Leonardo momento zero

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Avatar utente
edo68
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 220
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Leonardo momento zero

Messaggio da edo68 » sabato 25 gennaio 2020, 10:17

Ciao a tutti
ho cercato di disintossicarmi un po' dalla "stilografite", ma è bastata una piccola tentazione per ricascarci.
La piccola tentazione si chiama Leonardo momento zero, versione in resina, pennino in acciaio, nella colorazione corno con finiture dorate (a mio giudizio il corno si accompagna meglio con l'oro rispetto al rodio); l'ho presa, l'ho usata e fotografata, dando così sfogo alle mie due "malattie".

foto 01.jpg

Mi piace la stilografica e mi piace la fotografia, inutile negarlo, le mie "recensioni" si basano principalmente sulle foto, a cui aggiungo qualche mia personalissima impressione, e se possibile una prova di utilizzo.

foto 03.jpg

Una premessa: il corno naturale, se non presenta difetti strutturali dovuti a malformazioni o vecchie fratture, una volta lavorato e lucidato offre delle sfumature e delle trasparenze difficilmente riproducibili artificialmente, quindi le mie aspettative, sulla scelta della colorazione, non erano certo a mille.
Devo ammettere che, in questo caso, l'accostamento dei colori e le sfumature ottenute con queste resine restituiscono degli effetti esteticamente validi, non è corno naturale, ma il risultato è piacevole, ricorda il corno del bufalo.
Il materiale plastico ha uno spessore importante che, senza penalizzare eccessivamente il peso della penna (le dimensioni sono paragonabili alla Pelikan M800), restituisce una sensazione di robustezza.
Si lascia impugnare comodamente, il diametro del fusto è ben proporzionato alla lunghezza della penna, la filettatura per il cappuccio non interferisce nella presa.

foto 04.jpg

La misura del pennino è adeguata alle dimensioni del fusto, rendendo il tutto molto equilibrato; la forma conica della testina e del fondello contribuiscono nel rendere armonica la linea della penna, impreziosita da quattro anellini in metallo dorato (due sono presenti nel fusto e due nel cappuccio) e dalla clip con rotellina.

foto 05.jpg

Il caricamento dell'inchiostro avviene tramite il classico, o se preferite il meno classico, sistema a cartuccia/convertitore; l'accoppiamento, gruppo di scrittura convertitore, avviene tramite filettatura che garantisce una miglior tenuta del sistema di alimentazione.
Se si monta il convertitore, ci sono due possibilità di utilizzo per questo accessorio:
la classica, separando il fusto dalla sezione;

foto 06.jpg

l'altra possibilità prevede lo smontaggio del solo fondello che, una volta rimosso, permette l'accesso al convertitore.

foto 07.jpg

Gruppo di scrittura
La misura F del pennino è ben lontana dal tratto sottile e discreto di un "Fine orientale"; vuoi mettere l'effetto marcato di una firma messa con un pennino fine europeo rispetto a quell'esile tratto che lascia un pennino fine orientale?
E' un dato di fatto, a noi nativi del vecchio continente piacciono le misure abbondanti.
Al di la della facile ironia sulla dimensione del tratto fine europeo, vediamo come si comporta sulla carta.
Non ho prestato nessuna cura per la prima carica d'inchiostro, ho tolto la penna dalla confezione, ho caricato il convertitore con l'inchiostro e l'ho usata; false partenze, salti e incertezze hanno avuto la meglio, ma, col passare del tempo la penna ha iniziato a scrivere in modo più regolare.
Finita la prima dose d'inchiostro, ho fatto una pulizia del gruppo di scrittura e del convertitore, con acqua tiepida e alcune gocce di brillantante per lavastoviglie (ha una buona percentuale di tensioattivi), ho atteso che fossero ben asciutti, poi via con la seconda dose di inchiostro.
La penna questa volta ha avuto una reazione decisamente più dinamica, nessuna incertezza, niente false partenze o salti.
Lasciata a riposo per qualche giorno, al primo utilizzo si sono ripresentati alcune false partenze e salti di linea, ma sono spariti col passare dell'utilizzo. Insomma una penna da usare di continuo che diventa dispettosa se lasciata da parte.
Provata su diversi tipi di carta non ha presentato problemi, l’ho utilizzata anche su carta riciclata, ma il tratto diventa extra large.

