Tratto e feeling incostanti

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
ClaudioHplus
Converter
Converter
Messaggi: 12
Iscritto il: martedì 11 settembre 2018, 12:36
La mia penna preferita: Pilot Metropolitan
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Napoli
Sesso:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da ClaudioHplus » martedì 2 ottobre 2018, 1:09

Ciao a tutti!
Ho recentemente ricaricato la mia Pilot Metropolitan con del Lamy T52 blu nero; prima di farlo ho accuratamente pulito l'interno dai residui di inchiostro della vecchia cartuccia con la quale la penna è uscita, aspirando con il convertitore dell'acqua fino a che essa non è fuoriuscita limpida e cristallina. Dopo ho asciugato il tutto con cura e ho ricaricato la penna.

Dopo le prime pagine scritte perfettamente, mi sono accorto, o meglio ho avuto la sensazione, che qualcosa nel tratto sia cambiato, come se uscisse leggerissimamente meno inchiostro, e contemporaneamente percepisco un po' come se il pennino "scivolasse" sul foglio; in genere questi sono i segnali che dà la penna quando l'inchiostro sta per finire, ma non può essere dato che l'ho caricata ieri!
A cosa potrebbe essere dovuto? O magari è solo una mia impressione, dato che tendo a fissarmi con cose di questo tipo.

Scusate se magari la domanda è estremamente banale, sono ancora un novizio. :roll:

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da Stilo80 » martedì 2 ottobre 2018, 8:04

Direi che I fattori che cambiano sono questi:

Temperatura: la tua mano riscalda la penna con un calore superiore ai 36 gradi (salvo accidente fulminante che non ti auguro e che provocherebbe un repentino abbassamento).

Il pennino si carica elettrostaticamente ed attrae minuscoli frammenti di carta.

La cartuccia purtroppo si muove nel suo abitacolo il che può variare di poco (o sensibilmente se parliamo di un forte utilizzo e quindi allargamento del vano) l'affluenza d'inchiostro.

La pressione della tua mano potrebbe flettere in modo eccessivo (anche se non irreparabile) i rebbi. Se vai oltre la soglia di pressione tollerabile il pennino rimane in posizione flessa ed è da sistemare.

Se durante le pause orienti il pennino verso l'alto l'inchiostro potrebbe scivolare sul fondo e, se particolarmente denso rimanerci un po' salvo lieve scossone che lo fa ricadere in direzione della punta quando è rivolto verso il basso. Per ovviare a questo problema i converter spesso hanno una piccola sfera all'interno che aiuta l'inchiostro a seguire i movimenti della penna.

Delle cinque direi la seconda è quella che influisce probabilmente nel tuo caso.

Prova a passare un panno di quelli per occhiali sul pennino e a dare un lieve giro al pistone del converter per aumentare il flusso in punta. Fallo sopra un bicchiere per evitare inondazione di un foglio di scrittura. Rotazione lieve come fossi Arsenio Lupin che ruota e ascolta il pomello di una cassaforte mi raccomando ;)

Aggiungo che sono anch'io un novizio se pur molto appassionato. Ci sarà sicuramente qualcuno più esperto che possa darti consigli migliori.
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Avatar utente
Bons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 125
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi Pelikan M205 weiß con...
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Aquamarine
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige
Sesso:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da Bons » martedì 2 ottobre 2018, 11:08

A meno che tu non abbia smontato tutto per asciugare fino all'ultima molecola, un minimo di acqua è rimasto diluendo un po' l'inchiostro all'inizio.

Però, a meno di false partenze, salti di tratto e variazioni abnormi del tratto... relax. 8-)

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 903
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da Monet63 » martedì 2 ottobre 2018, 11:24

Se la cosa ti succede usando la stessa carta di prima e lo stesso inchiostro, dato che parli di pennino che "scivola" potrebbe essere un problema di foglio sporco: in pratica il tuo avambraccio scrivente potrebbe, strisciando, rilasciare particelle di grasso sulla carta. Prova a coprire la parte non scritta con un foglio di carta, mentre scrivi.

Devi comunque focalizzarti sui cambiamenti fatti prima che si verificasse il problema.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7240
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da Ottorino » martedì 2 ottobre 2018, 13:29

Concordo con Monet. Succede soprattutto nella parte bassa del foglio.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

StrumScritt
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 56
Iscritto il: sabato 26 maggio 2018, 13:50

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da StrumScritt » martedì 2 ottobre 2018, 16:28

Ottorino ha scritto:
martedì 2 ottobre 2018, 13:29
Concordo con Monet. Succede soprattutto nella parte bassa del foglio.
Vero, l'ho notato anch'io, specie su fogli molto lisci.

ClaudioHplus
Converter
Converter
Messaggi: 12
Iscritto il: martedì 11 settembre 2018, 12:36
La mia penna preferita: Pilot Metropolitan
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Napoli
Sesso:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da ClaudioHplus » giovedì 4 ottobre 2018, 23:03

Bons ha scritto:
martedì 2 ottobre 2018, 11:08
A meno che tu non abbia smontato tutto per asciugare fino all'ultima molecola, un minimo di acqua è rimasto diluendo un po' l'inchiostro all'inizio.

