Jinhao 599 - Pennino F

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
DRJEKILL
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 283
Iscritto il: venerdì 26 aprile 2019, 10:53
La mia penna preferita: Alla continua ricerca
Il mio inchiostro preferito: Alla continua ricerca
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Taranto
Sesso:

Jinhao 599 - Pennino F

Messaggio da DRJEKILL »

Monet63 ha scritto:
lunedì 13 aprile 2020, 15:57
DRJEKILL ha scritto:
lunedì 13 aprile 2020, 15:28
Ecco qua... È già la seconda...
interna...
È plasticaccia. Usa e getta.
Quanto ti è costato, finora?
Hai ragione! Poco! Meno di 1 €...
Ma a me piace provarle le penne cinesi! Figurati...
Peró un pó dispiace buttare ... Tipo Bic usa e getta...
"L'umorismo non ha prezzo"
TOTO'

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1573
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

Jinhao 599 - Pennino F

Messaggio da Monet63 »

DRJEKILL ha scritto:
lunedì 13 aprile 2020, 21:01
Monet63 ha scritto:
lunedì 13 aprile 2020, 15:57

Quanto ti è costato, finora?
Hai ragione! Poco! Meno di 1 €...
Ma a me piace provarle le penne cinesi! Figurati...
Peró un pó dispiace buttare ... Tipo Bic usa e getta...
Il mio ragionamento gira proprio intorno al bassissimo prezzo. Io in generale non gradisco le penne cinesi, ma nel tempo ne ho comprate diverse (e francamente alcune davvero notevoli), quando erano la scelta per me migliore, mettendo in conto cose di quel genere. Ad esempio, mi ritrovo una dozzina di WingSung a pistone, perché mi servivano penne molto economiche da usare con vari inchiostri colorati da disegno (tipo Ecoline per intenderci). Due sono andate dopo un breve periodo d'uso al riciclo della plastica, le altre le uso ancora, nonostante gli inchiostri non specifici per stilografica e l'uso non particolarmente attento. Comprando lo stesso numero di TWSBI Eco avrei speso ben di più (in quel momento particolare proprio non potevo), e quindi alla fine mi è convenuto così.
Morale della favola: quel genere di penne, a prescindere dai motivi per cui le si prende, vanno approcciate con leggerezza, mettendo già in conto che possono non durare granché. Se poi ti diverte provarne qualcuna quando ti viene voglia... perché no?
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
galimba
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 42
Iscritto il: martedì 18 febbraio 2020, 22:24
La mia penna preferita: Pelikano
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Royal Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Monza Brianza
Sesso:

Jinhao 599 - Pennino F

Messaggio da galimba »

Caro Monet hai proprio centrato il punto. Io, avendo la necessità di avere una penna da portare in giro con il quaderno degli appunti, ho praticamente distrutto una Pelikan Grand Prix (fusto incrinato nella filettatura, quindi non chiude più bene) e rovinato una seconda che poi sono riuscito a riparare.
Quindi il ragionamento è stato: vale la pena spendere una ventina di euro per una nuova penna quando poi rischio di rovinarla dopo un po' di tempo come le altre due quando ho l'alternativa della penna cinese da 2-3 euro? Durerà poco? Va bene, l'ho messo in conto. Intanto però ho voluto toccare con mano queste penne.

Rispondi

Torna a “Recensioni”