Aiuto identificazione

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
Avatar utente
Stilo80
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano

Aiuto identificazione

Messaggio da Stilo80 » martedì 14 agosto 2018, 9:46

Ciao a tutti,
Purtroppo ho solo uno smartphone per fare foto della penna in questione. Credo sia un laminato, sul pennino riesco a leggere solo ORO sotto 585 in un rombo disposto con asse lungo in orizzontale sotto ancora la scritta Extra (letta con occhiali e lente d'ingrandimento).

Sul fondello da cui, ruotando, si può far fuoriuscire il pennino retrattile vi è la scritta <<MA - GUS>> P.O.LAM.

Mi sembra di tratti di ottone laminato.

Qualcuno riesce ad aiutarmi a identificare produttore, anno della penna e magari fornire una quotazione approssimativa?

Grazie!
Allegati
IMG_20180814_092825.jpg
IMG_20180814_092729.jpg
IMG_20180814_092718.jpg
IMG_20180814_092714.jpg
IMG_20180814_092638.jpg
1534232725947700390118545322204.jpg

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2147
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Aiuto identificazione

Messaggio da G P M P » martedì 14 agosto 2018, 16:23

Sicuramente riceverai tutto l'aiuto necessario per l'identificazione. Per la valutazione, purtroppo non hai ancora i messaggi necessari.

Buona ricerca!
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
Stilo80
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: venerdì 8 giugno 2018, 9:11
La mia penna preferita: Pilot Custom 74, Lamy Studio
Il mio inchiostro preferito: J. HERBIN Blue Pervenche
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano

Aiuto identificazione

Messaggio da Stilo80 » giovedì 16 agosto 2018, 10:41

Grazie, spero davvero qualcuno la conosca. Sarebbe carino avere anche suggerimenti sulla manutenzione e su come si carica questo tipo.

Ne voglio tante :D

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1197
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Aiuto identificazione

Messaggio da rolex hunter » giovedì 16 agosto 2018, 12:57

Bene, la penna, come correttamente da te identificata, è una MA-GUS, una ditta fondata a Milano all'inizio del 900 dal
Sig. Mayer Gustavo.

l'overlay (la copertura metallica che copre in corpo della penna, in ebanite nera) dovrebbe essere di origine Montegrappa

Un collezionista italiano (che, ci scommetterei, è presente anche qui tra noi) ne parla su FPN in questa pagina:
http://www.fountainpennetwork.com/forum ... and-magus/.

Detto questo, alcune informazioni che potrebbero tornarti utili:

Trattasi di una penna "safety" con "overlay" (copertura) in ottone rivestito da lamina in oro; il periodo di produzione spazia dai primi del 900 (anno di fondazione dell'azienda) fino, presumibilmente, ai primi anni 30 (anche se la produzione di penne "safety" si estende, saltuariamente, fino agli anni 40).

Per il sistema di caricamento, guarda la pagina del wiki che parla delle "safety"
https://www.fountainpen.it/Safety_filler

Queste penne hanno lo stesso sistema di caricamento delle eyedropper (contagocce); puoi trovare li' le istruzioni su come caricarle
https://www.fountainpen.it/Eyedropper_filler

oppure consultare, sempre dal wiki, le istruzioni originali di una safety
Immagine
Immagine

o ancora.....
Immagine


Ovviamente, prima di anche solo pensare di caricarla con l'inchiostro, ci sono verifiche e lavaggi da fare.

Ricordati che difficilmente ha una capacità superiore ad 1/1,2 ml, attento a non sporcarti....
Ricordati anche che prima di richiudere il cappuccio bisogna arretrare il pennino usando il pomello sul fondo; il 99% delle penne safety col pennino piegato sono frutto di una dimenticanza di questo genere.
Ricordati inoltre che una safety carica è pericolosa; va tenuta con la "bocca" verso l'alto mentre si svita il cappuccio, altrimenti ti ritroverai la penna scarica ed il piano sottostante bello inchiostrato.

Da quello che posso vedere, il pennino è messo male, disallineato e sembra anche che uno dei rebbi sia spezzato. come detto nell'articolo citato, esistevano pennini MA-GUS, quindi se il tuo ha un nome diverso, è una sostituzione (niente di drammatico, era una pratica corrente).
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7203
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Aiuto identificazione

Messaggio da Ottorino » giovedì 16 agosto 2018, 14:27

Prima di tutto quello che dice correttamente Giorgio: caricala con acqua e non con inchiostro per scoprire che la guarnizione del fondo non tiene (99 % di probabilità)
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Rispondi