Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Monet63 » mercoledì 8 ottobre 2014, 18:43

PROLOGO
Ho conosciuto questo produttore, e questo inchiostro in particolare, durante una svogliata passeggiata serale nella vicina Reggio Emilia. Bighellonando insieme a mio nipote alla ricerca di un buon tabacco da pipa e di un paio di Parker Frontier, ci siamo imbattuti in uno di quei negozi che - quando li vedi - ti viene subito voglia di entrarci.
Una volta dentro la gentilissima proprietaria ha risolto immediatamente il problema delle Frontier con una telefonata. Subito dopo, dato che il punto vendita era deserto, le ho chiesto di acquistare un inchiostro blu carico, spiegandole che volevo semplicemente provare qualcosa di nuovo e non avevo idea di cosa prendere. Immediatamente mi sono visto spiattellare varie cartelle colore, tra cui quella di una marca che non avevo mai sentito: Private Reserve. L’occhio mi è subito caduto su due tinte in particolare: il “black magic blue” (oggetto di questa recensione) ed il Copper Burst (che recensirò in seguito).

CONFEZIONAMENTO E PREZZO
Gli inchiostri Private Reserve vengono venduti in spartane boccette cilindriche, con tappo a tenuta, ed imballo di cartone leggero non protettivo. L’etichetta sembra quasi stampata in casa. Sulla boccetta non viene indicata la capacità, che invece è presente sulla confezione di cartoncino. Il prezzo… non ricordo di preciso, ma siamo intorno ai 16/18 euro, almeno dove l’ho acquistato io.

PREPARAZIONE
Appena aperta la boccetta si ha la netta impressione di avere a che fare con un inchiostro di quelli che io definisco “aggressivi”. C’è un deciso, allarmante odore di una sostanza (solvente?) che non saprei proprio indicare, ma che ho già sentito in passato. Viste le premesse, ho deciso di usare una penna che ha sempre scritto meravigliosamente bene senza problemi persino con la china (eh si, volevo vedere che effetto fa…), ma dal costo irrisorio: una Jinhao 2008 (pagata 5 euro sulle bancarelle, compreso converter), penna di rara bruttezza ma che non perde un colpo, dotata del classico pennino “che non ti aspetti”.

UTILIZZO ED IMPRESSIONI
Prima di tutto il colore: si tratta di un blu profondo con discreto viraggio verso il viola, molto simile (lo dico per chi dipinge) al risultato che si avrebbe mescolando un blu antrachinone con un fosfato di cobalto (PB60+PV14). Siamo molto lontani dal blu-nero che suggerirebbe il nome, e che è possibile vedere sulla cartella colori, dove non avevo assolutamente individuato il sottotono violaceo (l’avevo scambiato per un blue-black semplicemente molto brillante).
La saturazione è a livelli eccezionalmente elevati, al punto che le sfumature (shading) sono appena accennate (io ho usato un pennino M), anche se presenti. Bisogna prestare particolare attenzione alla penna che si utilizza, tenendo BEN PRESENTE che questo inchiostro macchia le superfici trasparenti e non viene via neanche con un massiccio lavaggio, lasciando sempre tracce visibili. Eviterei di caricarlo in penne demonstator e, personalmente, lo relegherei ad un più modesto ed economico converter. Sempre a proposito di lavaggio, non lascia residui nel blocco scrivente quando si decidesse di cambiare colore. Per come la vedo io, il cambio di colore deve essere accompagnato anche dal cambio del converter, che è meglio sia “dedicato” esclusivamente a questa particolare tinta.
Il flusso è analogo al Pelikan 4001 nero brillante. Stranamente, però, quando lo si utilizza si ha l’impressione che nella composizione dell’inchiostro entrino anche sostanze grasse e lubrificanti. Il termine migliore che mi viene in mente è “pastoso”, anche se è piuttosto fluido. Provato anche in una Reform problematica (pennino che gratta in maniera evidente), questa è subito diventata più “morbida” all’atto di scrivere.
Il black magic blue ha la tendenza, quando si lascia la penna carica per alcuni giorni (diciamo 3 o 4), a non ripartire immediatamente; in ogni caso, nulla che non si possa risolvere con una pucciatina del pennino in acqua, dopo la quale riparte prontamente, senza neanche risentire particolarmente della diluizione a livello di saturazione.
Feathering e bleed through sono assenti anche su carte non proprio pregiate, ma comunque di qualità accettabile, come la Fabriano Copy 1 utilizzata. Su carte top-level, ovviamente, si comporta benissimo e dà il meglio si sé, diventando ancora più brillante. Su Moleskine è risultato essere inutilizzabile (bleedthrough imbarazzante), se si esclude un discreto comportamento su un quaderno uscito particolarmente bene (la qualità della carta da scrittura Moleskine è altalenante). Tuttavia, a prescindere dalla carta utilizzata, soffre di un tempo di asciugatura mostruosamente elevato: siamo oltre i 2 minuti per considerarlo fuori pericolo e poter girar pagina e, anche dopo tale lasso di tempo, resta sensibile allo sfregamento leggero per una mezz’ora buona, specialmente su carta Rhodia e simili, ed in particolare sulle prime parole scritte dopo un stop di un paio di giorni (maggiore apporto di pigmento). Questo comportamento potrebbe scaturire, a mio parere, dalla massiccia pigmentazione, che lo rende particolarmente delicato sotto questo aspetto.
Sempre in virtù della iperpigmentazione, il test di resistenza all’acqua fornisce risultati leggermente contrastanti. Pur non potendolo considerare waterproof, sta di fatto che lo scritto conserverebbe una certa leggibilità, se non fosse che l’intensità cromatica finisce col coprire ciò che c’è sotto; e basta una singola goccia d’acqua per tirar fuori una quantità di colore che stupisce. Usando un pezzo di carta assorbente il problema ovviamente non si pone. Personalmente lo trovo interessantissimo per disegni acquerellati, e infatti lo sto provando in quel senso, su carta Arches. Un disegnino lasciato 2 settimane al sole battente che entra da una delle finestre del mio studio, non ha scalfito minimamente il colore; è notevole, e continuerò questo genere di test per sincerarmi della resistenza allo sbiadimento.

