Prova su Carta - Schneider ID

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3044
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da Phormula » domenica 23 dicembre 2012, 16:29

Visto il successo della prova di durata della Schneider Base, che ho pubblicato ieri, spero di non annoiarvi aggiungendo anche la "prova su carta" dell'altra stilografica Schneider in mio possesso, una ID nera.

Partiamo dall'inizio. Del marchio Schneider e della mia esperienza positiva con la Base vi ho già raccontato ieri. Per quanto io sia soddisfatto della Base, si vede lontano un miglio che è una penna scolastica, per cui (stiamo parlando del 2010), quando ho visto, sempre in un negozio tedesco, la Schneider ID, l'ho comprata subito, insieme con la altrettanto strana biro (che tengo nella tasca del giubbino). Sia la Base che la ID "abitano" nel barattolo portapenne dell'ufficio. La differenza è che mentre la Base viene usata quando sono alla scrivania, la ID faceva da backup e mi segue in giro per l'azienda e per questo viene usata un po' meno. Dal momento che esiste un limite fisico al numero di penne che riesco ad usare, è stata recentemente regalata ad una collega che voleva cominciare ad usare una penna stilografica e che ne apprezzava il design, per cui da qualche mese è in uso quotidiano da parte di una nuova appassionata.
E' stata rimpiazzata in questo ruolo da una Lamy Nexx, ma non escludo che anche questa finisca regalata o che io possa ricomprarmi una ID. Le immagini risalgono al tempo dell'acquisto.

Aspetto e design 10/10
L'estetica di una penna è un fatto personale. A me la ID piace. Punto.
Basta guardare la foto per rendersi immediatamente conto del fatto che è una di quelle penne che si amano o si odiano, non ci sono mezze misure. Non dico che siamo a livelli da Rotring Core, ma quasi. Il nome "ID", come per una Citroen degli anni 50, sta per "Idea" e costituisce una gamma (penna stilografica, biro e matita) nella gamma Schneider, caratterizzata dal design particolare e dall'ampio uso di elastomero. Il cappuccio è sovradimensionato, rivestito in gomma e con una altrettanto sovradimensionata clip che è dotata persino di un anello che permetterebbe di appendersi la penna al collo (un modo simpatico per non passare inosservati). La mia versione è quella "seria", ovvero in nero. La stessa penna esiste nelle versioni verde lime e poropora. Le differenze in realtà sono minime, limtitate alla punta del cappuccio, alla scritta ID sul cilindro, ad un anello sempre sul cappuccio e alla zona tra l'impugnatura in gomma e il pennino, che sono in tinta anzichè cromate (la prima e la seconda) e in tinta invece che nere (le altre due). Il cilindro è realizzato in plastica semitrasparente, osservando la penna contro una fonte di luce sufficientemente forte si riesce a vedere il livello dell'inchiostro, anche se personalmente preferisco svitare. Il cappuccio è a pressione. Come ho detto, la ID mi piace, secondo me non è detto che una penna stilografica (che è lo strumento di scrittura classico per eccellenza) debba essere classica anche nel desgin. Apprezzo l'iniziativa di Schneider di avere realizzato qualcosa di nuovo, sfruttando i materiali e le tecnologie delle penne odierne. Considerato che il target di questa penna sono gli studenti delle superiori, sarei curioso di conoscere quale ne è stata l'accoglienza. Penso buona, visto che è a listino ancora oggi. La penna viene venduta in una scatoletta trasparente, con le due cartucce di ordinanza, una blu e l'altra è una falsa cartuccia.
post-49488-0-51927400-1289419495.jpg
post-49488-0-51927400-1289419495.jpg (40.51 KiB) Visto 1602 volte

