Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 277
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da fufluns » venerdì 9 novembre 2018, 1:34

All'inizio di quest'anno, ho avuto la fortuna di trovare una classica penna stilografica Montegrappa, nella splendida celluloide color carbone, ad un prezzo così buono che non ho potuto lasciarlo passare. Sono sempre stato affascinato dalla Classica, genitrice fondatrice di un'intera discendenza nella produzione di Montegrappa, che comprende alcune tra le penne che apprezzo di più della maison di Bassano del Grappa. Ne parlerò più in dettaglio nell'ultima parte di questa discussione, ma nel frattempo lasciate che vi presenti la mia Classica e un lavoro che ho fatto con questa penna.

_01.jpg
_02.jpg

Le tre versioni cromatiche della Classica originale sono, a mio parere, dei veri classici (scusate il gioco di parole) di Montegrappa e, più in generale, dei veri classici nelle penne stilografiche contemporanee. Il turchese è probabilmente una delle celluloidi più vivide mai prodotte, al punto che le sue screziature e sfumature profonde sembrano illuminate dall'interno del corpo della penna. L'elusiva cannella, spesso confusa con la celluloide rossa presentata per la prima volta con la Historia, è un colore visto raramente e probabilmente la più singolare tra le celluloidi di Montegrappa di produzione contemporanea. Infine, il color carboncino, per lo più grigio scuro, con screziature profonde che appaiono solamente quando illuminate con certi angoli, è un modello sobrio, serio e professionale. Illuminata “correttamente”, la profondità dei toni della celluloide é paragonabile a quella della celluloide grigioperla di Omas degli anni settanta. Il colore carboncino é il mio preferito dei tre per un uso generale.

_03.jpg
_04.jpg
L'anello del cappuccio nella Classica é inciso meccanicamente (in modelli posteriori sarà inciso al laser) e non presenta alcuna greca, ma solo il logo e il nome di Montegrappa, oltre ai sigilli dell’argento. L'ormai famosa greca di Montegrappa verrà inaugurata solo con Historia e ancora migliorata e resa perfetta l'anno successivo sulla Extra. Classica può essere caricata tramite cartucce oppure con un convertitore dedicato, accessibile nel modo consueto, svitando la sezione dal corpo, oppure svitando il fondello per rivelare l’estremità del convertitore e azionarne il pistoncino da questa posizione. E’ un meccanismo di non grande utilità, giacché non permette di visualizzare il livello di carica del converter, ma si tratta di un esercizio curioso. Rendendo solidale il fondello con la estremità filettata del converter si ottiene quello che gli anglosassoni chiamano un captive converter, effettivamente utilizzato da Montegrappa nella sua Extra e forse anche nella Extra Otto.

_05.jpg
_06.jpg

Nel mio esemplare della Classica, il pennino è perfettamente elastico, liscio e morbido, nella gradazione fine. Dopo avere avuto una Extra le mani, é probabile che si senta la mancanza del suo pennino grande, e il pennino numero 5 o 6 della Classica potrà sembrare un po’ piccolo per le dimensioni della penna. D'altra parte, la Classica ha una sezione in celluloide, che molti (ma non é il mio caso) preferiscono alla sezione interamente in metallo della Extra. Con un pennino così reattivo, che in linea con le dimensioni delle punte della produzione di Montegrappa è più nella gamma di un extra-fine europeo, ho deciso di testare la mia Classica con un grande disegno tratteggiato.

_07.jpg

Ed eccola dunque qui, la mia “Fantasia medievale”, con tre piccoli draghi o "drancunculi".

_08.jpg

Qui sotto potete vedere il “work in progress”, centre poco alla volta aggiungevo nuovi tratti per completare il disegno. Sulla base di un conteggio che ho realizzato in un’area di circa 3 x 3 cm, ho calcolato che ci sono voluti circa 130 mila tratti per completare il disegno…

_09.jpg

Vi faccio anche notare la firma, coerente con l’umiltà dell'artista medievale e il suo senso del peccato, dovuto alla vanità dell'opera: "Francus peccator pinxit", Franco il peccatore lo dipinse.

