Penne nuove in Celluloide

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Max1266
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 192
Iscritto il: sabato 25 marzo 2017, 23:58
La mia penna preferita: Pelikan M 800 e tutte le OMAS
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Max1266 » venerdì 31 marzo 2017, 11:12

Ciao ragazzi,
volevo una vostra opinione sulle penne con corpo in celluloide di recente produzione (post 2000).
Quello che si trova ha in genere prezzi molto alti, se raffrontati con analogo prodotto in resina, quindi la domanda che vi pongo e':
vale la pena spendere un bel 50% in piu' per avere una penna in celluloide?
Grazie a tutti e mi scuso se l'argomento e' gia' stato trattato.
Max

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da ciro » venerdì 31 marzo 2017, 12:11

Io sono più per il pre celluloide in realtà, però considerata l'instabilità del materiale e l'uso che tu dici di farne, prettamente non collezionistico, direi che per te non vale la pena.

Certo ci sono celluloidi da mozzare il fiato ma hanno un sacco di problemi.
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11506
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 31 marzo 2017, 14:44

Perchè non prendere una bella penna vintage in celluloide ?
Costa meno ed è meglio, sempre a mio giudizio.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1509
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: avatar by Ooti
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da zoniale » venerdì 31 marzo 2017, 15:02

Credo che parlare di penna contemporanea in celluloide non sia corretto.

Per quanto ne so io, la celluloide propriamente detta (il nitrato di cellulosa) era prodotto da un numero molto limitato di aziende sino agli anni '60 del secolo scorso. In Italia mi risulta che ve ne fosse una sola nel varesotto.
Dagli anni '60 in poi è stata completamente soppiantata dall'acetato di cellulosa, almeno per l'uso in lastre per occhialeria (e per le poche penne che ancora la usavano). Ad esempio è acetato di cellulosa l'"auroloide" della Aurora.

Non c'è scampo: la penna in celluloide deve essere vintage.
Michele

Max1266
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 192
Iscritto il: sabato 25 marzo 2017, 23:58
La mia penna preferita: Pelikan M 800 e tutte le OMAS
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Max1266 » venerdì 31 marzo 2017, 15:35

zoniale ha scritto:Credo che parlare di penna contemporanea in celluloide non sia corretto.

Per quanto ne so io, la celluloide propriamente detta (il nitrato di cellulosa) era prodotto da un numero molto limitato di aziende sino agli anni '60 del secolo scorso. In Italia mi risulta che ve ne fosse una sola nel varesotto.
Dagli anni '60 in poi è stata completamente soppiantata dall'acetato di cellulosa, almeno per l'uso in lastre per occhialeria (e per le poche penne che ancora la usavano). Ad esempio è acetato di cellulosa l'"auroloide" della Aurora.

Non c'è scampo: la penna in celluloide deve essere vintage.
Questa risposta mi spiazza. Ho letto che la serie Etruria di Stipula ha diverse penne in Celluloide, oppure la Montegrappa Extra 1930 la danno come celluloide.
Mi farebbe piacere approfondire questo argomento.
Max

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7846
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Ottorino » venerdì 31 marzo 2017, 15:40

Alcune ditte hanno recuperato fondi di magazzino e li utilizzano come materiale prezioso
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1509
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: avatar by Ooti
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da zoniale » venerdì 31 marzo 2017, 16:34

Non sono un'espertone.

Lo era mio padre, che per più di 30 anni si è occupato delle vendite all'estero di una società, che all'epoca si chiamava SIC (società italiana della celluloide) e che in seguito si è chiamata "SIC-Mazzucchelli" ed oggi - tralasciando possibili mutamenti societari, di cui so poco - "Mazzucchelli 1849".

I produttori di celluloide costituivano nel dopoguerra in Europa un oligopolio. Non ricordo con certezza quanti fossero ma forse bastava una mano a contarli.
Ma già negli anni di cui io ho memoria, la seconda metà degli anni '70, in occhialeria la Mazzuchelli vendeva solo ed unicamente acetato. L'unico prodotto in nitrato di cui so erano le palline da ping-pong marcate "Samco".

Ciò detto, l'acetato ha sostituito la celluloide non per fare un dispetto ai puristi, ma perchè era un materiale superiore, con processi produttivi meno critici, più stabile nel tempo, meno combustibile etc etc. (come detto non sono l'esperto). Anche il policarbonato ha sostituito il vetro nelle lenti degli occhiali e non siamo qui a piangere.

