Un percorso evolutivo

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
stilofilo
Converter
Converter
Messaggi: 7
Iscritto il: mercoledì 18 luglio 2018, 22:28
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim

Un percorso evolutivo

Messaggio da stilofilo » martedì 14 agosto 2018, 11:07

Ciao a tutti,
mi rivolgo principalmente a quanti di voi sono più esperti di me in fatto di stilografiche: in base alla vostra esperienza, alle vostre predilezioni e ai vostri gusti indicatemi un percorso evolutivo personale (a tappe) dalla prima penna stilografica (quella che usa un principiante) a quella di uno scrivente "navigato", che utilizza ormai strumenti di alto livello e di piacevolezza assoluta.

Non importa il prezzo delle penne, conta solo la piacevolezza (anche estetica) che lo strumento garantisce in fase di scrittura.

Mi piacerebbe approfondire il tema con voi. Grazie a tutti :wave:

Avatar utente
Bons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 112
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi Pelikan M205 weiß con...
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Aquamarine
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da Bons » martedì 14 agosto 2018, 13:34

Ellapeppa! :o
Domandina facile facile...

Percorso evolutivo? :crazy:
Tappe? :roll:
Dalla prima all'ultima o alla penultima o alla prossima? :wtf:
Da principiante a "navigato"? :eh:

Hai presente il volo di una mosca? Be' il mio "percorso" è qualcosa del genere.
Tralasciando gli inchiostri.

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 875
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da HoodedNib » martedì 14 agosto 2018, 14:05

Bons ha scritto:
martedì 14 agosto 2018, 13:34
Ellapeppa! :o
Domandina facile facile...

Percorso evolutivo? :crazy:
Tappe? :roll:
Dalla prima all'ultima o alla penultima o alla prossima? :wtf:
Da principiante a "navigato"? :eh:

Hai presente il volo di una mosca? Be' il mio "percorso" è qualcosa del genere.
Tralasciando gli inchiostri.
Mi unisco all'attraversatore dell'Alto Adige qui presente e condivido il processo e quello che disse
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2176
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da Maruska » martedì 14 agosto 2018, 14:12

praticamente come scivere I Promessi Sposi :lol:
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 855
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Un percorso evolutivo

Messaggio da Monet63 » martedì 14 agosto 2018, 14:26

Nessun percorso; direttamente a ciò che mi interessa, compatibilmente con il portafogli; d'altra parte non vedo il motivo di certe distinzioni. Non esistono evoluzioni o "scriventi navigati", esistono gusti/necessità e scriventi.
Posso trovare piacevolezza, anche se diverse, in una Lamy come in una Sailor. Posso solo dirti che l'estetica, nella mia scala delle priorità, viene dopo la funzionalità: la penna più bella del mondo, se non scrive, diventa - per me - brutta e inutile.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
francoiacc
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 347
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da francoiacc » martedì 14 agosto 2018, 14:56

Più che un percorso, io direi che è una ricerca di quel che più appaga il tuo gusto e ti soddisfa quando la usi. Il tutto nel limite di quel che vuoi/puoi spendere.
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
ASTROLUX
Levetta
Levetta
Messaggi: 683
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da ASTROLUX » martedì 14 agosto 2018, 15:08

Il mio percorso "evolutivo" ?
Una Parker Sonnet, dopo aver provato una stilo pubblicitaria di origine cinese.
Aurora Ipsilon DeLuxe
Pelikan 400NN
Pelikan140
Una manciata di cinesine...
Montblanc 146,
Aurora Optima Auroloide
Pelikan M800

Seguendo solo la logica del cuore.

Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 311
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da efreddi » martedì 14 agosto 2018, 15:20

Percorso evolutivo per le penne? E come dimenticarsi dell'inchiostro, della carta, degli astucci... L'evoluzione non e' quella della scelte degli strumenti, ma quella dei tuoi gusti. Quindi, leggi le recensioni, guarda video di prove pratiche e cerca di capire quello che consideri importante e che ti piace davvero. Ognuno ha il suo percorso e la soddisfazione sta nel seguirlo senza saltarne le tappe.