_10.jpg

Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 277
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 2)

Messaggio da fufluns » venerdì 9 novembre 2018, 1:45

Come dicevo all’inizio, Montegrappa Classica é una capostipite. Classica nasce nel 1999, ed é una straordinaria invenzione della famiglia Aquila. Il disegno della Classica, con le sue forme curve e aggraziate, il corpo aerodinamico e i finali tronchi, é quasi perfetto e servirà da base per tutta una dinastia di penne Montegrappa: Historia, Classica in resina, Extra, Extra 1930, Extra Otto (sfaccettata), Miya, Miya Argento, Miya Carbon, la fortunatissima serie Fortuna e infine la versione slim, magra, delle stesse curve, la recente Felicità. Per chi fosse interessato a ripercorrere la storia della dinastia Classica, rimando all’eccellente lavoro di jar in Fountainpennetwork dedicato alle edizioni regolari moderne di Montegrappa, a sua volta un classico nello studio della marca di Bassano (http://www.fountainpennetwork.com/forum ... tion-pens/) e al suo “Modern Montegrappa Pens”, accessibile in Internet a: http://montegrappa-history.com/index.html. Entrambi gli articoli sono stupendamente illustrati e certamente meritano uno sguardo da parte di ogni appassionato di penne.

_11.jpg

Montegrappa ha ribadito molte volte che Classica e Extra riprendono il disegno di una penna della maison degli anni ’30, ma io ho rovistato in lungo e in largo le immagini di penne Montegrappa vintage, moderne e antiche e, per quanto straordinarie, non ne ho mai trovata nessuna che possa considerarsi la vera antesignana, la sicura antenata della Classica. Con Classica, Montegrappa inaugura un filone di disegno e di stile nelle proprie penne che ancora oggi, dopo vent’anni, non dà cenno di avvicinarsi all’esaurimento, ma prosegue invece più vivo e vivace che mai.

_12.jpg

Dicevo che Classica nacque “quasi” perfetta. Il fondello é visivamente un po’ troppo lungo, e questo sbilancia un poco le proporzioni tra il fusto e il cappuccio della penna, che appare corto (ed é effettivamente più corto del cappuccio della Extra e della Miya). Ho provato a calcolare le proporzioni tra la penna intera e il solo cappuccio, per capire se i disegnatori della Classica si fossero ispirati a una sorta di “proporzione armonica”, ma per quanto il rapporto si avvicini al fatidico 1.618 (una “divina proporzione” che é presente nella Emblema), la relazione non é esatta.

_13.jpg

Historia, la edizione limitata lanciata quello stesso anno, mantiene le stesse dimensioni di Classica, ma già Extra perfeziona questo punto. Di fatto, il fusto della Classica é più lungo di quello della Extra, ma quello che fa la differenza é propriamente la misura del fondello (il cono di carica), che nella Classica é circa 1/4 più lungo. Le dimensioni del fusto, della zona della filettatura e della sezione mi sembrano identiche, anche se la sezione della Classica é in celluloide e sagomata diversamente da quella, più larga e in argento, della Extra. L’anello di metallo principale sul tappo di Classica é liscio, con inciso il logotipo e il nome di Montegrappa. Nella edizione limitata Historia, Montegrappa introduce sull’anello il suo ormai classicissimo motivo a greca, che perdura tutt’oggi in varie linee di penne. Con Extra, l’anello mantiene la greca, ma diviene più largo e definitivamente Montegrappa. La stessa larghezza di anello, ma senza il disegno a greca, verrà utilizzata anche nella bellissima versione in resina della Classica.