Conclusione
Dal punto di vista estetico, mi accodo agli altri pareri, anche se si tratta di un deja-vu, la penna è veramente gradevole, comoda da usare e che permette di ottenere risultati fotograficamente interessanti.

foto 08.jpg
foto 09.jpg

l'unico problema: fotografando i particolari del pennino, i segni della lavorazione meccanica sono molto evidenti.

foto 10.jpg

Dal punto di vista dell'utilizzo: preferisco le penne che hanno queste dimensioni, quindi impugnarla è stato un gesto naturale, l’ho trovata comoda e mi è piaciuto scrivere con questa momento zero; certo i problemi di disidratazione del pennino, quando si presentano, sono fastidiosi e non restituiscono un'esperienza di scrittura gradevole, ma, nel mio caso, si tratta ormai di casi veramente sporadici; non escludo, in un futuro prossimo, un doppione magari con pennino stub.

sheep.jpg

Buona giornata

Edo

Avatar utente
sussak
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 325
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da sussak » sabato 25 gennaio 2020, 10:45

Bella recensione, grazie.
Da alcuni mesi sono anch'io felice possessore di una Momento Zero; l'ho scelta nera, è un nero opaco, che mi piace molto.
Avevo due piccoli inconvenienti, una piccola incertezza nell'avvitare il cappuccio sul fusto, poichè in alcune posizioni il filetto maschio non ingaggia subito la femmina, e questa è rimasta perchè non so come ovviarla; poi alcune incertezze del pennino, come tu hai ben descritto.
Con un certo esborso ho comprato un Bock #6 in oro 14 k misura fine, ed ora il funzionamento è molto morbido e scorrevole, un vero piacere scrivere.
La uso sempre ed anche dopo un giorno o due di fermo non ho più neppure una falsa partenza.
E' una penna molto bella esteticamente, bilanciata, del giusto peso, che scrive senza affaticare anche per ore.
Ultima piccola nota positiva: il converter è avvitato, perfettamente stabile, e senza alcun timore di distacchi inopinati.
Il rapporto qualità prezzo è ottimo.
Buon week end.
Umberto

Se la democrazia declina è perché la lasciamo declinare. Benedetto Croce

Avatar utente
edo68
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 220
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Leonardo momento zero

Messaggio da edo68 » sabato 25 gennaio 2020, 22:33

sussak ha scritto:
sabato 25 gennaio 2020, 10:45
Bella recensione, grazie.

...Con un certo esborso ho comprato un Bock #6 in oro 14 k misura fine, ed ora il funzionamento è molto morbido e scorrevole, un vero piacere scrivere...

Buon week end.
Grazie Umberto,
son contento che ti trovi bene con questa penna e che il cambio del pennino ti ha soddisfatto in pieno; per l’utilizzo che ne faccio non credo che cambierò il pennino, anche perché sembra essersi assestato, semmai, come ho già scritto, mi farò un doppione.

Ti auguro una Buona serata

Edo

VincenzoDG
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 69
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 22:14

Leonardo momento zero

Messaggio da VincenzoDG » domenica 26 gennaio 2020, 1:20

Bella penna, bella recensione e ... belle foto!

Avatar utente
edo68
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 220
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Leonardo momento zero

Messaggio da edo68 » domenica 26 gennaio 2020, 22:46

Grazie Vincenzo
ti auguro una buona serata

Edo

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1783
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da francoiacc » domenica 26 gennaio 2020, 22:53

Mi ritengo il fortunato possessore di due Momento Zero, una con pennino Stub ed una con pennino Medio, solo sulla Stub ho dovuto fare un lavaggio al gruppo scrittura prima che iniziasse a scrivere in maniera impeccabile. A parer mio sono penne eccezionali dall'ottimo rapporto qualità prezzo.
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 12087
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da maxpop 55 » domenica 26 gennaio 2020, 23:25

edo68 ha scritto:
sabato 25 gennaio 2020, 10:17
Ciao a tutti
ho cercato di disintossicarmi un po' dalla "stilografite", ma è bastata una piccola tentazione per ricascarci.
La piccola tentazione si chiama Leonardo momento zero, versione in resina, pennino in acciaio, nella colorazione corno con finiture dorate (a mio giudizio il corno si accompagna meglio con l'oro rispetto al rodio); l'ho presa, l'ho usata e fotografata, dando così sfogo alle mie due "malattie".
........................
..................
............................................