CONCLUSIONI
Nonostante alcuni punti a sfavore che, a seconda dell’importanza che si attribuisce ad essi, possono renderne sconsigliabile l’utilizzo, il black magic blue è un inchiostro che si ama o si odia, ma solo dopo averlo provato almeno una volta. Io ne sono rimasto affascinato, specialmente dal colore che mi piace moltissimo e dalla sensazione di scrittura fornita, che trasforma in piacevoli da usare anche pennini piuttosto problematici che hanno vissuto forme migliori.
Non è certo l’inchiostro da utilizzare per appunti veloci o quando si ha fretta; lo trovo eccellente, invece, quando ci si vuol prendere tutto il tempo, scrivendo con lentezza per dimenticare il caos di anime perse nel ritmo cittadino. Lo vedo adattissimo ad usi artistici, almeno sulla base degli elementi che ho al momento, ma deve piacere il colore.
L’ho classificato come “ottimo”, e credo che una possibilità la meriti tutta, potrebbe stupirvi.
Allegati
BlackMagicBlue.jpg
BlackMagicBlue.jpg (74.81 KiB) Visto 2441 volte
BMB1.jpg
Confezione
BMB1.jpg (76.66 KiB) Visto 2441 volte
BMB2.jpg
BMB2.jpg (78.42 KiB) Visto 2441 volte
Private Reserve BMB Rhodia.jpg
Resa su blocco Rhodia
Private Reserve BMB Rhodia.jpg (118.26 KiB) Visto 2441 volte
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Irishtales » mercoledì 8 ottobre 2014, 20:48

Mimmo, questa recensione, semplicemente, è magistrale! :clap: :clap: :clap:
Tiene incollati a leggere come un romanzo di Graham Greene...
Da tempo speravo in una nuova recensione dei Private Reserve; personalmente sono affascinata dal DC Supershow blue, ma adesso che ho letto la tua recensione e ammirato le bellissime foto a corollario, la tentazione di farne incetta è forte.
Trovo una costante che accomuna molti (tutti?) gli inchiostri d'oltreoceano, dai Noodler's ai Private Reserve ai Levenger: la saturazione, la pigmentazione elevata.
Mi piacciono per questo, nonostante gli aspetti negativi che taluni possono manifestare, come il fatto di macchiare le penne.
Sto usando un paio di Noodler's che mi stanno dando grandi soddisfazioni nella scrittura.
Non vedo l'ora di leggere anche la prossima recensione.
Quindi, ancora, grazie!
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2208
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Maruska » mercoledì 8 ottobre 2014, 20:54

:shock: che bella recensione e che bella calligrafia :thumbup:
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Gustav
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 181
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 15:21
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Roma

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Gustav » mercoledì 8 ottobre 2014, 21:00

Complimenti per la recensione molto ben scritta e utile.
Grazie

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Monet63 » mercoledì 8 ottobre 2014, 21:06

Maruska ha scritto::shock: che bella recensione e che bella calligrafia :thumbup:
Grazie!

