Prova di durata - Waterman Graduate F

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3073
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova di durata - Waterman Graduate F

Messaggio da Phormula » domenica 12 novembre 2017, 15:34

La Graduate è ancora in vendita, l'ho vista a 10 Euro in blister di plastica in un supermercato francese, nominata "Waterman Chrome" e solo con il pennino F. Credo che sia di fabbricazione cinese.

Sulla mia per un periodo ho montato il converter della Faber Castell, senza problemi.
Sono passati alcuni anni da quando ho scritto questa recensione. Da allora la penna non mi segue più nei viaggi, è stata sostituita da una Montegrappa Fortuna Rainbow, ma continua a prestare servixion in ufficio, macinando imperterrita le cartucce del boccione Schneider da 100.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3073
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova di durata - Waterman Graduate F

Messaggio da Phormula » venerdì 6 luglio 2018, 8:40

Aggiornamento. Da quando l'ho comprata, sono passati ormai 20 anni, di uso pressochè quotidiano.
A parte qualche segno sul fusto, dovuto allo sfregamento con altre penne, la Graduate continua a fare il suo dovere e a macinare cartucce Pelikan compatibili economiche.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4752
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Prova di durata - Waterman Graduate F

Messaggio da vikingo60 » venerdì 6 luglio 2018, 20:17

Fino a 20 anni fa circa le Waterman erano ottime penne; è stata la svendita del marchio a far sì che venissero prodotte penne con difetti molto gravi come la Carène e altre. Stessa sorte ha subìto nello stesso periodo la Parker, purtroppo. E Sheaffer, con l'acquisizione da parte della BIC, non è stata da meno. La BIC avrebbe dovuto continuare a produrre accendini e lamette da barba ( queste ultime peraltro ottime).
Le Sheaffer sono ora prodotte in Cina; ma temo che anche Parker e Waterman facciano lo stesso con i modelli attuali.
Non è un caso la somiglianza estrema di un modello Baoer con la Sonnet della Parker.
A quando il ritorno all'antica gloria?
Alessandro

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3073
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova di durata - Waterman Graduate F

Messaggio da Phormula » venerdì 6 luglio 2018, 20:30

Ho regalato una Chrome, cioè la Graduate di oggi ad una collega che la usa regolarmente, indago.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3073
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova di durata - Waterman Graduate F

Messaggio da Phormula » martedì 10 luglio 2018, 9:43

Allora, le ho entrambe sulla mia scrivania.

La mia Graduate è degli anni '90, fabbricazione francese.
La Chrome è di fabbricazione cinese.

Esteticamente sono identiche, indistinguibili.
Sul pennino della Chrome manca la scritta "FRANCE" sotto "WATERMAN", per ovvie ragioni.
Esaminandole più con attenzione, il lamierino del fusto della Chrome sembrerebbe essere più sottile, ma potrebbe essere una percezione mia, non ho misurato con un calibro.

Passando alla cosa più importante, come scrivono. Sono caricate entrambe con cartucce Pelikan Royal Blue, prese dallo stesso pacchetto.
Il tratto della Graduate è leggermente più spesso e il flusso un pochino più abbondante, ma stiamo confrontando una penna che ha 20 anni con una che è in uso da qualche mese. E comunque la differenza è davvero minima. Entrambi i pennini sono molto scorrevoli e scrivono senza incertezze.

La mia conclusione, chiaramente limitata ai due esemplari, è che lo spostamento della produzione sembrerebbe non avere avuto un impatto significativo sulla qualità di scrittura. Potrebbe essere che abbiano semplicemente spostato i macchinari, senza modificare il prodotto.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Rispondi