Le penne di Bologna

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 728
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Le penne di Bologna

Messaggio da Mightyspank » domenica 26 novembre 2017, 22:54

Rientrato stanco ma soddisfatto dopo una lunga giornata trascorsa a Bologna, fra visite culturali, tortellini immancabili e pomeriggio dedicato al Pen Show, vi mostro in anteprima i miei acquisti.
Acquisti_3.jpg
Acquisti_4.jpg
Questa volta mi sono imposto dei limiti che ho rispettato. Sarà sempre così? :roll:
La prima penna è una collaudata e ben nota Platinum Preppy 03 (F).
La seconda proviene da una scorribanda mattutina nel centro storico di Bologna e consiste in una Waterman Preface, versione placcata oro 23 carati. Il fattore che mi ha spinto all'acquisto, oltre al prezzo di realizzo, è stato lo stupefacente e raro pennino L (Large), che rende il tratto paragonabile a quello di un pennarello per ampiezza, ma morbidissimo e setoso, senza che mai la penna perda un colpo anche in sessioni di scrittura veloce.
La terza è un oggetto immancabile per ogni collezione di penne italiane. Si tratta di una Aurora 88 Nikargenta anni 50', in condizioni decisamente buone, dal pennino medio semiflessibile che ancora oggi regala una grande piacevolezza di scrittura.
Anche la quarta penna è a suo modo celebre. Siamo davanti a una Noodler's Ahab Navajo, dal pennino flessibile (moderno flessibile, quindi ben lontano dalla flessibilità dei pennini vintage), comunque soddisfacente. Ha scritto bene fin dalla prima carica, con Noodler's American Eel, un blu lubrificato che la casa dichiara "slippery like a catfish" (il pesce gatto è l'emblema degli inchiostri Noodler's).
Nonostante la fama di essere una penna problematica devo dire che invece sono rimasto felicemente sorpreso dalla qualità di scrittura. Confermo invece che la penna puzza parecchio :sick: .
Quanto alle penne esposte ce n'era al solito per tutte le tasche, con alcune penne notevoli che superavano i tre zeri. Però per scrivere bene anche una Preppy può dire la sua ;) .
Ringrazio tutti gli organizzatori per la bella giornata e saluto gli amici che erano presenti.
Ci si vedrà a Milano :wave:

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 664
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: La Parker 51?
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:
Contatta:

Le penne di Bologna

Messaggio da Siberia » domenica 26 novembre 2017, 23:04

Ho una brutta notizia per la puzza della Noodler: non andrà mai via. L'ho comprata a maggio al Pen Show di Roma e ancora... puzza. Comunque si, scrive bene
Luca (renitente alla sfera, sempre)

LucaC
Levetta
Levetta
Messaggi: 622
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso:

Le penne di Bologna

Messaggio da LucaC » lunedì 27 novembre 2017, 10:35

Dopo un paio di anni la mia ha raggiunto una puzza "gradevole". :D

Rispondi