Grazie anche a te Gustav. :)
Irishtales ha scritto: Trovo una costante che accomuna molti (tutti?) gli inchiostri d'oltreoceano, dai Noodler's ai Private Reserve ai Levenger: la saturazione, la pigmentazione elevata.
Mi piacciono per questo, nonostante gli aspetti negativi che taluni possono manifestare, come il fatto di macchiare le penne.
Daniela, io li ho scoperti per caso. Ho anche notato che funzionano benissimo con i pennini da intinsione, che uso indifferentemente per scrivere o disegnare, né più né meno come le stilografiche. Tra l'altro proprio in questi giorni ne ho trovati alcuni (di pennini) che ricordano molto quelli di una stilografica, scrivono come quelli di una stilografica ma si montano sulla cannetta; ma per non andare fuori argomento magari apro una discussione a parte.
Io apprezzo la pigmentazione elevata, e prima o poi vorrei prendere un paio di Noodler's (anche una ahab... :D ). Per il problema che macchiano, basta saperlo; personalmente non sono un collezionista, amo le penne di fascia media ed economica e tendo ad usare tutto, a prescindere dal valore collezionistico.
Prossimamente recensirò (ci sto prendendo gusto) il copper burst, poi andrò a prendere altre due tinte che mi interessavano, sempre Private Reserve.
Un salutone. :)
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Irishtales » mercoledì 8 ottobre 2014, 21:12

Monet63 ha scritto: Tra l'altro proprio in questi giorni ne ho trovati alcuni (di pennini) che ricordano molto quelli di una stilografica, scrivono come quelli di una stilografica ma si montano sulla cannetta; ma per non andare fuori argomento magari apro una discussione a parte
Molto, molto interessante! :thumbup:
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Monet63 » mercoledì 8 ottobre 2014, 22:11

Ho aggiunto in coda quì:
viewtopic.php?f=57&t=7486&start=15
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Fiocchetti
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 136
Iscritto il: domenica 17 agosto 2014, 22:19
La mia penna preferita: Molte, forse troppe
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Salsomaggiore Terme
Sesso:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Fiocchetti » mercoledì 8 ottobre 2014, 23:09

Trovo la recensione perfetta sotto ogni punto di vista. :clap:
Il termine "pastoso", per gli inchiostri Private Reserve" mi sembra quanto mai approppriato. :thumbup:
La pigmentazione dell'inchiosto è impressionante: anche quando è asciutto, rilascia riflessi e luminescenze inaspettate.
Lo trovo però abbastanza impegnativo.
Lo sconsiglio per punte Extrafine, perchè potrebbe causare difficoltà di afflusso.
E' perfetto con pennini flessibili.
Io ne ho in uso due diversi tipi: il Naples Bue (turchese intenso) ed il Chocolat (ambra scuro), che adesso fotografo e inserisco.
A proposito: il Chocolat lo uso con una Soenneken che vado a postare.
Allegati
P1020246.JPG
P1020246.JPG (135.5 KiB) Visto 2387 volte
P1020247.JPG
P1020247.JPG (138 KiB) Visto 2387 volte

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Monet63 » mercoledì 8 ottobre 2014, 23:34

Fiocchetti, le tue boccette sono diverse dalle mie però... contengono sempre 50 ml? Quando le hai acquistate più o meno?
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Fiocchetti
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 136
Iscritto il: domenica 17 agosto 2014, 22:19
La mia penna preferita: Molte, forse troppe
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Salsomaggiore Terme
Sesso:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Fiocchetti » mercoledì 8 ottobre 2014, 23:40

Monet63 ha scritto:Fiocchetti, le tue boccette sono diverse dalle mie però... contengono sempre 50 ml? Quando le hai acquistate più o meno?
La quantità non è indicata, ma la quoto in 50 ml. (ad occhio :D )
Le ho trovate (un paio di anni fa) in quello che ritengo uno dei migliori negozi di Bologna, di cui non posso fare il nome altrimenti lo staff mi censura :shh:

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11008
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da piccardi » giovedì 9 ottobre 2014, 2:06

Fiocchetti ha scritto: Le ho trovate (un paio di anni fa) in quello che ritengo uno dei migliori negozi di Bologna, di cui non posso fare il nome altrimenti lo staff mi censura :shh:
Beh, qui in effetti citare un negozio sarebbe fuori tema, ma c'è la sezione apposta per parlarne, e dato che riscontri o recensioni su negozi di Bologna non ne ricordo, sarebbe comunque interessante avere qualche informazione di più al riguardo.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
FryOne
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 339
Iscritto il: mercoledì 1 maggio 2013, 8:16
La mia penna preferita: Platinum + F nib
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Località: Palermo

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da FryOne » giovedì 9 ottobre 2014, 11:05

piccardi ha scritto:
Fiocchetti ha scritto: Le ho trovate (un paio di anni fa) in quello che ritengo uno dei migliori negozi di Bologna, di cui non posso fare il nome altrimenti lo staff mi censura :shh:
Beh, qui in effetti citare un negozio sarebbe fuori tema, ma c'è la sezione apposta per parlarne, e dato che riscontri o recensioni su negozi di Bologna non ne ricordo, sarebbe comunque interessante avere qualche informazione di più al riguardo.

