamy, Schneider e forse Online, che sono appunto Ditte tedesche: è l'abbreviazione di Anfänger). Questo non vuol dire che non scriva bene, anzi, è il più più facile da utilizzare! :D (volendo azzardare, potrebbe vagamente essere un KM).
Tutte le Case, a livello mondiale, adottano la classificazione che trovi sul link, MA, come imparerai con l'esperienza, vi sono sostanziali variazioni di tratto fra una Casa e l'altra, ed anche fra diversi modelli della stessa Casa. Insomma, è tutto meno che una regola matematica.
Tieni presente che in una stilografica il risultato finale (lo spessore del tratto) è dato dalla misura del pennino, dalla quantità di inchiostro erogato dalla penna, dal tipo dell'inchiostro stesso e dal tipo di carta utilizzata: centinaia di possibili combinazioni, con differenze, a volte quasi irrilevanti, ma altre anche sostanziali.
Una regola empirica (per tornare in Giappone) vuole che il tratto di una giapponese sia di una misura inferiore al corrispondente europeo: ad esempio, se io mi trovo bene con un F europeo debbo acquistare un M giapponese. Ma anche in Europa, per fare un esempio, il tratto di Aurora è più sottile del tratto Pelikan o Lamy.
Quanto all'aspetto collezionistico, certamente anche le penne a sfera o roller o gel liquido possono formarne oggetto, ma, secondo me, non è proprio come nel campo degli orologi la distinzione fra meccanico e al quarzo. Qui se la giocano un affascinante e complesso meccanismo (per questo anche più costoso) con un banale circuito elettronico da pochi soldi, che però garantisce una precisione decisamente superiore. Nel campo della scrittura sì, forse la stilografica si può equiparare all'orologio meccanico, ma vi sono anche altre differenze legate all'utilizzo: tendenzialmente, se mi appassiono, userò la stilografica per scrivere a lungo (affatica molto di meno la mano), o cose mie personali che voglio conservare, o cose che io reputo importanti; userò la sfera per appunti veloci, per la "lista della spesa", per i moduli a ricalco, ecc. Poi, certo, non è una regola fissa, dipende dalle abitudini personali.
Buona serata e... Buona lettura! :wave:
Grazie ancora, trovo il tutto molto interessante. Mi tocca studiare........ P. S ci sono quarzi e quarzi.
A presto 😁

Avatar utente
donangelito
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 148
Iscritto il: sabato 19 settembre 2015, 21:01
La mia penna preferita: TWSBI Eco
Il mio inchiostro preferito: Sailor Kiwa Guro
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 108
Fp.it Vera: 019
Località: San Luis Potosí (México)
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da donangelito » lunedì 18 marzo 2019, 12:16

Come vedi, si tratta davvero di "studiare"... per prendere appunti già sai come fare :-)
Benvenuto!

marcof
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 202
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 15:58
Misura preferita del pennino: Fine
Località: sassari
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da marcof » lunedì 18 marzo 2019, 13:31

Ciao e auguri per la kakuno, è un'ottima penna. Io ne ho una con pennino F e mi piace molto.
Quando la provi, prima di bestemmiare se magari senti che gratta, ricordati che con le stilografiche non bisogna calcare, la devi lasciare scorrere sul foglio. Io come EF ho una penmanship e nei commenti su amazon la criticavano tantissimo proprio perché grattava. In effetti se si calca è quasi una taglierina :D , ma se la lasci scorrere scrive che è una bellezza.
Tornando alla kakuno, l'unica cosa strana che ho riscontrato è che lasciandola inutilizzata il livello di inchiostro nella cartuccia diminuiva inesorabilmente :think:

Avatar utente
Stormwolfie
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1008
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Da dove incominciamo?

Messaggio da Stormwolfie » lunedì 18 marzo 2019, 14:15

La questione riguarda esclusivamente i pennini di Sailor, Pilot e Platinum. A parte la capless sotto il punto di vista estetico nelle loro penne commerciali i giapponesi hanno uno stile classico e sobrio, ciò che fa la vera differenza sono i pennini. Un altro mondo.
La Twsbi usa pennino marca Jowo utilizzati da tante altre aziende europee e non, per cui nessuna particolare novità per questo aspetto, mentre per il design la ritengo un’azienda creativa ed interessante!
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

GePen
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 17 marzo 2019, 10:45

Da dove incominciamo?

Messaggio da GePen » lunedì 18 marzo 2019, 14:54

donangelito ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 12:16
Come vedi, si tratta davvero di "studiare"... per prendere appunti già sai come fare :-)
Benvenuto!
Sono abituato date le mie passioni.

Rispondi