Realizzazione e qualità: 9/10
Confesso che all'inizio ero un po' perplesso e non avrei dato più di un 7. Mi spiego. Ho comprato la penna senza prenderla in mano, a scatola chiusa, come si faceva in passato per una nota marca di marmellate... quando l'ho aperta ho scoperto che la penna è realizzata interamente in plastica (e questa non è stata una sorpresa), le uniche parti in metallo sono la clip (che sembra stampata da un pezzo di lamiera) e il pennino in acciaio. A destare le mie perplessità erano alcune scelte costruttive: la parte terminale del cappuccio in plastica metallizzata (che pensavo si sarebbe rovinata), l'ampio uso di elastomero (che con il passare del tempo pensavo sarebbe diventato appiccicoso) e il cilindro in plastica semitrasparente (che mi aspettavo si sarebbe graffiato). Con il passare del tempo queste mie perplessità si sono rivelate del tutto infondate, nonostante l'uso e l'andirivienei dal barattolo portapenne, ci sono solo dei normalissimi segni d'uso e le parti in gomma (il cappuccio e l'impugnatura) non sembrano avere risentito di tempo ed uso. Anche la tenuta del cappuccio a pressione (punto debole delle penne moderne) è rimasta la stessa. Chiaramente sto parlando di una penna economica, che costa poco meno di una Lamy Safari, ma per la fascia di prezzo è realizzata ragionevolmente bene, facendo uso della tecnica dello stampaggio a coiniezione (deve essere una specialità della casa, molte penne Schneider sono realizzate con questa tecnica), che la casa sembra essere in grado di padroneggiare molto bene. Si notano le linee di giunzione degli stampi, ma bisogna guardare bene, il fatto che i materiali e le finiture abbiano retto alla prova del tempo e dell'uso mi induce a pensare che siano stati scelti polimeri e trattamenti di qualità, compatibilmente con il contenimento dei costi. Mi sento di dare un 9, l'unico appunto è per la clip, che secondo me si sarebbe potuta realizzare con un pochino più di cura.

Peso e dimensioni: 9/10
Per essere una penna in plastica, è relativamente grande e pesante. In realtà gran parte del peso è nel cappuccio, sovradimensionato sia come dimensioni che materiali. Tolto il cappuccio, resta in mano una penna di dimensioni confrontabili con quelle della Lamy Safari o della Schneider Base. Come ho già detto, l'impugnatura è in gomma ed ha il classico design ergonomico delle penne tedesche, ma non è così "spinto" come nella Safari, il che può essere utile per chi non impugna la penna proprio come da manuale (di scrittura) o da istruzioni del maestro (tedesco). Nelle immagini che seguono ho fotografato la ID insieme con due Schneider Base, una del 2003 (quella con la finestrella sul cilindro) ed una del 2010. Come si può vedere, la ID è più grande quando è chiusa, ma è praticamente equivalente quando si toglie il cappuccio. Per chi non conosce la Base, le sue dimensioni sono esattamente equivalenti a quelle della Lamy Safari. Il cappuccio è la croce e delizia di questa penna, perchè le sue dimensioni e il suo peso rispetto al resto, potrebbero renderla un po' sbilanciata se uno ama scrivere con il cappuccio infilato sul cilindro, abitudine che io non ho.
post-49488-0-91377700-1289419504.jpg
post-49488-0-91377700-1289419504.jpg (120.03 KiB) Visto 1602 volte

Pennino e prestazioni: 9/10
E' una penna scolastica, e lo mostra chiaramente. Sulle prime pensavo che il pennino e l'alimentatore fossero gli stessi della Base, invece, come si vede dalle foto, così non è. Il pennino è in acciaio, quando l'ho comprata io era disponibile solo medio, non so se ci siano altre misure. E' relativamente piccolo e presenta un foro di sfiato, che il pennino della Base non ha. Sempre rispetto alla Base, il flusso e la larghezza del tratto sono molto più abbondanti, se la Base con il pennino M può essere paragonata ad una Lamy Safari con il pennino F, in questo caso il confronto è M su M. Questo può essere un vantaggio per alcuni, ma è necessario prestare un minimo di attenzione in più alla scelta della carta su cui scrivere. Per tutto il tempo in cui la ID è stata in mio possesso, è stata alimentata con la stessa (deprecabile) miscela di cartucce economiche Blue Royal acquistate nei supermercati tedeschi con la logica del "meno costa meglio è". Ciononostante la penna ha sempre scritto benissimo, segno che questo è il "carburante" ideale, i progettisti devono avere tenuto in conto il fatto che gli studenti tedeschi (come gli equivalenti di altri paesi) non amano spendere molto per le cartucce. Il pennino è rigido, come si addice ad una penna scolastica, non ho notato alcun problema di allineamento, false partenze o ruvidità. Insomma un'altra penna scolastica fatta e finita, di quelle che ci puoi scrivere il tema di italiano alla maturità senza rischiare i crampi alle dita. Sempre in considerazione di questo fatto, il pennino mantiene una scrittura decente anche se l'angolazione non è proprio ideale. Come per la Base, credo che in questa penna ci sia lo zampino della Heiko, il produttore di stilografiche della DDR che Schneider ha rilevato dopo l'unificazione. Considerato il costo della penna, non posso che dare il massimo dei voti.
post-49488-0-30982400-1289417522.jpg
post-49488-0-30982400-1289417522.jpg (84.88 KiB) Visto 1602 volte
Alimentazione e manutenzione: 10/10
L'alimentazione è quella classica: cartucce internazionali lunghe o corte o converter. La penna viene venduta senza, ma non credo che ci siano problemi ad alloggiare un converter standard, anche se non ho mai provato. Per tutto il tempo che ho avuto la penna in uso, non ho rilevato alcun problema, solo una volta ho avuto bisogno di "resuscitare" la penna, dopo che era rimasta per oltre un mese nel barattolo con la punta rivolta verso l'alto, e per giunta era estate. Mi ricordo che per pigrizia non sono andato nemmeno in cerca del lavandino, ho tolto la cartuccia, preso la bottiglietta d'acqua che avevo sulla scrivania, messo due gocce sul pennino, infilato una cartuccia nuova e via verso nuove e incredibili scritture...