Buona giornata

Edo
Complimenti hai acquistato una gran bella penna, io ho avuto la fortuna di visitare "l'Officina" e vedere la sua costruzione con i vari passaggi,una lavorazione impeccabile. :clap: :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2265
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da Maruska » lunedì 27 gennaio 2020, 20:04

Ho la Momento Zero Pietra Marina con pennino in acciaio, salti di tratto e false partenze :thumbdown: mai più... in compenso ho la Furore con pennino in oro che va alla grande :D
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 12087
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 27 gennaio 2020, 20:12

Maruska ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:04
Ho la Momento Zero Pietra Marina con pennino in acciaio, salti di tratto e false partenze :thumbdown: mai più... in compenso ho la Furore con pennino in oro che va alla grande :D
Se hai problemi, mandala in assistenza, senz'altro ti risolveranno il problema.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
sussak
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 325
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da sussak » lunedì 27 gennaio 2020, 20:13

Maruska ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:04
Ho la Momento Zero Pietra Marina con pennino in acciaio, salti di tratto e false partenze :thumbdown: mai più... in compenso ho la Furore con pennino in oro che va alla grande :D
Ti riconfermo che è un'ottima penna; cambia il pennino, quelli in acciaio costano poco e vedrai che andrà magnificamente.
Umberto

Se la democrazia declina è perché la lasciamo declinare. Benedetto Croce

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2265
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da Maruska » lunedì 27 gennaio 2020, 20:41

maxpop 55 ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:12
Maruska ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:04
Ho la Momento Zero Pietra Marina con pennino in acciaio, salti di tratto e false partenze :thumbdown: mai più... in compenso ho la Furore con pennino in oro che va alla grande :D
Se hai problemi, mandala in assistenza, senz'altro ti risolveranno il problema.
Grazie Max, ma con l'esperienza delle Delta i cui pennini in acciaio erano pessimi, penso che me la terrò così
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 12087
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 27 gennaio 2020, 20:47

Maruska ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:41
maxpop 55 ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:12


Se hai problemi, mandala in assistenza, senz'altro ti risolveranno il problema.
Grazie Max, ma con l'esperienza delle Delta i cui pennini in acciaio erano pessimi, penso che me la terrò così
Strano ho una decina di Delta è tra le mie preferite perchè scrivono un amore.
Il tuo ragionamento non lo trovo giusto, c'è l'assistenza, perchè non sfruttarla.
I pennini sia Delta che quelli della "Leonardo" sono Bock, costano poco, se non vuoi mandarla in assistenza basta cambiare il pennino o il gruppo alimentazione che sempre Bock.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2265
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da Maruska » lunedì 27 gennaio 2020, 20:52

maxpop 55 ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:47
Maruska ha scritto:
lunedì 27 gennaio 2020, 20:41

Grazie Max, ma con l'esperienza delle Delta i cui pennini in acciaio erano pessimi, penso che me la terrò così
Strano ho una decina di Delta è tra le mie preferite perchè scrivono un amore.
Il tuo ragionamento non lo trovo giusto, c'è l'assistenza, perchè non sfruttarla.
I pennini sia Delta che quelli della "Leonardo" sono Bock, costano poco, se non vuoi mandarla in assistenza basta cambiare il pennino o il gruppo alimentazione che sempre Bock.
Appunto, i pennini Delta e Leonardo sono Bock :thumbdown: problemi sempre... non ho neppure voglia di spendere i soldi per la spedizione, figurati...
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 12087
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 27 gennaio 2020, 20:58

Non metto in dubbio ciò che dici, su una ventina di penne con quel gruppo solo un paio mi hanno dato problemi, sei stata sfortunata.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
ricart
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 400
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: Pelikan 120
Il mio inchiostro preferito: Ora: Waterman blu-nero
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: Porpetto (UD)
Sesso:

Leonardo momento zero

Messaggio da ricart » lunedì 27 gennaio 2020, 22:17

Buonasera a tutti, mi inserisco in questa discussione per dirvi che sono in possesso di una dozzina di Leonardo e di altrettante Delta e non ho incontrato i problemi di cui parlate. E' vero qualche pennino ha avuto bisogno di una piccola regolata ma niente di più. I pennini, oro e acciaio, con tratto F o M scrivono bene e una volta scelto bene l'inchiostro si comportano bene. Ho notato che entrambe le "marche" sono sensibili al tipo di inchiostro e, forse, dipende da questo il malfunzionamento di qualcuna. L'ultima Leonardo che ho preso è la Bamboo, quella verde semitrasparente, e su questa penna hanno messo un pennino marca Jowo. Ho preso la gradazione F e il tratto è veramente sottile alla "giapponese". Concludendo, sono molto soddisfatto degli acquisti e da quello che riscontro sono piccole anomalie presenti anche nelle penne più blasonate.
Riccardo

Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie (G.U.)

Rispondi