Pennini fini flessibili

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Aarcam
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 17:26
Sesso: Non Specificato

Pennini fini flessibili

Messaggio da Aarcam » mercoledì 6 dicembre 2017, 0:09

Ciao a tutti!

Come ho già accennato nella presentazione, parto da un inizio di esperienza su pennini, sia a punta tronca che fine. Per motivi di praticità, vorrei trovare una stilografica che mi consenta di ottenere variazioni del tratto simili a quelle dei pennini, quindi con un pennino fine e sicuramente flessibile.

Mi sono imbattuto su youtube in questo video, che molto probabilmente conoscerete
https://www.youtube.com/watch?v=pRebkWHsHC0
in cui mostrano una Pilot Namiki Falcon con pennino modificato EF + flessibile. Sul sito che linkano gli stessi autori finisce per costare intorno ai 200 dollari.

Dal video sembrerebbe proprio il tipo di penna che cerco, ma il prezzo mi ha dissuaso dall'ordinarla subito.

Qualcuno di voi ha esperienza con penne di questo tipo? Avete consigli o sapete indicarmi qualche modello che potrebbe fare al caso mio, senza alcun riguardo alla bellezza della penna come oggetto, ma solo alla qualità del pennino e della scrittura?
-chiaramente se si riesce a spendere meno sono anche più contento...-

Aspetto vostre notizie, grazie in anticipo!

Avatar utente
Miata
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 448
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso: Donna
Contatta:

Pennini fini flessibili

Messaggio da Miata » mercoledì 6 dicembre 2017, 10:01

Ciao Roberto

dal basso della mia esperienza, condivido con te cosa ho imparato dal forum circa i pennini flessibili:

se cerchi una penna con un pennino davvero flessibile, potresti valutare una penna vintage con pennino in oro.

Per restare sul moderno invece ho visto che ci sono le Noodler's Ahab, a prezzi decisamente più abbordabili, che offrono pennini flessibili.

Ma vediamo cosa ti suggeriscono gli esperti del forum :D
Florinda


"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 555
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: La Parker 51?
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso: Uomo
Contatta:

Pennini fini flessibili

Messaggio da Siberia » mercoledì 6 dicembre 2017, 11:18

Avendo una Noodler sconsiglio l'acquisto perché il pennino, sostanzialmente, non è flessibile a meno che non si usi la forza. Pennini veramente flessibili, che flettono con leggera pressione, sono solo sulle vintage che si portano a casa con meno di 100 euro, per esempio Pelikan 140, 88 Nizzoli ma, soprattutto, consiglio le vecchie penne degli anni 30: mi sono imbattuto in una Olo (sottomarca Aurora se non sbaglio), dal pennino veramente flessibile in acciaio. Ricordo che sul mercatino c'era una Astura flessibile, vedete lì. Per chi ama il flessibile, secondo me, è l'unica soluzione. Le Noodler sono 20 euro buttati.
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Lotus56
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 235
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 10:18
Fp.it Vera: 025
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da Lotus56 » mercoledì 6 dicembre 2017, 11:34

Ho una pilot falcon mf ti posso assicurare che di flessibile ha veramente poco meglio una heritage 912 pennino fa che ho ed è sorprendente.Quella nel video è una falcon modificata e trae in inganno rispetto a quella non modificata forse un poco di flessibilità puoi averla con pennino sf.Un altra flessibile cche ho è una Namisu nova in ebonite con pennino in titanio flex ma sino tutte lontano dai pennini vintage.
Ciao
Luigi

Avatar utente
TeoJ
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 358
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2016, 14:42
La mia penna preferita: Delta Dolcevita
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 031
Località: Novara
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da TeoJ » mercoledì 6 dicembre 2017, 11:59

Pure io ho una Pilot Custom 742 con pennino FA. Non è a livello di certi vintage che si vedono in giro, ma non è affatto male. E a quanto letto in rete è un po' meglio del pennino della falcon (quello del video, se è modificato, è più flessibile di quel che dovrebbe essere in realtà) 😁