Ciao
Elia
----------------------------

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 761
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da Placo » martedì 14 agosto 2018, 15:25

Un percorso un po' compulsivo all'inizio, poi mi sono moderato anche perché per me hanno un costo importante.
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Immagine

stilofilo
Converter
Converter
Messaggi: 7
Iscritto il: mercoledì 18 luglio 2018, 22:28
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim

Un percorso evolutivo

Messaggio da stilofilo » mercoledì 15 agosto 2018, 22:55

Ringrazio tutti per avermi risposto, i vostri pareri sono molto preziosi per potermi fare un'idea più precisa su come procedere. Dai vostri consigli e da quel che vedo e leggo sul web mi pare di aver capito che meritano attenzione marchi come Pelikan e Sailor. Credo che una bella Pelikan M200 o una Sailor PG meritino di essere provate. Vi farò sapere!

Avatar utente
Stilo80
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 224
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano

Un percorso evolutivo

Messaggio da Stilo80 » giovedì 16 agosto 2018, 14:44

Ciao,
Io ho avuto l'approccio "segugio assetato addio cojo cojo" ma penso che un sentiero possibile potrebbe essere:

JINHAO X750 Lava Red (bella, robusta, scrive bene, costa pochissimo),
Lamy Safari (20€ è scrive sempre bene con perfezionismo tutto tedesco)
Pilot Metropolitan (per provare un pennino più fine in tradizione giapponese con uno stile piuttosto classico). Uscita anche in linee pop e animal meno classiche. Dai 20 ai 40€.
Pelikan M200 (linea classica sui 100, 120€ magari anche in edizione speciale che impreziosisce nel tempo.
Visconti Van Gogh o Rembrandt. (sui 300€).
Pelikan M800 (bella grande ma non eccessiva come la 1000). Sui 380€ qui pennino 18k.
Montblanc Meisterstuck vintage qualsiasi modello sulla baia per restare entro i 500€ ma con certificazioni e possibilità di restituzione (in caso di falsi) .
Montblanc Meisterstuck 146. Dai 600€ pennino 14k.
Montblanc Meisterstuck 149. Dai 700€ pennino 18k.

Naturalmente è una navigazione del tutto acerba: non sono un profondo conoscitore di questo mondo che mi vede coinvolto di recente in quanto mancino felice scopritore del famoso giusto triangolo carta-inchiostro-penna stilografica.

Grazie.

Avatar utente
ClaBluReale
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 270
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 10:58
La mia penna preferita: Sailor Pro Gear Slim
Il mio inchiostro preferito: RK Scabiosa
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Campagna veneta
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da ClaBluReale » giovedì 16 agosto 2018, 15:41

stilofilo ha scritto:
mercoledì 15 agosto 2018, 22:55
Ringrazio tutti per avermi risposto, i vostri pareri sono molto preziosi per potermi fare un'idea più precisa su come procedere. Dai vostri consigli e da quel che vedo e leggo sul web mi pare di aver capito che meritano attenzione marchi come Pelikan e Sailor. Credo che una bella Pelikan M200 o una Sailor PG meritino di essere provate. Vi farò sapere!
Le Pelikan 'di base' come la M150 o M200 sono fantastiche. Si trovano a prezzi straccianti, soprattutto di seconda mano.
La mia unica penna dal pennino d'oro è proprio la Sailor Pro Gear. E' un piacere da usare, la qualità di fabbricazione è ottima, e non ha un costo ridicolo. Ottima penna.
Claudia

Avatar utente
Bons
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 112
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi Pelikan M205 weiß con...
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Aquamarine
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige
Sesso:

Un percorso evolutivo

Messaggio da Bons » giovedì 16 agosto 2018, 17:53

L'unico consiglio che mi sento di darti è, dopo le varie Lamy/TWSBI/Pilot/eccetera sotto i 50 Euro e (imprescindibile!) Pelikan M205/215, di passere a qualcosa tipo Lamy 2000, Sailor Pro Gear Slim (Sapporo), Platinum #3776 Century, Pilot Custom Heritage 92 per avere una penna eccellente, con pennino d'oro, senza pagarla a peso d'oro. :thumbup:
Nessuna penna che costi due, tre, quattro, cinque, o più volte di queste scriverà meglio e, forse, nemmeno altrettanto bene. :silent:

Per altre sensazioni c'è il vintage. :D

Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 260
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Un percorso evolutivo

Messaggio da fufluns » giovedì 16 agosto 2018, 22:09

Mi immetto nel flusso di questo argomento più per chiacchierare con gli amici di penna che per consigliare chi ha inaugurato l’intervento: mi pare di capire che le riposte ricevute sinora lo abbiano già orientato verso una scelta.

Premesso il fatto che concordo con quanto scritto da chi mi ha preceduto con validi argomenti, quanto a una certa irrazionalità nella evoluzione dei gusti e delle scelte, vorrei però indicare che, retrospettivamente, posso visualizzare una certa “tendenza” nella mia passione che si è progressivamente definita e ha influenzato le mie preferenze.

Chiamerei questa tendenza una scoperta e crescente apprezzamento del disegno, dei materiali e delle caratteristiche di scrittura.

Al principio, quando avevo vent’anni, la penna stilografica era per me un siluro nero, classico, immortale nelle sue finiture dorate, perfettamente funzionale nel suo meccanismo di carica a pistone. Altri materiali diversi dal “nero” - e non avevo allora la minima idea del fatto che una penna nera potesse essere di resina, celluloide, ebanite, né di quali fossero le loro differenze - mi sembravano semplicemente “fuori dalle righe”, eccentrici e indesiderabili. Altri “disegni” mi parevano ugualmente inutilmente originali e poco funzionali, da evitare... E quanto alla scrittura, avevo l’impressione che tutto ciò che fosse diverso da un buon pennino extra-fine, valido per scrivere con caratteri piccoli e per disegnare, risultasse piuttosto inutile e pretestuoso.

La frequentazione dei forum di passionati di penne ha cambiato profondamente questa prospettiva.

In primo luogo mi ha consentito di comprendere che una penna stilografica - o meglio varie penne - possono avere vari e diversi usi: la scrittura, la esecuzione di differenti stili calligrafici e di differenti modalità di disegno. “Evoluzione” è stata per me scoprire che per ognuno di questi scopi vi sono pennini distinti, alcuni più adatti di altri per quell’uso determinato: rigidi, semi-flessibili e flessibili; sottili e larghi; dritti e inclinati; rotondi e italici e stub… Evoluzione é stata acquisirne alcuni, provarli, gustare le loro differenze, impiegarli secondo le regole e a volte contro le regole per ottenere effetti – nella scrittura e nel designo – che non avevo sospettato possibili. Ed evoluzione é stata rendermi conto che, il piú delle volte, e contrariamente a quanto dice l’adagio popolare, la misura non conta: ho pennini straordinari, con scopi differenti, tanto grandi e vistosi come piccoli e seminascosti. Tra i piú piccoli ve ne sono alcuni che sono vicini a vincere la mia personalissima classifica interna del “miglior pennino che ho”.

