Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 574
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da sciumbasci » mercoledì 28 febbraio 2018, 21:12

Immagine
.
Premessa
Scrivo per la prima volta una recensione. Di solito sono pragmatico nelle cose, mi piace/non mi piace, senza stare troppo ad argomentare le cose. Visto però che ho spesso menzionato questo inchiostro, chiamandolo semplicemente ESSRI, e più di una volta mi è stato risposto "che cos'è?", ho deciso di fare una recensione che sia il più possibile completa.

Dopo il mio primo inchiostro ferrogallico, ormai due anni fa circa, mi ero messo alla ricerca di un altro inchiostro che potesse essere più adatto alle occasioni formali. Certo, non mi capita spesso di firmare atti importanti o scrivere qualcosa che abbia una certa importanza che non siano appunti personali, ma nella vita non si sa mai. I miei requisiti erano rapidità di asciugatura ed impermeabilità all'acqua.
Dapprima, ho gravitato verso il famoso Hero Carbon Black, ma dopo due cartucce Lamy (forse tre, comunque un buon numero di pagine le avevo scritte) sono tornato definitivamente sui ferrogallici. Forse mi sono perso qualcosa, snobbando Noodler's, ma tant'è. KWZI non mi ha mai particolarmente attratto, più per il problema della difficoltà nel rimuoverlo che altro, mentre Stipula, con il suo Calamo ferrogallico, è troppo caro per le mie tasche.
Questo inchiostro, l'ESSRI, l'ho trovato per caso, in realtà cercavo un Seppia: ricordo di aver letto che [gli inchiostri ferrogallici] diventano seppia dopo un tot di anni, dovuti alla loro acidità. Tentar non nuoce, male che va butto via una Hero 616, mi sono detto.
Un anno fa ho acquistato la prima boccetta, da 100mL... Tanto, tantissimo inchiostro almeno per me. Usato molto, tutti giorni per appunti universitari per rimpiazzare la biro, regalato diversi campioncini assieme alle penne. A circa 16€ la boccetta, sono 0.16 centesimi al mL, non male!

La recensione
I tre quadrati sulla destra mostrano come l'inchiostro scurisca visibilmente col passare del tempo. Pur non avendo raggiunto la massima ossidazione ho cercato al meglio delle mie capacità di illustrare come l'inchiostro tenda a scurire visibilmente, molto di più di quanto non abbia fatto il Blu/Nero della Hero o il Salix. Il primo quadrato l'ho "pocciato" stamane verso le 10:00, assieme alla prova di scrittura; il secondo in pausa pranzo mentre il terzo poco prima di mettere il foglio sullo scanner.

La prova di resistenza all'acqua è stata fatta strusciando un cotton fioc bagnato sul testo

L'inchiostro non mi ha mai dato particolari problemi, a parte una specie di patina bluastra appena visibile che si era formata sul pennino della Safari. Mai intoppi, mai converter macchiati.
C'è da dire che ogni due settimane circa faccio un accurato lavaggio.
Non smonto niente, ma vado per gradi:

1. Acqua
2. Acqua e sapone per i piatti
3. Acqua e aceto
4. Acqua

Ricordo che questa guida era scritta sul sito KWZI, con un ulteriore step: credo Candeggina(?) dopo l'acqua e aceto.
Personalmente, non ho mai dovuto arrivare fino a quel punto.

Conclusioni
Mi piace.
.
Consigliato su penne dal flusso medio/abbondante e per mancini che scrivono "di lato", cioè coprendo il testo appena scritto con la mano e a quelli definiti "overwriter", cioè che fanno un uncino con la mano (se si scrive con un italico si deve far così).
L'ho provato per intinzione con una penna ad inzuppo pennino italico 1.1 e 1.9 ed ho fatto un poccio indegno, ma il risultato è splendido.
No vintage e no TWSBI tipo Vac700.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10051
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da piccardi » mercoledì 28 febbraio 2018, 21:51

sciumbasci ha scritto:
mercoledì 28 febbraio 2018, 21:12
No vintage e no TWSBI tipo Vac700.
Devo dire che è un inchiostro molto interessante (devo procurarmelo, ha un sacco di caratteristiche interessanti) e la tua ottima recensione mi ha davvero allettato. Però sulla prima parte di questa affermazione devo proclamare il mio (con distinguo) disaccordo. Eviterei penne con parti trasparenti, vintage o meno, anche se non è detto possa arrivare a danneggiarle, perché rischiare. Ma su una Waterman 52 (o analoga in ebanite) non vedo proprio che danni possa riuscire a fare. Se ci andavano i miscugli infernali che facevano a quei tempi, non credo che questo possa nulla...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1303
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da MaPe » mercoledì 28 febbraio 2018, 23:39

Insieme al Diamine registrar ink è un inchiostro che volevo provare...tra un po' colleziono più inchiostri che penne :crazy:
Massimo

Avatar utente
Saphur
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 116
Iscritto il: lunedì 29 gennaio 2018, 16:48
La mia penna preferita: Primapenna Pelikan
Il mio inchiostro preferito: Waterman
Località: Napoli
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da Saphur » giovedì 1 marzo 2018, 10:46

una curiosità da un novellino..
il termine "Registrar" sta ad indicare un tipo di ink particolare?
Appunto perchè lo si trova sia sui Diamine che mi sembra sui Pelican ..

per il resto ottima recensione! grazie

Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 574
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da sciumbasci » giovedì 1 marzo 2018, 11:29

Saphur ha scritto:
giovedì 1 marzo 2018, 10:46
una curiosità da un novellino..
il termine "Registrar" sta ad indicare un tipo di ink particolare?
Appunto perchè lo si trova sia sui Diamine che mi sembra sui Pelican ..

per il resto ottima recensione! grazie
Archivista, burocrate.
In Inghilterra sarebbe l'impiegato (o l'ecclesiastico) che appunta su di un registro cartaceo matrimoni, certificati di nascita e di morte...

Avatar utente
Saphur
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 116
Iscritto il: lunedì 29 gennaio 2018, 16:48
La mia penna preferita: Primapenna Pelikan
Il mio inchiostro preferito: Waterman
Località: Napoli
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da Saphur » giovedì 1 marzo 2018, 11:43

sciumbasci ha scritto:
giovedì 1 marzo 2018, 11:29
Saphur ha scritto:
giovedì 1 marzo 2018, 10:46
una curiosità da un novellino..
il termine "Registrar" sta ad indicare un tipo di ink particolare?
Appunto perchè lo si trova sia sui Diamine che mi sembra sui Pelican ..

per il resto ottima recensione! grazie
Archivista, burocrate.
In Inghilterra sarebbe l'impiegato (o l'ecclesiastico) che appunta su di un registro cartaceo matrimoni, certificati di nascita e di morte...
quindi qualcosa di poco bello ma molto pratico.
Di resistente all'acqua e di veloce asciugatura.... almeno così intendo... corretto?
grazie :)

Avatar utente
sciumbasci
Levetta
Levetta
Messaggi: 574
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Ecclesiastical Stationery Supplies Registrar Ink

Messaggio da sciumbasci » venerdì 2 marzo 2018, 15:31

Corretto. È anche permanente, nel senso che negli anni non scolorirà: almeno così c'è scritto sul foglietto con cui ti arriva l'inchiostro.

Rispondi