La mia l'ho presa direttamente dal giappone a poco più di un centone.
Matteo

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 914
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Visconti Rotary Centennial
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku ajisai
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da Orlandoemme » mercoledì 6 dicembre 2017, 12:20

Ciao,

quel video mostra la penna che tu dici ma è customizzata per essere così flessibile ed il prezzo è superiore a 200 euro (costo penna + customizzazione) oltre gli oneri di dogana.
Ti suggerisco di rivolgerti a penne con qualche annetto sulle spalle se vuoi un flessibile.
Il prezzo - che comunque dipende dalla penna e dalle condizioni - oscilla moltissimo quindi è difficile darti una stima.
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Aarcam
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 17:26
Sesso: Non Specificato

Pennini fini flessibili

Messaggio da Aarcam » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:01

Scusate l'inesperienza, ma come funziona il mercato delle penne antiche? Cioè, per le penne d'oggi c'è un modello e lo cerco e so di ottenere un prodotto. Per le antiche? Devo trovarle usate, immagino. Ci sono negozi in cui si possono provare? Modelli più comuni / adatti a me che posso cercare? Se devo trovare un usato, magari su internet, come mi posso assicurare che il pennino sia in buone condizioni?

Avatar utente
ricart
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 35
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: LAMY BLU NERO
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: UDINE
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da ricart » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:19

Salve a tutti, possiedo la 742 Falcon e ultimamente ho acquistato un'Aurora 88 Anniversario per vedere se realmente avevano fatto dei progressi sulla flessibilità del pennino rispetto al vecchio punte lunghe. Alla prova dei fatti direi di no salvo un aumento di "morbidezza" durante la scrittura dovuto a una leggera modifica dei fianchi del pennino. Non lo considero un pennino flessibile ma solo "morbido". Il pennino della 742 è quello che si avvicina di più ai vecchi flessibili anche se ritengo che non sia una penna da usare quotidianamente per lavoro e/o prendere appunti velocemente, la considero una penna da "meditazione".
Mandi da Ricart.

Aarcam
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 17:26
Sesso: Non Specificato

Pennini fini flessibili

Messaggio da Aarcam » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:26

Ricordavo di aver visto in casa delle vecchie stilografiche appartenute a chissà chi, mi sono messo a cercarle e le ho ritrovate.

Ho testato il pennino, e una in particolare ha una flessibilità che mi piace.

Le penne sono le seguenti (sulla base della scritta sul tappo):

Pelikan Günther Wagner Pelikan Doublé L (quella che, a prenderla in mano al volo, mi piace di più)
Immagine


"DP2"
Immagine


"Lalex laminato oro 750"
Immagine


Sapete dirmi qualcosa di queste penne?
La Pelikan peraltro sembrerebbe avere il pennino arruginito (non so di che materiale fosse ab origine)... come mi comporto se voglio provare a rimetterle in sesto?

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8266
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:40

La Pelikan dovrebbe essere una M500 con pennino in oro, cappuccio e fondello posteriore con doppia placcatura/laminatura d' oro.
Bellissima penna, rimettila in sesto inizia con un buon lavaggio.
La DP2 simil/copia dell' Aurora 88 dovrebbe avere il pennino d'oro,con la carica a cartucce proprietarie.
La Lalex stile Parker 51 non eccelsa.
ps. quest'e domande le avresti dovute postare in "penne stilografiche"
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

kircher
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 752
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera
Sesso: Non Specificato

Pennini fini flessibili

Messaggio da kircher » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:48

Anch'io vorrei trovare una pelikan 500 nel cassetto si casa!