Rapporto qualità/prezzo: 10/10
Allora, pagata circa 15 Euro nel 2010, nello stesso supermercato la Safari ne costava 17. A parte le perplessità iniziali, la fornace del tempo ha cambiato il mio giudizio, come ho già detto, una penna scolastica fatta e finita, zero problemi. Difficile pretendere di più un questa fascia di prezzo, considerata la realizzazione molto più costosa del cappuccio e del cilindro, che sono composti da materiali diversi. Penso che se questa penna avesse un marchio più blasonato, potrebbe spuntare un prezzo sui 25 Euro, anche se così diventerebbe fuori target per molti studenti. Ripeto quanto ho scritto per la Base, è chiaro che il fabbricante ha cercato di contenere i costi, ma lo ha fatto senza sacrificare quel che conta, e cioè la funzionalità della penna, che è la ragione prima di esistenza di una penna scolastica. E comunque, se uno vuole risparmiare, può sempre optare per la Base.

Voto finale: 9/10
Tirando le somme, mi sento di dare a questa penna quasi il massimo dei voti. Avrei preferito un pennino M un po' più sottile, come quello della base e un pochino più di cura nella realizzazione della clip. Per il resto posso dire di esserne stato più che soddisfatto, al punto da averla regalata. No, non è una contraddizione, l'ho regalata ad una collega che non aveva mai usato una stilografica, era incuriosita dal design, e oggi la usa tutti i giorni. Regalare una penna "capricciosa" o problematica a qualcuno che non ha mai scritto con una stilografica è la ricetta perfetta per allontanarlo per sempre da questo tipo di penne. Con la ID sapevo di andare sul sicuro. Di solito per questo tipo di regali tengo qualche Base, ma alla mia collega piaceva di più la ID. E qui tiriamo in ballo ancora il giudizio sull'estetica, che è un fattore strettamente personale. A me la ID piace, ma riconosco che qualcuno potrebbe considerarla kitch, se non un incubo sotto forma di penna. Il che non mi dispiace, preferisco comprare una penna che mi piace tanto anche esteticamente, pur sapendo che qualcuno la troverà orribile, che non vivere in un mondo di oggetti così così, fatti per accontentare tutti senza scontentare nessuno.
post-49488-0-99275000-1289417532.jpg
post-49488-0-99275000-1289417532.jpg (95.82 KiB) Visto 1602 volte
post-49488-0-19428200-1289419515.jpg
post-49488-0-19428200-1289419515.jpg (82.04 KiB) Visto 1602 volte
P.S. Ho recensito questa penna poco dopo l'acquisto su un altro forum. Conforntando le recensioni, ci sono alcune differenze, che sono in gran parte dovute al mio disappunto iniziale, quando ho aperto la scatola e iniziato ad usare la penna. Molte delle mie remore sono scomparse o si sono fortemente attenuate con il passare del tempo, man mano che la ID si è rivelata per quel che è, una robusta penna scolastica con un aspetto di design, venduta ad un prezzo più che ragionevole. Non a caso sto pensando di ricomprarla.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2153
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da G P M P » domenica 23 dicembre 2012, 19:50

