Omas ds

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
Stefano67
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 96
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2013, 10:20
La mia penna preferita: Aurora Ipsilon Italia
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Carmignano (Po)

Omas ds

Messaggio da Stefano67 » domenica 10 novembre 2013, 11:28

Buongiorno,
era già da un po' di tempo che tenevo questa Omas ds nel cassetto ed adesso ho deciso di inchiostrarla.
Da quello che mi risulta è un modello scolastico anni '60 e la sigla ds dovrebbe indicare la possibilità di essere alimentata a cartuccia o con un converter fornito di serie (che nella mia ovviamente era mancante).
Per prime ho provato le cartucce standard Pelikan che però non si incastravano correttemente;
ripensando allora agli anni in cui era stata prodotta ho provato una cartuccia Aurora Auretta che, meraviglia delle meraviglie, si è adattata perfettamente.
Avete mica qualche riscontro?
La penna scrive correttamente con un tratto medio/fine e ne sono abbastanza soddisfatto.

Di queste cartucce Auretta colorcart nero , che ho utilizzato anche su un Aurora duo-cart, ne ho a disposizione alcune scatoline.
Sono parzialmente evaporate ma si possono utilizzare ricaricandole con una siringa e sono a disposizione degli amici del forum che ne avessero bisogno...
Allegati
P1030883.JPG
P1030883.JPG (161.87 KiB) Visto 934 volte
P1030891.JPG
P1030891.JPG (155.34 KiB) Visto 934 volte

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Omas ds

Messaggio da vikingo60 » domenica 10 novembre 2013, 12:36

Ricordo il modello:fu prodotto dalla Omas per tener testa alla Auretta e alla Pelikano Antimacchia nei primi anni '70.
Naturalmente la Pelikan vinceva a mani basse:cappuccio a pressione con tenuta stagna,meccanismo antimacchia,finestra di ispezione per l'inchiostro:tutte caratteristiche che le concorrenti non avevano,con prezzi equivalenti.
Dovrebbe però essere una penna rara,perchè,stando a quanto mi risulta,è stato l'unico tentativo della Omas di produrre penne scolastiche,durato peraltro poco tempo.
Quanto alle cartucce Auretta,non sono più in commercio da molti anni,per cui ti consiglio la ricarica con siringa.Essendo costruite in plastica non ecologica,dovrebbero durare parecchio tempo.
Alessandro

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Omas ds

Messaggio da gandalff » domenica 10 novembre 2013, 12:51

Trattandosi di un modello "DS" non potevi non ricordarlo :D
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Omas ds

Messaggio da vikingo60 » domenica 10 novembre 2013, 12:56

gandalff ha scritto:Trattandosi di un modello "DS" non potevi non ricordarlo :D
Infatti... :lol:
Alessandro

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1028
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Omas ds

Messaggio da Pettirosso » lunedì 26 maggio 2014, 0:26

Riprendo questo vecchio post.
Ne ho acquistata una anch'io su Ebay (garantita "nos", e probabilmente lo è), con tanto di scatola.
Non c'è un converter; c'è un contenitore più o meno cilindrico bianco che serve semplicemente a contenere 2 cartucce di inchiostro; tutto qui.
Trattandosi di penna, per l'appunto, scolastica, il sistema è analogo a quelle in uso sulle Auretta e Pelikano: una cartuccia inserita e l'altra di scorta nel fusto (ai tempi della scuola io infatti le usavo così).
La mia, però, monta cartucce standard tipo Pelikan (due erano già incluse nel contenitore).
Strano che la tua monti le cartucce Auretta: che ci fossero due versioni con due tipi di attacchi?
La scrittura è fine, ma il flusso mi pare un po' troppo scarso.
Comunque di cartucce Auretta di tutti i colori, anche se la produzione è cessata da parecchio, se ne trovano ancora in quantità: sono al più leggermente evaporate, ma usabilissime (al più aggiungendo, dopo la foratura, qualche goccia di acqua distillata; io ho addirittura usato quella di rubinetto).
C'è ancora da scrivere per una vita!
Ciao a tutti.
Giuseppe.

Rispondi