hO voglia di farmi una Giapponese

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Rispondi
ermoro
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 15:27

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da ermoro » sabato 11 novembre 2017, 13:21

Stilografica si intende ...

Vengo a chiedere a voi esperti un consiglio non sul gusto personale (anche se ben accetto) ma sulle motivazioni, pro e contro, per le quali dovrei scegliere una delle penne che sto per elencarvi.

Sono arrivato infatti alla conclusione che la mia prossima stilografica sarà una giapponese. Facendo un rapidissimo escursus della mia infima esperienza ho ripreso la stilografica in mano alcuni hanni fa, quasi per gioco e sfizio ... poi non ho più usato penna diversa. La mia rotring sebbene sia perfetta per l'uso quotidiano ha bisogno di un metro di paragone, e complice il vicino compleanno e il natale stavo pensando di acquistare una nuova penna.

Dopo tanto leggere l'appetito è aumentato, e dalle prime idee malsane, sono passato a scelte più ponderate, e in particolare alla scelta di un costruttore giapponese a cui contrapporre la ben più austera Tedesca. Devo dire che c'è un'altra tedesca che mi fa battere il cuore, in classico, la M805 ma volevo concentrare il post sui modelli di Giapponesi che avevo in mente.

Scusandomi della disserzione ho quindi capito che vi sono 3 produttori "consumer" e qualche casa "artigiana", almeno per quanto di mia conoscenza e accessibili dal nostro mercato.

Sailor, Platinum, Pilot/Namiki + Nakaya. Dopo un breve passaggio tra tutti i modelli (pro gear, imperial black, pilot 823, pilot 74, Platinum 3776 etc.) mi sono detto perchè non alzare il tiro? E l'occhio è caduto sullo stile giapponese e la laccatura Urushi.
In particolare volevo una vostra opinione sulle seguenti facendo presente il prezzo che io ritengo verosimile per un oggetto nuovo/mint condition.

Platinum Izumo. Una maki-e si puo trovare a 500€ (dal giappone + dogana?), una "normale" sui 400€ (dal giappone + dogana?).
Quello che mi piace e che sia un unico pezzo senza scalinature, un buon pennino da quello che so, penna pesante dalla giusta lunghezza. Corpo in Ebanite e coat Urushi ...
ImmagineImmagine

Nakaya Portable Cigar/Writer. In Europa da negozio nuova si può trovare a 600€ circa.
Quello che mi piace è la costruzione e il design che trovo impeccabile, dicono abba un ottimo pennino, giusta lunghezza, possibilità di piccole customizzazioni. Non mi piace dover scegliere tra clip o no clip :) Ebonite e Urushi
ImmagineImmagine

Alla fine quella che per un motivo inspiegabile è la mia preferita
Namiki Yukari Royale Vermillion o per meglio dire Urushi #20. Non è tra le più costose penne della Namiki ma comunque nulla al di sotto di 1000€, diciamo con buona fortuna di pagarla 1000€ come prezzo di riferimento.
Che mi piace? Non lo so l'anellino dorato che stacca il tappo dal corpo, la laccatura rossa, il monte Fuji .... comunque già il fatto che stia pensando di spendere 1000€ per una penna è per me quasi una pazzia. Corpo Ottone + Urushi.
Immagine

Ora più che un consiglio, che capisco con costi così alti possa non essere facile dare, mi chiedevo come mai ci fosse così tanta differenza di prezzo tra oggetti che sembrano della più alta manifattura. Pilot Namiki fa pagare il suo brand o le sue realizzazioni sono così superiori da valere il doppio di una Platinum o Namiki? Se mi piace l'idea delle penne di cui sopra è perchè leggo solo note positive, sono pezzi costruiti con grande cura, e con pennini di altissimo livello, con una laccatura resistente e seppur care (davvero care) usabili tutti i giorni rimanendo (nei casi dei colori più sobri e tinte unite) non troppo appariscenti.