L'acetato credo lo si possa fare bello quanto e più della celluloide. Dai una occhiata qui: https://www.mazzucchelli1849.it/collections
E comunque per ottenere questi effetti, ricordo che vi era alla base un notevole lavoro di natura artigianale.
Sono certo ad esempio che Montegrappa si rifornisse qui, poichè ho trovato lo stesso filmato sui materiali, legato ad entrambe le società.
Michele

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7846
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Ottorino » venerdì 31 marzo 2017, 16:44

:clap: :clap: :clap: :clap: :clap:
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11022
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da piccardi » venerdì 31 marzo 2017, 16:48

Per quanto ne so Mazzucchelli era almeno fino a qualche anno fa in grado di produrre celluloide (nitrato), e lo ha fatto per Visconti ed Omas. Ma era un procedimento produttivo rognoso (con tanto di casetta isolata su un poggio di montagna per l'invecchiamento) visto che il fulmicotone (il nitrato di cellulosa) è un esplosivo, ben più potente della polvere da sparo e quindi in caso di incendi era bene che non ci fosse nessuno vicino.

Ed è rognosa da lavorare, instabile nei colori e soggetta cristallizzazione col il tempo. Però pare (non ho una fonte, lo trovai scritto da qualche che non ricordo più) ha un elasticità di rimbalzo migliore dell'acetato,e questo la rende migliore appunto per le palline da ping pong. Per le penne moderne, ... bah, io eviterei.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 824
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Stub
Località: Milano
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Mightyspank » venerdì 31 marzo 2017, 17:34

Io invece spezzo una lancia a favore del contemporaneo. In quanto fiero possessore di una Visconti in celluloide, molto bella e ben fatta, posso dire che si tratta di materiali altrettanto gradevoli e sicuramente meno problematici.
Certo non rinuncerei mai a una Vacumatic o alle tante fantastiche penne italiane vintage.
Però, al di là del prezzo, perché no, se piace.
Aggiungo che ci sono anche resine veramente affascinanti.
Comunque, come avete ricordato, il fornitore Principe della celluloide rimane Mazzucchelli e penso che il resto siano briciole.
Ultima modifica di Mightyspank il venerdì 31 marzo 2017, 18:19, modificato 1 volta in totale.

solido
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 325
Iscritto il: venerdì 13 luglio 2012, 22:55
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da solido » venerdì 31 marzo 2017, 18:10

zoniale ha scritto:Credo che parlare di penna contemporanea in celluloide non sia corretto.

Per quanto ne so io, la celluloide propriamente detta (il nitrato di cellulosa) era prodotto da un numero molto limitato di aziende sino agli anni '60 del secolo scorso. In Italia mi risulta che ve ne fosse una sola nel varesotto.
Dagli anni '60 in poi è stata completamente soppiantata dall'acetato di cellulosa, almeno per l'uso in lastre per occhialeria (e per le poche penne che ancora la usavano). Ad esempio è acetato di cellulosa l'"auroloide" della Aurora.

Non c'è scampo: la penna in celluloide deve essere vintage.
Non mi sembra proprio che l'"auroloide" sia acetato di cellulosa, piuttosto una resina con il nome camuffato e, tra l'altro, piuttosto instabile al trascorrere del tempo.

Avatar utente
dueller
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 168
Iscritto il: venerdì 10 marzo 2017, 16:55
La mia penna preferita: 149
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Air Corp
Misura preferita del pennino: Broad
Località: Roma
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da dueller » venerdì 31 marzo 2017, 18:56

zoniale ha scritto: ........ Dai una occhiata qui: https://www.mazzucchelli1849.it/collections
E comunque per ottenere questi effetti, ricordo che vi era alla base un notevole lavoro di natura artigianale.
...........
Ma che spettacolo. Alcuni attraggono magneticamente lo sguardo per molto tempo :!:

Rafa
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 69
Iscritto il: martedì 20 dicembre 2016, 12:57
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Barcellona
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Rafa » venerdì 31 marzo 2017, 21:05

:thumbup: :thumbup:

Max1266
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 192
Iscritto il: sabato 25 marzo 2017, 23:58
La mia penna preferita: Pelikan M 800 e tutte le OMAS
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Max1266 » venerdì 31 marzo 2017, 21:14

Grazie a tutti per gli utili contributi. Ora mi e' piu' chiaro perche' le penne in celluloide sono cosi' costose.

Avatar utente
Giorgio1955
Levetta
Levetta
Messaggi: 559
Iscritto il: sabato 28 settembre 2013, 16:06
La mia penna preferita: ←Ancora --- Zerollo→
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 black
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 030
Località: Galatina (LE)
Sesso:

Penne nuove in Celluloide

Messaggio da Giorgio1955 » sabato 1 aprile 2017, 7:49

Vorrei chiedere agli esperti: le Omas 'arco' più recenti (anni '90-primi 2000) sono in nitrato o acetato e sono di Mazzucchelli? Grazie
Giorgio

Rispondi