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8266
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 6 dicembre 2017, 13:50

kircher ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 13:48
Anch'io vorrei trovare una pelikan 500 nel cassetto si casa!
Come ti capisco, convengo con te.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Aarcam
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 17:26
Sesso: Non Specificato

Pennini fini flessibili

Messaggio da Aarcam » mercoledì 6 dicembre 2017, 14:23

maxpop 55 ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 13:40

ps. quest'e domande le avresti dovute postare in "penne stilografiche"
Se ti riferisci proprio a tutta la discussione dall'inizio, che avevo postato nel posto sbagliato, ho visto che è stata spostata e ringrazio chi l'ha fatto. Era il primo thread per me sul forum e non avevo proprio notato che ci fossero altri settori, scusate :lol:

Se invece intendi che avrei dovuto fare un'altra discussione per l'identificazione delle penne e cosa farne allora non lo sapevo :o

Ad ogni modo mi sono messo a fare qualche ricerca più precisa sulla Pelikan su questo sito
https://www.pelikan-collectibles.com/en ... index.html

Confrontando con tutte le foto che ci sono dovrebbe essere una
500 Black-striped - Gold double
Production: 1950-1956

con pennino in oro, come dicevi tu.
kircher ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 13:48
Anch'io vorrei trovare una pelikan 500 nel cassetto si casa!
Si, che figo! :D

Grazie per le indicazioni e la collaborazione a tutti!

EDIT: scusate l'ulteriore domanda. Ho risistemato la Pelikan. Come inchiostro posso utilizzare quello che usavo per i pennini? Magari anche se non è ottimale o bellissimo, ma può andare intanto che me ne procuro qualcuno migliore oppure rischio di fare danni?

L'inchiostro che utilizzavo era questo, prodotto dal negozio da cui mi rifornivo di pennini:
Immagine

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 8266
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Pennini fini flessibili

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 6 dicembre 2017, 15:14

Aarcam ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 14:23
.........................
...............................,come faccio per risistemarla? Mi dite voi / Scrivo un post in Laboratorio -> Tecnica e riparazioni e spero nella guida di qualcuno? O mi cerco un negozio di penne che lo faccia per me?

Grazie per le indicazioni e la collaborazione a tutti!
Dipende da te, se pensi di avere un po di manualità nel caso nasca qualche problema puoi comodamente farlo da solo, comincerei come ti ho detto a caricare la M 500 e la Lalex metterle in un bicchiere d'acqua dopo averle caricate sempre con acqua.
Alla Dp2 svita il fusto e leva la cartuccia se presente e metti la sezione in un bicchiere d'acqua.
Tutte le penne lasciarle in acqua per un paio di giorni avendo cura di cambiarla ogni tanto ed alle penne a pistone scaricare e ricaricare di tanto in tanto con acqua fino a quando non esce limpida.
Se la pelikan o la Lalex hanno il pistone bloccato ci fai sapere e decidiamo il da farsi, una volta sistemato il funzionamento per una lucidata estetica ne riparliamo.
Caricare la penna con inchiostro non vuol dire averla sistemata, segui le indicazioni suddete.
Per l'inchiostro ti consiglio di comprare una boccetta di PeliKan 4001 economica e commerciale del colore che preferisci, usare quelle boccette che non si sa neanche se sono buone con la possibilità di rovinare una penna ............... eviterei.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
shinken
Levetta
Levetta
Messaggi: 600
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF, Platinum 3776UEF
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso: Uomo
Contatta:

Pennini fini flessibili

Messaggio da shinken » mercoledì 6 dicembre 2017, 15:30

Aarcam ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 14:23

EDIT: scusate l'ulteriore domanda. Ho risistemato la Pelikan. Come inchiostro posso utilizzare quello che usavo per i pennini? Magari anche se non è ottimale o bellissimo, ma può andare intanto che me ne procuro qualcuno migliore oppure rischio di fare danni?

L'inchiostro che utilizzavo era questo, prodotto dal negozio da cui mi rifornivo di pennini:
Immagine
L' inchiostro per penne stilografiche e quello per pennini con cannuccia sono diversi.
La stilografica ha esigenze differenti riguardo fluidità, lubrificazione aggressività degli inchiostri.

Non è consigliabile usare un inchiostro non creato per una stilo.
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Rispondi