Voi che ne pensate?
Ultima modifica di ermoro il sabato 11 novembre 2017, 19:37, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
shinken
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 893
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Midnight, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso:
Contatta:

O voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da shinken » sabato 11 novembre 2017, 15:58

Penso che potresti prima comperare una consonante
una ACCA !!!
LOL
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1464
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

O voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da MaPe » sabato 11 novembre 2017, 16:00

Nakaya è il marchio di "lusso" della Platinum, infatti se vedi i pennini sono identici (salvo alcuni pennini speciali della Nakaya, ma sono anche "speciali" nel prezzo). Un negozio inglese abbastanza noto ha alcune Izumo a catalogo, tutto sommato con prezzi accettabili evitando così la dogana. Discorso dogana, basta mettersi il cuore in pace. Va pagata, potremmo discutere se è giusto o sbagliato, ma ha i suoi perchè, ma soprattutto c'è. Ti lascio questa ottima discussione https://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=48&t=7509 (calcola un 30% , meglio stare larghi per sicurezza). Può capitare che il pacco passi "indenne" alla dogana, ma è sempre meglio non sperarci troppo. A titolo personale, se devo prendere una penna che ha un certo valore, preferisco prenderla in Italia, provarla (ritengo sia importante) e poi anche per una questione di garanzia. Mi è capitato di avere un problema con il pennino di una Sailor (pennini eccezionali, ma se s'incappa in un esemplare "sfortunato" sono dolori), se l'avessi presa dal Sol Levante la trafila da seguire per spedire la penna in riparazione non era delle più rapide ed economiche, col rischio di un nuovo passaggio in dogana, considerando i tempi di attesa e le varie spese da sostenere conviene farsi le proprie valutazioni.
Le penne che hai mostrato sono tutte belle ed ottime, aggiungerei anche la Pilot 845 in ebanite ed uruschi, la Pilot Urushi anche lei in ebanite ed urushi e la Sailor KOP in ebanite (c'è anche la versione in ebanite rivestita in lacca urushi con dei colori molto belli, ma parliamo di circa 2000€, quindi non la menziono :lol: ). I prezzi sono alti perchè la lavorazione per ogni penna è di alcune settimane, ci sono molti passaggi per poter creare questi capolavori e sono praticamente tutti manuali. Se poi prendi in considerazione le maki-e i prezzi lievitano in maniera esponenziale.
Ho avuto il piacere di poter vedere e tenere in mano la Namiki Emperor, la sorella maggiore della Namiki Yukari Royale Vermillion, nonostante le dimensioni molto importanti, è estremamente leggera, il pennino numero 50 è imponente e maestono, la lacca urushi al tatto da delle ottime sensazioni e considerando che il sistema di caricamento è a contagocce, con valvola di sicurezza, la capcità d'inchiostro è impressionante.
Ultima modifica di MaPe il sabato 11 novembre 2017, 23:43, modificato 1 volta in totale.
Massimo

ermoro
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 15:27

O voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da ermoro » sabato 11 novembre 2017, 19:35

shinken ha scritto:
sabato 11 novembre 2017, 15:58
Penso che potresti prima comperare una consonante
una ACCA !!!
LOL
Si un orrore, ma giuro che mi è sfuggita :o

ermoro
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 15:27

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da ermoro » sabato 11 novembre 2017, 20:09

Grazie MaPe delle delucidazioni. La 845 la prendo in considerazione, anche se ha un look europeo, mi colpiscono invece le linee semplici dei modelli citati.

Per la dogana concordo con te ... in effetti le IZUMO dal Giappone possono essere più costose se acquistate in paesi CE. Le maki-e non le prendo in considerazione per 2 motivi. Il primo che hanno costi a parità di modello molto più alti, il secondo è che non sono in grado di capirne la qualità, ho visto maki-e pilot-namiki/platinum da 200€ a x000€. Certo la Izumo la trovo molto bella ...

Per l'alimentazione (non trucidatemi) mi accontento del sistema C/C che comunque sulla Royale ad esempio pare di ottima qualità ed efficienza, e poi la Emperor sarebbe veramente grande e impegnativa.