_14.jpg

Insisto, Classica fu una invenzione straordinaria, un coup de génie dei disegnatori di Montegrappa sotto l’acuta visione degli Aquila. Classica fu anche il miglior regalo che l’azienda potesse lasciare in eredità ai nuovi proprietari del marchio, il gruppo internazionale del lusso, con base in Svizzera, Richemont, che acquisì Montegrappa nel 2000. Non solo Classica in celluloide continuò a prodursi, come testimonia il fatto che ne esistono versioni nelle quali l’argento ha il punzone di Vicenza (VI, gestione Aquila) e altre con il punzone di Milano (MI, gestione Richemont), ma nel 2004 il nuovo management ne introdusse anche una versione in resina, più economica ma non meno bella, nei colori blu, rosso e nero.
Classica fu prodotta in celluloide di tre colori: un classicissimo, sobrio nero perlato, un vibrante rosso cannella, che in qualche modo ricorda la ebanite (gomma indurita) delle penne degli anni ‘20e ’30 del secolo scorso, e un brillante colore turchese marino, profondo e pieno di trasparenze. Mentre le celluloidi rossa e turchese saranno utilizzate da Montegrappa, sole o in combinazione con altri materiali, per altre linee di penne (Symphony, Miya, Miya Argento, Miya Carbon, Emblema, Emozione, Extra APC, oltre a varie edizioni speciali), che io sappia il rosso cannella non é più stato impiegato, se non in Passione e forse nella recente Extra Colori del Mare in color corallo, la cui celluloide mi pare molto simile se non identica a quella della Classica originale.
La celluloide é ripresa anche nella corta sezione della Classica, al di sotto dell’anello in argento che completa la parte prossimale del corpo. E’ questo un dettaglio di sicuro interesse per i molti pennofili che non amano le sezioni in metallo perché le trovano scivolose per le dita.

_15.jpg

Il pennino, con il disegno a greca che la letteratura di Montegrappa definisce come “Palladio”, é una misura 5. Visivamente, lo trovo un po’ piccolo per le dimensioni della penna, ma ció non ha impedito a Montegrappa di mantenere queste proporzioni in varie delle proprie linee di penne di fascia alta, riservando il grande pennino numero 8 solamente a Extra, Extra 1930 ed Extra Otto per quanto riguarda le penne in celluloide, e alla sola Ducale Grande tra le penne in resina. Nella mia Classica, prodotta durante il periodo Richemont (il punzone dell’argento indica MI, Milano, invece della VI, Vicenza, della gestione Aquila pre-2000), il pennino é piacevolmente semi-flessibile. Perfetto sin dal primo momento, il pennino della mia Classica non é ovviamente un pennino da calligrafia, ma possiede una certa elasticità che gli conferisce doti calligrafiche e lo uso a volte per giochicchiare con la grafia stile Copperplate.

_16.jpg

Ad eccezione del rosso cannella, le celluloidi impiegate nella Classica sono quelle già sperimentate nella linea Symphony, prodotta da Montegrappa in nero carbone, turchese, rosso, pergamena, giallo e blu scuro. Il nero perlato, il rosso e l’originale colore pergamena vengono utilizzati, quello stesso anno 1999, per le tre livree della edizione limitata Historia, ognuna prodotta in mille esemplari. Historia ha lo stesso disegno di Classica, le stesse misure, lo stesso sistema di carica (con il fondello rimovibile per rivelare il converter), ma la sezione é interamente in argento massiccio e l’anello del cappuccio porta – per la prima volta – quello che diventerà quasi un simbolo di Montegrappa, la decorazione con la greca di tipo “Palladio”. Sul terminale del fondello, il disco in argento reca il numero di limitazione (xxxx/1000). La sommità del cappuccio é però sprovvista del bel disco ornato con una incisione dell’alloro e la data 1912. A parità di dimensioni e di disegno, Historia vince il duello per la bellissima greca che adorna l’anello del cappuccio. Classica, dalla sua, ha il disco d’argento che chiude la sommità del cappuccio con uno dei simboli della casa, un dettaglio raffinato e un motivo che Montegrappa adotterà di lì in avanti su tutte le sue penne di alta gamma.