Secondariamente, la comunità ha aperto i miei orizzonti quanto al disegno. Rendersi conto che altri appassionati – non uno, ma spesso molti, a volte la maggioranza – apprezzano e valorano una penna che avevo ritenuto semplicemente eccentrica, mi ha spinto a osservare nuovamente, con mente e cuore piú aperti. E allora ho scoperto, non solo la uguale dignitá, ma la uguale bellezza delle penne piú affusolate e di quelle piú tozze, delle cilindriche e delle sfaccettate, delle differenti proporzioni tra il corpo e il cappuccio, della infinita varietà di anelli in numero, posizione, dimensioni, forma, colore, stile della decorazione… Ho aperto gli occhi sulla squisitezza dei dettagli, sul modo in cui gli anelli si fondono al materiale del cappuccio e del corpo, sulle forme delle impugnature, su quei capolavori di ingegneria dei liquidi che sono gli alimentatori. Mi sono ritrovato ad osservare con piacere e ad apprezzare, realmente, disegni di penne che non io acquisterei perché mi paiono difficili da usare – e io acquisto penne solamente per usarle –, ma che ció nondimeno sono vere e proprie opere d’arte in miniatura, per l’intricatezza dei dettagli, gli accostamenti di materiali e colori, e non ultimo la loro intrinseca preziosità. Mi sono reso conto, finalmente, che ci sono penne per tutti, per tanti esseri umani diversi, con gusti diversi, diverse aspirazioni, diversi poteri di acquisto.

E infine: i materiali. Non solo resina… Ci sono i metalli, piú o meno preziosi, piú o meno lavorati, lisci, appena crespi o spettacolarmente scolpiti. Ci sono le splendide celluloidi con la loro illusione di profondità piú frequenti in passato, piú rare ma ugualmente belle nelle penne di oggi. E poi, una pletora di altri materiali unici o interpretati in modi insospettabili: l’ottone che brunisce, l’acciaio inossidabile, l’acciaio marezzato alla fiamma, il marmo, la pietra, la lava, la madreperla, i legni… E non solo nero… I grigi, i grigi perlati, i verdi, i rossi e i blu, i bruni e i gialli, le miscele di due colori, di tre colori, gli striati, i marezzati, le linee e i quadri, i mosaici… La varietà é l’essenza della vita...

Dove sono arrivato, e dove vado, dunque?

Direi che i miei gusti propendono oggi per penne realizzate con materiali piú unici, primo tra tutti la celluloide, che non consente di realizzare due penne veramente uguali. Ma mi piacciono anche i metalli, che prediligo di una certa sobrietà. Semplicemente mi rendo conto che, a meno che io abbia bisogno di un pennino con caratteristiche particolari che sia montato in una penna di resina, la mano al vagabondare si sofferma sempre sulle penne di celluloide o di metallo.

In questa tappa della mia evoluzione come pennofilo, le mie preferenze vanno ai colori scuri ma non uniformi. In testa vengono il grigio-nero, il marrone e il verde. Spesso mi tenta un colore sfacciatamente vistoso (diciamo, l’opposto della penna in resina nera), e ho acquistato una Montegrappa Extra in celluloide rossa!

Scelgo ora una penna solamente se é disponibile con il tipo di pennino con il quale intendo usarla. Il corollario é che acquisto ora le mie penne in base a determinate funzioni: le visualizzo lavorando a qualcosa. Ho penne che sono i miei “cavalli da scrittura”, con pennini stub, italici e larghi. Le uso anche per altri scopi, ma sono state scelte per scrivere. Ne ho altre, con pennini extra-fini, ma soprattutto fini, il cui lavoro é essenzialmente il disegno. Le loro compagne con pennini diversi fanno ogni tanto capolino, ma le penne con i pennini più sottili restano le regine del disegno. E ho penne che sono entrate nella mia raccolta per fini quasi esclusivamente calligrafici: le penne con pennini italici da 2 o più millimetri, quelle con i pennini flessibili per il Copperplate.

E’ un’evoluzione personale? Sí, credo, personalissima e diversa da quelli di altri, ma volevo condividere la mia. Chi ha aperto questo argomento, leggendo le risposte dei suoi compagni d’arme, ha concluso che valesse la pena orientarsi verso Pelikan e Sailor. Io, per la cronaca, non ne possiedo nessuna, né di una marca né dell’altra!

Rispondi