Dovrei cercare un negozio a Roma che abbia modelli simili, ma credo non sarà facile vederle dal vivo. Se avete consigli in merito ne approfitto.
Ho provato Pilot e Platinum meno blasonate (823 e 3776) e dal punto del piacere di scrittura le trovo ottime, con un M dal tratto molto preciso e una buona alimentazione, che è quello che mi serve prendendo per lo più note.

Prendere una penna del genere in Italia significa mettere in conto un 50% aggiuntivo. Diciamo che potrei rischiare, anche se un esemplare "sfortunato" potrebbe essere un vero problema. I prezzi a cui faccio riferimento almeno per la Yukari Royale (negozio italiano, solo inchiostrata) e le Nakaya (negozio Olandese, nuove) "dovrebbero" essere più che affidabili.

Quello che alla fine volevo capire è come mai tra modelli "tutto sommato" simili la Yukari Royale è decisamente la più costosa. Trovo in effetti difficile giustificare i 400€ in più rispetto a una Nakaya.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2610
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da alfredop » sabato 11 novembre 2017, 21:29

A Roma c'è un negozio che tratta le Izumo, ma in questa sezione del forum non posso segnalartelo. Se vuoi ti mando un PM.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

ermoro
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 15:27

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da ermoro » sabato 11 novembre 2017, 22:10

Certamente. Gentilissimo.

Se conosci altri negozi interessanti aggiungi pure.

Grazie

P.s. l'hai provata?

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1464
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da MaPe » domenica 12 novembre 2017, 0:21

Il discorso maki-e è abbastanza complesso, ma la differenza tra una maki-e da 100-200€ ed una da 500-600€ in su si nota subito alla vista ed al tatto (vado a memoria, il modello più costoso della Sailor è di 1080000yen, poi ci sono modelli speciali fuori catalogo che costano anche di più..)
La Namiki Emperor è impegnativa per dimensioni...e costo...ma quando la tieni in mano è tutta un'altra storia.
Sono andato a controllare il negozio inglese, ha le Izumo in ebanite ed urushi a 389£ più le spese di spedizione sei sotto le 400£.
Se il negozio olandese è lo stesso che conosco io puoi stare tranquillo, ha solo un difetto, se ordini qualcosa che non hanno subito a disposizione puoi aspettare un po' di tempo prima di ricevere la merce. Ti consiglio di contattarli prima di ordinare.
Quelle Pilot e Platinum (823 e 3776) non sono per nulla meno blasonate, anzi fanno impallidire penne realmente blasonate.
Per certi aspetti, sinceramente, preferisco di più il sistema c/c, poi la Pilot ha la lungimiranza di dotare molte penne del CON-70, un ottimo converter con un'ottima capacità d'inchiostro.
Mi dispiace correggerti, ma certe penne costano molto più del 50% rispetto al Giappone, ne parlavo poco tempo fa con il proprietario del negozio che vende la Yukari-Royale.
In generale la Pilot costa più della Platinum, la vera domanda è se è meglio la Pilot o la Platinum e qui ognuno può avere le proprie opinioni in base ai propri gusti di peso, dimensioni, tratti del pennino, ecc, ecc, ecc...
Massimo

ermoro
Converter
Converter
Messaggi: 18
Iscritto il: venerdì 3 novembre 2017, 15:27

hO voglia di farmi una Giapponese

Messaggio da ermoro » lunedì 13 novembre 2017, 11:25

Si diciamo che anche in foto vi è spesso un apprezzabile differenza di qualità, pari alla differenza di prezzo.

La Emperor diciamo che la escluderei per costo e dimensioni. Mi serve comunque una cosa di "portabile". Per l'acquisto ho notato anche io il sito inglese che menzioni, credo, e in effetti "l'olandese" mi dice che ci saranno nuove disponibilità dopo Natale, ma non ho fretta potrei anche ordinarla.

Certo i costi sono assai diversi tra un modello e l'altro e probabilmente le differenze lato scrittura ci saranno pure, ma sono comunque 2 marchi di alto livello. Alla fine sto cercando una giustificazione per avere un oggetto di manifattura giapponese, che economico non è ...

Rispondi