Però, a meno di false partenze, salti di tratto e variazioni abnormi del tratto... relax. 8-)
No no, onde evitare di far danni ho solo smontato quanto basta a inserire il converter, anche se immaginando appunto che dentro potesse esserci ancora acqua ho fatto passare del tempo; non so effettivamente quanto sia servito, credo non molto.
Monet63 ha scritto:
martedì 2 ottobre 2018, 11:24
Se la cosa ti succede usando la stessa carta di prima e lo stesso inchiostro, dato che parli di pennino che "scivola" potrebbe essere un problema di foglio sporco: in pratica il tuo avambraccio scrivente potrebbe, strisciando, rilasciare particelle di grasso sulla carta. Prova a coprire la parte non scritta con un foglio di carta, mentre scrivi.

Devi comunque focalizzarti sui cambiamenti fatti prima che si verificasse il problema.
:wave:
Ho provato a cambiare foglio, uguale.
Stilo80 ha scritto:
martedì 2 ottobre 2018, 8:04
Direi che I fattori che cambiano sono questi:

Temperatura: la tua mano riscalda la penna con un calore superiore ai 36 gradi (salvo accidente fulminante che non ti auguro e che provocherebbe un repentino abbassamento).

Il pennino si carica elettrostaticamente ed attrae minuscoli frammenti di carta.

La cartuccia purtroppo si muove nel suo abitacolo il che può variare di poco (o sensibilmente se parliamo di un forte utilizzo e quindi allargamento del vano) l'affluenza d'inchiostro.

La pressione della tua mano potrebbe flettere in modo eccessivo (anche se non irreparabile) i rebbi. Se vai oltre la soglia di pressione tollerabile il pennino rimane in posizione flessa ed è da sistemare.

Se durante le pause orienti il pennino verso l'alto l'inchiostro potrebbe scivolare sul fondo e, se particolarmente denso rimanerci un po' salvo lieve scossone che lo fa ricadere in direzione della punta quando è rivolto verso il basso. Per ovviare a questo problema i converter spesso hanno una piccola sfera all'interno che aiuta l'inchiostro a seguire i movimenti della penna.

Delle cinque direi la seconda è quella che influisce probabilmente nel tuo caso.

Prova a passare un panno di quelli per occhiali sul pennino e a dare un lieve giro al pistone del converter per aumentare il flusso in punta. Fallo sopra un bicchiere per evitare inondazione di un foglio di scrittura. Rotazione lieve come fossi Arsenio Lupin che ruota e ascolta il pomello di una cassaforte mi raccomando ;)

Aggiungo che sono anch'io un novizio se pur molto appassionato. Ci sarà sicuramente qualcuno più esperto che possa darti consigli migliori.
Ho provato a "stringere" un po' il converter e pare andare un po' meglio, con il flusso che ha ripreso vigore, anche se mi fa ancora un po' di effetto scivolo, ma potrebbe semplicemente essere la penna estremamente fluida. Comunque è un problema che ho notato, a fasi, pure con altre penne, quindi suppongo sia una cosa abbastanza normale.
Per quanto riguarda la pressione, cerco di premere il meno possibile, e ci faccio attenzione, proprio per evitare questo genere di problema ai rebbi.

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 297
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da ClaBluReale » sabato 6 ottobre 2018, 11:25

Appena caricata la penna ha l'alimentatore super saturo di inchiostro, e scrive copiosamente. Poi l'effetto capillare fa uscire l'inchiostro "in eccesso" e rimane il flusso normale della penna. C'è un leggero dislivello tra penna-appena-caricata e il dopo. Io l'ho notato in quasi ogni mia penna.
Claudia

Avatar utente
Stilo80
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Contatta:

Tratto e feeling incostanti

Messaggio da Stilo80 » lunedì 8 ottobre 2018, 8:31

ClaudioHplus ha scritto:
giovedì 4 ottobre 2018, 23:03
Per quanto riguarda la pressione, cerco di premere il meno possibile, e ci faccio attenzione, proprio per evitare questo genere di problema ai rebbi.
Da quel poco che so le penne di adesso avendo pennini più rigidi variano meno il tratto ma è più difficile piegarlo. L'intento è quello di scivolare sulla carta, a pressione minima la penna già scrive, persino con penne cinesi da due euro. Dall'altro lato non angosciarti troppo per i rebbi sono certo che ci hai già fatto l'abitudine. Almeno che tu non scriva in preda alla rabbia e sei parente stretto di Lou Ferrigno, se non assumi tonalità Noodler's green marine ogni volta che ti arrabbi, non vedo seri pericoli per i rebbi delle tue penne. Buone e serene sessioni di scrittura pax scribendi... ;)
Per aspera ad astra.

Il mio canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCEzQej ... emLqOs6Z2A

Rispondi