Simone
Sarei interessato anch'io... - mi piacerebbe provare il Private Reserve Chocolat.
Rosario
A differenza di quanto accade per il collezionista di orologi - o di automobili, di donne... -, di un collezionista di penne si potrà sempre dire che ha troppe penne per poche idee. (R.G.)

mircob
Converter
Converter
Messaggi: 9
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 21:10

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da mircob » sabato 23 marzo 2019, 13:34

Fiocchetti ha scritto:
mercoledì 8 ottobre 2014, 23:09
Trovo la recensione perfetta sotto ogni punto di vista. :clap:
Il termine "pastoso", per gli inchiostri Private Reserve" mi sembra quanto mai approppriato. :thumbup:
La pigmentazione dell'inchiosto è impressionante: anche quando è asciutto, rilascia riflessi e luminescenze inaspettate.
Lo trovo però abbastanza impegnativo.
Lo sconsiglio per punte Extrafine, perchè potrebbe causare difficoltà di afflusso.
E' perfetto con pennini flessibili.
Io ne ho in uso due diversi tipi: il Naples Bue (turchese intenso) ed il Chocolat (ambra scuro), che adesso fotografo e inserisco.
A proposito: il Chocolat lo uso con una Soenneken che vado a postare.
a causa di improvvisa indisponibilità, il negozio online in cui abitualmente mi rifornisco mi ha inviato un privat reserve chocolate, spaventato dalla recensioni di un noto polemicone youtuber ho approcciato con molta titubanza all'inchiostro, utilizzando penne di scarso valore, a distanza di un mese posso affermare che è un inchiostro fantastico, ha una tonalità bellissima, non schiarisce nel tempo e non danneggia le penne, anche l'economica cinese non ha risentito di nulla, per me il voto è 8

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da Monet63 » sabato 23 marzo 2019, 15:27

mircob ha scritto:
sabato 23 marzo 2019, 13:34
a causa di improvvisa indisponibilità, il negozio online in cui abitualmente mi rifornisco mi ha inviato un privat reserve chocolate, spaventato dalla recensioni di un noto polemicone youtuber ho approcciato con molta titubanza all'inchiostro, utilizzando penne di scarso valore, a distanza di un mese posso affermare che è un inchiostro fantastico, ha una tonalità bellissima, non schiarisce nel tempo e non danneggia le penne, anche l'economica cinese non ha risentito di nulla, per me il voto è 8
Concordo: bellissimo inchiostro, che però conosco pochissimo pur essendo un fan del marchio, giusto un paio di cariche "offerte" da un amico.
Però non è che puoi cavartela così: perché non fare una recensione, visto che ce l'hai disponibile? :mrgreen:
Sono sicuro che interesserebbe a molti qui.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

mircob
Converter
Converter
Messaggi: 9
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 21:10

Private Reserve Black Magic Blue - Recensione

Messaggio da mircob » sabato 23 marzo 2019, 15:34

Monet63 ha scritto:
sabato 23 marzo 2019, 15:27
mircob ha scritto:
sabato 23 marzo 2019, 13:34
a causa di improvvisa indisponibilità, il negozio online in cui abitualmente mi rifornisco mi ha inviato un privat reserve chocolate, spaventato dalla recensioni di un noto polemicone youtuber ho approcciato con molta titubanza all'inchiostro, utilizzando penne di scarso valore, a distanza di un mese posso affermare che è un inchiostro fantastico, ha una tonalità bellissima, non schiarisce nel tempo e non danneggia le penne, anche l'economica cinese non ha risentito di nulla, per me il voto è 8
Concordo: bellissimo inchiostro, che però conosco pochissimo pur essendo un fan del marchio, giusto un paio di cariche "offerte" da un amico.
Però non è che puoi cavartela così: perché non fare una recensione, visto che ce l'hai disponibile? :mrgreen:
Sono sicuro che interesserebbe a molti qui.
:wave:
molto volentieri provvedo al più presto, grazie per la fiducia.

Rispondi