E complimenti ancora.
Con l'altra recensione mi hai incuriosito, sono andato a cercare le Rotring Core e Skinn. Ed ho capito perché non hanno avuto successo :mrgreen: (non mi se ne voglia, ma la Core mi ricorda i cacciavite della Beta).
Le penne scolastiche mi attirano (non a caso, ad attendermi sotto l'albero c'è una molto desiderata Lamy Safari Matte Black); e questa ID mi garba molto, senza cappuccio. È proprio quel cappuccio che non mi cala ... :(
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3044
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da Phormula » domenica 23 dicembre 2012, 21:13

La Rotring Core sta al mondo delle penne stilografiche come le sneakers, ovvero le scarpe da tennis moderne, stanno al mocassino classico. E' una penna che alcuni userebbero solo in una stanza buia (per non essere visti). A me piace, non in tutte le combinazioni di colore, ma ne ho un paio e ci tengo, perchè Rotring ha smesso di produrle. Fortunatamente sono molto robuste, si vede che è una penna pensata per gli studenti. Magari più avanti scrivo una prova su carta... per ora mi limito ogni tanto ad usarle in qualche riunione, per poi osservare le alzate di sopracciglia, più di una volta in una riunione il presidente ha iniziato dicendo "e adesso vediamo con quale penna..." :D
La Skinn invece l'ho provata ma non mi ci sono trovato. Ha una impugnatura in gomma siliconica che dovrebbe essere il non plus ultra della comodità, ma che dal mio punto di vista era un incubo, perchè ho una grafia abbastanza minuta e non riuscivo a controllare il tratto, risultato, la mia calligrafia diventava quella di una gallina con il Parkinson. :shock:
Invece non ho mai capito come mai sia la Skinn che la Core erano disponibili sono con due larghezze di pennino: XS e XL, che in termini pratici sono un fine e un broad. Penso che questo sia stato un limite alla loro diffusione. Il pennino XS (e pure con flusso scarso) è fantastico se devi scrivere sulla carta igienica, ma sui quaderni Clairefontaine è come scrivere con uno spillo intinto nell'inchiostro. Invece il pennino XL è largo e dal flusso abbondante... non ho mai capito perchè non hanno fatto un normale pennino M, magari con il flusso un pochino ridotto, che in una penna scolastica è la soluzione migliore.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10238
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da piccardi » lunedì 24 dicembre 2012, 19:25

Un'altra interessantissima recensione.

Purtroppo devo unirmi alla schiera di quelli a cui quel cappuccio non va né su né giù, devo dire che come linee ed estetica trovo molto più interessante la Base (me ne devo procurare una). Ma io sono fissato con le linee semplici ed essenziali e come giustamente osservavi meno male che ci sono gusti e produzioni diverse, se no sai che monotonia...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10238
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da piccardi » lunedì 24 dicembre 2012, 19:28

Phormula ha scritto:La Rotring Core sta al mondo delle penne stilografiche come le sneakers, ovvero le scarpe da tennis moderne, stanno al mocassino classico. E' una penna che alcuni userebbero solo in una stanza buia (per non essere visti).
In realtà per me la stanza buia servirebbe più che altro a non vederla. Ottorino ne ha un paio che mi ha fatto provare, comodissime come impugnatura e posizione di scrittura, ma per i miei gusti sono davvero inguardabili...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 776
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da Placo » mercoledì 1 agosto 2018, 12:34

Ma esistono solo pennini M?
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3044
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da Phormula » mercoledì 1 agosto 2018, 13:14

Placo ha scritto:
mercoledì 1 agosto 2018, 12:34
Ma esistono solo pennini M?
No, l'ho vista in giro anche con il pennino B.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 776
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Prova su Carta - Schneider ID

Messaggio da Placo » mercoledì 1 agosto 2018, 16:55

Phormula ha scritto:
mercoledì 1 agosto 2018, 13:14
Placo ha scritto:
mercoledì 1 agosto 2018, 12:34
Ma esistono solo pennini M?
No, l'ho vista in giro anche con il pennino B.
OK, grazie, quindi niente F. Peccato.
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Rispondi