_17.jpg
_18.jpg

La dinastia inaugurata con Classica ha avuto un crescente successo. Dopo la edizione limitata Historia, Montegrappa ha lanciato Extra, una penna destinata a diventare quasi un simbolo della casa di Bassano, reiterata in numerose celluloidi prima di divenire Extra 1930, anch’essa prodotta - ad oggi - in sei tipi di celluloide nella edizione regolare e in due differenti celluloidi, in legno antico e completamente in argento, in ulteriori edizioni a tiraggio piú limitato. La “forma” di Classica stabilí l’inizio di un lignaggio di poco mutato lungo la sua storia ormai ventennale. In sostanza, restarono immutati il cappuccio dal profilo arrotondato e progressivamente assottigliato verso l’apice tronco, il tipico corpo quasi cilindrico, ma in realtá anch’esso curvilineo e affusolato in direzione del cono terminale, tronco anch’esso, l’anello del cappuccio in argento massiccio, insolitamente ampio, cos´ˆcome la medaglietta terminale che reca il logotipo della data di fondazione dell’impresa. Su questo disegno “archetipico” si innestarono le successive variazioni minori che diedero origine a Historia – la capostipite della greca “palladiana” –; a Extra, con il suo pennino numero 8, la greca grande e la sezione in argento; alla forma sinuosa di Miya, con il suo caratteristico rigonfiamento sopra la sezione – poi iterato nella versione in argento e in quella in carbonio –; alla geniale Extra Otto, che reinterpreta tutti i motivi della sua genealogia in una versione schiettamente contemporanea e allo stesso tempo recupera una parte essenziale del DNA di Montegrappa nel disegno dalla sezione ottagonale.

Vi lascio, dopo questo lungo excursus, con un paio di immagini. La prima “riassume” la dinastia di Classica, presentandone una vista d’insieme dei vari modelli (non tutti), per suggerire la vitalità di questo lignaggio in termini di forme e materiali, delle splendide celluloidi, delle resine, i metalli e i materiali più rari.

La seconda rappresenta una “cronologia” della dinastia inaugurata con Classica e ne ripercorre, datandole, le invenzioni, la creazione delle linee, la introduzione dei nuovi materiali. Da questa sinossi storica é evidente come l’ereditá di Classica, lungi dall’esaurirsi, abbia vissuto negli ultimi tre-quattro anni un vero revival creativo con nuovi modelli, nuovi materiali, nuovi stilemi nel solco della più classica tradizione di questa penna straordinaria. Non sono incluse qui le edizioni limitate che derivano direttamente da questa dinastia, numerose, spesso bellissime, con materiali rari e unici, per lo più ispirate direttamente a Extra 1930. Spero di coprire questo capitolo più avanti.

Personalmente, non ho dubbi sul fatto che Classica e le sue discendenti, e in particolare Extra ed Extra Otto, rappresentano degli autentici, intramontabili classici nella storia contemporanea delle penne stilografiche.

_19.jpg
_20.jpg

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 346
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da Stilo80 » venerdì 9 novembre 2018, 8:57

Come sempre resto affascinato dai suoi post che danno un tocco ulteriore di nobiltà e levatura a strumenti di scrittura tra i migliori. La ringrazio per il piacere che ancora una volta ha donato ai miei occhi, i suoi disegni sono veramente belli ed il lavoro di ricerca come sempre è approfondito ricordandomi quanto c'è da scavare al di là della superficie delle cose. Grazie veramente di cuore.
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

arfe
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 71
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2018, 9:41
La mia penna preferita: Waterman CF
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Royal blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cagliari
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da arfe » venerdì 9 novembre 2018, 9:12

Che eleganza! <3 <3 <3

maicol69
Converter
Converter
Messaggi: 16
Iscritto il: lunedì 17 febbraio 2014, 15:31
La mia penna preferita: PELIKAN 800
Il mio inchiostro preferito: pilot iroshizuku KON PEKI
Misura preferita del pennino: Medio
Località: BOLOGNA
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da maicol69 » venerdì 9 novembre 2018, 16:47

Montegrappa ?
Ce l'ho !

Inchiostro ?
... a litri ...

Carta bella ?
… a chili ...

ma non mi basterebbero cento vite per arrivare a un dettaglio di questi bellissimi DI-SEGNI


che invidia !!! ma complimenti davvero !!! B E L L I S S I M O

musicamusica
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 253
Iscritto il: sabato 18 aprile 2015, 14:52
La mia penna preferita: tante
Il mio inchiostro preferito: molti
Misura preferita del pennino: Flessibile
Contatta:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da musicamusica » venerdì 9 novembre 2018, 21:59

Complimenti come sempre !...veramente bello tutto

Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da Skintinka » sabato 10 novembre 2018, 14:11

