Sull'importanza del sistema di caricamento.

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1347
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da zoniale » martedì 12 marzo 2019, 15:33

Io non ho nulla contro le cartucce ed i converter. Sono andato avanti una vita con umili Pelikano, dalle elemetari ai capelli grigi. Poi mi sono imbattuto in questo forum e mi sono messo ad accatastare penne vecchiotte, tutte con sistemi di caricamento ante-cartuccia.
Oggi considero la cartuccia comoda, come una BIC Crystal. E uso stilografiche con altro tipo di serbatoio.
rolex hunter ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 11:07
... detesto il touchdown (soprattutto perché non sono in grado di ripararlo) ...
Confermo che il touchdown (e più ancora lo snorkel) sono come la corazzata Потёмкин, anche per chi le sa riparare. Hanno scarsa capacità e mille motivi per non funzionare bene. Ma quello è anche il loro fascino.
Michele

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7596
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Ottorino » martedì 12 marzo 2019, 21:00

zoniale ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 15:33
Confermo che il touchdown (e più ancora lo snorkel) sono come la corazzata Потёмкин, anche per chi le sa riparare. Hanno scarsa capacità e mille motivi per non funzionare bene. Ma quello è anche il loro fascino.
Miscredenti !! Infedeli !! Traditori !! Accorr'uomo !!

Ma anche per me il bottone di fondo è in fondo alla lista; meglio una levetta
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1560
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da rolex hunter » martedì 12 marzo 2019, 22:06

zoniale ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 15:33

Confermo che il touchdown (e più ancora lo snorkel) sono come la corazzata Потёмкин, anche per chi le sa riparare. Hanno scarsa capacità e mille motivi per non funzionare bene. Ma quello è anche il loro fascino.
Tipica affermazione alla Jeremy Clarkson di Top Gear.
(negli ultimi anni, "Grand Tour")

E sono pienamente d'accordo con Michele
("il TD lo detesto", non implica che io lo aborra)

Ammettiamolo: ci piace complicarci un po' la vita :angel:
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

hobbit
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 241
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da hobbit » martedì 12 marzo 2019, 23:32

Do la mia opinione di umile utilizzatore quotidiano di stilografiche economiche.

Le cartucce sono molto pratiche e funzionano senza troppi patemi. Le utilizzo poco però, perché usando alcune tinte che ho in boccetta ripiego nell'uso del converter. I converter non sono tutti uguali, ce ne sono di più precisi nel funzionamento e altri meno. Ottimi il Platinum e il Lamy che ha addirittura il bloccaggio al fusto.

Lo stantuffo è bello, però generalmente vuol dire indirizzarsi verso penne più costose. Richiede una manutenzione un po' più complessa e una maggiore attenzione soprattutto in caso di riposo prolungato della penna.

Perciò per me nonostante siano entrambi sistemi validi, il sistema a cartucce mi da meno preoccupazioni ed il converter che paga essenzialmente una minore capacità lo trovo una utile via di mezzo tra i due sistemi e di fatto quello che uso di più. Sto dotando piano piano tutte le mie penne di converter.

Avatar utente
lucamala
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 38
Iscritto il: venerdì 27 ottobre 2017, 12:28
La mia penna preferita: Oggi, Visconti Rembrandt...
Il mio inchiostro preferito: Stipula Rosso Fiorentino
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bologna
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da lucamala » giovedì 14 marzo 2019, 16:26

ASTROLUX ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 9:16
Ma nella valutazione di acquisto...quanto pesa, per voi, il sistema di caricamento?
Nel mio caso pesa molto, con una netta predilezione verso il sistema a cartuccia/converter (meno del 10% delle mie penne sono a pistone).
Un po' per una questione di costi, ma soprattutto per una questione di praticità. Tendo a ruotare spesso le penne in uso e trovo abbastanza "noioso" e lento il lavaggio di una penna a pistone. Nelle penne a cartuccia/converter trovo il tutto più veloce: grazie una siringa da 60 ml bastano 2-3 passate per ripulire il gruppo scrittura; nei casi peggiori lo lascio in ammollo un giorno o due.
Non è poi un problema il discorso degli inchiostri reperibili solo in boccetta, perché tanto riempio le cartucce con la siringa...

Un saluto a tutti,
ciao, Luca.

Scriptor
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 65
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:34
La mia penna preferita: Quella che uso al momento
Il mio inchiostro preferito: Quello nella penna preferita
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Scriptor » giovedì 14 marzo 2019, 18:29

Bons ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 12:03
Non amo le cartucce semplicemente perchè limitano la scelta dell'inchiostro.
Esatto :thumbup:

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1136
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da ASTROLUX » giovedì 14 marzo 2019, 21:29

Quando è timidamente cominciato il mio interesse per le stilografiche, avevo già comprato una Parker Sonnet e come penna da" noviziato del forum", una Aurora ipsilon deLuxe.
Poi mi sono avventurato nel wiki e sono stato colpito dalla varietà di sistemi di caricamento lì descritti... allora le mie due povere stilografiche mi son parse ancora più miserevoli, dotate come sono da una "dozzinale" cartuccia. In piena febbre di acquisto mi sono prima avventurato ( mai termine più appropriato), nel mondo vintage, e nel moderno sempre con penne con una "nobile" carica a pistone, finchè non è arrivata la Capless, in quel momento ho capito che una stilografica ha tante altre sorprendenti caratteristiche da offrire. Oggi per me il sistema di caricamento è un piacevole extra, ma non più una caratteristica irrinunciabile.