Complimenti davvero...E si un pizzico di invidia c'è lo anch'io

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 832
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da analogico » sabato 10 novembre 2018, 15:32

Skintinka ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 14:11
Complimenti davvero...E si un pizzico di invidia c'è lo anch'io
Chiedo scusa, ma prima di premere sul tasto invia, perchè non rileggiamo ciò che abbiamo scritto ?
Certe brutture restano scritte ad imperitura memoria e su un forum di appassionati di scrittura, fanno ancora più effetto.
Chiedo scusa di nuovo, ma una nota si imponeva.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da Skintinka » sabato 10 novembre 2018, 15:44

analogico ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 15:32
Skintinka ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 14:11
Complimenti davvero...E si un pizzico di invidia c'è lo anch'io
Chiedo scusa, ma prima di premere sul tasto invia, perchè non rileggiamo ciò che abbiamo scritto ?
Certe brutture restano scritte ad imperitura memoria e su un forum di appassionati di scrittura, fanno ancora più effetto.
Chiedo scusa di nuovo, ma una nota si imponeva.
mi dispiace moltissimo credetemi...ciò che volevo dire e che, essendomi appassionato da poco alla stilografica, l'invidia che posso avere fa riferimento a quanto di bello scrivete quanto di bello sapete o quanto di bello avete.
spero di essere riuscito a spiegarmi senza voler offendere nessuno.ciò che scrivo e scriverò sarrà sempre di elogio per chi scrive in questo forum.

Avatar utente
stanzarichi
Levetta
Levetta
Messaggi: 543
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2015, 10:04
La mia penna preferita: Montblanc 149 F
Località: Modena
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da stanzarichi » sabato 10 novembre 2018, 19:01

Credo si riferisse al "c'è lo" :lol:
Riccardo

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 832
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da analogico » sabato 10 novembre 2018, 19:47

stanzarichi ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 19:01
Credo si riferisse al "c'è lo" :lol:
Avrei dovuto specificarlo ?? :roll: :roll:
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Avatar utente
Skintinka
Converter
Converter
Messaggi: 15
Iscritto il: giovedì 8 novembre 2018, 21:59

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da Skintinka » sabato 10 novembre 2018, 21:46

doppia figuraccia

arfe
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 71
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2018, 9:41
La mia penna preferita: Waterman CF
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Royal blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cagliari
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da arfe » sabato 10 novembre 2018, 22:11

Senza voler essere un rimprovero per nessuno (non ne ho titolo) e mi scuso se può sembrarlo.... ma non sappiamo chi c'è dietro la tastiera e quali situazioni al controllo ha mentre scrive (io ora ho un duenne che mi tira il braccio) che mezzi usa per scrivere: non una stilografica purtroppo ma spesso uno smartphone spesso dotato di T9 che fa prendere vita propria all'aggeggio infernale.
Soprattutto con i nuovi iscritti magari dovremmo cercare di essere un po' più carini cercando di non mettere a disagio nessuno... Un errore ortografico ci può stare, una correzione "fraterna" idem e non sarebbe male farla tramite lo strumento messaggio privato. Scusate il romanzo.
Ora scatenatevi 1, 2, 3!
:D

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7245
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da Ottorino » domenica 11 novembre 2018, 0:08

Prima che monti un polemica inutile.
Analogico/Antonio ha chiesto scusa prima di fare una giusta reprimenda e anche dopo.
Inoltre ha usato tutto il garbo possibile.
Skintinka/Claudio si è addirittura accusato da solo di doppia figuraccia (io vedo solo una fastidiosa disattenzione).

Mi pare che la digressione rimanga nel civile, come deve essere.

Puo' bastare.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
stanzarichi
Levetta
Levetta
Messaggi: 543
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2015, 10:04
La mia penna preferita: Montblanc 149 F
Località: Modena
Sesso:

Una Montegrappa Classica, una fantasia medievale e alcune riflessioni sul lignaggio Classica (parte 1)

Messaggio da stanzarichi » domenica 11 novembre 2018, 1:20

Skintinka ha scritto:
sabato 10 novembre 2018, 21:46
doppia figuraccia
Tranquillo, può capitare scrivendo velocemente sulle tastiere ;)
Riccardo

Rispondi