StrumScritt
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: sabato 26 maggio 2018, 13:50

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da StrumScritt » mercoledì 24 aprile 2019, 10:37

Monet63 ha scritto:
martedì 12 marzo 2019, 13:51
Per tutto ciò credo che i due sistemi di caricamento che più mi interessano (cartuccia e pistone) siano complementari, e quindi assolutamente non alternativi.
Condivido in pieno.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3118
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Phormula » mercoledì 24 aprile 2019, 11:54

Io sono convinto che queste discussioni siano funzione dell'uso che si fa di una penna.
Stantuffo e cartuccia/converter sono i sistemi che si sono imposti per praticità, affidabilità e convenienza.
Già qualche penna a stantuffo l'ho dovuta far riparare, con le penne a cartuccia si installa una nuova riserva di inchiostro ad ogni ricarica.
Le TWSBI a siringa rovesciata sono diventate inutilizzabili dopo qualche anno per problemi di tenuta.

Poi, è chiaro, l'appassionato è sempre in cerca dell'esotico ed apprezza soluzioni che hanno fascino innegabile e richiedono un minimo di impegno e di manutenzione in più. Anzi, dedicare del tempo alla propria penna è spesso un piacere e non è mai una scocciatura, anche quando ci si ritrova con le dita inchiostrate. Ma fa anche un uso diverso da chi apre l'astuccio e tira fuori una penna per fare un esame universitario o segnarsi qualcosa nel mezzo di una riunione. Non a caso le penne scolastiche (a cartuccia) sono quelle meno problematiche e che accettano di più gli strapazzi.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Orel
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 26
Iscritto il: mercoledì 17 aprile 2019, 7:24

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Orel » domenica 5 maggio 2019, 20:50

lucamala ha scritto:
giovedì 14 marzo 2019, 16:26

Non è poi un problema il discorso degli inchiostri reperibili solo in boccetta, perché tanto riempio le cartucce con la siringa...
Io è dalle elementari che utilizzo questo metodo. Mi trovo molto bene in termini fi comodità e praticità.

Anche se ho poche penne devo dire che nob è molto importante il tipo di caricamento in fase di scelta sull'acquisto, però a piacere personale preferisco cartuccia o levetta.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 10828
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da maxpop 55 » domenica 5 maggio 2019, 21:15

Secondo me il più comodo ed il più capiente è il caricamento a stantuffo.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3118
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Phormula » lunedì 6 maggio 2019, 16:51

maxpop 55 ha scritto:
domenica 5 maggio 2019, 21:15
Secondo me il più comodo ed il più capiente è il caricamento a stantuffo.
Il più comodo, sicuramente.
Sulla capienza, il caricamento a contagocce e quello a siringa roversciata sfruttano tutto o quasi il volume del fusto.
Il caricamento a stantuffo è penalizzato dall'ingombro del meccanismo.
Una evoluzione del caricamento a stantuffo, che considero geniale e che sfrutta quasi tutto il volume del fusto è il Bulkfiller di CONID.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 10828
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 6 maggio 2019, 17:27

Phormula ha scritto:
lunedì 6 maggio 2019, 16:51
maxpop 55 ha scritto:
domenica 5 maggio 2019, 21:15
Secondo me il più comodo ed il più capiente è il caricamento a stantuffo.
Il più comodo, sicuramente.
Sulla capienza, il caricamento a contagocce e quello a siringa roversciata sfruttano tutto o quasi il volume del fusto.
Il caricamento a stantuffo è penalizzato dall'ingombro del meccanismo.
Una evoluzione del caricamento a stantuffo, che considero geniale e che sfrutta quasi tutto il volume del fusto è il Bulkfiller di CONID.
Lo stantuffo sicuramente non è il più capiente, è in una via di mezzo, ma è comodo, non ti sporchi ed è semplice da riparare in caso di rotture.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3118
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da Phormula » lunedì 6 maggio 2019, 17:40

maxpop 55 ha scritto:
lunedì 6 maggio 2019, 17:27
Lo stantuffo sicuramente non è il più capiente, è in una via di mezzo, ma è comodo, non ti sporchi ed è semplice da riparare in caso di rotture.
Infatti, se rileggi il mio post, ho scritto esattamente questo.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
mistermike
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 212
Iscritto il: lunedì 4 settembre 2017, 17:09
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Pompei
Sesso:

Sull'importanza del sistema di caricamento.

Messaggio da mistermike » lunedì 6 maggio 2019, 18:33

Preferisco il caricamento a stantuffo, anche se bisogna riconoscere che quello a cartuccia è il più comodo. Comodo ma non economico, attenzione.

Rispondi